Scopri tutto su Borsa Italiana

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

Borsa valori di Milano

La scheda: Borsa valori di Milano

Tra i mercati di Borsa valori nazionali esistenti in passato, la Borsa di Milano ha sempre rappresentato la piazza più importante del Paese, anche quando erano presenti – in ordine cronologico – le borse di Venezia (1630), Trieste (1775) e la Borsa di Roma (1802). A seguito della privatizzazione dei mercati di borsa, avvenuta nel 1998, le dieci borse valori locali presenti in Italia - Milano, Roma, Trieste, Venezia, Napoli, Torino, Genova, Firenze, Bologna e Palermo- sono state chiuse ed accorpate in un unico soggetto: Borsa Italiana. Con sede a Milano, Borsa Italiana è, oggi, la società che si occupa della gestione e funzionamento di tutto il mercato finanziario italiano.



Borsa di Milano:
Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano
Stato:  Italia
Forma societaria: Borsa valori
Fondazione: 1808 a Milano
Settore: Finanza
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Con la nascita dell'Italia unita, sulla Borsa vennero quotate, con l'intermediazione di banche su base azionaria come il Credito Mobiliare e la Banca Generale e molte case bancarie private milanesi, come Achille Villa, Burocco Casanova, Giulio Belinzaghi, Zaccaria Pisa, Vonviller & C., Weill-Schott, ingenti quantità di titoli di debito statali, necessari a ripagare gli sforzi finanziari sostenuti per l'unificazione, a cui si aggiunsero titoli di poche grandi società private come banche, compagnie ferroviarie e assicurazioni.
Tra i maggiori titoli industriali tra il 1862 e il 1894 le azioni e le obbligazioni Società per le strade ferrate meridionali (oggi Bastogi, quotatasi nel 1863), Società ferrovie del mediterraneo, Navigazione generale italiana, Acciaierie e fonderie di Terni, Società generale immobiliare, cui si aggiungevano i titoli della Banca Nazionale nel Regno d'Italia e del Credito Mobiliare.
La seconda rivoluzione industriale in Italia si manifestò con un po' di ritardo anche a causa della mancanza di materie prime e della non facilità di capitali mobilitabili. Nonostante questo gli ultimi due decenni dell'Ottocento, in particolare dal 1895, furono caratterizzati da una crescita economica e industriale molto intensa, sospinta dal governo e coadiuvata da banche milanesi come la Banca Commerciale Italiana (1894-5), il Credito Italiano (1895) e altre banche e banchieri, la Borsa venne scelta quale via per il coinvogliamento di capitali nelle grandi imprese e alcune banche si specializzarono appunto in questa funzione di intermediazione e garanzia verso il pubblico. Così i titoli azionari quotati a Milano aumentarono da 23 del 1895 a 54 del 1900, per toccare i 160 titoli nel 1913.
La rapida crescita del mercato mobiliare già sul finire del XIX secolo, rese il Palazzo dei Giureconsulti non più sufficiente ad accogliere tutti gli operatori, così fu deciso di realizzare un nuovo edificio specificatamente destinato a questo in Piazza Cordusio. Palazzo Broggi (opera di Luigi Broggi, oggi sede centrale milanese delle Poste Italiane) venne inaugurato nel 1901.
Nel corso del XIX secolo si erano diffuse anche piazze di scambio minori e con funzione prettamente regionale come la Borsa Valori di Roma, la Borsa Valori di Torino, la Borsa Valori di Bologna, la Borsa Valori di Genova e la Borsa Valori di Firenze.
La Borsa di Milano emerse su tutte le altre poiché su di essa erano quotate le principali società industriali italiane, e per questo i volumi degli scambi aumentarono ancora considerevolmente.
Alla metà degli anni venti Palazzo Broggi si decise che non bastava più e nel 1928 venne assegnata a Paolo Mezzanotte la realizzazione della nuova (e ultima) sede: Palazzo Mezzanotte, in Piazza Affari, che fu inaugurato nel 1932.
La forte riduzione della liquidità, attuata dalla Banca d'Italia su ordine del governo, a partire dall'estate del 1927 tuttavia iniziò a riverberarsi sull'economia e sulla Borsa. La crisi finanziaria del 1929 e seguenti depresse fortemente i valori dei titoli industriali, rivalutando il reddito fisso. La volontà del governo di indirizzare il risparmio privato verso il titoli del debito pubblico si realizzò negli anni seguenti al 1929.
Con l'avvento dello stato imprenditore e banchiere (IRI e più tardi IMI) e con altri provvedimenti dirigistici, tra cui la chiusura dell'Italia nei confronti del mercato internazionale dei capitali, la funzione della Borsa quale intermediaria del capitale privato per le imprese perse di importanza, fatti salvi ancora alcuni titoli come Edison, Bastogi, Fiat, Pirelli, Ras, Assicurazioni generali.

Con la legge 2 gennaio 1991 n.1, venne approvata la riforma dei mercati mobiliari. Questa portò all'istituzione del Consiglio di Borsa, con sede a Milano, che raccoglieva tutte le funzioni di organizzazione del mercato precedentemente gestite dai vari organi locali.
Nel 1996, con il decreto legislativo 23 luglio n.415, venne definitivamente sancito il completo passaggio di tutte le attività di organizzazione e gestione dei mercati regolamentati dall’autorità pubblica all’impresa privata.
A seguito di queste introduzioni, il 7 febbraio 1997 nacque la società privata Borsa Italiana S.p.A., con sede a Milano, che accorpò definitivamente tutte le borse valori locali presenti in Italia e alla quale venne affidata l'organizzazione e la gestione di tutti i mercati regolamentati allora presenti. La società è operativa dal 2 gennaio 1998.

Borsa, AIM Italia diventa SME Growth Market

Borsa, AIM Italia diventa SME Growth Market

(Teleborsa) - AIM Italia fa passi da gigante. Il mercato dedicato alle piccole e medie imprese, diventa mercato di crescita per le PMI o “SME Growth Market”. La nuova categoria di Multilateral Trading Facility è stata ideata dalla Commissione Europea all’interno della direttiva MiFID II, come parte del piano per l’integrazione dei mercati dei capitali, per sviluppare un apposito quadro normativo che possa facilitare l’accesso delle PMI al mercato dei [...]

1 minuto in Borsa 18 dicembre 2017

1 minuto in Borsa 18 dicembre 2017

(Teleborsa) - Seduta in rally a Piazza Affari, che si allinea alla giornata strepitosa delle borse europee. Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, acquisti a piene mani su Saipem, che vanta un incremento del 3,07%. I più forti ribassi, invece, si verificano su Mediaset, che continua la seduta con -0,97%. Seduta in lieve rialzo per l'oro, che avanza a 1.259 dollari l'oncia. Tra le grandezze macroeconomiche più importanti, in Unione Europea, annunciati i [...]

Borsa Milano forte con Europa, ok Saipem

Borsa Milano forte con Europa, ok Saipem

(ANSA) – MILANO, 18 DIC – L’accordo politico sulla riforma fiscale negli Usa voluta da Trump, che potrebbe venir approvata anche prima di Natale, sostiene i listini azionari del Vecchio continente: avvicinandosi a metà giornata Francoforte sale di un punto percentuale e mezzo, Parigi dell’1,2%, più cauta Londra (+0,4%), con Milano che cresce dello 0,7%. Tra i titoli principali il migliore resta Saipem, in rialzo del 3% spinta dalla ripresa del prezzo del [...]

Borsa, al via l'indice FTSE Italia Brands

Borsa, al via l'indice FTSE Italia Brands

(Teleborsa) - Debutta a Piazza Affari il nuovo indice FTSE Italia Brands, vetrina dei brand eccellenti del Made in Italy. I brand inclusi sono: Autogrill, Brembo, Brunello Cucinelli, Campari, Damiani, De' Longhi, Ferrari, FCA, Fila, Geox, Luxottica, Moncler, OVS, Piaggio, Pininfarina, Piquadro, Pirelli, Safilo, Salvatore Ferragamo, Technogym, Tod's, Yoox Net-A-Porter. "Siamo i primi al mondo ad avere questo indice - ha spiegato l'Amministratore Delegato di Borsa [...]

Saipem accelera in Borsa. Titolo +2,77%

Saipem accelera in Borsa. Titolo +2,77%

(Teleborsa) - Saipem alza le marce a metà mattina. I titoli del colosso dei servizi per l'industria petrolifera si sono portati sui massimi intraday a Piazza Affari, mostrando ora un guadagno del 2,77% a 3,418 euro. A sostenere il rally del titolo anche il rialzo delle quotazioni del greggio: il West Texas Intermediate (WTI) sta infatti guadagnando 40 centesimi a 57,73 dollari al barile mentre il Brent avanza di 55 cent a 63,79 dollari al barile. Per quanto [...]

Autogrill positiva in Borsa. Partito il progetto di riorganizzazione

Autogrill positiva in Borsa. Partito il progetto di riorganizzazione

(Teleborsa) - Buon avvio di ottava per Autogrill, che avanza sul listino milanese di quasi due punti percentuali. Venerdì scorso, 15 dicembre, è stata data attuazione al progetto di riorganizzazione societaria approvato in via definitiva dal Consiglio di Amministrazione di Autogrill riunitosi lo scorso 9 novembre 2017. Come noto, il progetto di riorganizzazione prevede il conferimento in natura da parte di Autogrill – con efficacia a far tempo dal 1° [...]

Del Vecchio: "Essilor - Luxottica sarà quotata anche a Milano"

Del Vecchio: "Essilor - Luxottica sarà quotata anche a Milano"

(Teleborsa) - "Oltre che a Parigi, Essilor - Luxottica sarà quotata anche a Milano". Lo ha affermato il Presidente Esecutivo del colosso degli occhiali, Leonardo Del Vecchio, in una intervista sul Corriere della Sera pubblicata sabato 16 dicembre, dunque all'indomani del rinnovamento delle cariche ai vertici societari. Proprio a proposito dell'uscita di scena di Massimo Vian e del passaggio delle sue deleghe passeranno allo stesso Del Vecchio e a Francesco [...]

Borsa: Milano +0,8% con Moncler e Stm

Borsa: Milano +0,8% con Moncler e Stm

(ANSA) – MILANO, 18 DIC – Piazza Affari sale con le altre Borse europee, tutte spinte dalle attese per la riforma fiscale americana. A Milano il Ftse Mib avanza dello 0,78% mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto 150 punti base. Maglia rosa è Moncler (+3,12%), davanti a Stm (+1,91%) e Recordati (+1,9%), che ha rilevato tre prodotti Bayern per il mercato francese. Bene anche Enel (+1,3%), Ferrari (+1,3%) e Fca (+1,2%), dopo il rialzo del rating da parte di [...]

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,59%)

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,59%)

(ANSA) – MILANO, 18 DIC – Avvio in rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in progresso dello 0,59% a 22.224 punti.

FOTO: Borsa valori di Milano

L'ingresso di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano dal 1932

L'ingresso di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano dal 1932

L'ingresso del palazzo. Foto di Paolo Monti, 1968

L'ingresso del palazzo. Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2008

29 2.0 32 NC DE MAIO Fabio 1398 1364 15.00 17.00 1604.00 1546 3 1

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2009

26 3.0 27 NC DE MAIO Fabio 1446 1639 17.50 18.50 1689.14 9.00

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2013

26 2.5 14 2N DE MAIO Fabio 1743 1401 23.0 25.5 1502.9 12.5

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2013

15 3.0 14 F2N DE MAIO Fabio 1449 1381 17.5 18.5 1431.3

C.S. ST2001: Semilampo Milano CAM 2013

9 3.5 5 2N DE MAIO Fabio 1743 1611 21.5 24.0 1554.3

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2010

21 3.5 30 3N DE MAIO Fabio 1518 1880 19.50 21.00 1880.43 3 3

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2010

14 3.5 22 3N DE MAIO Fabio 1518 1683 17.50 18.00 3 1683.14

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2011

20 3.0 17 3N DE MAIO Fabio 1533 1572 20.50 22.00 1622.14 3 4

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2014

26 1.5 23 F2N DE MAIO Fabio (W) 1446 1430 21.5 23.5 1541.0

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2013

17 3.5 16 2N DE MAIO Fabio 1743 1707 20.5 22.5 14.5 1711.7