Il segreto di Madre Teresa

Che Dio vi renda in amore tutto l'amore che avete donato o tutta la gioia e la pace che avete seminato attorno  a voi, da un capo all'altro del mondo.
Madre Teresa di Calcutta   "Se nel vostro Paese permettete l'aborto, allora diventate un Paese molto povero.
Tanto povero da aver paura anche di bambini".
Ecco un altro pensiero luminoso ma controcorrente, che ella rivolse  a un gruppo di lebbrosi: "Ogni volta che Dio guarda il palmo della Sua mano, vi ci vede disegnati.
Per questo ogni vita umana è preziosa: sì, anche voi lebbrosi siete preziosi agli occhi di Dio!".
Ecco una presentazione di Maria che è, nello stesso tempo, originalissima e fedelissima: "La Madonna fu la prima "dama della carità".
Ma, prima di esserlo, si svuotò completamente di se stessa e si offrì come serva del Signore".
Ecco una sua norma di vita che, nell'attuale società violenta e prepotente, può avere il sapore dell'ingenuità e invece è una perla di autentica sapienza: "Preferirei commettere degli errori con gentilezza e compassione piuttosto che operare miracoli con scortesia e durezza".
Ecco, infine, una coraggiosa lettura della povertà umana: "I poveri hanno fame di pane, ma soprattutto hanno fame di Dio.
La più grande disgrazia dell'India è di non conoscere Gesù Cristo: e, senza Gesù Cristo, non si conosce il valore della vita umana".
Chi è, allora, Madre Teresa.
Ella é una "innamorata di Cristo", è una donna "folgorata dal Crocifisso", nel quale ha visto il Volto di Dio come "Volto di Amore" e ha sentito la sete di Dio come "sete di Amore".
E ha risposto all'amore con tutta la sua vita: senza esitazione, senza risparmio, senza mezze misure.
E ha cercato i poveri per amarli con l'Amore di Dio e per consolarli con l'unica vera buona notizia, che è questa: "Dio ti ama".
A tutti, infatti, ella ripeteva instancabilmente: "God is Love", Dio è amore! Il segreto di Madre Teresa sta tutto qui: ed è vale la pena ricordarlo - il segreto stesso del cristianesimo.
Potessimo capirlo! Potessimo viverlo tutti un pochino di più! Ventiquattro domande e ventiquattro risposte Il giorno più bello? Oggi.
L’ostacolo più grande? La paura.
La cosa più facile? Sbagliarsi.
L’errore più grande? Rinunciare.
La radice di tutti i mali? L’egoismo.
La distrazione migliore? Il lavoro.
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.
I migliori professionisti? I bambini.
Il primo bisogno? Comunicare.
La felicità più grande? Essere utili agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.
La persona più pericolosa? Quella [...]

Leggi tutto l'articolo