Er gatto nero, Er gatto bianco

Er gatto neroSospeso a la colonnader Foro, come un'onnade fumo ar fumaiolo, s'arimirala gatta nerae ogni maschio ch'attirasubbito aggrufa er pelo;ma er vento, un soffio e lo strascina in celo.Er gatto biancoD'una marea de lunaè rimasto un brandello.S'anima ar sole, e sbocciaco li stami d'argento la capoccia:come un pampano, un parmode coda allaccia er marmo.Corre er giorno,finché la stessa lunagira dar Palatino l'occhio intornoe er gatto affoga ner chiaro de luna.Mario Dell'ArcoDa: Strenna dei Romanisti, 1960, pag.
52

Leggi tutto l'articolo