Jones sconfigge Moore. Trump: 'Dissi che non poteva vincere'

Donald Trump cerca di salvare la faccia dopo la cocente e pericolosa sconfitta elettorale in Alabama di Roger Moore, che aveva sostenuto come seconda scelta dopo aver supportato nelle primarie Luther Strange.
“Il motivo per cui inizialmente ho sostenuto Luther Strange (e i suoi numeri erano saliti moltissimo) è che avevo detto che Roy Moore non sarebbe stato in grado di vincere l’elezione generale.
Avevo ragione! Roy ha lavorato duro ma gli hanno remato contro!”, ha twittato.
Il democratico Doug Jones ha vinto una corsa all’ultimo voto in Alabama strappando ai repubblicani un prezioso seggio in Senato e sconfiggendo il favorito Roy Moore.
Ed e’ uno schiaffo, e sonoro, per il presidente Donald Trump che aveva appoggiato Moore nonostante le controversie sulle accuse di molestie sessuali.
Oltre ad essere un duro colpo per il Grand Old Party che vedra’ la sua gia’ risicata maggioranza in Senato – di 52 seggi su 100 – ulteriormente ridotta.
Il risultato in Alabama e’ poi un segnale particolarmente significativo in vista delle elezioni di midterm nel 2018 per il rinnovo del Congresso, di cui la consultazione nello Stato ‘ruby red’ (‘rosso rubino’ per la sua tradizionalmente netta connotazione repubblicana) e’ stata considerata un test.
 A poco e’ valso allora il ‘talismano’ Sassy, questo il nome del cavallo di Roy Moore in sella al quale l’ex giudice conservatore si e’ recato a votare al seggio le scorse ore: ha perso per una manciata di voti, ma ha perso.
Sebbene il giudice conservatore comparendo fra i supi sostenitori a Montgomery non e’ disposto a concedere la vittoria e prende tempo, per finalizzare il conteggio dei voti.
Intanto, con il 99% dei voti scrutinati Jones ha ottenuto il 49,5% dei consensi (640.520 voti) contro il 48,8% di Moore (631.576 voti).
Eppure sembrava un’impresa impossibile per il fronte democratico.
Adesso ci si chiede se e quanto il voto afroamericano abbia influito in questo Stato del sud, lo Stato della marcia di Selma, voto a cui ha fatto appello nelle scorse ore anche l’ex presidente Barack Obama in persona esortando tutti a recarsi alle urne: “Questa e’ una cosa seria”, aveva avvertito in un messaggio registrato e diffuso via telefono.
Dal palco della vittoria Doug Jones esalta lo spirito dell'”Alabama: “Il popolo dell’Alabama ha piu’ in comune di cio’ che lo divide.
Abbiamo mostrato non solo all’Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti”, e cita Martin Luther King Jr: “L’arco dell’universo morale e’ lungo, ma tende [...]

Leggi tutto l'articolo