"Mi scuso con la famiglia di Reeva". Pistorius piange in aula

Oscar Pistorius in lacrime ha testimoniato in aula durante il processo a suo carico per l'omicidio dell'ex fidanzata, Reeva.
"Mi scuso con la famiglia di Reeva, volevo solo proteggerla".
  "In quel periodo ero in cura contro la depressione - ha dichiarato tra le lacrime -, prendevo farmaci che mi facevano fare incubi terribili", ha spiegato l'ex campione sudafricano.
  "Ogni mattina mi sveglio e le prime persone a cui penso sono i genitori di Reeva.
Stavo solo cercando di proteggere Reeva, voglio solo che sappiate che quella sera lei era malata.
Ho paura di dormire e ho una guardia del corpo fuori dalla mia camera.
Non voglio più avere un'arma da fuoco", ha aggiunto, rispondendo alle domande della difesa.

Leggi tutto l'articolo