PRIMI ATTORI E COMPRIMARI DELLA PAURA

La squallida vicenda parlamentare della legge sullo Jus soli ha molti piccoli padri (piccoli in tutti i sensi, anzi piccini) e una sola grande madre, la Paura.
Una paura pervasiva, sorda, velenosa che ha serpeggiato per tutta l�estate sotto la pelle del paese, si � gonfiata a dismisura, � cresciuta su se stessa sull�onda dei telegiornali e sulle prime pagine dei quotidiani, dei proclami dell�opposizione e degli atti di governo, operando come un contagio contro cui non sembra esserci vaccino che tenga.
Ebbene lo confesso.
Anch�io ne sono stato contaminato.
Anch�io ho paura.Non di quello di cui sembrerebbe che tutti dovrebbero averne per esser conformi alla vogue mediatica.
Non del migrante, del negro, dello straniero, del pericolo che viene da fuori.
Ho paura del morbo che viene di dentro.
Ho paura di quanti � e sono tanti � alimentano quella paura, degli spregiudicati imprenditori delle fabbriche della paura, che mobilitano persino il batterio della malaria al servizio del proprio odio...

Leggi tutto l'articolo