Scopri tutto su Attila

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Attila. Cerca invece Attila.

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Attila

La scheda: Attila

Attila, in ungherese moderno: Attila, in turco: Atilla, in norvegese antico: Atle o Atli, in islandese: Atli, in tedesco: Etzel (Caucaso, 406 – Pannonia, 16 marzo 453), fu l'ultimo e più potente sovrano degli Unni. Dall'Europa, dal 434 fino alla sua morte, governò un vastissimo impero che si estendeva dall'Europa centrale al Mar Caspio, e dal Danubio al Baltico, unificando - per la prima ed ultima volta nella storia - la maggior parte dei popoli barbarici dell'Eurasia settentrionale (dai Germani agli Slavi ai così detti Ugro-Finni).
Durante il suo regno divenne il più irriducibile nemico dell'Impero romano d'Oriente e dell'Impero romano d'Occidente: invase due volte i Balcani, cinse d'assedio Costantinopoli, marciò attraverso la Francia spingendosi fino ad Aurelianum, scacciò da Ravenna l'imperatore Valentiniano III (452).
Soprannominato flagellum Dei ("flagello di Dio") per la sua ferocia, si diceva che dove fosse passato non sarebbe più cresciuta l'erba. Gli studi storici moderni vedono in lui più un predone che un distruttore insensato. Si racconta che fosse superstizioso, facesse affidamento sulle profezie e si facesse influenzare nelle decisioni in campo militare da indovini e sciamani. Le leggende bugiarde e ridicole raccontano di sue pratiche cannibalistiche e che avesse mangiato i propri figli Erp ed Eitil, che sua moglie gli servì dopo averli arrostiti nel miele. Alcuni raccontano che avrebbe avuto numerose mogli e più di cento figli in confusione con i sovrani mongoli Genghis Khan e Kublai Khan.
Nonostante il suo impero si sia disgregato alla sua morte, è diventato una figura leggendaria nella storia europea, che lo ricorda in modo diverso a seconda della zona: guerriero feroce, avido e crudele nell'area al tempo sotto Roma, condottiero impavido e coraggioso nei paesi che facevano parte del suo impero. In alcuni racconti viene celebrato come un grande e nobile re ed è il personaggio principale di diverse saghe dell'Europa settentrionale ed orientale.



Attila:
Attila in una incisione occidentale d'epoca, in forma di demone
Re degli Unni:
In carica: 434 – 453
Predecessore: Bleda e Rua
Successore: Ellac
Nascita: Caucaso, 406
Morte: Pannonia, 16 marzo 453
Padre: Mundzuk
Attila tornò in Italia nel 452 per reclamare nuovamente le sue nozze con Onoria. Il suo esercito, composto soprattutto da truppe germaniche, avanzò su Trieste ma venne fermato ad Aquileia, città fortificata di grande importanza strategica: il suo possesso permetteva di controllare gran parte dell'Italia settentrionale. Attila la cinse d'assedio per tre mesi ma inutilmente. La leggenda racconta che proprio mentre era sul punto di ritirarsi, da una torre delle mura si levò in volo una cicogna bianca che abbandonò la città con il piccolo sul dorso. Il superstizioso Attila a quella vista ordinò al suo esercito di rimanere: poco dopo crollò la parte delle mura dove si trovava la torre lasciata dalla cicogna. Attila poté così impossessarsi della città, che rase al suolo senza lasciare più nessuna traccia della sua esistenza.
Quindi si diresse verso Padova, che saccheggiò completamente. Prima del suo arrivo molti abitanti della città cercarono rifugio nelle paludi, dove avrebbero poi fondato Venezia. Dopo la presa di Aquileia l'avanzata di Attila fino a Milano avvenne senza difficoltà in quanto nessuna città tentò la resistenza ma tutte aprirono per paura le loro porte all'invasore.
Attila conquistò Milano e si stabilì per qualche tempo nel palazzo reale. Famoso è rimasto il modo singolare con cui affermò la propria superiorità su Roma: nel palazzo reale c'era un dipinto in cui erano raffigurati i Cesari seduti in trono e ai loro piedi i principi sciti. Attila, colpito dal dipinto, lo fece modificare: i Cesari vennero raffigurati nell'atto di vuotare supplici borse d'oro davanti al trono dello stesso Attila.
Nel frattempo Valentiniano fuggì da Ravenna a Roma, Ezio rimase sul campo ma mancava della potenza necessaria per ingaggiare battaglia, avendo a disposizione solo pochi uomini, era però consapevole che Attila aveva necessità di grandi quantità di foraggio e viveri per i suoi uomini e bastava un nulla perché scoppiassero epidemie, inoltre era in attesa dell'esercito che Marciano stava convogliando sul Danubio per chiudere in una sacca gli Unni. Attila si fermò finalmente sul Po, in una località tramandata col nome di "Ager Ambulejus", dove incontrò, nell'attuale Governolo, frazione di Roncoferraro, un'ambasciata formata dal prefetto Trigezio, il console Avienno e papa Leone I (la leggenda vuole che proprio il papa abbia fermato Attila mostrandogli il crocifisso). Dopo l'incontro Attila tornò indietro con le sue truppe senza pretese né sulla mano di Onoria, né sulle terre in precedenza reclamate. Sono state date diverse interpretazioni della sua azione. La fame e le malattie che accompagnavano la sua invasione potrebbero aver ridotto la sua armata allo stremo, oppure le truppe che Marciano mandò oltre il Danubio potrebbero avergli dato ragione di retrocedere, o forse entrambe le cose sono concausali alla sua ritirata. Prisco riporta che la paura superstiziosa della fine di Alarico - che morì poco dopo aver saccheggiato Roma nel 410 - diede all'Unno una battuta di arresto. La "favola che è stata rappresentata dalla matita di Raffaello e dallo scalpello di Algardi" (come l'ha chiamata Edward Gibbon) di Prospero d'Aquitania dice che il papa, aiutato da Pietro apostolo e Paolo di Tarso, lo convinse a girare al largo dalla città. Vari storici hanno supposto che l'ambasciata portasse un'ingente quantità d'oro al sovrano unno e che lo abbia persuaso ad abbandonare la sua campagna, e questo sarebbe stato perfettamente in accordo con la linea politica generalmente seguita da Attila, cioè di chiedere un riscatto per evitare le incursioni unne nei territori minacciati.
Quali che fossero le sue ragioni, Attila lasciò l'Italia e ritornò al suo palazzo attraverso il Danubio. Da lì pianificò di attaccare nuovamente Costantinopoli e reclamare il tributo che Marciano aveva tagliato. Comunque, morì nei primi mesi del 453, la tradizione, secondo Prisco, dice che la notte dopo un banchetto che celebrava il suo ultimo matrimonio (con un'ungherese di nome Krimhilda, poi abbreviato con Ildiko), egli ebbe una copiosa epistassi e morì soffocato. Una teoria alternativa prova a spiegare la tradizione dell'"epistassi" con una ipotesi di morte più credibile, probabilmente provocata da emorragia interna, più precisamente di natura digestiva.
I suoi guerrieri, dopo aver scoperto la sua morte, si tagliarono i capelli e si sfregiarono con le loro spade in segno di lutto così che, dice Giordane, "il più grande di tutti i guerrieri dovette essere pianto senza lamenti femminili e senza lacrime, ma con il sangue degli uomini". Fu seppellito in un triplo sarcofago d'oro, argento e ferro con il bottino delle sue conquiste e il corteo funebre fu ucciso per mantenere segreto il suo luogo di sepoltura. Secondo le leggende ungheresi il sarcofago si trova tra il Danubio e il Tibisco, in Ungheria. Dopo la sua morte, continuò a vivere come figura leggendaria: i personaggi di Etzel nella Saga Nibelunga e di Atli nella Saga Volsunga e nell'Edda poetica sono (seppur in maniera vaga e decisamente alterata) basati sulla sua vita.
Una storia alternativa della sua morte, registrata per la prima volta ottant'anni dopo il fatto dal cronista romano il Conte Marcellino, riporta: Attila rex Hunnorum Europae orbator provinciae noctu mulieris manu cultroque confoditur ("Attila, Re degli Unni e devastazione delle province d'Europa, fu trafitto a morte dalla mano e dalla lama di sua moglie"). La saga Volsunga e l'Edda Poetica raccontano che Re Atli morì per mano di sua moglie Gudrun. La maggioranza degli studiosi rifiuta comunque queste versioni come racconti leggendari, preferendo invece la versione data da Prisco di Panion, contemporaneo di Attila.
I suoi figli Ellak (il successore designato), Dengizico ed Ernak combatterono per la successione e, divisi, furono sconfitti e dispersi l'anno seguente nella Battaglia di Nedao (in Pannonia). L'impero di Attila non sopravvisse al suo fondatore.
Il figlio più giovane sarebbe potuto essere Merovech, capostipite dei Merovingi anche se le fonti (Gregorio di Tours e i resoconti successivi della Battaglia di Chalons) non sono certe al riguardo. Resoconti successivi della battaglia sostengono che gli Unni fossero già entrati in città, o la stessero già saccheggiando, quando arrivò l'esercito dei Romani e dei Visigoti. Giordano non fa menzione della cosa.

Attilio Bertolucci

Attilio Bertolucci     Nacque  il 18 novembre 1911 a San Lazzaro di Parma. Morì il 14 giugno 2000 a Roma, Autore di un'opera poetica molto complessa e allo stesso tempo semplice, colma di incanti dolci e profondi. ... poesia dell'appagamento, delle emozioni, dei desideri e degli affanni. che si riferisce a quell'universo che nasce dai luoghi di origine. Lasciami Sanguinare Lasciami sanguinare sulla strada sulla polvere sull'antipolvere sull'erba, il cuore [...]

Attila sull'Italia: pioggia, vento e neve a bassa quota

Attila sull'Italia: pioggia, vento e neve a bassa quota

Roma, 13 nov. (askanews) – E’ giunto con il suo carico di vento, pioggia e neve a bassissima quota. Attila sta portando maltempo diffuso al Nordest e in Toscana dove la neve sta cadendo a quote prossime alla pianura. La redazione web del sito www.iLMeteo.it avvisa che oggi le piogge, vento, pioggia e neve colpiranno principalmente il Triveneto, l’Emilia Romagna, Toscana e le regioni tirreniche meridionali. Nubifragi saranno possibili su Forlivese, Riminese, [...]

EVENTI: Attila

Il 12 ottobre 2010 i Pooh hanno presentato il loro nuovo album Dove comincia il sole.

Nel 439 Litorio, dopo alcune vittorie, era arrivato con i suoi Unni alle porte di Tolosa, intenzionato a conquistarla e a sottomettere definitivamente i Visigoti: nella battaglia che ne risultò, però, le sue truppe mercenarie unne subirono una grave sconfitta e fuggirono in disordine, mentre lo stesso Litorio fu catturato e giustiziato pochi giorni dopo.

Nel 449 Attila si lamentò perché una parte dei contadini non intendeva evacuare la zona a sud del Danubio larga cinque giorni di viaggio che i Romani dovevano evacuare secondo le condizioni del trattato.

Nel 442 conquistarono Naissus, oggi Niš con l'uso di arieti e torri d'assedio, equipaggiamenti militari di nuova concezione.

Nel 440 fecero di nuovo la loro comparsa sui confini dell'impero sanciti con il trattato aggredendo i mercanti sulla sponda settentrionale del Danubio.

Meteo SHOCK - Lunedì 13 arriva ATTILA, sciabolata artica

Meteo SHOCK - Lunedì 13 arriva ATTILA, sciabolata artica

    . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping .   Meteo SHOCK - Lunedì 13 arriva ATTILA, sciabolata artica Prima irruzione di aria artica, maltempo e neve a bassa quota L'Autunno entra nel vivo e ora fa sul serio. La prima irruzione di aria artica della stagione si sta preparando ad invadere l'Italia. Ci riuscirà nella giornata di lunedì 13, ma il tempo comincerà a peggiorare già da domenica. SITUAZIONE - Nel corso di domenica una bassa [...]

Attilio Fontana e Clizia Fornasier genitori, shopping con Blu nel marsupio

Attilio Fontana e Clizia Fornasier genitori, shopping con Blu nel marsupio

Passeggiata da genitori per Attilio Fontana e Clizia Fornasier.  L’ex componente della band dei “Ragazzi italiani”, che ha calcato anche il palco di “Tale e quale show” di Carlo Conti vincendo l'edizione 2013, sono stati sorpresi da “Vero” durante una giornata di compere nella Capitale. Attilio, da papà modello, si occupa del figlio Blu, 1 anno, portandola nel marsupio, mentre Clizia si occupa degli acquisti e di pagare il conto.

Attilio Fontana e Clizia Fornasier genitori, shopping con Blu nel marsupio

Attilio Fontana e Clizia Fornasier genitori, shopping con Blu nel marsupio

Passeggiata da genitori per Attilio Fontana e Clizia Fornasier. L’ex componente della band dei “Ragazzi italiani”, che ha calcato anche il palco di “Tale e quale show” di Carlo Conti vincendo l'edizione 2013, sono stati sorpresi da “Vero” durante una giornata di compere nella Capitale. Attilio, da papà modello, si occupa del figlio Blu, 1 anno, portandola nel marsupio, mentre Clizia si occupa degli acquisti e di pagare il conto.

Chi è Clizia Fornasier, attrice e fidanzata di Attilio Fontana

Chi è Clizia Fornasier, attrice e fidanzata di Attilio Fontana

Clizia Fornasier forma insieme ad Attilio Fontana una delle coppie più amate nel mondo dello spettacolo. La loro relazione, iniziata nel corso del programma "Tale e Quale Show", ha fatto emozionare il pubblico italiano. Classe 1985, Clizia è nata a Conegliano, vicino Treviso. Ha debuttato nel mondo dello spettacolo aggiudicandosi la fascia di Miss Veneto. In seguito ha partecipato a Miss Italia 2004, non ha vinto il concorso, ma si è fatta notare grazie alla [...]

Chi è Attilio Fontana, cantante, attore e fidanzato di Clizia Fornasier

Chi è Attilio Fontana, cantante, attore e fidanzato di Clizia Fornasier

Cantante, attore e showman, Attilio Fontana ne ha fatta di strada da quando faceva innamorare migliaia di donne come membro del gruppo musicale Ragazzi Italiani. Classe 1974, Attilio è nato a Roma da una famiglia molto unita. Suo padre è morto quando aveva solo dieci anni e da allora il rapporto con la madre Adele e con i fratelli è fortissimo. La sorella Maria Grazia Fontana insegna canto e lavora in diversi show televisivi, fra cui "Tale e Quale". La sua [...]

AGRESTI: Il successore di Attila - La Vendetta

AGRESTI: Il successore di Attila - La Vendetta

Questa volta il Sovrintendente ai Beni Culturali di Crotone, Mario pagano, ha mandato una circolare per esortare i funzionari a non far lavorare l’archeologa che lo aveva criticato.

Rispetto a baffino Attila era un dilettante allo sbaraglio

A Pisapia & Co non va giù D'Alema. L'intervista dell'ex premier al Corriere non è stata accolta né dagli uomini vicini all'ex sindaco di Milano né da Mdp.  "Niente, è più forte di lui...è 30 anni che dice a tutti 'fate come dico io'...". Nell'inner circle milanese di Pisapia, la sortita di Massimo D'Alema sul Corsera, nella quale l'ex-premier ha pontificato sul percorso che la sinistra italiana dovrà seguire da qui alle elezioni, è stata accolta quasi [...]

Grazia Attili

Grazia Attili

IL CERVELLO IN AMORE. LE DONNE E GLI UOMINI AL TEMPO DELLE NEUROSCIENZE (saggio, Mulino)

FOTO: Attila

Massima espansione dell'impero unno, 451 circa

Massima espansione dell'impero unno, 451 circa

Litografia di Attila

Litografia di Attila

Galla Placidia con i due figli: Giusta Grata Onoria e Valentiniano III (Brescia, Museo di Santa Giulia). Onoria, costretta dal fratello a sposare un senatore che non amava, contattò Attila chiedendogli di salvarla dal matrimonio combinato. Ciò fu uno dei pretesti che Attila usò per invadere l'Occidente romano

Galla Placidia con i due figli: Giusta Grata Onoria e Valentiniano III (Brescia, Museo di Santa Giulia). Onoria, costretta dal fratello a sposare un senatore che non amava, contattò Attila chiedendogli di salvarla dal matrimonio combinato. Ciò fu uno dei pretesti che Attila usò per invadere l'Occidente romano

Carta storica che descrive l'invasione della Gallia da parte degli Unni nel 451 d.C., e la battaglia dei Campi Catalaunici. Sono mostrati i probabili itinerari, e le città conquistate o risparmiate dagli Unni

Carta storica che descrive l'invasione della Gallia da parte degli Unni nel 451 d.C., e la battaglia dei Campi Catalaunici. Sono mostrati i probabili itinerari, e le città conquistate o risparmiate dagli Unni

Invasione degli Unni in Italia

Invasione degli Unni in Italia

Incontro tra Leone il Grande e Attila, Affresco, 1514, Stanza di Eliodoro, Palazzi Pontifici, Vaticano. L'affresco fu completato durante il pontificato di Leone X (papa dal 1513 al 1521). Secondo la leggenda, la miracolosa apparizione dei Santi Pietro e Paolo armati con spade durante l'incontro tra Papa Leone e Attila (452) avrebbe spinto il re degli Unni a ritirarsi, rinunciando al sacco di Roma

Incontro tra Leone il Grande e Attila, Affresco, 1514, Stanza di Eliodoro, Palazzi Pontifici, Vaticano. L'affresco fu completato durante il pontificato di Leone X (papa dal 1513 al 1521). Secondo la leggenda, la miracolosa apparizione dei Santi Pietro e Paolo armati con spade durante l'incontro tra Papa Leone e Attila (452) avrebbe spinto il re degli Unni a ritirarsi, rinunciando al sacco di Roma

Governolo, lapide a Papa Leone I.[21]

Governolo, lapide a Papa Leone I.[21]

Via Attilio Regolo

Via Attilio Regolo

Via Attilio Regolo

Sottomarino Attilio Bagnolini

Sottomarino Attilio Bagnolini

Sottomarino Killer SSK 505 "Attilio Bagnolini" Il suo motto :  A montibus in imos una virtus Costruzione in legno  di Luisi Giuseppe  motorista navale (classe 1937)                         Il motto dell'A.N.M.I.  :  Una volta marinaio......marinaio per sempre 

Antonella Attili

Antonella Attili

Interprete sia nel film "Peggiori" che in "Cuori Puri".

L'11 GIUGNO MANDIAMO A CASA GLI ABBONATI AL "PREMIO ATTILA" !!!

Durante le recenti feste pasquali e del 1 maggio,�il centro storico di Nicola � stato visitato da centinaia di persone, che si sono scandalizzate per lo stato deplorevole in cui si trova il borgo, e ci chiedevano da chi eravamo cos� malamente amministrati.�Ovviamente da personaggi dell'area di�Centrosinistra, abbiamo risposto,� che�si sono sempre disinteressati dei nostri centri storici,�un po' per incapacit�, un po' perch� essendo poco [...]

L'11 GIUGNO MANDIAMO A CASA GLI ABBONATI AL "PREMIO ATTILA" !!!

Durante le recenti feste pasquali e del 1 maggio,�il centro storico di Nicola � stato visitato da centinaia di persone, che si sono scandalizzate per lo stato deplorevole in cui si trova il borgo, e ci chiedevano da chi eravamo cos� malamente amministrati.�Ovviamente da personaggi dell'area di�Centrosinistra, abbiamo risposto,� che�si sono sempre disinteressati dei nostri centri storici,�un po' per incapacit�, un po' perch� essendo poco [...]

L'11 GIUGNO MANDIAMO A CASA GLI ABBONATI AL "PREMIO ATTILA" !!!

Durante le recenti feste pasquali e del 1 maggio, il centro storico di Nicola è stato visitato da centinaia di persone, che si sono scandalizzate per lo stato deplorevole in cui si trova il borgo, e ci chiedevano da chi eravamo così malamente amministrati. Ovviamente da personaggi dell'area di Centrosinistra, abbiamo risposto,  che si sono sempre disinteressati dei nostri centri storici, un po' per incapacità, un po' perché essendo poco popolati, e [...]

L'11 GIUGNO MANDIAMO A CASA GLI ABBONATI AL "PREMIO ATTILA" !!!

Durante le recenti feste pasquali e del 1 maggio,�il centro storico di Nicola � stato visitato da centinaia di persone, che si sono scandalizzate per lo stato deplorevole in cui si trova il borgo, e ci chiedevano da chi eravamo cos� malamente amministrati.�Ovviamente da personaggi dell'area di�Centrosinistra, abbiamo risposto,� che�si sono sempre disinteressati dei nostri centri storici,�un po' per incapacit�, un po' perch� essendo poco [...]

Ricordando Attilio Oddera

Ricordando Attilio Oddera

Oggi Pontinvrea si è stretta nel dare l'ultimo saluto a Attilio Oddera, proprietario, insieme alla moglie Laura, della Pineta e del Beer Room, nonché padre del noto campione... Continua

La lettera di Attilio

La lettera di Attilio

Clizia si commuove ascoltando le bellissime parole che il marito dedica a lei e al loro piccolo Blu.

Attilio e Clizia

Attilio e Clizia

Un amore nato durante il programma "Tale e quale", che si è coronato con la nascita di uno splendido bambino.