La neve, il mare e lo Zen

Della Pietra e dell'Amorepuoi scrivere qualsiasi cosa,senza dire alcunché.Tutto è slegato.Dalla pietra Dioha scollato la parolaed alla parola ha dato un peso nullo.Cose fatali stringe l'uomo,nel suo silenzio.(O Kammo in Ljubezni - Ace Mermolja)Mercoledì scorso ho avuto questi pensieri sotto un timido sole che concede una tregua appena teporosa tra le nevicate dei (due) giorni scorsi e quella in arrivo per Giovedì, che ormai la meteo è diventata una scienza affidabile.
 I venti centimetri, appena venti, di neve caduti qui in città hanno già messo a dura prova circolazione e vita quotidiana: le scuole sono rigorosamente chiuse, i treni con ritardi paradossali; quand’ero studente di ingegneria mi insegnavano che i treni sono quelli che soffrono di meno il manto bianco, e io ho voluto chiedere a mia figlia che ha vissuto in Finlandia come funzionano in quell’Inverno artico: puntuali come d’Estate, mi ha risposto lei; siamo quindi noi che non siamo più capaci di farli arrivare puntuali, n...

Leggi tutto l'articolo