ROMANI 9,5

DIO BENEDETTO IN ETERNO
 
 
wn oi patereς kai ex wn o cristoς to kata sarka
di loro i padri e da essi il Cristo  quello secondo la carne
 
o wn epi pantwn qeoς  euloghtoς eis touς aiwnaς amhn
l'essente sopra tutto Dio benedetto per i secoli amen
 
 
La dossologia "Dio benedetto nei secoli" del versetto Romani 9,5 è stata da molti  applicata al Figlio, tenendo anche presente Ebrei 13,21. Alcuni però la hanno attribuita  al Padre, in virtù di Romani 1,25 e di 2 Corinzi 11,31 [1].
 
Coloro che attribuiscono la dossologia al Padre si rifanno alla presenza di segni di interpunzione o di spazi in alcuni manoscritti [2] dopo la parola "carne" ed al fatto che nel Nuovo Testamento il termine benedetto (εύλογητός) è sempre applicato al Padre (Marco 14,61; Luca 1,68; Romani 1,25; 2 Corinzi 1,3; 2 Corinzi 11,3; Efesini 1,3; 1 Pietro 1,3) e mai al Figlio.
 
Coloro che invece applicano la dossologia al Figlio:
 
·        considerano scarsamente affidabile la punteggiatura dei manoscritti greci [3] [...

Leggi tutto l'articolo