Borsa, Milano -0,4%, giù Saipem e Tim

(ANSA) – MILANO, 13 SET – Piazza Affari si conferma debole (Ftse Mib -0,45%) nella seconda parte della seduta in controtendenza con le consorelle europee spinte da Wall Street, nonostante il calo dello spread a 252,3 punti secondo la piattaforma Bloomberg.
Scivola Saipem (-4,48%) dopo le dimissioni del direttore finanziario Stefano Bozzini, mentre Tim (-1,55%) si conferma debole all’indomani dell’addio del direttore commerciale Pietro Scott Jovane.
In calo anche Campari (-2,96%), che sconta la raccomandazione ‘underperform’ (rendimento inferiore all’indice di Borsa) di Exane Bnp.
Giù anche Poste (-2,21%), con i dubbi espressi da alcuni analisti sul rispetto di alcuni obiettivi del piano industriale.
Rimbalza Stm (+2,13%) insieme ad Astaldi (+3,5%), dopo lo scivolone delle sedute precedenti a seguito del taglio del rating da parte di Moody’s.
Segno meno per Atlantia (-0,96%) in attesa del cosiddetto ‘decreto urgenze’, con le norme per la ricostruzione del ponte Morandi di Genova.

Leggi tutto l'articolo