Mukbang è la nuova mania coreana: pagati per strafogarsi

Si chiama Mukbang ed è la nuova mania che ha conquistato la Corea.
In cosa consiste? Semplicemente si viene pagati per strafogarsi.
Il termine deriva dall’unione fra due parole coreane: muk-ja, che significa mangiare, e bang-song, che vuol dire broadcasting.
Da qualche anno indica un fenomeno culturale che ha conquistato la Corea del Sud, creando dei veri e propri idoli del web che riescono a guadagnare sino a 10mila euro al mese.
In cosa consiste il Mukbang? Si tratta di spettacoli trasmessi in live-streaming, in cui delle persone (solitamente delle ragazze giovani e bellissime), mangiano grandissime quantità di cibo, per la gioia dei loro fan, che li ammirano, scrivono commenti e fanno domande.
I video solitamente vengono trasmessi su AfreecaTV, una piattaforma che consente gli stream di live-eating e permette anche agli utenti di ricevere i pagamenti inviati dai follower.
Attraverso delle donazioni infatti il pubblico può intervenire direttamente nel pasto, aggiungendo dei piatti al menù oppure facendo sì che la blogger di turno mastichi più rumorosamente o in fretta.
La performer più famosa in Sud Corea è Park Seo-Yeon, che si fa chiamare The Diva.
La food blogger di Mukbang guadagna in questo modo circa 9mila dollari al mese.
Come si svolgono i suoi video? La giovane si presenta davanti alla videocamera truccata e vestita alla perfezione.
In seguito si siede ad un tavolo in cui si trovano diversi piatti della cucina tipica, per lo più piccanti, e inizia a mangiare.
Secondo quanto ha svelato il segreto per avere successo è quello di strafogarsi e di mostrare quanto sia piacevole mangiare.
Ma come è possibile che questi spettacoli a pagamento siano così apprezzati? Secondo gli esperti il motivo sarebbe il modo in cui la popolazione del Sud Corea vive il pasto, ossia come un momento di condivisione e coesione sociale.
Per tanti dunque alla base della fama di questi blogger ci sarebbe un senso di solitudine che si sta diffondendo sempre di più nella popolazione.

Leggi tutto l'articolo