Lavoro

LavoroQuanno dico: lavoro!l'hai da caccià er cappello;mejo de come fai davanti all'oro.Come ciavressi, tu, senza de quello,er pane e li conforti de la vita?Solo chi vô campà da parassita,potrà vedello come er fumo all'occhi!Nun te darà guadagni,ma bene o male, magni.E quanno hai lavorato, quer boccone,lo manni giù co' più sodisfazione.Mo nun te crede micade potello chiamà divertimento.Er lavoro è fatica,spesso un'angustia, un vero tribbolà.Però, si tu sapessi che tormento,quanno lo cerchi e nun lo pôi trovà! ...Giggi SpaducciDa: Strenna dei Romanisti, 1964, pag.
440

Leggi tutto l'articolo