Patata americana: nutriente ma con poche calorie. Lo sapevi?

Forse vi sorprenderà sapere che la patata americana (detta anche patata dolce) non ha nulla a che vedere con la patata tradizionale.
Scopriamo quali sono le sue caratteristiche.
Una patata dal sapore dolce L’aspetto della patata americana ricorda quello di una patata comune, il sapore invece è decisamente più dolce (da cui il termine patata dolce), la consistenza è piacevolmente farinosa.
Ve ne sono di tipologie diverse: può avere buccia rossa con polpa arancione oppure buccia bruna con polpa bianca, nel primo caso il gusto ricorda vagamente quello della zucca, nel secondo caso invece rimanda al sapore della castagna.
Patata americana, proprietà nutritive La patata americana è ricca di vitamina A, fondamentale per mantenere in salute la vista e le ossa.
Contiene inoltre betacarotene, fibre, potassio, manganese, vitamina B6, vitamina E e vitamina C, dalle proprietà antiossidanti e un toccasana per il sistema immunitario.
Nonostante il sapore tenda al dolce, ha un contenuto apporto calorico (circa 86 Kcal per 100 grammi), non contiene grassi e ha un impatto più moderato sull’indice glicemico rispetto alle patate classiche.
I carboidrati che contiene vengono infatti trasformati dal corpo più lentamente che non nel caso delle patate tradizionali, in questo modo l’innalzamento dei livelli di zucchero nel sangue è meno rapido.
Per questo motivo sono adatte anche alle persone che soffrono di diabete.
La patata americana in cucina In cucina la patata dolce è estremamente versatile e gli usi sono simili a quelli della patata comune.
Sono irresistibili fritte, al forno, bollite.
Potete farne del purè o trasformarle in gnocchi.
Le patate americane sono sfiziosi ingredienti di insalate, zuppe, vellutate e minestroni.
Si prestano anche a essere usate nei dolci, proprio per via del loro sapore caratteristico.

Leggi tutto l'articolo