Diego Fusaro, Francesco Bacone

FRANCESCO BACONE A cura di Diego FusaroIl fine della nostra istituzione é la conoscenza delle cause,movimenti e forze interne alla natura,e l' estensione dei confini del potere umano ad ogni cosa possibile.
(Nuova Atlantide)INDICE LA VITA , LE OPERE E LE INNOVAZIONI LA POLITICA E LA NUOVA ATLANTIDE LA " INSTAURATIO MAGNA " E IL " NOVUM ORGANUM " LA VITA , LE OPERE E LE INNOVAZIONISulla figura di Francis Bacon ( italianizzato in Francesco Bacone ) son corse le più disparate voci : si volle che fosse figlio naturale della regina Elisabetta e che fosse il segreto autore delle opere attribuite a Shakespeare .
Egli nasce a Londra il 22 gennaio 1561 dal lord guardasigilli della regina Elisabetta .
Studia a Cambridge , per poi trascorrere alcuni anni a Parigi al seguito dell' ambasciatore di Francia .
Tornato in patria riesce a intraprendere la carriera politica , conseguendo incarichi e onori sempre più elevati , grazie anche alla sua totale spregiudicatezza , che gli consentì , per esempio , di diventare accusatore pubblico del suo protettore , incriminato e mandato a morte per tradimento .
Divenne avvocato generale nel 1607 , procuratore generale nel 1613 , lord guardasigilli nel 1617 e , infine , lord cancelliere nel 1618 , funzione che gli consentiva di presiedere le principali corti di giustizia .
Ma nel 1621 la fortuna gli voltò le spalle : accusato di aver ricevuto denaro da una delle parti che doveva giudicare , dovette riconoscersi colpevole di corruzione , fu sospeso dalle funzioni e condannato , a discrezione del re , a un' ammenda e al carcere .
Grazie al favore di cui ancora godeva presso la corona , riuscì ad aver condonate entrambe le pene , ma dovette ritirarsi a vita privata , finchè lo sorprese la morte nel 1626 .
Tra le prime opere importanti di Bacone vanno ricordati i Saggi ( 1597 ) e il Temporis partus masculus ( 1602 ) , nel quale rivelò un atteggiamento culturale che lo avrebbe accompagnato per tutta la vita : la critica alla tradizione filosofica antica ( con l' esclusione di Democrito ) e medioevale , e l' appello sulla costruzione di un nuovo sapere scientifico .
Altre sue opere non trascurabili sono : Sull' utilità e il progresso del sapere umano e divino ( in lingua inglese , 1605 ) , i Cogitata et visa ( 1607 ) , la Redargutio philosophiarum ( 1608 ) , il De sapientia veterum ( 1609 ) .
Nel 1620 egli pubblica la sua opera più nota , il Novum Organum , che già nel titolo rivela la volontà di essere una nuova logica che si oppone al vecchio Organum di Aristotele .
L' opera é redatta in [...]

Leggi tutto l'articolo