Scopri tutto su Borsa Italiana

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Borsa valori di Milano

La scheda: Borsa valori di Milano

Tra i mercati di Borsa valori nazionali esistenti in passato, la Borsa di Milano ha sempre rappresentato la piazza più importante del Paese, anche quando erano presenti – in ordine cronologico – le borse di Venezia (1630), Trieste (1775) e la Borsa di Roma (1802). A seguito della privatizzazione dei mercati di borsa, avvenuta nel 1998, le dieci borse valori locali presenti in Italia - Milano, Roma, Trieste, Venezia, Napoli, Torino, Genova, Firenze, Bologna e Palermo- sono state chiuse ed accorpate in un unico soggetto: Borsa Italiana. Con sede a Milano, Borsa Italiana è, oggi, la società che si occupa della gestione e funzionamento di tutto il mercato finanziario italiano.



Borsa di Milano:
Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano
Stato:  Italia
Forma societaria: Borsa valori
Fondazione: 1808 a Milano
Settore: Finanza
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Con la nascita dell'Italia unita, sulla Borsa vennero quotate, con l'intermediazione di banche su base azionaria come il Credito Mobiliare e la Banca Generale e molte case bancarie private milanesi, come Achille Villa, Burocco Casanova, Giulio Belinzaghi, Zaccaria Pisa, Vonviller & C., Weill-Schott, ingenti quantità di titoli di debito statali, necessari a ripagare gli sforzi finanziari sostenuti per l'unificazione, a cui si aggiunsero titoli di poche grandi società private come banche, compagnie ferroviarie e assicurazioni.
Tra i maggiori titoli industriali tra il 1862 e il 1894 le azioni e le obbligazioni Società per le strade ferrate meridionali (oggi Bastogi, quotatasi nel 1863), Società ferrovie del mediterraneo, Navigazione generale italiana, Acciaierie e fonderie di Terni, Società generale immobiliare, cui si aggiungevano i titoli della Banca Nazionale nel Regno d'Italia e del Credito Mobiliare.
La seconda rivoluzione industriale in Italia si manifestò con un po' di ritardo anche a causa della mancanza di materie prime e della non facilità di capitali mobilitabili. Nonostante questo gli ultimi due decenni dell'Ottocento, in particolare dal 1895, furono caratterizzati da una crescita economica e industriale molto intensa, sospinta dal governo e coadiuvata da banche milanesi come la Banca Commerciale Italiana (1894-5), il Credito Italiano (1895) e altre banche e banchieri, la Borsa venne scelta quale via per il coinvogliamento di capitali nelle grandi imprese e alcune banche si specializzarono appunto in questa funzione di intermediazione e garanzia verso il pubblico. Così i titoli azionari quotati a Milano aumentarono da 23 del 1895 a 54 del 1900, per toccare i 160 titoli nel 1913.
La rapida crescita del mercato mobiliare già sul finire del XIX secolo, rese il Palazzo dei Giureconsulti non più sufficiente ad accogliere tutti gli operatori, così fu deciso di realizzare un nuovo edificio specificatamente destinato a questo in Piazza Cordusio. Palazzo Broggi (opera di Luigi Broggi, oggi sede centrale milanese delle Poste Italiane) venne inaugurato nel 1901.
Nel corso del XIX secolo si erano diffuse anche piazze di scambio minori e con funzione prettamente regionale come la Borsa Valori di Roma, la Borsa Valori di Torino, la Borsa Valori di Bologna, la Borsa Valori di Genova e la Borsa Valori di Firenze.
La Borsa di Milano emerse su tutte le altre poiché su di essa erano quotate le principali società industriali italiane, e per questo i volumi degli scambi aumentarono ancora considerevolmente.
Alla metà degli anni venti Palazzo Broggi si decise che non bastava più e nel 1928 venne assegnata a Paolo Mezzanotte la realizzazione della nuova (e ultima) sede: Palazzo Mezzanotte, in Piazza Affari, che fu inaugurato nel 1932.
La forte riduzione della liquidità, attuata dalla Banca d'Italia su ordine del governo, a partire dall'estate del 1927 tuttavia iniziò a riverberarsi sull'economia e sulla Borsa. La crisi finanziaria del 1929 e seguenti depresse fortemente i valori dei titoli industriali, rivalutando il reddito fisso. La volontà del governo di indirizzare il risparmio privato verso il titoli del debito pubblico si realizzò negli anni seguenti al 1929.
Con l'avvento dello stato imprenditore e banchiere (IRI e più tardi IMI) e con altri provvedimenti dirigistici, tra cui la chiusura dell'Italia nei confronti del mercato internazionale dei capitali, la funzione della Borsa quale intermediaria del capitale privato per le imprese perse di importanza, fatti salvi ancora alcuni titoli come Edison, Bastogi, Fiat, Pirelli, Ras, Assicurazioni generali.

Con la legge 2 gennaio 1991 n.1, venne approvata la riforma dei mercati mobiliari. Questa portò all'istituzione del Consiglio di Borsa, con sede a Milano, che raccoglieva tutte le funzioni di organizzazione del mercato precedentemente gestite dai vari organi locali.
Nel 1996, con il decreto legislativo 23 luglio n.415, venne definitivamente sancito il completo passaggio di tutte le attività di organizzazione e gestione dei mercati regolamentati dall’autorità pubblica all’impresa privata.
A seguito di queste introduzioni, il 7 febbraio 1997 nacque la società privata Borsa Italiana S.p.A., con sede a Milano, che accorpò definitivamente tutte le borse valori locali presenti in Italia e alla quale venne affidata l'organizzazione e la gestione di tutti i mercati regolamentati allora presenti. La società è operativa dal 2 gennaio 1998.

Borse europee sui massimi. Piazza Affari sale con le banche

Borse europee sui massimi. Piazza Affari sale con le banche

(Teleborsa) - Piazza Affari si conferma in rialzo a metà seduta insieme alle altre principali Borse europee, che si portano sui massimi di giornata dopo un avvio incerto. A sostenere il listino milanese il boom di acquisti sulle banche innescato da voci secondo cui nella nuova direttiva bancaria su cui sta lavorando il Parlamento europeo (Crr2 e Crd5) ci sarebbe una norma che sterilizza gli effetti sul bilancio della cessione di crediti deteriorati (non [...]

1 minuto in Borsa 24 novembre 2017

1 minuto in Borsa 24 novembre 2017

(Teleborsa) - Tutte positive le principali Borse del Vecchio Continente. Tra i best performers di Milano, in evidenza Banco BPM (+6,22%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Brembo, che prosegue le contrattazioni a -1,00%. Invariato lo spread, che si posiziona a 142 punti, con il rendimento del BTP decennale che si attesta all'1,79%. Tra gli appuntamenti macroeconomici rilevanti, pubblicato il dato sull'Indice IFO in Germania, pari a 117,5 punti, e il [...]

Borsa: Milano sale con Banco Bpm e Bper

Borsa: Milano sale con Banco Bpm e Bper

(ANSA) – MILANO, 24 NOV – Piazza Affari consolida il rialzo con Banco Bpm (+6,3%), Bper (+5,96%), Ubi (+4,08%), Creval (+3,69%) e Bps (+3,54%), spinte dalla bocciatura dell’Addendum della Bce da parte dei giuristi e degli esperti del Parlamento Europeo e dalla proposta di un parlamentare europeo di offrire maggiore elasticità contabile agli Istituti per ridurre gli effetti delle maxivendite di Npl sui loro coefficienti patrimoniali. Bene anche Mps (+2,34%) e [...]

Atlantia debole in Borsa. Non aiuta il taglio del giudizio

Atlantia debole in Borsa. Non aiuta il taglio del giudizio

(Teleborsa) - Mattinata debole per Atlantia, che lima lo 0,20% sul listino milanese a 27,26 euro. Oggi RBC Capital ha abbassato il giudizio sul titolo a "market perform", migliorando però il target price a 27,5 euro. A livello tecnico, le maggiori attese vedono un'estensione del ribasso verso l'area di supporto stimata a 27,09 e successiva a quota 26,93. Resistenza a 27,38.

AIM Italia, 33 ammissioni da inizio anno in Borsa Italiana

AIM Italia, 33 ammissioni da inizio anno in Borsa Italiana

(Teleborsa) - Con la quotazione di Equita Group salgono a 21 le ammissioni dell'anno all'AIM, il mercato dedicato alle piccole medie imprese che conta ora 90 società quotate. In fase di collocamento la società ha raccolto 45,2 milioni di euro, con un flottante al momento dell’ammissione pari al 42,5%. Da domani Equita Group  sarà inserita anche nel paniere dell’indice FTSE AIM Italia. "Raggiungiamo oggi l’importante traguardo delle 90 aziende su AIM [...]

TIM continua a correre a Piazza Affari. Miglior titolo del FTSE Mib

TIM continua a correre a Piazza Affari. Miglior titolo del FTSE Mib

(Teleborsa) - Pioggia di acquisti su TIM, che accelera in Borsa estendendo i guadagni della vigilia con volumi sostenuti. In questo momento le azioni della big italiana delle tlc brillano tra le blue-chip milanesi con un rialzo del 3,83%. A muovere il titolo una serie di dichiarazioni giunte ieri e qualche rumor di stampa. Quanto alle dichiarazioni, il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha affermato che il Governo non vuole danneggiare la compagnia [...]

Borsa: Asia in calo, pesano Piazze Cina

Borsa: Asia in calo, pesano Piazze Cina

(ANSA) – MILANO, 23 NOV – Seduta in calo per Borse di Asia e Pacifico. Con Tokyo chiusa per festività così come gli Stati Uniti, sono le Piazze cinesi a dare la direzione con Shanghai crollata del 2,29% e Shenzhen del 2,92%, più contenuta Hong Kong (-0,86%). Il tonfo del mercato obbligazionario cinese sta impattando in particolare sui finanziari e la maggior parte degli investitori ritiene che ci sarà un ulteriore inasprimento sui mercati, viene [...]

Borsa, netta diminuzione per il controvalore degli scambi del 22/11/2017

Borsa, netta diminuzione per il controvalore degli scambi del 22/11/2017

(Teleborsa) - Dai dati ufficiali di chiusura, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,07 miliardi di euro, in calo di 297,1 milioni, rispetto ai 2,37 miliardi della vigilia. I volumi si sono attestati a 2,25 miliardi di azioni, rispetto ai 1,86 miliardi precedenti. Su 224 titoli azionari trattati in Piazza Affari, 121 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 94. Invariate le rimanenti 9 azioni.

1 minuto in Borsa 22 novembre 2017

1 minuto in Borsa 22 novembre 2017

(Teleborsa) - Valori in leggero rialzo per la Borsa di Milano, mentre il resto di Eurolandia viaggia sulla parità. Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brilla Leonardo, con un forte incremento (+3,1%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Buzzi Unicem, che continua la seduta con -1,37%. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio che mostra un balzo dell'1,83%. Un cenno ai dati macro più prossimi. Si attende questo pomeriggio dagli Stati [...]

FOTO: Borsa valori di Milano

L'ingresso di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano dal 1932

L'ingresso di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano dal 1932

L'ingresso del palazzo. Foto di Paolo Monti, 1968

L'ingresso del palazzo. Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Foto di Paolo Monti, 1968

Borsa: Europa tiene, Francoforte -0,3%

Borsa: Europa tiene, Francoforte -0,3%

(ANSA) – MILANO, 22 NOV – Borse europee positive tranne Francoforte (-0,3%), che sconta lo stallo politico dopo il mancato accordo per la cosiddetta ‘coalizione Giamaica’ tra Cdu-Csu, Verdi e Liberali. Milano e Madrid (+0,7% entrambe) sono le migliori, seguite da Londra (+0,5%), in vista del budget del Regno Unito e Parigi (+0,22%). Positivi i futures su Wall Street, in vista delle richieste di mutui, di sussidi di disoccupazione, degli ordini di beni [...]

Borsa Italiana, in forte aumento il controvalore degli scambi del 21/11/2017

Borsa Italiana, in forte aumento il controvalore degli scambi del 21/11/2017

(Teleborsa) - Dai dati ufficiali di chiusura di Borsa Italiana, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,37 miliardi di euro, con un incremento di ben 404,3 milioni, pari al 20,56% rispetto ai precedenti 1,97 miliardi. I volumi scambiati sono passati da 0,57 miliardi azioni della seduta precedente agli odierni 0,71 miliardi. Su 223 titoli trattati in Borsa di Milano, 70 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i [...]

Banca Carige rimbalza in Borsa alla vigilia dell'aumento

Banca Carige rimbalza in Borsa alla vigilia dell'aumento

(Teleborsa) - Giornata in rally per la Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, che mostra un'ottima performance in Borsa, con un rialzo del 50,76%. Il titolo saluta così il via libera di Consob all'aumento di capitale, che partirà domani in borsa. IN realtà, quello di oggi è solo un rimbalzo "tecnico", dopo che il titolo nell'ultima settimana è letteralmente crollato (la performance a sette giorni è ancora di -25%). Il quadro tecnico infatti è ancora in [...]

Banca Popolare di Puglia e Basilicata presenta domanda di ammissione in Borsa

Banca Popolare di Puglia e Basilicata presenta domanda di ammissione in Borsa

(Teleborsa) - Il CdA di Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha approvato la presentazione della domanda di ammissione alle negoziazioni in Borsa delle azioni ordinarie (codice ISIN IT0001069860) sul segmento “Order Driven” del sistema di negoziazione Hi-Mtf. L’ammissione e la data di avvio delle negoziazioni saranno stabilite dai competenti organi di gestione del mercato e saranno oggetto di appositi comunicati stampa.

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2008

29 2.0 32 NC DE MAIO Fabio 1398 1364 15.00 17.00 1604.00 1546 3 1

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2009

26 3.0 27 NC DE MAIO Fabio 1446 1639 17.50 18.50 1689.14 9.00

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2013

26 2.5 14 2N DE MAIO Fabio 1743 1401 23.0 25.5 1502.9 12.5

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2013

15 3.0 14 F2N DE MAIO Fabio 1449 1381 17.5 18.5 1431.3

C.S. ST2001: Semilampo Milano CAM 2013

9 3.5 5 2N DE MAIO Fabio 1743 1611 21.5 24.0 1554.3

C.S. ST2001: Semilampo Milano SSM 2010

21 3.5 30 3N DE MAIO Fabio 1518 1880 19.50 21.00 1880.43 3 3