Spazio... alla maturità

Lo spazio atterra tra i banchi di scuola.
L'avventura esplorativa dell'uomo nell'Universo, la conquista dello spazio con la testimonianza degli astronauti italiani Umberto Guidoni e Samantha Cristoforetti, a cui si devono aggiungere le dichiarazioni del Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston: ecco lo spunto offerto dal MIUR al mezzo milione di studenti che oggi ha affrontato la prima prova di maturità, il tema di italiano.
Per il numero uno dello spazio italiano Battiston “la conoscenza dello straordinario rapporto tra l’uomo è lo spazio è ormai patrimonio di tutti, farne una delle tracce dei temi di maturità significa rendere lo spazio parte della preparazione di base dei nostri ragazzi, offrendo loro la chiave del futuro”.
Un passaggio culturale innovativo che ha visto protagonista anche il cinema, con l'exploit della tematica spaziale in pellicole come Interstellar, Gravity o The Martian - quest'ultimo anche best seller letteario, o la creatività della graphic novel, con la pubblicazione, proprio in questi giorni, dell'ultima opera di Toni Bruno “ Da quassù la Terra è bellissima” dedicato a Yuri Gagarin.
Un'opportunità dunque per i giovanissimi di focalizzare l'attenzione sulle attività spaziali in un momento storico in cui il settore conosce grande fermento e di cui l'Italia è tra i paesi guida: il prossimo maggio, nel 2017, per la 12esima volta un astronauta italiano andrà in orbita, Paolo Nespoli alla sua terza missione.
Ma prima, insieme alla NASA l'Italia si prepara a raggiungere l'orbita di Giove con la missione Juno.
Sar àil 4 luglio giorno dell'indipendenza statunitense.
E la data del 19 ottobre potrebbe entrare nei libri di storia, per l'Italia, per aver posto orma sul suolo marziano con un lander chiamato Schiaparelli.

Leggi tutto l'articolo