R.Ford, uno scrittore è come un muratore

(ANSA) – CAPRI, 30 SET – ”Essere uno scrittore è un po’ come essere un muratore che aspira a diventare architetto.
Un mattone, una parola alla volta.
È il mistero e la magia della letteratura, che l’apparentemente banale parola successiva possa creare qualcosa di grande”.
È con la lievità che lo contraddistingue che Richard Ford, lo scrittore Premio Pulitzer di Sportswriter, inizia la sua ‘lezione’ di creatività narrativa, ritirando il Premio Malaparte 2018 per il suo ultimo lavoro, Tra loro (ed.
Feltrinelli).
”Una XXI edizione del premio che è stata dolce, perché ad aprirla è tornato il nostro presidente Raffaele La Capria, e amara per la perdita di una grande amica come Inge Feltrinelli”, dice Gabriella Buontempo, organizzatrice del premio, a Capri per il 7/o anno con Ferrarelle.
”Una grande azienda, tutta italiana come la nostra – dice il vicepresidente, Michele Pontecorvo Ricciardi – non deve soddisfare solo bisogni primari come, nel nostro caso, il bere, ma anche più alti e profondi, come l’amore per i libri”

Leggi tutto l'articolo