Facebook, Mark Zuckerberg cambia algoritmo: ecco cosa cambia e cosa vedrete

Mark Zuckerberg si diverte, ancora una volta. Ad inizio aprile (come già ad agosto 2014) Facebook è intervenuto nuovamente sul proprio algoritmo e l'impatto principale si sta avendo sul News Feed, precisamente su genere e origine dei contenuti che ogni utente vede scorrere, favorendo quelli per i quali ognuno impiega più tempo per leggerli.
"Stiamo lavorando per migliorare il News Feed, aggiornandolo per essere sicuri che vediate le storie più rilevanti prima di tutto" scrivono l'ingegnere Moshe Blank e il ricercatore Jie Xu sullaNewsroom del social network. "Con questa modifica - proseguono - possiamo capire meglio quali articoli potrebbero essere interessanti in base a quanto tempo impiegate per leggerli".
Tradotto: l'obiettivo è favorire gli articoli che tengono incollati gli utenti alla lettura e non più solo quelli che generano interazione con commenti o 'Mi Piace' .
I due nuovi parametri introdotti sono il tempo di lettura (o di visione) e la diversità dei post. In parole semplici, per ogni link esterno Facebook calcola il tempo trascorso a leggerlo (o a visualizzarlo) nel browser o in versione Instant Article, eliminando dal conteggio i secondi impiegati per caricare la pagina. Inoltre, il tempo di lettura non sarà calcolato in assoluto, per evitare di favorire esclusivamente gli articoli molto lunghi, ma con tutta una serie di parametri.
Il social network vuole capire quale sia l'interesse generato da un contenuto per premiare gli articoli che determineranno un'attenzione che superi il minuto, rispetto a quelli letti velocemente e chiusi in un battito. Inoltre, attraverso la diversità dei post, l'algoritmo eviterà di mostrare ad un utente troppe notizie che arrivano da una stessa pagina-fonte. Tutto naturalmente sta già impattando sul traffico generato dal social network verso le pagine e i portali che utilizzano Facebook come forma di distribuzione di un contenuto.
Secondo il britannico 'Guardian', "una delle ragioni di questo cambiamento è che solo di recente Facebook ha avuto sufficienti dati sul comportamento degli utenti per creare tali parametri". Parametri legati al "costante aumento di coloro che usano l'applicazione di Facebook su smartphone". E che, evidentemente, il social network vorrebbe mantenere nel suo 'recinto', evitando il loro passaggio via link verso altri lidi.
E ogni modifica che Facebook fa al proprio algoritmo lo mette in una posizione di forza rispetto agli editori: a questo proposito, il 'New York Times' ha calcolato che 85 centesimi di ogni dollaro di pubblicità on line vanno [...]

Leggi tutto l'articolo