Come cambia l’offerta serie tv. Sky Netflix vs Fox Disney

Sky e Netflix: una nuova alleanza all’orizzonte. I due hanno stretto un accordo che permetterà l’unione dell’offerta dei contenuti, per un nuovo pacchetto di abbonamenti tramite Sky Q.
La pay tv via satellite e la web tv, andranno dunque a braccetto.
I clienti Sky avranno a disposizione Netflix e potranno creare pacchetti a misura dei propri gusti e trovare i contenuti all’interno del menu.
I clienti Netflix potranno spostare l’account nella nuova offerta.
I programmi saranno visibili su ogni device e basterà un unico decoder. L’accordo comprenderà anche i servizi streaming di Sky.
Tempi abbastanza stretti per questo cambio nell'ambito dell'intrattenimento.
Si parte, infatti, dal prossimo anno, prima in Gran Bretagna e Irlanda, poi in Italia, Austria, Germania e Francia.
La scelta potrebbe derivare anche dalla necessità di far fronte comune contro offerte molto allettanti, come quella di Amazon Prime che propone contenuti e consegna gratuita dei prodotti.
Intanto è notizia di questi giorni l’offerta di 25 miliardi di euro da parte di Comcast per il controllo di Sky, al momento in mano alla 21st Century Fox di Rupert Murdoch, che ha il 39 per cento delle quote.
Ma non si vuole fermare qui, infatti ha avanzato un’offerta anche per il 61 per cento.
La situazione è però più complicata di così.
Fox sta per cambiare la dirigenza avendo ricevuto un’offerta di 53 miliardi di dollari da parte della Disney. All’orizzonte, quindi, si intravedono dei cambi di scenario importanti per i media.
Murdoch, infatti, aveva deciso di vendere a Disney la 21st Century Fox, compresa la quota del 39% di Sky.  Ma l’offerta molto più alta di Comcast per Sky, rimette le carte in gioco e fa rivalutare il valore di Sky e Fox Tv.
Con questa mossa Comcast, il cui CEO è Brian Roberts, mira al mercato europeo.
Il colosso americano ha la sede a Philadelphia: è il più grande operatore via cavo e una delle più importanti industrie mediatiche al mondo.
Possiede canali nazionali e via cavo ed è proprietario di Universal Picture e dei parchi Universal Park & Resorts a Los Angeles, Orlando, Osaka e Singapore.
La partita fra Fox, Disney e Comcast è ancora in gioco, bisogna solo attendere la prossima mossa.

Leggi tutto l'articolo