Bossari: "Bevevo tantissimo. Filippa mi ha salvato"

"Bevevo tantissimo.
Filippa mi ha salvato".
A parlare è Daniele Bossari che, all'interno della casa del Grande Fratello, ha deciso di confidarsi con i suoi coinquilini, raccontando il periodo più buio della sua vita.
Se dall'esterno il conduttore appare sempre sorridente e positivo, in realtà in passato ha vissuto dei momenti davvero difficili. "Bevevo tantissimo, mi facevo schifo - ha raccontato Bossari - .
La chiamata del Grande Fratello è stata la mia rinascita".
Oggi Daniele (che per noi ha già vinto il GF) ha ritrovato finalmente la felicità e presto sposerà la compagna Filippa Lagerback, ma in passato non è sempre stato così.
Le critiche e un periodo lontano dalla tv avevano portato alla depressione il presentatore. "A 15 anni sapevo esattamente cosa volevo fare e me la sono goduta appieno - ha spiegato davanti alle telecamere del Grande Fratello Vip -.
Questo momento d'oro, però, è finito quando sono arrivate le critiche".
"Ero vulnerabile - ha aggiunto - e mi hanno fatto male queste frecce al cuore, ma ho incontrato Filippa che mi ha salvato.
Ho capito che sarebbe stata la donna della mia vita, mi è sempre stata accanto.
Stella è arrivata sull'onda di questo amore, è il senso delle nostre vite".
Daniele Bossari ha svelato come il Grande Fratello Vip l'abbia aiutato ad uscire da questo periodo buio e difficile.
"Il telefono non squillava più - ha raccontato -.
Mi sono chiuso e ho iniziato a bere tantissimo, mi facevo schifo.
Mi stavo autodistruggendo e mi sono allontanato dalla mia famiglia.
Ho provato a ripulirmi solo con la forza di volontà, mi ripetevo: 'Che ca*** stai facendo?'.
L'occasione per ripartire è arrivata con il Grande Fratello.
Mi ha dato la forza di rialzarmi e andare avanti, è stata una rinascita per me".
Qualche giorno fa anche Filippa Lagerback aveva svelato il dolore e le difficoltà affrontate con il compagno.
"Lui non voleva affrontare il mondo fuori, preferiva la solitudine - aveva confessato in un'intervista -.
Io andavo agli eventi, ai party, alle cene di lavoro sempre da sola.
Mostravo sorrisi, ma dentro ero spenta, morta.
Daniele non c’era, non c’era mai".

Leggi tutto l'articolo