Gb: quote migranti, Rudd rischia ancora

(ANSA) – LONDRA, 28 APR – Diventano pressanti le richieste di dimissioni nei confronti della ministra dell’Interno britannica, Amber Rudd, sullo sfondo dello scandalo dei diritti negati ai migranti caraibici storici della ‘generazione Windrush’ e delle quote di espulsioni annuali prestabilite dal suo dicastero: una pratica della quale aveva detto in Parlamento d’essere ignara, salvo ritrovarsi di fatto smentita da un memo.
Ieri Rudd ha provato a giustificarsi con 4 tweet riconoscendo di aver detto il falso quando ha negato l’esistenza delle quote, ma in insistendo di non averne avuto conoscenza e di ritenersi colpevole solo della mancata lettura del memo indirizzato al suo ufficio.
Ma lunedì, quando si presenterà ai Comuni per riferire, l’attende una bufera.
La ministra ombra laburista Diane Abbott s’è detta oggi allibita che Rudd non si sia ancora “assunta la responsabilità” dell’accaduto “dimettendosi”.

Leggi tutto l'articolo