Il PD ha presentato una nuova proposta per riformare la legge elettorale (e anche i nomi stanno finendo)

"La legge elettorale sembra un tema sempre caldo, in Italia".
Magari ricordo male io, ma prima dei referendum del 1992 e 1993 la questione non era tanto sentita a livello politico. Mi pare che ne parlassero solo i radicali.
Forse i disordini seguiti all'approvazione della legge 148/1953, che tra l'altro non raggiunse il suo scopo e venne frettolosamente abrogata pochi mesi dopo, avevano vaccinato i parlamentari di allora, che per quieto vivere avevano rinunciato ad affrontare la materia.
"Ma la legge elettorale la si dovrebbe cambiare davvero una volta ogni tanti anni. E invece qui se ne parla sempre.... non soddisfa mai nessuno.... uffa".
In linea generale è vero, ma nella particolare situazione italiana la storia è andata così: la legge scritta nel 1993 dall'attuale Presidente della Repubblica riceveva molte critiche, allora una maggioranza parlamentare nel 2005, a meno di sei mesi dalle elezioni, ne ha scritta una nuova. Venne criticata ancor di più della precedente, e con ragion...

Leggi tutto l'articolo