Francesco Crispi

Francesco Crispi
Rose Montmasson
Ribera (Ag) 1818 - Napoli 1901
Figlio di Tommaso, commerciante di grano di origine albanese (Arbëreshë), e di Giuseppa Genova, compì i suoi studi tra il 1828 e il 1835 al Seminario greco-albanese poi alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Palermo dove nel 1843 si laureò. Fu nel 1837 che conobbe Rosa D'Angelo, una popolana che sposò all'insaputa e contro la volontà dei propri genitori e dalla quale ebbe due figli, morti come la loro madre nel 1839. Allo scoppio della rivoluzione lasciò il suo studio d'avvocato a Napoli (già faceva parte di cospiratori antiborbonici) e tornò in Sicilia per occuparsi dell'esercito rivoluzionario della costituenda repubblica siciliana (1848/49). A metà maggio del '49 l'esperimento fallisce per la presa di Palermo da parte del Gen. Filangeri e Crispi è quindi costretto all'esilio a Torino. Il suo republicanesimo continuava e metteva in serio imbarazzo i governi piemontesi che lo vedevano anche qui cospiratore. Dop...

Leggi tutto l'articolo