QUELLI CHE SI RIFIUTANO DI FARE IL TRENINO

"Quelli che si rifiutano di fare il trenino, ai matrimoni, sono evidentemente gli unici con cui varrebbe la pena sposarsi: ma lì, ai margini, sono sempre circondati da una certa aurea di tristezza, si sarà notato.
Come se ci fosse in loro una punta di severità di troppo, proprio solo una punta: ma è quella che innesca la tristezza.
Lo so perché ce l'ho anch'io, nel mio piccolo.
La conosco".
Alessandro Baricco Una cosa che mi faceva impazzire, quando ancora potevo permettermi certi lussi del pensiero, è che i treninari sono convinti di essere portatori di allegria.
E non solo: grazie all'alcol, alla musica frastornante e all'inconsapevolezza di essere attempati manichini, neppure sospettano di essere totalmente privi di grazia o ironia, particolari che, qualora presenti, alleggerirebbero la pena dell'osservatore.
Molto meglio, a questo punto, i party dei miliardari russi: pacchiani quanto vuoi ma almeno scevri da tutta quella inarginabile tristezza.
  PARTY LIKE A RUSSIAN

Leggi tutto l'articolo