Angelino Alfano

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Angelino Alfano

La scheda: Angelino Alfano

Angelino Alfano (Agrigento, 31 ottobre 1970) è un politico italiano, ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale nel Governo Gentiloni dal 12 dicembre 2016.
Dall'8 maggio 2008 al 27 luglio 2011 è stato Ministro della giustizia nel governo Berlusconi IV, mentre dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio dei ministri nel governo Letta. Riconfermato come Ministro dell'Interno nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016, nella stessa data viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale nel successivo Governo Gentiloni.
È stato il primo e unico segretario nazionale de Il Popolo della Libertà. Nel novembre 2013 è stato promotore della scissione dal PdL e del lancio del Nuovo Centrodestra, ha anche promosso il cosiddetto Lodo Alfano. È presidente della Fondazione De Gasperi dal 2011.


Messico: Alfano, soluzione urgente

Messico: Alfano, soluzione urgente

(ANSA) – ROMA, 28 FEB – “Ho manifestato al collega le nostre forti preoccupazioni riguardo alla scomparsa in Messico dei tre connazionali e l’ho personalmente sensibilizzato circa l’urgente soluzione del caso”. Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano dopo una telefonata con Luis Videgaray Caso. “Ho sottolineato – ha aggiunto – la viva aspettativa che sia mantenuto uno stretto raccordo tra le autorità messicane che stanno conducendo [...]

Siria: Alfano, violenze disumane

Siria: Alfano, violenze disumane

(ANSA) – ROMA, 21 FEB – “Credevamo di aver visto tutto nella crisi siriana: eccidi, armi chimiche e gravissime violazioni di diritti umani. Ma le terribili notizie provenienti dalla Ghouta orientale di Damasco, ove l’offensiva del regime siriano sta barbaramente massacrando tanti civili, donne e bambini, indicano che un nuovo abisso immorale e tragico è stato raggiunto in Siria. Mi unisco all’appello dell’Onu per fermare immediatamente i [...]

EVENTI: Angelino Alfano

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da SEL e Movimento 5 Stelle contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da SEL e Movimento 5 Stelle contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da SEL e Movimento 5 Stelle contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da SEL e Movimento 5 Stelle contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Iran: aereo caduto, cordoglio di Alfano

Iran: aereo caduto, cordoglio di Alfano

(ANSA) – ROMA, 18 FEB – “Sentite condoglianze al popolo e al Governo dell’Iran per le vite spezzate dal tragico incidente aereo. Siamo vicini al vostro dolore”. E’ il tweet del ministro degli Esteri, Angelino Alfano, in merito allo schianto stamane dell’aereo di linea iraniano della Aseman Airlines con 66 passeggeri a bordo.

Siria: Alfano, regime alimenta violenza

Siria: Alfano, regime alimenta violenza

(ANSA) – KUWAIT CITY, 13 FEB – “In Siria, negli ultimi tempi, abbiamo visto una escalation di violenza e una crisi umanitaria deteriorata, alimentata dal regime” di Damasco. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano al summit ministeriale della Coalizione anti-Isis a Kuwait City. “Le reiterate brutalità, gli assedi, i bombardamenti sui civili, e i nuovi resoconti sull’uso di armi chimiche, creano le condizioni per il terrorismo di restare fiorente”, [...]

Alfano, abbiamo sconfitto l'Isis

Alfano, abbiamo sconfitto l'Isis

(ANSA) – KUWAIT CITY, 13 FEB – “Abbiamo sconfitto l’Isis” e liberato dal giogo jihadista “almeno 8 milioni di persone”. Inizia ora “la fase cruciale della nostra missione”, impedire “in ogni modo il rischio” che il sedicente Stato islamico “ritorni”. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano intervendo alla ministeriale della Coalizione anti-Isis in corso a Kuwait City.

Alfano: 'Abbiamo sconfitto l'Isis, ora inizia la fase cruciale'

Alfano: 'Abbiamo sconfitto l'Isis, ora inizia la fase cruciale'

“Abbiamo sconfitto l’Isis” e liberato dal giogo jihadista “almeno 8 milioni di persone”. Inizia ora “la fase cruciale della nostra missione”, impedire “in ogni modo il rischio” che il sedicente Stato islamico “ritorni”. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano intervendo alla ministeriale della Coalizione anti-Isis in corso a Kuwait City.

Alfano, tagliare fonti denaro per Daesh

Alfano, tagliare fonti denaro per Daesh

(ANSA) – ROMA, 12 FEB – “Domani parteciperò alla riunione ministeriale di Kuwait City della coalizione globale anti Daesh e pochi giorni dopo alla conferenza sulla sicurezza a Monaco”. Lo ha annunciato il ministro degli esteri Angelino Alfano durante la riunione alla Farnesina degli esperti della guardia di finanza distaccati all’estero. Il ministro ha insistito sulla necessità, dopo aver sconfitto l’Isis sul terreno, di tagliare le fonti di [...]

Alfano a Bangkok per 150 anni relazioni

Alfano a Bangkok per 150 anni relazioni

(ANSA) – BANGKOK, 9 FEB – Il ministro degli esteri Angelino Alfano ha concluso oggi una missione di tre giorni nel Sud-est asiatico, che lo ha portato anche in Indonesia e a Singapore, incontrando il suo omologo thailandese e il primo ministro a Bangkok. La visita – che ha marcato il 150esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Thailandia – si è svolta con l’obiettivo di allacciare nuovi legami economici e di esaminare le principali [...]

Alfano, rifinanziato Fondo Africa

Alfano, rifinanziato Fondo Africa

(ANSA) – ROMA, 06 FEB – L’Italia “ha deciso di rifinanziare il Fondo per l’Africa per ulteriori 80 milioni di euro per il biennio 2018-2019”. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Angelino Alfano nel suo intervento alla conferenza ministeriale alla Farnesina “A Shared Responsibility for a Common Goal – Solidarity and Security”. “Utilizzeremo i fondi in gran parte per progetti di sviluppo economico e sociale e soprattutto a favore delle fasce [...]

Libia: Alfano, 2018 inizia fine crisi

Libia: Alfano, 2018 inizia fine crisi

(ANSA) – MOSCA, 1 FEB – Il 2018 sarà l’anno “dell’inizio della fine della transizione per la Libia”. Così il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano in conferenza stampa a Mosca con l’omologo russo Serghei Lavrov. “Ghassan Salamé lavora da tempo per una conferenza internazionale sulla Libia e arrivare allo sbocco delle libere elezioni: l’Italia, la Russia l’Ue e tutta la comunità internazionale sono unite nel sostenere la visione [...]

FOTO: Angelino Alfano

Angiolino_Alfano

Angiolino_Alfano

Angelo_Alfano

Angelo_Alfano

Angelino_Alfano

Angelino_Alfano

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Attacco Kabul: Alfano, viltà terrorismo

Attacco Kabul: Alfano, viltà terrorismo

(ANSA) – ROMA, 27 GEN – “Il nuovo attentato talebano a Kabul è un’ulteriore prova della disumanità e viltà del terrorismo. Dall’Italia la condanna più ferma e la vicinanza ai familiari delle vittime. Solidarietà a Governo e popolo afghano”. Lo scrive il ministro degli Esteri Angelino Alfano commentando, in un Tweet, l’attacco kamikaze a Kabul che ha ucciso 40 persone e ne ha ferite 140.

Alfano, solidarietà a Save the Children

Alfano, solidarietà a Save the Children

(ANSA) – ROMA, 24 GEN- “Quello che è successo a Save The Children ci riempie il cuore di tristezza e ci ricorda quanto abbiano bisogno di sicurezza coloro i quali fanno del bene in trincea e non dietro a una scrivania”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano a proposito dell’attacco a Jalalabad aprendo la Conferenza nazionale della Cooperazione allo Sviluppo. “L’Italia manda un messaggio di affetto, solidarietà e stima a Save The [...]

Alfano a Bruxelles, Ue sostenga Tunisia

Alfano a Bruxelles, Ue sostenga Tunisia

(ANSA) – ROMA, 22 GEN – “L’Ue assicuri il sostegno alla giovane democrazia tunisina, che costituisce un modello nel Mediterraneo”. Lo ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri Angelino Alfano a Bruxelles.

Berlusconi: "Alfano ha sostenuto la sinistra, impossibile un’alleanza a livello nazionale"

Berlusconi: "Alfano ha sostenuto la sinistra, impossibile un’alleanza a livello nazionale"

Luca Romano “Alleanze nazionali impossibili, con chi fino ad oggi ha sostenuto la sinistra”. Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, intervistato dalla Stampa, chiude le porte a un accordo politico con Angelino Alfano e la sua Ap, ma conferma la possibilità di accordi sul piano regionale e locale “Alleanze nazionali impossibili, con chi fino ad oggi ha sostenuto la sinistra”

I paletti di Berlusconi sul patto con Alfano: insieme solo in Sicilia

I paletti di Berlusconi sul patto con Alfano: insieme solo in Sicilia

Fabrizio De Feo La trattativa continua. Via libera al cantiere di Costa e Tosi per costruire il «Ppe italiano» I paletti fissati da Silvio Berlusconi sono chiari: con Angelino Alfano si tratta ma solo sulla Sicilia. E così l’incontro del disgelo, inizialmente fissato a Roma tra il leader di Ncd, il plenipotenziario siciliano di Forza Italia Gaetano Miccichè, Niccolò Ghedini e Gianni Letta alla fine viene cancellato.

Angelino alfano incoerente politico

Il titolo dice tutto! Chiediamo una legge di coerenza per chi giunto al governo non possa formare un partito togliendosi dalla coalizione... MANCANO LE REGOLE !!!La politica non è una gara x una poltrona e per farsi i propri interessio i patti Triton con l'Europa.Il nostro No con anticipo per un ritorno di alfano nel centro destra!!!Riteniamo Alfano responsabile del fallimento dello stato italiano, non utile e non necessario nel ruolo di ministro in questi [...]

Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!

Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!   Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? #IoStoConGabriele Gabriele Del Grande è in carcere in Turchia da 10 giorni. Non ha commesso nessun reato e [...]

Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini...

Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini...

. . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini... da: sicilialivepalermo.it   I parenti di Angelino Alfano non finiscono mai, dopo il fratello alle Poste, i cugini alle Ferrovie. E davvero non c’è niente di male ad avere familiari sparsi un po’ ovunque, nei posti che contano e che danno diritto a sfolgoranti carriere con relativi stipendi. Si tratta, evidentemente, di [...]

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B.

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B.

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B. di Paolo Farinella | 19 gennaio 2017 171 Più informazioni su: Angelino Alfano, Bettino Craxi, Tunisia Paolo Farinella Giovedì 19 gennaio 2017 doppia data. Ricorre il 17° anniversario della morte di Bettino Craxi, il segretario che corruppe e distrusse il Psi di Turati, Nenni, Pertini per ingordigia di potere. È anche il giorno in cui il ministro degli Esteri del [...]

Alfano dice che questa Europa non può dare lezioni agli Stati Uniti

Alfano dice che questa Europa non può dare lezioni agli Stati Uniti

Roma, 30 gen. (askanews) – L’Europa non può immaginare di “mostrarsi incapace di gestire la vicenda migratoria” e “al contempo essere rispettata nel giudizio”: “Non è certamente nella posizione di esprimere valutazioni sulle scelte di altri. O vogliamo dimenticare che anche in Europa si fanno i muri e talvolta anche dove non si fanno si evocano come è accaduto per il passo del Brennero?” E’ quanto ha spiegato il ministro degli Esteri Angelino [...]