A mio padre

         Padre, ora che non ci sei pi�, ora che non esisti pi�, vorrei parlarti, darti un affetto che quando c'eri non ho saputo darti, vorrei abbracciarti, stringerti la mano.
Ricordo quando, quel tardo pomeriggio in ospedale, quando eri ineluttabilmente avviato sulla strada che conduce verso il nulla, mi stringesti la mano alla ricerca di un legame, di un affetto che sfugge alla banalit� dell'esistenza quotidiana, e che solo di fronte ad una prospettiva cos� straordinaria come la morte, � possibile maturare.
Ora tu esisti soltanto nei miei ricordi, e questo mi fa soffrire.

Leggi tutto l'articolo