Cioccolato al latte

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Music
In rilievo

Music

Costa d’Avorio

La scheda: Costa d’Avorio

Coordinate: 8°N 6°W / 8°N 6°W8, -6
La Costa d'Avorio, ufficialmente République de Côte d'Ivoire, è uno Stato dell'Africa occidentale.
Confina ad ovest con la Liberia e la Guinea, a nord con il Mali e il Burkina Faso, ad est con il Ghana e a sud con il Golfo di Guinea.
La Costa d'Avorio è una repubblica presidenziale con capitale amministrativa a Yamoussoukro, ma la sua capitale economica e governativa, nonché città più estesa e popolata, è ad Abidjan, la lingua ufficiale è il francese, ma esistono diverse lingue locali come il baulé e lo djoula.
Il paese è conosciuto in italiano come Costa d'Avorio e corrispondentemente tradotto in altre lingue: Elfenbeinküste in tedesco, Costa de Marfil in spagnolo, Ivory Coast in inglese, Ακτή Ελεφαντοστού in greco, Fildişi Sahilleri in turco e così via. Nell'ottobre 1985 il governo ivoriano chiese che il paese fosse conosciuto in ogni lingua come Côte d'Ivoire. Infatti, secondo la legge nazionale, il nome del paese non può essere tradotto dal francese. Malgrado ciò, com'è ovvio, il nome continua ad essere tradotto nelle varie lingue. La Costa d'Avorio fa, tuttavia, applicare con tenacia questa sua volontà in ambito ONU, dove il nome non è mai tradotto, neanche in inglese.


Frappè alla vaniglia e cioccolato

Frappè alla vaniglia e cioccolato

Il Frappè alla vaniglia e cioccolato viene realizzato montando leggermente la panna, aggiungendovi il gelato e il latte frullati e ponendo il tutto nel frigo per 10 minuti. Decoreremo il frappè con cioccolato in scaglie, granella di nocciole tostata, fragole e baccelli di vaniglia prima di servire.

EVENTI: Costa d’Avorio

Nel 1615 Anna d'Austria, sposa di Luigi XIII, introdusse il cioccolato in Francia.

Nel 1615 Anna d'Austria, sposa di Luigi XIII, introdusse il cioccolato in Francia.

Nel 1615 Anna d'Austria, sposa di Luigi XIII, introdusse il cioccolato in Francia.

Nel 1615 Anna d'Austria, sposa di Luigi XIII, introdusse il cioccolato in Francia.

Tra il 1659 e il 1688 l'unico cioccolataio presente a Parigi fu David Chaillou.

Tra il 1659 e il 1688 l'unico cioccolataio presente a Parigi fu David Chaillou.

Tra il 1659 e il 1688 l'unico cioccolataio presente a Parigi fu David Chaillou.

Tra il 1659 e il 1688 l'unico cioccolataio presente a Parigi fu David Chaillou.

Nel 1879 Rudolph Lindt infine inventò il processo chiamato concaggio (conching), che consiste nel mantenere a lungo rimescolato il cioccolato fuso per assicurarsi che la miscelazione sia omogenea.

Nel 1879 Rudolph Lindt infine inventò il processo chiamato concaggio (conching), che consiste nel mantenere a lungo rimescolato il cioccolato fuso per assicurarsi che la miscelazione sia omogenea.

Nel 1879 Rudolph Lindt infine inventò il processo chiamato concaggio (conching), che consiste nel mantenere a lungo rimescolato il cioccolato fuso per assicurarsi che la miscelazione sia omogenea.

Nel 1879 Rudolph Lindt infine inventò il processo chiamato concaggio (conching), che consiste nel mantenere a lungo rimescolato il cioccolato fuso per assicurarsi che la miscelazione sia omogenea.

Nel 1650 il cioccolato viene commercializzato anche in Inghilterra, a Oxford si inizia a servire il cioccolato negli stessi locali in cui si serviva il caffè.

Nel 1650 il cioccolato viene commercializzato anche in Inghilterra, a Oxford si inizia a servire il cioccolato negli stessi locali in cui si serviva il caffè.

Nel 1650 il cioccolato viene commercializzato anche in Inghilterra, a Oxford si inizia a servire il cioccolato negli stessi locali in cui si serviva il caffè.

Nel 1650 il cioccolato viene commercializzato anche in Inghilterra, a Oxford si inizia a servire il cioccolato negli stessi locali in cui si serviva il caffè.

Nel 1852 a Torino Michele Prochet comincia a miscelare cacao con nocciole tritate e tostate creando la pasta Gianduia che verrà poi prodotta sotto forma di gianduiotti incartati individualmente.

Nel 1852 a Torino Michele Prochet comincia a miscelare cacao con nocciole tritate e tostate creando la pasta Gianduia che verrà poi prodotta sotto forma di gianduiotti incartati individualmente.

Nel 1852 a Torino Michele Prochet comincia a miscelare cacao con nocciole tritate e tostate creando la pasta Gianduia che verrà poi prodotta sotto forma di gianduiotti incartati individualmente.

Nel 1852 a Torino Michele Prochet comincia a miscelare cacao con nocciole tritate e tostate creando la pasta Gianduia che verrà poi prodotta sotto forma di gianduiotti incartati individualmente.

Nel 2007 a Timbuktu è stato sperimentato il biodiesel ricavato dal cioccolato.

Nel 2007 a Timbuktu è stato sperimentato il biodiesel ricavato dal cioccolato.

Nel 2007 a Timbuktu è stato sperimentato il biodiesel ricavato dal cioccolato.

Nel 2007 a Timbuktu è stato sperimentato il biodiesel ricavato dal cioccolato.

Nel 1680 esce Differenza tra il cibo e 'l cioccolatte… (a cura di Giovan Battista Gudenfridi), cui seguono nel 1728, Parere intorno all'uso della cioccolata (Giovan Battista Felici), Lettera in cui si esaminano le ragioni addotte dall'Autore del primo parere intorno all'uso della cioccolata (Lorenzo Serafini), Lezione accademica in lode della cioccolata (Giuseppe Avanzini) e Altro parere intorno alla natura, ed all'uso della Cioccolata disteso in forma di lettera… (Francesco Zeti).

Nel 1680 esce Differenza tra il cibo e 'l cioccolatte… (a cura di Giovan Battista Gudenfridi), cui seguono nel 1728, Parere intorno all'uso della cioccolata (Giovan Battista Felici), Lettera in cui si esaminano le ragioni addotte dall'Autore del primo parere intorno all'uso della cioccolata (Lorenzo Serafini), Lezione accademica in lode della cioccolata (Giuseppe Avanzini) e Altro parere intorno alla natura, ed all'uso della Cioccolata disteso in forma di lettera… (Francesco Zeti).

Nel 1680 esce Differenza tra il cibo e 'l cioccolatte… (a cura di Giovan Battista Gudenfridi), cui seguono nel 1728, Parere intorno all'uso della cioccolata (Giovan Battista Felici), Lettera in cui si esaminano le ragioni addotte dall'Autore del primo parere intorno all'uso della cioccolata (Lorenzo Serafini), Lezione accademica in lode della cioccolata (Giuseppe Avanzini) e Altro parere intorno alla natura, ed all'uso della Cioccolata disteso in forma di lettera… (Francesco Zeti).

Nel 1680 esce Differenza tra il cibo e 'l cioccolatte… (a cura di Giovan Battista Gudenfridi), cui seguono nel 1728, Parere intorno all'uso della cioccolata (Giovan Battista Felici), Lettera in cui si esaminano le ragioni addotte dall'Autore del primo parere intorno all'uso della cioccolata (Lorenzo Serafini), Lezione accademica in lode della cioccolata (Giuseppe Avanzini) e Altro parere intorno alla natura, ed all'uso della Cioccolata disteso in forma di lettera… (Francesco Zeti).

Nel 1867 cominciarono a includere il latte tra gli ingredienti e presentarono sul mercato il cioccolato al latte nel 1875.

Nel 1867 cominciarono a includere il latte tra gli ingredienti e presentarono sul mercato il cioccolato al latte nel 1875.

Nel 1867 cominciarono a includere il latte tra gli ingredienti e presentarono sul mercato il cioccolato al latte nel 1875.

Nel 1867 cominciarono a includere il latte tra gli ingredienti e presentarono sul mercato il cioccolato al latte nel 1875.

Nel 1528 Cortéz porta in Spagna alcuni semi di cacao, recandoli in dono a Carlo.

Nel 1528 Cortéz porta in Spagna alcuni semi di cacao, recandoli in dono a Carlo.

Nel 1528 Cortéz porta in Spagna alcuni semi di cacao, recandoli in dono a Carlo.

Nel 1528 Cortéz porta in Spagna alcuni semi di cacao, recandoli in dono a Carlo.

Nel 1802 Bozzelli inventò una macchina per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia.

Nel 1802 Bozzelli inventò una macchina per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia.

Nel 1802 Bozzelli inventò una macchina per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia.

Nel 1802 Bozzelli inventò una macchina per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia.

Nel 1606 il cioccolato veniva prodotto in Italia nelle città di Firenze, Venezia e Torino.

Nel 1606 il cioccolato veniva prodotto in Italia nelle città di Firenze, Venezia e Torino.

Nel 1606 il cioccolato veniva prodotto in Italia nelle città di Firenze, Venezia e Torino.

Nel 1606 il cioccolato veniva prodotto in Italia nelle città di Firenze, Venezia e Torino.

Nel 1826, sempre a Torino, Pierre Paul Caffarel cominciò la produzione di cioccolato in grandi quantità grazie a una nuova macchina capace di produrre oltre 300 kg di cioccolato al giorno.

Nel 1826, sempre a Torino, Pierre Paul Caffarel cominciò la produzione di cioccolato in grandi quantità grazie a una nuova macchina capace di produrre oltre 300 kg di cioccolato al giorno.

Nel 1826, sempre a Torino, Pierre Paul Caffarel cominciò la produzione di cioccolato in grandi quantità grazie a una nuova macchina capace di produrre oltre 300 kg di cioccolato al giorno.

Nel 1826, sempre a Torino, Pierre Paul Caffarel cominciò la produzione di cioccolato in grandi quantità grazie a una nuova macchina capace di produrre oltre 300 kg di cioccolato al giorno.

Nel 1828 l'olandese Conrad van Houten brevettò un metodo per estrarre il grasso dai semi di cacao trasformandoli in cacao in polvere e burro di cacao.

Nel 1828 l'olandese Conrad van Houten brevettò un metodo per estrarre il grasso dai semi di cacao trasformandoli in cacao in polvere e burro di cacao.

Nel 1828 l'olandese Conrad van Houten brevettò un metodo per estrarre il grasso dai semi di cacao trasformandoli in cacao in polvere e burro di cacao.

Nel 1828 l'olandese Conrad van Houten brevettò un metodo per estrarre il grasso dai semi di cacao trasformandoli in cacao in polvere e burro di cacao.

Nel 1760 la Gazzetta Veneta documenta l'ormai enorme diffusione del prodotto.

Nel 1760 la Gazzetta Veneta documenta l'ormai enorme diffusione del prodotto.

Nel 1760 la Gazzetta Veneta documenta l'ormai enorme diffusione del prodotto.

Nel 1760 la Gazzetta Veneta documenta l'ormai enorme diffusione del prodotto.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Nel 2012 si stima fossero 23.

Nel 2012 il PIL pro capite (PPA) raggiungeva i 1 707 dollari.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Dal 1983 la capitale ufficiale è Yamoussoukro, comunque, Abidjan resta il centro amministrativo.

Nel 1502 avvenne il contatto del cacao con la civiltà europea: Cristoforo Colombo durante il suo quarto e ultimo viaggio in America sbarca in Honduras dove ha l'occasione di assaggiare una bevanda a base di cacao, al ritorno, portò con sé alcuni semi di cacao da mostrare a Ferdinando e Isabella di Spagna, ma non diede alcuna importanza alla scoperta, probabilmente non particolarmente colpito dal gusto amaro della bevanda.

Nel 1502 avvenne il contatto del cacao con la civiltà europea: Cristoforo Colombo durante il suo quarto e ultimo viaggio in America sbarca in Honduras dove ha l'occasione di assaggiare una bevanda a base di cacao, al ritorno, portò con sé alcuni semi di cacao da mostrare a Ferdinando e Isabella di Spagna, ma non diede alcuna importanza alla scoperta, probabilmente non particolarmente colpito dal gusto amaro della bevanda.

Nel 1502 avvenne il contatto del cacao con la civiltà europea: Cristoforo Colombo durante il suo quarto e ultimo viaggio in America sbarca in Honduras dove ha l'occasione di assaggiare una bevanda a base di cacao, al ritorno, portò con sé alcuni semi di cacao da mostrare a Ferdinando e Isabella di Spagna, ma non diede alcuna importanza alla scoperta, probabilmente non particolarmente colpito dal gusto amaro della bevanda.

Nel 1502 avvenne il contatto del cacao con la civiltà europea: Cristoforo Colombo durante il suo quarto e ultimo viaggio in America sbarca in Honduras dove ha l'occasione di assaggiare una bevanda a base di cacao, al ritorno, portò con sé alcuni semi di cacao da mostrare a Ferdinando e Isabella di Spagna, ma non diede alcuna importanza alla scoperta, probabilmente non particolarmente colpito dal gusto amaro della bevanda.

Nel 1964, Roald Dahl pubblica una storia per bambini intitolata La fabbrica di cioccolato da cui vengono in seguito prodotti due film: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971) e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (2005), molto apprezzato dalla critica e dal pubblico.

Nel 1964, Roald Dahl pubblica una storia per bambini intitolata La fabbrica di cioccolato da cui vengono in seguito prodotti due film: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971) e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (2005), molto apprezzato dalla critica e dal pubblico.

Nel 1964, Roald Dahl pubblica una storia per bambini intitolata La fabbrica di cioccolato da cui vengono in seguito prodotti due film: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971) e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (2005), molto apprezzato dalla critica e dal pubblico.

Nel 1964, Roald Dahl pubblica una storia per bambini intitolata La fabbrica di cioccolato da cui vengono in seguito prodotti due film: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971) e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (2005), molto apprezzato dalla critica e dal pubblico.

Cioccolata di 103 anni,era di un soldato

Cioccolata di 103 anni,era di un soldato

(ANSA) – ROMA, 2 GIU – Nove tavolette di cioccolato di 103 anni fa sono state scoperte in una scatola appartenuta a un militare della prima guerra mondiale. Lo riporta la Bbc spiegando che la scatoletta era tra gli oggetti del soldato del reggimento di Leicestershire, Richard Bullimore. Era tra le truppe in servizio in Francia durante il primo Natale della guerra e tra coloro che avevano ricevuto i doni natalizi, realizzati a Mansfield, nel Nottinghamshire. [...]

Mousse al cioccolato con gelatina di caffè

Mousse al cioccolato con gelatina di caffè

Una ricetta semplice che lascia spazio solo ai due ingredienti "principi": cioccolato e caffè.

Ciambella di cioccolato farcita

Ciambella di cioccolato farcita

La fotoricetta dei cubetti di cioccolata alla nutella

La fotoricetta dei cubetti di cioccolata alla nutella

La fotoricetta dei biscuit al cioccolato

La fotoricetta dei biscuit al cioccolato

La fotoricetta della millefoglie al cioccolato

La fotoricetta della millefoglie al cioccolato

Fotoricetta: Torta Valentina al cioccolato

Fotoricetta: Torta Valentina al cioccolato

Plum cake al cioccolato

Plum cake al cioccolato

Il plum cake al cioccolato si prepara sbattendo le uova con lo zucchero e successivamente unendo la farina ed il cacao cuocendo il composto in forno e servendolo con una spolverata di cacao. Ecco i passaggi per il plum cake al cioccolato.

FOTO: Costa d’Avorio

Costa_d'avorio

Costa_d'avorio

Ivoriani

Ivoriani

Costa_d'Avorio

Costa_d'Avorio

Côte_d'Ivoire

Côte_d'Ivoire

Costa_d’Avorio

Costa_d’Avorio

Spagnole

Spagnole

Nuova_Castiglia

Nuova_Castiglia

La fotoricetta della crostata di ricotta e cioccolata

La fotoricetta della crostata di ricotta e cioccolata

La fotoricetta della mousse di cioccolata vegana

La fotoricetta della mousse di cioccolata vegana

Fotoricetta: Torta ricotta e cioccolato col Bimby

Fotoricetta: Torta ricotta e cioccolato col Bimby

La fotoricetta delle fragole al cioccolato

La fotoricetta delle fragole al cioccolato

Parfait alla vaniglia con cialde di cioccolato

Parfait alla vaniglia con cialde di cioccolato

Cuore di cioccolato e lamponi

Cuore di cioccolato e lamponi

In occasione della prossima festa della mamma, ecco un goloso dolce a lei dedicato.

Svuotafrigo - Barrette al cioccolato

Svuotafrigo - Barrette al cioccolato

Di Paola Galloni

Tortagelato alla siciliana

Tortagelato alla siciliana

La tortagelato alla siciliana si realizza montando gli albumi a neve per incorporarli ai tuorli ed unendoli poi alla farina, cuoceremo il composto in forno e al termine lo farciremo con ricotta, zucchero maraschino cioccolato e canditi. Ecco i passaggi per la tortagelato alla siciliana.

Cioccolato d'alta quota: Stefano Collomb, maitre per passione

Cioccolato d'alta quota: Stefano Collomb, maitre per passione

Milano, (askanews) - La sua cioccolateria è incastonata tra le maestose montagne del massiccio del Monte Bianco. Per chiunque passi da La Thuille, il paesino più occidentale della Valle D'Aosta, Chocolat è una tappa obbligatoria. Nel suo laboratorio artigianale, Stefano Collomb, cresciuto a burro, zucchero e cioccolato, trasforma ogni giorno il cibo degli dei nelle forme che la fantasia e la conoscenza gli suggeriscono, portando avanti la tradizione [...]

Pane e cioccolata

Pane e cioccolata

Un italiano emigrato in Svizzera perde il permesso di soggiorno. Viene salvato da un industriale che, in crisi economica e sentimentale, si suicida. Lo sfortunato emigrato decide allora di fingersi svizzero. Qualcosa andrà male.