Vendite a Piazza Affari. Immobile il resto dell'Europa

(Teleborsa) - Nulla di fatto per le principali Borse del Vecchio Continente, che continuano gli scambi sulla parità in attesa di indicazioni dalla Fed.
Gli esperti scommettono su un rialzo del costo del denaro di un quarto di punto, il terzo del 2017.
Domani sarà la volta della BCE e del BoE.
Nessuna variazione significativa per l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,174.
Lieve calo dell'oro, che scende a 1.240,8 dollari l'oncia.
Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) registra un guadagno frazionale dello 0,67%.
Balza in alto lo spread, posizionandosi 143 punti base, con un incremento di 4 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all'1,76%.
Tra gli indici di Eurolandia trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, incolore Parigi, che non registra variazioni significative rispetto alla seduta precedente.
In retromarcia Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un calo dello 0,70%.
Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Assicurativo (+0,88%) e Tecnologico (+0,45%).
Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, i comparti Telecomunicazioni (-2,05%), Materie prime (-1,85%) e Banche (-1,83%).
Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, si è mossa in territorio positivo Generali Assicurazioni, mostrando un incremento dell'1,37% dopo la promozione di BoA Merrill Lynch. Giornata moderatamente positiva per Unipol, che sale di un frazionale +0,99%. Seduta senza slancio per Exor, che riflette un moderato aumento dello 0,96%. Piccolo passo in avanti per Luxottica, che mostra un progresso dello 0,89%.
I più forti ribassi, invece, si verificano su BPER, che continua la seduta con un -4,23%.
In caduta libera Unicredit, che affonda del 3,50%.
Pesante Banco BPM, che segna una discesa di ben -3,28 punti percentuali.
Seduta drammatica per UBI Banca, che crolla del 3,25%.
Segno meno per Telecom -2,70%, nel giorno dell’incontro tra l’Ad Amos Genish e il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda.
Poco mossa Prysmian +0,33% dopo essersi aggiudicata una commessa del valore di circa 80 milioni di euro con EWA.
Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Fincantieri (+1,46%), Salini Impregilo (+1,26%), Technogym (+1,07%) e Inwit (+0,81%).
I più forti ribassi, invece, si verificano su Brunello Cucinelli, che continua la seduta con un -6,24% dopo la bocciatura di Exane. Sensibili perdite per Tod's, in calo del 3,06%.
In apnea Rai Way, che arretra del 2,92%.
Tonfo [...]

Leggi tutto l'articolo