Angelino Alfano

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

Angelino Alfano

La scheda: Angelino Alfano

Angelino Alfano (Agrigento, 31 ottobre 1970) è un avvocato e politico italiano.
Dall'8 maggio 2008 al 27 luglio 2011 è stato Ministro della giustizia nel governo Berlusconi IV, mentre dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio dei ministri nel governo Letta. Riconfermato come Ministro dell'Interno nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016, nella stessa data viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale nel successivo Governo Gentiloni, terminato il 1º giugno del 2018.
È stato il primo e unico segretario nazionale de Il Popolo della Libertà. Nel novembre 2013 è stato promotore della scissione dal PdL e del lancio del Nuovo Centrodestra, ha anche promosso il cosiddetto Lodo Alfano. È presidente della Fondazione De Gasperi dal 2011.


Berlusconi: "Alfano ha sostenuto la sinistra, impossibile un’alleanza a livello nazionale"

Berlusconi: "Alfano ha sostenuto la sinistra, impossibile un’alleanza a livello nazionale"

Luca Romano “Alleanze nazionali impossibili, con chi fino ad oggi ha sostenuto la sinistra”. Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, intervistato dalla Stampa, chiude le porte a un accordo politico con Angelino Alfano e la sua Ap, ma conferma la possibilità di accordi sul piano regionale e locale “Alleanze nazionali impossibili, con chi fino ad oggi ha sostenuto la sinistra”

I paletti di Berlusconi sul patto con Alfano: insieme solo in Sicilia

I paletti di Berlusconi sul patto con Alfano: insieme solo in Sicilia

Fabrizio De Feo La trattativa continua. Via libera al cantiere di Costa e Tosi per costruire il «Ppe italiano» I paletti fissati da Silvio Berlusconi sono chiari: con Angelino Alfano si tratta ma solo sulla Sicilia. E così l’incontro del disgelo, inizialmente fissato a Roma tra il leader di Ncd, il plenipotenziario siciliano di Forza Italia Gaetano Miccichè, Niccolò Ghedini e Gianni Letta alla fine viene cancellato.

EVENTI: Angelino Alfano

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Dal 2000 è capogruppo di Forza Italia all'ARS.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Il 27 luglio 2011 Alfano si dimette dalla carica di Guardasigilli.

Dal 1989 è inoltre giornalista pubblicista.

Dal 1989 è inoltre giornalista pubblicista.

Dal 1989 è inoltre giornalista pubblicista.

Dal 1989 è inoltre giornalista pubblicista.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Nel 2002, La Repubblica rende conto della presenza di Alfano al matrimonio (avvenuto nel 1996) della figlia di Croce Napoli, indicato dagli inquirenti come boss mafioso di Palma di Montechiaro e morto nel 2001.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia Libertà contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia Libertà contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia Libertà contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 19 luglio 2013 il Senato della Repubblica Italiana discute la mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia Libertà contro il ministro Alfano per il caso Shalabayeva (moglie di un dissidente kazako arrestata ed espulsa verso il Kazakistan assieme alla figlioletta - pratica condannata dall'UNHCR come extraordinary rendition).

Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del PdL Alfano presenta dimissioni "irrevocabili",, su indicazione del presidente del PdL Berlusconi, che vuole così reagire alla linea del Partito Democratico di votare a favore della decadenza dello stesso Berlusconi da senatore.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 17 aprile 2015 Alfano querela l'Espresso per aver pubblicato un articolo riguardante consulenze e appalti andati alla moglie Tiziana Miceli (tra cui le cinque consulenze avute dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero dell'Economia) e ad altre persone vicine al Ministro come gli avvocati Angelo Clarizia e Andrea Gemma (appalto da 630.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Il 30 agosto 2014 lancia il progetto "Campo praticabile", programma coordinato dal ministero e dai vertici della Polizia per contrastare il fenomeno della violenza negli stadi.

Il 7 ottobre 2014 il ministro invia una circolare a tutti i prefetti d'Italia affinché invitino formalmente i sindaci a cancellare dai registri di stato civile, ove effettuate, le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, e avvertendo che, "in caso di inerzia, si procederà al successivo annullamento d'ufficio degli atti illegittimamente adottati".

Il 29 ottobre 2014 a Roma la polizia carica contro alcune centinaia di lavoratori dell'AST di Terni che stavano facendo un corteo verso il ministero dell'Interno.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 2017 Alfano scioglie NCD e fonda Alternativa Popolare, con la stessa ideologia e gli stessi partecipanti del precedente partito.

Il 6 dicembre 2017 Alfano dichiara pubblicamente che non si sarebbe candidato alle elezioni politiche del 2018.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Nel 1994, a seguito della trasformazione della Democrazia Cristiana nel Partito Popolare Italiano, decide di iscriversi al neonato partito Forza Italia, che vince le elezioni politiche del 27 e 28 marzo dello stesso anno.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Dal 2005 è nominato coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Il 12 dicembre 2016 Alfano viene nominato Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Il 5 luglio 2016 viene resa nota un'intercettazione effettuata nell'ambito dell'indagine che ha portato alla luce una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri.

Il 25 febbraio 2016 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, il reato contestatogli è l'abuso d'ufficio.

Angelino alfano incoerente politico

Il titolo dice tutto! Chiediamo una legge di coerenza per chi giunto al governo non possa formare un partito togliendosi dalla coalizione... MANCANO LE REGOLE !!!La politica non è una gara x una poltrona e per farsi i propri interessio i patti Triton con l'Europa.Il nostro No con anticipo per un ritorno di alfano nel centro destra!!!Riteniamo Alfano responsabile del fallimento dello stato italiano, non utile e non necessario nel ruolo di ministro in questi [...]

Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!

Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? Qualcuno gli ricordi che è LUI (purtroppo) il nostro Ministro degli Esteri! E se nessuno lo ha avvisato, ditegli che Gabriele Del Grande è CITTADINO ITALIANO ed è tenuto prigioniero!   Cosa aspetta Alfano a convocare l'Ambasciatore turco? #IoStoConGabriele Gabriele Del Grande è in carcere in Turchia da 10 giorni. Non ha commesso nessun reato e [...]

Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini...

Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini...

. . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . Alfano: i parenti non finiscono mai. Dopo il fratello, spuntano pure i cugini... da: sicilialivepalermo.it   I parenti di Angelino Alfano non finiscono mai, dopo il fratello alle Poste, i cugini alle Ferrovie. E davvero non c’è niente di male ad avere familiari sparsi un po’ ovunque, nei posti che contano e che danno diritto a sfolgoranti carriere con relativi stipendi. Si tratta, evidentemente, di [...]

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B.

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B.

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B. di Paolo Farinella | 19 gennaio 2017 171 Più informazioni su: Angelino Alfano, Bettino Craxi, Tunisia Paolo Farinella Giovedì 19 gennaio 2017 doppia data. Ricorre il 17° anniversario della morte di Bettino Craxi, il segretario che corruppe e distrusse il Psi di Turati, Nenni, Pertini per ingordigia di potere. È anche il giorno in cui il ministro degli Esteri del [...]

Alfano dice che questa Europa non può dare lezioni agli Stati Uniti

Alfano dice che questa Europa non può dare lezioni agli Stati Uniti

Roma, 30 gen. (askanews) – L’Europa non può immaginare di “mostrarsi incapace di gestire la vicenda migratoria” e “al contempo essere rispettata nel giudizio”: “Non è certamente nella posizione di esprimere valutazioni sulle scelte di altri. O vogliamo dimenticare che anche in Europa si fanno i muri e talvolta anche dove non si fanno si evocano come è accaduto per il passo del Brennero?” E’ quanto ha spiegato il ministro degli Esteri Angelino [...]

Italicum, Alfano dice che la data del voto è nelle mani di Mattarella

Italicum, Alfano dice che la data del voto è nelle mani di Mattarella

Roma, 26 gen. (askanews) – “Io non entro nel gioco delle date. Stanno nascendo in queste ore due partiti. Quello della melina rappresentato da chi usa la legge elettorale come pretesto per andare avanti. E quello della fretta rappresentato da chi dice: pur di andare al voto andiamoci anche con due sistemi differenti. Io guido il partito del buon senso”. Lo afferma in una intervista al Messaggero il ministro degli Esteri Angelino Alfano che, dopo la sentenza [...]

Alfano jr da record: 200mila euro senza aver firmato un atto

Alfano jr da record: 200mila euro senza aver firmato un atto

Il fratello del ministro Alfano manager alle Poste aveva già fatto notizia al momento dell'insediamento, ora fa scalpore vedere le cifre riguardanti il rapporto di lavoro tra Alessandro Alfano e Postecom: il suo stipendio è passato dal 2014 al 2016 da 160 a 200 mila euro. Ora però un’inchiesta della Corte dei Conti - affidata al nucleo valutario della guardia di finanza - cerca di capire se le promozioni di Alfano jr (a cominciare dall'assunzione), siano [...]

Strage Berlino, Alfano conferma la morte dell'italiana Fabrizia di Lorenzo

Strage Berlino, Alfano conferma la morte dell'italiana Fabrizia di Lorenzo

Roma, 22 dic. (askanews) – Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano ha reso noto: “La magistratura tedesca, così come ha comunicato il ministero degli Affari Esteri della Germania, ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai, c’è la certezza che, fra le vittime, c’è l’italiana Fabrizia Di Lorenzo. Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l’immenso dolore”. [...]

FOTO: Angelino Alfano

Angiolino_Alfano

Angiolino_Alfano

Angelo_Alfano

Angelo_Alfano

Angelino_Alfano

Angelino_Alfano

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Angelino Alfano nel 2013

Strage Berlino, Alfano: Fabrizia di Lorenzo è morta

Strage Berlino, Alfano: Fabrizia di Lorenzo è morta

Roma, 22 dic. (askanews) – Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano ha reso noto: “La magistratura tedesca, così come ha comunicato il ministero degli Affari Esteri della Germania, ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai, c’è la certezza che, fra le vittime, c’è l’italiana Fabrizia Di Lorenzo. Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l’immenso dolore”. [...]

Vigilanza, gli amici di Alfano nella giungla degli appalti siciliani

Vigilanza, gli amici di Alfano nella giungla degli appalti siciliani

Attualità 14 Dicembre 2016 - 12:23 GUARDIE GIURATE Vigilanza, gli amici di Alfano nella giungla degli appalti siciliani Al centro c’è la gara per la vigilanza della Ferrovia Circumetnea. La società uscente, con un documento sottoscritto dai sindacati, ha licenziato otto guardie, che dovrebbero essere assorbite dalla Ksm di Rosario Barile, che vigilò anche sulla casa di Alfano. Ma i lavoratori sono ancora per strada di Lidia Baratta «Molti degli istituti di [...]

Alfano, a Roma e provincia reati in calo

Alfano, a Roma e provincia reati in calo

(ANSA) - ROMA, 22 NOV -Durante il periodo del Giubileo i reati su Roma e provincia sono calati del 17%. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, sottolineando che il dispositivo di sicurezza messo in campo per affrontare i rischi connessi all'anno giubilare "ha propagato i suoi effetti anche oltre il Giubileo. Complessivamente sono state arrestate 3.050 persone e denunciate 9.851 cittadini. Quasi 23.000 i posti di blocco e di controllo realizzati su [...]

Alfano, il Sì ha le chance per vincere

Alfano, il Sì ha le chance per vincere

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Il Sì ha tutte le chance per vincere, anche perché è in recupero rispetto alle percentuali che i sondaggi danno ai partiti che sostengono la riforma": lo ha detto il segretario di Ncd, Angelino Alfano, a margine di un incontro organizzato dal partito a Milano per sostenere il Sì al referendum costituzionale. I partiti che sostengono il Sì "nei sondaggi stanno al 35-36 per cento nel loro insieme, invece il sì sfiora il 50 per cento, [...]

Alfano, altri 150 soldati a Milano

Alfano, altri 150 soldati a Milano

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "A Milano manderemo altri 150 militari a supportare le forze dell'ordine, che già operano a livelli eccellenti": lo ha annunciato il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, in un vertice a Palazzo Marino con il sindaco, Giuseppe Sala e il prefetto Alessandro Marangoni. "Quando sono diventato ministro - ha detto Alfano - i militari impegnati erano 400. L'obbiettivo è di averli raddoppiati". "Milano è più sicura di tante città italiane [...]

Vertice sicurezza a Milano con Alfano

Vertice sicurezza a Milano con Alfano

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - Vertice a Palazzo Marino sulla sicurezza a Milano con il ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Dopo i fatti di Piazzale Loreto, dove un dominicano è stato ucciso, e la rissa scoppiata la notte scorsa tra un gruppo di filippini sotto il grattacielo della Regione Lombardia, nella quale due giovani sono rimasti feriti, il sindaco Sala ha chiesto un intervento del Governo. Alla riunione sono presenti tutti i vertici delle forze dell'ordine [...]

De Luca: Alfano, si scusi e smettiamola

De Luca: Alfano, si scusi e smettiamola

(ANSA) - BRUXELLES, 17 NOV - "Certe parole non devono scappare nemmeno nei fuori onda. Il presidente De Luca si scusi e la chiuda al più presto possibile". Così il ministro del'Interno Angelino Alfano sul caso De Luca a margine della cena informale Ue a Bruxelles.

Sala, con Alfano parlo anche di migranti

Sala, con Alfano parlo anche di migranti

(ANSA) - MILANO, 16 NOV - "L'incontro di sabato con il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a Palazzo Marino verterà su due grandi filoni, il primo la questione dei militari e poi la questione dei migranti". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Cattolica. "Ribadisco - ha aggiunto a proposito dell'accoglienza di immigrati - che serve un piano nazionale, che sarà complesso da [...]

Prefetto,presto Alfano decide militari

Prefetto,presto Alfano decide militari

(ANSA) - MILANO, 16 NOV - Il prefetto di Milano, Alessandro Marangoni, ha spiegato che sull'invio di nuovi militari a Milano in funzione di sicurezza "deciderà presto il ministro dell'Interno", Angelino Alfano che arriverà in città il 19 novembre. "Sabato - ha aggiunto - il ministro sarà a Milano e, con il sindaco Sala, farà una valutazione delle attuali esigenze" e "scioglierà la riserva", in considerazione "della disponibilità del ministro Pinotti di [...]

Alfano, sì opere pubbliche ma no ruberie

Alfano, sì opere pubbliche ma no ruberie

(ANSA) - PALERMO, 14 NOV - "Le opere pubbliche vanno fatte, ma senza rubare. Dobbiamo rivendicare la moralità del fare, perché è assurdo non realizzare le opere per paura dei ladri". Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano che sta sottoscrivendo a Palermo un protocollo d'intesa con i prefetti siciliani e l'Anas contro le infiltrazioni criminali negli appalti finalizzato alla prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata [...]