Benito Mussolini

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

Benito Mussolini

La scheda: Benito Mussolini

Fondatore del fascismo, fu Presidente del Consiglio del Regno d'Italia dal 31 ottobre 1922 al 25 luglio 1943. Nel gennaio 1925 assunse de facto poteri dittatoriali e dal dicembre dello stesso anno acquisì il titolo di Capo del governo primo ministro segretario di Stato. Divenne Primo Maresciallo dell'Impero il 30 marzo 1938 e fu capo della Repubblica Sociale Italiana dal settembre 1943 al 27 aprile 1945.

Ma come si fa a fare altro debito con l'enorme debito che già abbiamo? È evidente che falliremo, che ci porteranno alla fame nera come fece Mussolini

Ma come si fa a fare altro debito con l'enorme debito che già abbiamo? È evidente che falliremo, che ci porteranno alla fame nera come fece Mussolini

L'avvertimento di Moscovici: "Il popolo italiano pagherà il conto" Ma loro la SETTA sfottono dicendomi:concordo ma c'è un fatto... nonostante l'austerity promossa dai soloni della UE il debito è salito ugualmente, che si fa allora? SETTARI SFASCISTI. Ma smettetela con questa litania, il debito è aumentato negli anni della crisi perché ci sono voluti una marea di soldi per gli ammortizzatori sociali, continuate a dimenticare che veniamo dalla più grande [...]

Spira forte il vento del “me ne frego”. Poco importa, come nel ventennio, arriverà il momento in cui non potranno più fregarsene

Spira forte il vento del “me ne frego”. Poco importa, come nel ventennio, arriverà il momento in cui non potranno più fregarsene

Spira forte il vento del “me ne frego”Caro agli arditi della Prima Guerra Mondiale e reso popolare da Gabriele D'Annunzio con l'Impresa di Fiume, ai tempi delle prime scorribande anti-operaie del 1919 il motto "me ne frego" comparve sulle bende insanguinate che gli squadristi esibivano a significare che l'ideale attenua persino il dolore fisico. Per estensione, "me ne frego" (che nomineremo MNF da qui in avanti) durante il Ventennio fu usato per tacitare [...]

EVENTI: Benito Mussolini

L'11 aprile 1911 la sezione socialista di Forlì guidata da Mussolini votò l'autonomia dal PSI.

Nel 1937 la ONB sarà sostituita dalla gioventù italiana del littorio (GIL).

Il 31 ottobre 1937 inaugurò la nuova città di Guidonia, importante polo strategico di ricerche aeronautiche con il DSSE, e Pontinia il 13 novembre.

Il 2 gennaio 1937 venne siglato il cosiddetto gentlemen's agreement tra Italia e Regno Unito, col quale si definirono i diritti di entrata, uscita e transito nel Mediterraneo e si stabilì di evitare la modifica dello «status quo relativo alla sovranità nazionale dei territori del bacino del Mediterraneo», Spagna inclusa.

Il 3 dicembre 1937 venne stipulato a Bangkok un trattato di amicizia, commercio e navigazione col Siam (attuale Thailandia).

Il 7 maggio 1936 Mussolini ricevette da Vittorio Emanuele III la Gran Croce dell'Ordine militare di Savoia.

Il 24 luglio 1936 si accordò con Hitler per l'invio di contingenti militari in Spagna a sostegno di Francisco Franco, il cui colpo di Stato del 18 luglio aveva scatenato la guerra civile spagnola.

Il 19 gennaio 1939 la Camera dei deputati venne soppressa e sostituita dalla Camera dei Fasci e delle Corporazioni.

Il 22 maggio 1939 Galeazzo Ciano, ministro degli esteri italiano, firma il Patto d'Acciaio con la Germania, che sancisce ufficialmente la nascita di un'alleanza vincolante italo-tedesca.

Il 19 febbraio 1912 la Corte d'Appello di Bologna ridusse la pena a cinque mesi e mezzo e il successivo 12 marzo Mussolini venne rilasciato.

Nel 1915, con rito civile, sposò a Treviglio Rachele Guidi, figlia della nuova compagna di suo padre.

Il 29 marzo 1933 Mussolini incontrò a Roma il Ministro della Propaganda tedesco Joseph Goebbels.

Nel 1932, presumibilmente insieme a Giovanni Gentile (o comunque sotto la sua influenza), Mussolini scrisse la voce fascismo per l'enciclopedia Treccani, in cui precisava la dottrina del suo partito.

Il 23 febbraio 1917 fu ferito gravemente dallo scoppio di un lanciabombe durante un'esercitazione sul Carso.

Nel 1935, Mussolini decise di occupare l'Etiopia, provocando l'isolamento internazionale dell'Italia.

Nel 1935 si ha l'istituzione del sabato fascista.

Il 5 febbraio 1934 vennero istituite le 22 corporazioni.

Nel 1934 si tennero inoltre i primi littoriali della cultura e dell'arte e venne istituita, nell'ambito della terza edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, la Coppa Mussolini, premio antesignano del Leone d'oro.

Nel 1931 Mussolini esplicitò il proprio rifiuto della democrazia, definendo la disuguaglianza come «feconda e benefica» e in "Dottrina del Fascismo" scrisse che «regimi democratici possono essere definiti quelli nei quali, di tanto in tanto, si dà al popolo l'illusione di essere sovrano, mentre la vera effettiva sovranità sta in altre forze talora irresponsabili e segrete».

Nel 1930 l'Italia siglò un trattato di amicizia con l'Austria.

Nel novembre del 1907 ottenne l'abilitazione all'insegnamento della lingua francese e nel marzo 1908 gli venne assegnato un incarico come professore di francese presso il Collegio Civico di Oneglia, dove insegnò anche Italiano, Storia e Geografia.

Il 18 luglio 1908 fu arrestato per minacce a un dirigente delle organizzazioni padronali.

Il 6 febbraio 1909 si trasferì a Trento, capitale dell'irredentismo italiano, dove venne eletto segretario della Camera del Lavoro e diresse il suo primo quotidiano, L'avvenire del lavoratore.

L'11 febbraio 1929 Mussolini pose termine alla decennale questione romana, firmando col cardinale Pietro Gasparri i patti lateranensi, ratificati alla Camera in maggio.

Il 7 febbraio 1996 l'allora Ministro della Difesa, generale Domenico Corcione, sostenne davanti al Parlamento l'uso delle armi chimiche da parte italiana durante la guerra d'Etiopia.

Il 15 gennaio 1928 venne fondato l'Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche (EIAR) ente statale cui competeva in esclusiva la gestione del servizio pubblico radiofonico sul territorio nazionale.

Nel 1927 tutte le altre organizzazioni giovanili furono sciolte per legge, ad eccezione della Gioventù Italiana Cattolica.

Il 15 gennaio 1927 Winston Churchill, allora Cancelliere dello Scacchiere, fu accolto a Roma da Mussolini, che nel frattempo lanciò la campagna a sostegno della crescita demografica: gli scapoli furono tenuti a pagare una tassa speciale, in occasione dei matrimoni lo Stato elargì un premio in danaro agli sposi, e furono previsti prestiti, agevolazioni economiche (anche nel campo dell'educazione scolastica dei figli) ed esenzioni dalle tasse per le famiglie numerose (premi di natalità).

L'11 settembre 1926 egli attese che Mussolini uscisse dalla sua abitazione e gli lanciò una bomba a mano che colpì il tetto dell'auto del duce e scoppiò a terra ferendo otto persone.

Il 3 aprile 1926 venne abolito il diritto di sciopero e si stabiliva che i contratti collettivi potessero essere stipulati solo dai sindacati legalmente riconosciuti dallo Stato, in tale contesto, l'8 luglio 1926 venne costituito il Ministero delle Corporazioni, di cui Mussolini assunse la direzione.

Il 14 giugno 1925 il Presidente del Consiglio annunciò l'inizio della battaglia del grano.

Tra il 1925 e il 1926 furono varate le leggi fascistissime, ispirate dal giurista Alfredo Rocco.

Il 27 gennaio 1924 venne firmato il trattato di Roma tra Italia e Jugoslavia, col quale quest'ultima riconobbe all'Italia Fiume, annessa il 22 febbraio.

Il 10 giugno 1924 Matteotti venne sequestrato per mano di squadristi fascisti e di lui, per settimane, non ci fu più traccia.

Il 14 gennaio 1923 le camicie nere vennero istituzionalizzate attraverso la creazione della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale.

Nel febbraio del 1922 divenne primo ministro Luigi Facta, l'ultimo liberale prima di Mussolini, personaggio di modesto spessore.

Il 15 dicembre 1922 si istituì il Gran Consiglio del Fascismo.

Nel gennaio del 1921 la minoranza comunista usciva dal PSI per fondare il Partito Comunista d'Italia, ciò mise in allarme Mussolini perché i socialisti, ricollocatisi su posizioni più moderate, avrebbero potuto essere interpellati da Giolitti per una collaborazione governativa, escludendo in questo modo i fascisti dagli scenari politici principali.

Nel 1940, ritenendo ormai prossima la vittoria della Germania, fece entrare l'Italia nella seconda guerra mondiale.

Il 10 marzo 1940 Mussolini accoglie a Roma il ministro degli esteri tedesco Joachim von Ribbentrop e il successivo 18 marzo incontra Hitler al Brennero, ricevendo da entrambi forti pressioni ad entrare in guerra al fianco della Germania.

Il 27 settembre 1940 Italia, Germania e Giappone si uniscono nel Patto Tripartito, cui aderiranno anche nell'ordine, nel corso della guerra, Ungheria (20 novembre 1940), Romania (23 novembre), Slovacchia (24 novembre), Bulgaria (1º marzo 1941) e Jugoslavia (27 marzo).

Il 4 ottobre 1940 Mussolini incontra Hitler al Brennero per stabilire di comune accordo una strategia militare, tuttavia, il 12 ottobre i tedeschi prendono controllo della Romania, sita nella zona di influenza italiana e ricca di giacimenti petroliferi, senza avvisare gli Italiani.

Il 29 aprile 1942 Mussolini incontra Hitler a Salisburgo: durante questo colloquio i due capi di governo si accordano per scatenare a breve una grande offensiva in Africa settentrionale.

Nel 1944 verrà ribattezzato RAI (Radio Audizioni Italiane).

Un giorno, anche la plebaglia si risveglierà. E saranno calci in culo.  E’ capitato persino a Mussolini.

Un giorno, anche la plebaglia si risveglierà. E saranno calci in culo. E’ capitato persino a Mussolini.

LA KASTA DEGLI ASINI. Ignoranti e bugiardi. Hanno detto che c'erano 70 miliardi pronti per il reddito di cittadinanza, ma era una balla, come tutto il resto. C’è qualcosa di patetico, e di umiliante, nelle ultime mosse del governo gialloverde. Hanno rimbambito mezza Italia con le loro fake news, le loro stupide grida “honestà”, hanno detto a tutti, sventolando fogli di carta, che nelle casse dello Stato c’erano 80 miliardi belli e pronti per dare corso [...]

Sorpresa: Il MoVimento 5 Stelle si è perso 70 miliardi di euro di coperture. E per nascondere le balle dette fin ora ! MINACCIA EPURAZIONI.

Sorpresa: Il MoVimento 5 Stelle si è perso 70 miliardi di euro di coperture. E per nascondere le balle dette fin ora ! MINACCIA EPURAZIONI.

Ci sono ministri “poco seri” che non “riescono” a trovare i soldi per la legge di stabilità. E ci sono ex candidati premier, oggi ministri e vicepremier, che qualche mese fa quei soldi sapevano esattamente dove trovarli e che ora però non li trovano più. Luigi Di Maio mostra segni di irritazione per lo scontro con il ministro dell’Economia; «non possiamo aspettare due-tre anni per rispettare le promesse» ha detto al suo arrivo in Cina proponendo [...]

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia https://www.corriere.it/video-articoli/2017/10/08/italia-leggi-razziali-oggi-nessuno-ricorda-video-restaurato-benito-mussolini-che-annuncia/56a61760-ac37-11e7-b229-0974b7f57cc3.shtml  di Gian Guido Vecchi, video dell'Istituto Luce     shadow 14 35922         Trieste, 18 settembre 1938, mattina. Il cacciatorpediniere «Camicia Nera» [...]

Replica Sassari a saluto romano funebre

Replica Sassari a saluto romano funebre

(ANSA) – SASSARI, 14 SET – Al saluto romano con tanto di picchetto e “chiamata del presente” per il funerale di docente universitario Gianpiero Todini, che ha suscitato aspre polemiche e sul quale è stata aperta un’inchiesta che vede indagate 23 persone, il Comune di Sassari risponde con la trasposizione teatrale della storia di Vittorio Palmas, 105 anni, che durante il nazifascismo fu deportato nel lager di Bergen Belsen, lo stesso di Anna Frank. La [...]

'Non Hitler, ma Mussolini',  scontro Moscovici-Di Maio

'Non Hitler, ma Mussolini', scontro Moscovici-Di Maio

PARIGI –  L’Italia è “un problema” nella zona euro: lo ha detto il commissario europeo agli Affari Economici, Pierrre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi. “C’è un problema che è l’Italia”, ha dichiarato il responsabile Ue, aggiungendo: “E’ proprio l’Italia il tema su cui mi voglio concentrare prima di tutto”.  Il commissario Ue agli affari economici  ha avvertito l’Italia che ridurre il debito pubblico è nel suo stesso [...]

Di Maio, non siamo dei Mussolini

Di Maio, non siamo dei Mussolini

(ANSA) – ROMA, 13 SET – “L’atteggiamento da parte di alcuni commissari europei è inaccettabile, veramente insopportabile. Dall’alto della loro Commissione europea si permettono di dire che in Italia coi sono tanti piccoli Mussolini, non si devono permettere!”. Lo ha detto Luigi Di Maio commentando le dichiarazioni di Moscovici.

Saluto romano a funerale: Digos a lavoro

Saluto romano a funerale: Digos a lavoro

(ANSA) – SASSARI, 12 SET – La Procura di Sassari ha affidato alla Digos ulteriori accertamenti sull’episodio del saluto romano, con tanto di picchetto e “chiamata del presente”, dello scorso 2 settembre sul sagrato della chiesa di San Giuseppe a Sassari per il funerale del docente universitario Giampiero Todini. Per quelle esequie il procuratore capo Gianni Caria e il suo sostituto Paolo Piras hanno già iscritto 23 persone sul registro degli indagati, [...]

Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...!

Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...! Lo scrittore a Radio Capital avvisa: “Rischiamo di tornare al fascismo”. E sui 5 Stelle: “Subalterni alla Lega” Il padre del commissario Montalbano, Andrea Camilleri, a 90 anni ha la memoria perfetta. E a Radio Capital, alla ripresa del programma “Circo Massimo” di Massimo Giannini, ricorda [...]

FOTO: Benito Mussolini

Mussolini in una fotografia del 1897, all'età di 14 anni, all'epoca studente delle scuole magistrali di Forlimpopoli

Mussolini in una fotografia del 1897, all'età di 14 anni, all'epoca studente delle scuole magistrali di Forlimpopoli

Foto segnaletica di Mussolini nel periodo svizzero (1903), quando fu arrestato dalla polizia elvetica perché sprovvisto di documento d'identità: Il cartello riporta l'erronea dicitura Mussolini Benedetto

Foto segnaletica di Mussolini nel periodo svizzero (1903), quando fu arrestato dalla polizia elvetica perché sprovvisto di documento d'identità: Il cartello riporta l'erronea dicitura Mussolini Benedetto

Mussolini nella veste di direttore dell'Avanti! (1912-1914), quotidiano del Partito Socialista Italiano

Mussolini nella veste di direttore dell'Avanti! (1912-1914), quotidiano del Partito Socialista Italiano

Mussolini mentre viene arrestato a Roma l'11 aprile 1915 dopo un comizio a favore dell'intervento dell'Italia nella guerra.

Mussolini mentre viene arrestato a Roma l'11 aprile 1915 dopo un comizio a favore dell'intervento dell'Italia nella guerra.

Mussolini con l'uniforme dei Bersaglieri (1915) durante la prima guerra mondiale

Mussolini con l'uniforme dei Bersaglieri (1915) durante la prima guerra mondiale

Mussolini convalescente all'ospedale militare dopo un incidente occorso durante un'esercitazione (1917)

Mussolini convalescente all'ospedale militare dopo un incidente occorso durante un'esercitazione (1917)

Mussolini caporale in una trincea sul Carso

Mussolini caporale in una trincea sul Carso

Saluto romano a funerale a Sassari, ci sono 23 indagati

Saluto romano a funerale a Sassari, ci sono 23 indagati

Tutti i partecipanti al saluto romano al funerale del docente universitario Giampiero Todini, il 2 settembre scorso a Sassari, risultano indagati dalla Procura sassarese. Ne dà notizia oggi il quotidiano La Nuova Sardegna.     Si tratta di 23 persone, identificate dalla Digos grazie ai video girati all’esterno della chiesa. Secondo quanto scrive il quotidiano sardo sarebbe solo l’inizio in quanto l’indagine della Procura di Sassari prosegue e potrebbe [...]

Saluto romano a Sassari: 23 indagati

Saluto romano a Sassari: 23 indagati

(ANSA) – SASSARI, 10 SET – Tutti i partecipanti al saluto romano al funerale del docente universitario Giampiero Todini, il 2 settembre a Sassari, risultano indagati dalla Procura sassarese. Ne dà notizia oggi il quotidiano La Nuova Sardegna. Si tratta di 23 persone, identificate dalla Digos grazie ai video girati all’esterno della chiesa. Secondo quanto scrive il quotidiano sardo sarebbe solo l’inizio in quanto l’indagine della Procura di Sassari [...]

Foto di Mussolini al bar, dissequestrata

Foto di Mussolini al bar, dissequestrata

(ANSA) – MODICA (RAGUSA), 8 SET – La foto di Benito Mussolini, che mette in mostra la celebre mascella sopra una citazione attribuita al duce, potrà tornare su una parete del bar Fucsia di Modica. Era stata rimossa un mese fa su segnalazione di una giovane che si era rivolta ai carabinieri ma ora il tribunale del Riesame di Ragusa l’ha dissequestrata. Due le motivazioni poste alla base della decisione. Da un lato l’esposizione della foto è una forma, [...]

Guinness 2019 il go-kart a reazione piu veloce del mondo supera i 180 kmh

Guinness 2019 il go-kart a reazione piu veloce del mondo supera i 180 kmh

Guinness World Records rivela i nuovi eccezionali primatisti e le loro storie di successo.

Saluto romano: Odg prende distanze

Saluto romano: Odg prende distanze

(ANSA) – CAGLIARI, 6 SET – Sulla vicenda del saluto romano al funerale di un docente universitario a Sassari, prende posizione anche l’Ordine dei Giornalisti. Il figlio del defunto, Luigi Todini, attivista di Casapound che ha partecipato alle esequie spiegando poi di aver voluto rispettare la volontà del padre, è iscritto come pubblicista all’albo della Sardegna. “I giornalisti, più ancora rispetto ad altre categorie professionali, hanno pagato un [...]

Saluto romano a funerali: esposto M5s

Saluto romano a funerali: esposto M5s

(ANSA) – SASSARI, 5 SET – “Cordoglio per la famiglia del professor Giampiero Todini, che ho conosciuto quando ero studente a Giurisprudenza, ma ciò che è successo domenica scorsa sul sagrato della chiesa di San Giuseppe deve essere vagliato attentamente dall’autorità giudiziaria”. Così il senatore del Movimento 5 Stelle, Ettore Licheri, motiva l’esposto-denuncia che ha presentato oggi in Procura a Sassari, dopo la bufera politica e mediatica sul [...]

Saluto romano a funerale Sassari, video e polemiche su Fb

Saluto romano a funerale Sassari, video e polemiche su Fb

Saluto romano ad un funerale, video e polemiche su Fb

Saluto romano ad un funerale, video e polemiche su Fb

Il saluto romano al funerale di Gianpiero Todini, docente di Diritto Italiano all’Università di Sassari, sta suscitando polemiche su Facebook. Nel video si vedono e si sentono i “camerati” schierati dare l’ultimo saluto al professore, alzando il braccio destro e rispondendo con il grido “Presente” al richiamo “Camerata Giampiero Todini”. La scena si ripete per tre volte davanti al feretro sul sagrato della Chiesa di San Giuseppe a Sassari dove [...]

Sassari, saluto fascista al funerale del prof: camerata, presente

Sassari, saluto fascista al funerale del prof: camerata, presente

Sassari (askanews) - "Camerata Giampiero Todini"... "presente!". Fanno discutere a Sassari i funerali di Giampiero Todini, professore di Diritto italiano nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Sassari, morto sabato scorso all'età di 72 anni. Laura Maria Grazia ("Lalla") Careddu, consigliera della lista "Città Futura" nel Consiglio comunale di Sassari, ha postato sul suo profilo Facebook un video che riprende quanto accaduto prima delle esequie [...]

Saluto romano a funerale, video su Fb

Saluto romano a funerale, video su Fb

(ANSA) – SASSARI, 4 SET – Il saluto romano al funerale di Gianpiero Todini, docente di Diritto Italiano all’Università di Sassari, sta suscitando polemiche su Facebook. Nel video si vedono e si sentono i “camerati” schierati dare l’ultimo saluto al professore, alzando il braccio destro e rispondendo con il grido “Presente” al richiamo “Camerata Giampiero Todini”. La scena si ripete per tre volte davanti al feretro sul sagrato della Chiesa di [...]