Scopri tutto su Abruzzo

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Abruzzo. Cerca invece Abruzzo.

Vedi anche

Engagement
In rilievo

Engagement

Abruzzo

La scheda: Abruzzo

L'Abruzzo (o fino al 1963 gli Abruzzi) (IPA: /aˈbruttso/, Abbrùzze, Abbrìzze o Abbrèzze in abruzzese, Abbrùzzu in aquilano) è una regione a statuto ordinario dell'Italia peninsulare, compresa tra il mare Adriatico e l'Appennino centrale, con capoluogo L'Aquila. Dal punto di vista storico, linguistico, culturale, e economico, la regione è parte dell'Italia meridionale, mentre geograficamente può essere inserita all'interno dell'Italia centrale.
Dal 1948 al 1963, formava insieme al Molise la regione Abruzzi e Molise, ma già nel 1233, con la costituzione del Giustizierato d'Abruzzo ad opera di Federico II di Svevia, per la prima volta nella storia, veniva identificato formalmente quel territorio che da quel momento in avanti verrà conosciuto come Abruzzo.
Occupa una superficie di 10 831 km² e ha una popolazione di 1 320 245 abitanti. È diviso in quattro province: L'Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, e in 305 comuni. Confina a nord con le Marche, ad est con il mare Adriatico, ad ovest con il Lazio e a sud con il Molise. Si divide principalmente in una parte costiera nel versante orientale con le spiagge dell'Adriatico, e in una parte montuosa dal lato occidentale con il Gran Sasso d'Italia (2 914 m s.l.m.), la Majella (2 793 m s.l.m.) e il Sirente-Velino (2 487 m s.l.m.) che costituiscono i tre massicci montuosi più alti dell'intera catena appenninica.
Secondo l'Huffington Post statunitense, l'Abruzzo è la quinta regione al mondo con la più alta qualità della vita.
L'Abruzzo vanta il titolo di "Regione verde d'Europa", grazie alla presenza dei suoi tre parchi nazionali (il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco nazionale della Majella e il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga), al Parco regionale naturale del Sirente - Velino, all'Area marina protetta Torre del Cerrano e alle trentotto aree protette che rappresentano il 36,3% della sua superficie totale, la più alta in Europa. All'interno delle numerose aree protette, disseminate non solo sulla dorsale appenninica, ma anche sulle dolci e fertili colline dell'entroterra e lungo i 130 km di costa, è custodito oltre il 75% delle specie animali e vegetali del continente europeo, sul versante settentrionale del Gran Sasso si trova il ghiacciaio Calderone.
Economicamente, l'Abruzzo è la regione più ricca dell'Italia meridionale, in quanto il suo PIL pro capite è il più elevato di tutte le regioni dell'Italia meridionale e insulare, inoltre, dopo il Trentino-Alto Adige, è la regione in Italia con la più alta percentuale di investimenti fissi lordi sul PIL.
Secondo l'ISTAT l'Abruzzo è una delle regioni italiane con più basso tasso di mortalità per tumori, con minori emissioni di gas serra per abitante, con maggiori consumi di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e con minore diseguaglianza nella distribuzione dei redditi. Inoltre, è tra le regioni italiane con il più alto numero di località, ben 23, presenti nel prestigioso club "I borghi più belli d'Italia", che pongono così la regione al secondo posto in Italia.
Quando il giornalista e diplomatico Primo Levi (da non confondere con l'omonimo Primo Levi, scrittore sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz), visitò la regione, colpito dalla sua bellezza e dall'animo dei suoi abitanti definì l'Abruzzo "forte e gentile". Quella citazione è da quel momento il motto della regione e dei suoi cittadini.



Abruzzo regione:
(IT) Regione Abruzzo
Vicoli nel centro storico di Crecchio, con la tipica architettura dei borghi abruzzesi
Localizzazione:
Stato:  Italia
Amministrazione:
Capoluogo: L'Aquila
Presidente: Luciano D'Alfonso (PD) dal 26-5-2014
Data di istituzione: 1963[1]
Territorio:
Coordinate del capoluogo: 42°21′58″N 13°23′40″E / 42.366111°N 13.394444°E42.366111, 13.394444 (Abruzzo)Coordinate: 42°21′58″N 13°23′40″E / 42.366111°N 13.394444°E42.366111, 13.394444 (Abruzzo)
Altitudine: 563[2] m s.l.m.
Superficie: 10 831,84 km²
Abitanti: 1 320 245[3] (28-02-2017)
Densità: 121,89 ab./km²
Province: L'Aquila, Chieti, Pescara, Teramo
Comuni: 305
Regioni confinanti: Marche, Lazio, Molise
Altre informazioni:
Lingue: italiano
Fuso orario: UTC+1
ISO 3166-2: IT-65
Codice ISTAT: 13
Nome abitanti: abruzzesi
Patrono: San Gabriele dell'Addolorata
PIL: (PPA) 27.703,41 mln €[4]
PIL procapite: (PPA) 22.927 euro € (2015)[5]
Rappresentanza parlamentare: 14 deputati 7 senatori
Cartografia:
Mappa dell'Abruzzo con le province
Modifica dati su Wikidata · Manuale
In Abruzzo, nel 1860 a seguito dell'invasione savoiarda e della successiva Unità d'Italia, non ci furono vere e proprie rivolte contro il governo borbonico del Regno delle Due Sicilie, come nel 1848, bensì quasi solo l'appello di letterati e patrioti come Gabriele Rossetti, Silvio Spaventa e Cesare de Horatiis che incitavano a fiancheggiare Vittorio Emanuele II di Savoia. Infatti gli Abruzzi erano stati per secoli parte integrante del suddetto Regno delle Due Sicilie o, altrimenti detto, Regno di Napoli, e quindi la popolazione era in massima parte vicina al vigente governo Borbonico. Infatti si formarono molte bande di briganti a difesa del governo dei Borbone. L'episodio più eclatante, oltre alla guerriglia abruzzese seguita all'annessione forzata al regno d'Italia, fu l'assedio di Civitella del Tronto, nella Fortezza Borbonica. In questa Fortezza di Civitella del Tronto, i soldati borbonici combatterono fino allo stremo per difendere il loro legittimo re Francesco II di Borbone.
Il 15 febbraio 1861, il Generale Mezzacapo ordina un violentissimo bombardamento, nonostante gli evidenti danni, la fortezza non dà cenno di resa. Con la resa della piazzaforte di Messina, il 12 marzo 1861, l'esercito sabaudo si concentra maggiormente su Civitella del Tronto, oltre che sul Garigliano e a Gaeta. Ancora oggi sulla Maiella, su cui operò il brigante Marco Sciarra e la Banda della Maiella, ci sono incisione fatte dai Briganti in quel periodo ("Le Tavole dei briganti della Majella"). Ancora oggi resistono queste pietre sopra la Majella, dove i briganti datisi alla macchia dal 1860 al 1868, incisero frasi di sfida al governo degli invasori sabaudi. Una di queste recita: "Leggete la mia memoria - per i cari lettori - nel 1820 nacque Vittorio Emanuele re d'Italia - prima del 60 era il regno dei fiori - ora è il regno della miseria". Altre bande di briganti abruzzesi che resistevano ai piemontesi furono quella Antonio La Vella di Sulmona, quella degli Introdacquesi, quella di Pasquale Mancini. quella di Giuseppe e di Vincenzo Tamburrini di Sulmona (detto Colaizzo), quella di Mecola nel chietino e altre ancora.
Il 17 marzo 1861, a Torino, viene incoronato re d'Italia Vittorio Emanuele II con lo scontro di Civitella del Tronto ancora in corso. Viene ordinato un ulteriore rafforzamento del dispositivo d'assedio e, contemporaneamente, il generale sabaudo Della Rocca viene fatto entrare entro le mura di cinta, recando ai difensori il messaggio di Francesco II di deporre le armi, a seguito della resa di Gaeta, ove il sovrano borbonico si era rifugiato. Della Rocca non viene creduto e lo scontro continua. Il 20 marzo è la resa.
Altri scontri si ebbero intorno ad Avezzano e per le montagne della Marsica e della Majella, quando si creò il fenomeno del brigantaggio.

Dopo l'Umbria con 24, l'Abruzzo con 23 presenze è seconda nella lista dei Borghi più belli d'Italia:

A Ortona si mangia così

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A  Ortona si mangia così Piatti caratteristici della cucina ortonese   In questi ultimi anni si è andata rivalutando sempre più la cucina regionale e la dieta mediterranea ricca di fibre e di legumi. Si sono rivalutati quei piatti unici ritenuti "poveri" ma comunque ricchi di carboidrati [...]

Un po' di storia: Ortona medioevale

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    Un po' di storia - Ortona medioevale -   Dopo i fatti fin qui narrati non sappiamo più niente delle vicende dei paesi della Valle del Giovenco per più di mille anni. Da quello che è avvenuto in seguito si può arguire, molto verosimilmente, che si siano formati gli agglomerati di [...]

L'Angolo della poesia - Marsica

      L'Angolo della Poesia - Marsica -   Brulica l’aia da luglio accesa di magre messi strappate ai sassi e schiene forti per natura antica d’asini piegati a chinare il capo. Squarciando la nube di pula rabbiosa bestemmia nell’aria l’affanno dei cafoni e le grida e gli sputi e l’aspro vino rosso che stordisce ogni fatica.   giugno 2005

A Ortona si mangia così - I Fiatun'

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - I Fiatun' - (I Fiatoni - ravioli dolci con ripieno di ceci)   2 uova - 2 bicchieri di olio di oliva - 2 bicchieri di vino bianco - 1 cucchiaio di zucchero - 1,5 Kg di farina 1,5 Kg di ceci - 2 cucchiai di miele - 300 g di cioccolato fondente - 300 g di noci - un [...]

Un po' di storia: Le poesie di Fulvio Asci - Una rondine ad Ortona

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    Un po' di storia - Le poesie di Fulvio Asci: Una rondine ad Ortona -   Parte già la rondinella dopo il breve, estivo ardore; lascia il nido e vola snella verso un clima assai migliore. Varca il monte e passa il mare, giunge, alfine alla sua meta, e incomincia a raccontare, cinguettando, [...]

A Ortona si mangia così - I Ciambllitt'

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - I Ciambllitt' - (I Ciambelletti)   5 uova - 5 cucchiaini di zucchero - 5 cucchiaini di olio di semi - 5 cucchiaini di strutto sciolto - buccia grattugiata di un limone - 600 g di farina   Impastare tutti gli ingredienti per 20 minuti. Arrotolare la pasta in modo [...]

L'Angolo della poesia - Ortona

      L'Angolo della Poesia - Ortona -   Ortona, tu che sei lì sulla cima della montagna non soffri né il freddo e tanto meno il caldo. Io quando entro, la cosa che più mi colpisce è la tua torre alta, maestosa e bella. Dopo di che si vede la chiesa di San Giovanni Battista la quale è antica e piena di storie e leggende. L’ estate è calda e tutti  tornano da te per l’ aria pulita e fresca. Ora è inverno e nessuno ci sta solo qualcuno che il [...]

A Ortona si mangia così - I Parrozz'

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - I Parrozz' - (Pane ortonese - pane dei poveri che piace tanto ai ricchi)   500 g di farina bianca - 500 g di farina di mais - sale - 2 patate - 25 g di lievito di birra   Cuocere le patate e schiacciarle bene dopo averle sbucciate. Sciogliere il lievito con acqua [...]

Un po' di storia: Le origini delle contrade nel territorio di Ortona

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    Un po' di storia - Le origini delle contrade nel territorio di Ortona -   Dopo la distruzione di Milionia e del definitivo assoggettamento dei Sanniti da parte degli eserciti romani, i Marsi per due secoli vissero in pace con Roma. Politicamente essi erano considerati socii o alleati [...]

FOTO: Abruzzo

Palazzo Silone, sede della regione a L'Aquila.

Palazzo Silone, sede della regione a L'Aquila.

Corno Grande da Campo Imperatore, nel parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Corno Grande da Campo Imperatore, nel parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Colli della Val di Sangro visti da Altino

Colli della Val di Sangro visti da Altino

Tratto di costa presso Pineto, vista da Silvi paese

Tratto di costa presso Pineto, vista da Silvi paese

Interno delle Grotte del Cavallone a Lama dei Peligni

Interno delle Grotte del Cavallone a Lama dei Peligni

Massiccio della Majella

Massiccio della Majella

Un trabocco nella Costa dei Trabocchi, sito tra Fossacesia e San Vito Chietino

Un trabocco nella Costa dei Trabocchi, sito tra Fossacesia e San Vito Chietino

A Ortona si mangia così - Casc' i ova

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - Casc' i ova - (Agnello, formaggio e uova - per 4 persone)   1 Kg di cosciotto di agnello - olio - sale - pepe nero - due spicchi d'aglio - una cipolla - vino bianco - pecorino locale grattugiato - 2 uova   Tagliare a pezzi il cosciotto d'agnello e far rosolare con [...]

A Ortona si mangia così - Gncchitt bienc i rusc' chi fascioji

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - Gncchitt bienc i rusc' chi fascioji - (Gnocchetti bianchi e rossi con i fagioli - per 4 persone)   300 g di fagioli - 600 g di pomodoro passato - 500 g di carne - 6 cucchiai di olio - sale - una costa di sedano - mezza carota - uno spicchio di cipolla 500 g di [...]

Prima Pagina: Dodicesima Edizione - Al di là di Ortona

      AL DI LÀ DI ORTONA Parco fluviale e corridoio ecologico di Carrito   Faremo una passeggiata in bicicletta lungo il Giovenco, ci fermeremo nell’area attrezzata a fare uno spuntino accompagnato dall’immancabile “goccio di birra”. Sì è vero! Il Parco Fluviale voluto dal Parco Nazionale d’Abruzzo è arrivato in dirittura di arrivo: il progetto e la spesa relativa sono stati approvati. Un analogo Parco, più a valle, progettato dalla Comunità [...]

A Ortona si mangia così - Segn' i cic'

 Galleria fotografica  |  Informazioni utili  |  Luoghi da visitare  |  Appuntamenti  |  A Ortona si mangia così  |  Un po' di storia  |  Link ad altri siti    A Ortona si mangia così - Segn' i cic' - (Lasagnette con i ceci - minestra per 2 o 3 persone)   400 g di ceci  - 200 g di pomodoro passato - due spicchi d'aglio - due rametti di rosmarino - una foglia di lauro - olio - sale - pepe pasta all'uovo fatta in casa 300 g: 200 g  di farina - un [...]

Urbino 'deturpata' da stand porchetta

Urbino 'deturpata' da stand porchetta

(ANSA) – URBINO, 8 DIC – Una festa della porchetta nella culla del Rinascimento, con stand fin sotto Palazzo ducale. A Urbino, città patrimonio dell’Unesco, monta la polemica contro la giunta e l’assessore alla Rivoluzione Vittorio Sgarbi per piazza Rinascimento e piazza Duca Federico ”devastate – secondo l’opposizione e molti cittadini, scatenati sul web – da gazebo che oscurano il Palazzo ducale”, mentre in piazza Rinascimento c’è [...]

Rigopiano: Ruffini, mancato Stato

Rigopiano: Ruffini, mancato Stato

(ANSA) – PESCARA, 5 DIC – Sono mancati “una efficace gestione e coordinamento dell’emergenza. Il mio sfogo contro Prefetto e Prefettura segnalava questo problema. Un pezzo dello Stato non si era accorto, se non in ritardo, che c’era bisogno dello Stato in Abruzzo in quei giorni. Che le turbine erano poche, che le strade erano impercorribili, che l’emergenza aveva carattere eccezionale, che il prolungarsi degli eventi atmosferici avrebbe, come purtroppo [...]

I social sulla tragedia di Rigopiano

I social sulla tragedia di Rigopiano

Una storia che ha colpito al cuore gli italiani, questi alcuni messaggi.

Grillo annuncia sul blog la morte di Salvo Mandarà

Grillo annuncia sul blog la morte di Salvo Mandarà

Roma, 2 dic. (askanews) – “Se ne è andato Salvo Mandarà. Lottava da tempo contro la leucemia”. Lo ha annunciato Beppe Grillo sul suo blog: “ciao Salvo e grazie di tutto.Con affetto”, ha scritto. “Salvo – ha ricordato Grillo- viaggiò con noi in camper nel 2013 durante tutto lo Tsunami Tour facendo le dirette da tutti i palchi d’Italia con un semplice smartphone. Le dirette che fece in quei 40 giorni furono seguite da milioni di persone. Gli dicevo [...]

Abruzzo, a gennaio 20mln tonnellate neve

Abruzzo, a gennaio 20mln tonnellate neve

(ANSA) -PESCARA, 29 NOV – In quel momento in Abruzzo “si sono riversati 20 milioni di tonnellate di neve. Con tutto quello che a latere si è aggiunto dal punto di vista della sollecitazione sismica e dal punto di vista dell’interruzione della copertura dei servizi fondamentali”. Così il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso rispondendo ai giornalisti in merito alla tragedia di Rigopiano e a quanto sta emergendo dalle intercettazioni [...]

Tg Meteo Regionale Abruzzo

Tg Meteo Regionale Abruzzo

Le previsioni per il pomeriggio e la sera.