Ecobonus 2018, cos'è e come funziona

Chi ha in programma la realizzazione di ristrutturazioni sui propri immobili sarà lieto di sapere che anche per tutto l'anno 2018 – come previsto dalla legge di stabilità - sono previsti incentivi e agevolazioni interessanti.
Per coloro che intendono compiere opere volte a produrre risparmio aumentando l'efficienza, dal punto di vista energetico, di impianti e immobili, esiste la possibilità di accedere agli ecobonus.
Si tratta di una proroga degli ecobonus 2017, che apporta alcune novità rispetto all'anno precedente e che prevede detrazioni sul lordo Irpef (o Ires, se stiamo parlando di imprese) sul totale o su una percentuale, più o meno consistente, delle spese sostenute per i lavori di riqualificazione degli edifici e per gli interventi volti a ottenere un risparmio energetico.
Quindi, tutto ciò che produce risparmio e minore dispersione di calore ed energia è incentivabile: installazione di pannelli solari e caldaie che garantiscono un consumo minore, coibentazioni, impianti di condizionamento invernale e infissi più moderni.
Chi può Usufruirne Per quanto riguarda i destinatari, l'ecobonus è erogabile a soggetti privati, ai liberi professionisti, alle imprese e società, e anche agli enti pubblici, per quei lavori eseguiti su tutti gli immobili su cui vantano proprietà o interesse.
Nel caso di soggetti privati, ma non nel caso di imprese od enti, l'incentivo è estensibile, con alcuni vincoli relativi al grado di parentela, anche alle persone conviventi e/o familiari dei diretti interessati: ovviamente colui che sostiene la spesa sarà colui che dovrà fare richiesta del bonus.
Cosa Cambia Rispetto all'anno scorso, ci sono alcune novità importanti, in parte già anticipate dal ministro Galletti.
Intanto non si parlerà più di bonus casa, ma di bonus città, perché gli interventi previsti riguardano anche il decoro urbano.
Di seguito proponiamo un'analisi dei punti principali della nuova normativa, che dovrà ancora essere chiarita, quanto alle misure attuative, in alcuni suoi punti.
Per quanto riguarda i bonus casa sono previste detrazioni fiscali consistenti per le ristrutturazioni e le manutenzioni ordinarie degli immobili, sia indipendenti che condominiali. Esiste un tetto massimo di spesa su cui poter applicare le detrazioni e alcuni bonus vengono ampliati, nella nuova legge di stabilità, in modo sostanziale rispetto a quanto avveniva fino ad oggi.
Gli incentivi variano a seconda dell'importanza dei lavori messi in atto: maggiore sarà l'efficientamento energetico attuato, maggiore [...]

Leggi tutto l'articolo