Trevi, in corso trattative per rafforzamento patrimoniale e con banche

(Teleborsa) - Su richiesta di Consob, Trevi Finanziaria Industriale ha fornito degli aggiornamenti sullo stato di avanzamento della trattativa sulla ristrutturazione del debito e rafforzamento patrimoniale in corso con il ceto bancario per la definizione e sottoscrizione di un accordo di standstill.
In relazione all’operazione di ristrutturazione e di ripatrimonializzazione, la società conferma che prosegue la trattativa con l’investitore Bain Capital Credit  al quale è stata concessa un’esclusiva sino al 16 luglio.
La proposta formulata prevede la concessione alle controllate Trevi e Soilmec un prestito c.d.
“super senior” di 150 milioni di euro con rimborso bullet a quattro anni.
La nuova finanza verrebbe utilizzata per il sostegno del business plan e il rimborso parziale dell’indebitamento finanziario in essere.
La concessione del prestito sarebbe subordinata al verificarsi di alcune condizioni, tra le quali: la stipulazione dell’accordo di standstill con le banche creditrici.
Con riferimento all’accordo di standstill, la società conferma che sono in atto parallele trattative con il ceto bancario finalizzate alla definizione del contratto entro il prossimo mese di luglio. In particolare le banche hanno comunicato di voler subordinare l’efficacia del citato accordo di standstill ad alcune condizioni sospensive, tra le quali l’impegno di Trevi Holding, già confermato in via formale, a votare a favore dell’Aumento di Capitale e della ripatrimonializzazione della società.
Sempre su richiesta della Consob, Trevi precisa inoltre di aver sviluppato una proiezione delle disponibilità di cassa del Gruppo fino alla fine dell’esercizio in corso.
Sulla base di tale proiezione, che assume la sottoscrizione dello standstill, come indicato, entro il prossimo mese di luglio, la società ritiene che le disponibilità di cassa a livello di Trevifin e di Gruppo consentiranno l’ordinaria prosecuzione dell’attività di impresa.

Leggi tutto l'articolo