Constantinopoli

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Constantinopoli. Cerca invece Constantinople.

Vedi anche

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

Repubblica di Turchia

La scheda: Repubblica di Turchia

^ Anatolia: 755 688 km² , Tracia 24 888 km²
Coordinate: 39°N 36°E / 39°N 36°E39, 36
La Turchia (nome ufficiale: Repubblica di Turchia, in turco: Türkiye Cumhuriyeti) è uno stato il cui territorio comprende l'estrema parte orientale della Tracia e la penisola dell'Anatolia, cinta a sud dal Mar Mediterraneo, ad ovest dal Mar Egeo, a nord-ovest dal Mar di Marmara e a nord dal Mar Nero, la propaggine più occidentale del continente asiatico. La Turchia confina a nord-ovest con la Grecia e la Bulgaria, a nord-est con la Georgia, ad est con l'Armenia, l'Azerbaigian e l'Iran, a sud-est con l'Iraq e a sud con la Siria.
L'attuale zona turca, specialmente la parte occidentale, ponte naturale tra oriente e occidente, è stata sede di una ricca varietà di popolazioni e civiltà. Fin dal 6500 a.C. si sono succeduti Hatti, Ittiti, Frigi, Urartici, Lici, Lidi, Ioni, Persiani, Macedoni, i regni ellenistici (Regno di Pergamo, il Regno Seleucide, il Regno di Bitinia, il Regno del Ponto, il Regno tolemaico), Romani, Parti, Sasanidi, Bizantini, i crociati e le repubbliche marinare di Venezia e Genova, Selgiuchidi ed Ottomani, i quali hanno assunto un importante posto nella storia della Turchia moderna.
Antichi e suggestivi siti archeologici e rovine in tutto il paese attestano che ogni civiltà è stata caratterizzata da elementi diversi. Oltre a quella ottomana, la principale civiltà fiorita in Turchia fu quella bizantina, il cui dominio durò per più di mille anni, fino alla conquista della capitale bizantina Costantinopoli (l'attuale Istanbul), ad opera dei turchi nel 1453. Numerosissime sono le testimonianze, i reperti e le costruzioni bizantine sparse in tutta l'Anatolia, e in particolare nell'antica capitale, come la basilica di Santa Sofia.
La Turchia si estende su una superficie di 783.562 km², e nell'ultima rilevazione (2014) è risultata avere 78 741 053 abitanti, professanti per lo più la religione musulmana, sono presenti piccole minoranze cristiane (soprattutto ortodosse, ma anche cattoliche) ed ebraiche, mentre poco diffuso è l'ateismo. Dal 1923 è una Repubblica.
La capitale è Ankara, una delle tre grandi città turche insieme a Smirne e İstanbul, quest'ultima è la più grande metropoli dello stato, nonché il maggior centro industriale e commerciale. La lingua ufficiale è il turco, ma sono presenti numerose minoranze linguistiche. La moneta ufficiale è la lira turca. Il presidente della Repubblica è Recep Tayyip Erdoğan. La Turchia è il sesto stato più visitato al mondo ogni anno.


Istanbul, respinta richiesta: no a Santa Sofia luogo di preghiera

Istanbul, respinta richiesta: no a Santa Sofia luogo di preghiera

Roma, (askanews) - La Corte Costituzionale turca ha respinto la richiesta per autorizzare di nuovo la preghiera nell'antica basilica di Santa Sofia a Istanbul, che dunque resta un museo. Costruita nel 537 dall'imperatore Giustiniano, era la chiesa cristiana più importante di Costantinopoli. Dopo la conquista della città da parte di Maometto, nel 1453, la chiesa fu convertita in moschea, mentre dal 1935 è stata trasformata in museo. La costruzione è [...]

Istanbul, la finestra sul Bosforo

Istanbul, la finestra sul Bosforo

Conosciuta storicamente con i nomi di Bisanzio e Costantinopoli, Istanbul è una città ricca di fascino e mistero. Con una popolazione di circa 15 milioni di abitanti, è la seconda città più popolosa d’Europa, dopo Mosca. Istanbul è divisa in due dallo stretto del Bosforo ed è l’unica città al mondo a far parte di due continenti, l’Europa e l’Asia. Nel corso della storia, è stata capitale dell’impero romano, dell’impero bizantino, [...]

EVENTI: Repubblica di Turchia

Nel 2009, l'amministrazione della città di Istanbul ha incominciato un progetto di installazione di circa 800-900 telecamere di sicurezza.

Nel 2009, l'amministrazione della città di Istanbul ha incominciato un progetto di installazione di circa 800-900 telecamere di sicurezza.

Nel 2009, l'amministrazione della città di Istanbul ha incominciato un progetto di installazione di circa 800-900 telecamere di sicurezza.

Nel 2009, l'amministrazione della città di Istanbul ha incominciato un progetto di installazione di circa 800-900 telecamere di sicurezza.

Nel 1998, la Turchia ha annunciato un programma di modernizzazione dal valore di 160 miliardi di dollari statunitensi su un periodo di 20 anni in vari progetti tra cui carri armati, aerei da combattimento, elicotteri, sottomarini, navi da guerra e fucili d'assalto.

Nel 1998, la Turchia ha annunciato un programma di modernizzazione dal valore di 160 miliardi di dollari statunitensi su un periodo di 20 anni in vari progetti tra cui carri armati, aerei da combattimento, elicotteri, sottomarini, navi da guerra e fucili d'assalto.

Nel 1998, la Turchia ha annunciato un programma di modernizzazione dal valore di 160 miliardi di dollari statunitensi su un periodo di 20 anni in vari progetti tra cui carri armati, aerei da combattimento, elicotteri, sottomarini, navi da guerra e fucili d'assalto.

Nel 1998, la Turchia ha annunciato un programma di modernizzazione dal valore di 160 miliardi di dollari statunitensi su un periodo di 20 anni in vari progetti tra cui carri armati, aerei da combattimento, elicotteri, sottomarini, navi da guerra e fucili d'assalto.

Nel 196 Bisanzio entrò a far parte dell'Impero romano e fu ricostruita dallo stesso Settimio Severo, divenuto Imperatore, riottenendo rapidamente la sua precedente prosperità.

Nel 196 Bisanzio entrò a far parte dell'Impero romano e fu ricostruita dallo stesso Settimio Severo, divenuto Imperatore, riottenendo rapidamente la sua precedente prosperità.

Nel 196 Bisanzio entrò a far parte dell'Impero romano e fu ricostruita dallo stesso Settimio Severo, divenuto Imperatore, riottenendo rapidamente la sua precedente prosperità.

Nel 196 Bisanzio entrò a far parte dell'Impero romano e fu ricostruita dallo stesso Settimio Severo, divenuto Imperatore, riottenendo rapidamente la sua precedente prosperità.

Il 24 maggio 2003 la Turchia vinse l'Eurovision Song Contest che si tenne a Riga in Lettonia con la canzone Everyway That I Can di Sertab Erener.

Il 24 maggio 2003 la Turchia vinse l'Eurovision Song Contest che si tenne a Riga in Lettonia con la canzone Everyway That I Can di Sertab Erener.

Il 24 maggio 2003 la Turchia vinse l'Eurovision Song Contest che si tenne a Riga in Lettonia con la canzone Everyway That I Can di Sertab Erener.

Il 24 maggio 2003 la Turchia vinse l'Eurovision Song Contest che si tenne a Riga in Lettonia con la canzone Everyway That I Can di Sertab Erener.

Nel 1995, la Borsa di Istanbul si è trasferita nella suo attuale edificio nel quartiere di Istinye.

Nel 1995, la Borsa di Istanbul si è trasferita nella suo attuale edificio nel quartiere di Istinye.

Nel 1995, la Borsa di Istanbul si è trasferita nella suo attuale edificio nel quartiere di Istinye.

Nel 1995, la Borsa di Istanbul si è trasferita nella suo attuale edificio nel quartiere di Istinye.

Nel 2006 un totale di 23.

Nel 2006 un totale di 23.

Nel 2006 un totale di 23.

Nel 2006 un totale di 23.

Nel 2006, il parlamento turco ha dispiegato una forza di peacekeeping composta da pattugliatori della Marina e da circa 700 truppe di terra come parte della Forza di interposizione in Libano (UNIFIL), sulla scia del conflitto israelo-libanese.

Nel 2006 le esportazioni sono ammontate ad 85,8 miliardi, con aumento del 16,8% dall'anno precedente, e nel 2007 il Paese ha esportato per 105,9 miliardi.

Nel 2006 la Turchia è riuscita ad attrarre investimenti dall'estero, per 19,9 miliardi di dollari.

Nel 2006, il parlamento turco ha dispiegato una forza di peacekeeping composta da pattugliatori della Marina e da circa 700 truppe di terra come parte della Forza di interposizione in Libano (UNIFIL), sulla scia del conflitto israelo-libanese.

Nel 2006 le esportazioni sono ammontate ad 85,8 miliardi, con aumento del 16,8% dall'anno precedente, e nel 2007 il Paese ha esportato per 105,9 miliardi.

Nel 2006 la Turchia è riuscita ad attrarre investimenti dall'estero, per 19,9 miliardi di dollari.

Nel 2006, il parlamento turco ha dispiegato una forza di peacekeeping composta da pattugliatori della Marina e da circa 700 truppe di terra come parte della Forza di interposizione in Libano (UNIFIL), sulla scia del conflitto israelo-libanese.

Nel 2006 le esportazioni sono ammontate ad 85,8 miliardi, con aumento del 16,8% dall'anno precedente, e nel 2007 il Paese ha esportato per 105,9 miliardi.

Nel 2006 la Turchia è riuscita ad attrarre investimenti dall'estero, per 19,9 miliardi di dollari.

Nel 2006, il parlamento turco ha dispiegato una forza di peacekeeping composta da pattugliatori della Marina e da circa 700 truppe di terra come parte della Forza di interposizione in Libano (UNIFIL), sulla scia del conflitto israelo-libanese.

Nel 2006 le esportazioni sono ammontate ad 85,8 miliardi, con aumento del 16,8% dall'anno precedente, e nel 2007 il Paese ha esportato per 105,9 miliardi.

Nel 2006 la Turchia è riuscita ad attrarre investimenti dall'estero, per 19,9 miliardi di dollari.

Nel 2005 il Comune di Istanbul produceva un PIL di 133 miliardi di dollari.

Nel 2005 le società con sede a Istanbul hanno effettuato esportazioni per il valore di 41.

Nel 2005 il Comune di Istanbul produceva un PIL di 133 miliardi di dollari.

Nel 2005 le società con sede a Istanbul hanno effettuato esportazioni per il valore di 41.

Nel 2005 il Comune di Istanbul produceva un PIL di 133 miliardi di dollari.

Nel 2005 le società con sede a Istanbul hanno effettuato esportazioni per il valore di 41.

Nel 2005 il Comune di Istanbul produceva un PIL di 133 miliardi di dollari.

Nel 2005 le società con sede a Istanbul hanno effettuato esportazioni per il valore di 41.

Nel 2005 il reddito nazionale è ulteriormente salito del 7,4%, e rendendo la Turchia uno degli Stati a più rapida crescita economica.

Nel 2005 la Turchia ha ospitato 24.

Nel 2005 le esportazioni sono ammontate a 73,5 miliardi di dollari, le importazioni a 116,8 miliardi, con aumenti del 16,3% e del 19,7% rispetto al 2004.

Nel 2005 il reddito nazionale è ulteriormente salito del 7,4%, e rendendo la Turchia uno degli Stati a più rapida crescita economica.

Nel 2005 la Turchia ha ospitato 24.

Nel 2005 le esportazioni sono ammontate a 73,5 miliardi di dollari, le importazioni a 116,8 miliardi, con aumenti del 16,3% e del 19,7% rispetto al 2004.

Nel 2005 il reddito nazionale è ulteriormente salito del 7,4%, e rendendo la Turchia uno degli Stati a più rapida crescita economica.

Nel 2005 la Turchia ha ospitato 24.

Nel 2005 le esportazioni sono ammontate a 73,5 miliardi di dollari, le importazioni a 116,8 miliardi, con aumenti del 16,3% e del 19,7% rispetto al 2004.

Nel 2005 il reddito nazionale è ulteriormente salito del 7,4%, e rendendo la Turchia uno degli Stati a più rapida crescita economica.

Nel 2005 la Turchia ha ospitato 24.

Nel 2005 le esportazioni sono ammontate a 73,5 miliardi di dollari, le importazioni a 116,8 miliardi, con aumenti del 16,3% e del 19,7% rispetto al 2004.

Nel 1876 è stata resa operativa la prima rete postale internazionale tra Istanbul e le terre al di là del vasto impero ottomano.

Nel 1876 è stata resa operativa la prima rete postale internazionale tra Istanbul e le terre al di là del vasto impero ottomano.

Nel 1876 è stata resa operativa la prima rete postale internazionale tra Istanbul e le terre al di là del vasto impero ottomano.

Nel 1876 è stata resa operativa la prima rete postale internazionale tra Istanbul e le terre al di là del vasto impero ottomano.

Nel 2008 le esportazioni sono ammontate a 141,8 miliardi di dollari, e le importazioni a 204,8 miliardi di dollari.

Nel 2008 le esportazioni sono ammontate a 141,8 miliardi di dollari, e le importazioni a 204,8 miliardi di dollari.

Nel 2008 le esportazioni sono ammontate a 141,8 miliardi di dollari, e le importazioni a 204,8 miliardi di dollari.

Nel 2008 le esportazioni sono ammontate a 141,8 miliardi di dollari, e le importazioni a 204,8 miliardi di dollari.

Nel 2007 a Istanbul erano attive ben944 moschee.

Nel 2007 a Istanbul erano attive ben944 moschee.

Nel 2007 a Istanbul erano attive ben944 moschee.

Nel 2007 a Istanbul erano attive ben944 moschee.

Nel 2010 Istanbul è stata una delle capitali europee della cultura.

Nel 2010 Istanbul è stata una delle capitali europee della cultura.

Nel 2010 Istanbul è stata una delle capitali europee della cultura.

Nel 2010 Istanbul è stata una delle capitali europee della cultura.

Nel 1889 la linea ferroviaria è stata completata collegando direttamente Istanbul a Bucarest, rendendo il viaggio via terra interamente possibile.

Nel 1889 la linea ferroviaria è stata completata collegando direttamente Istanbul a Bucarest, rendendo il viaggio via terra interamente possibile.

Nel 1889 la linea ferroviaria è stata completata collegando direttamente Istanbul a Bucarest, rendendo il viaggio via terra interamente possibile.

Nel 1889 la linea ferroviaria è stata completata collegando direttamente Istanbul a Bucarest, rendendo il viaggio via terra interamente possibile.

Il 2 settembre 1924 le Tekkè e le Tarikat furono bandite e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia, in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello Stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi.

Il 2 settembre 1924 le Tekkè e le Tarikat furono bandite e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia, in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello Stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi.

Il 2 settembre 1924 le Tekkè e le Tarikat furono bandite e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia, in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello Stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi.

Il 2 settembre 1924 le Tekkè e le Tarikat furono bandite e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia, in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello Stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi.

Nel 1901 vengono resi possibili i trasferimenti di denaro tramite gli uffici postali.

Nel 1901 vengono resi possibili i trasferimenti di denaro tramite gli uffici postali.

Nel 1901 vengono resi possibili i trasferimenti di denaro tramite gli uffici postali.

Nel 1901 vengono resi possibili i trasferimenti di denaro tramite gli uffici postali.

Dal 1923 è una Repubblica.

Dal 1923 è una Repubblica.

Dal 1923 è una Repubblica.

Dal 1923 è una Repubblica.

Nel 1928, l'alfabeto turco adottò al posto della scrittura araba i caratteri latini.

Nel 1928, l'alfabeto turco adottò al posto della scrittura araba i caratteri latini.

Nel 1928, l'alfabeto turco adottò al posto della scrittura araba i caratteri latini.

Nel 1928, l'alfabeto turco adottò al posto della scrittura araba i caratteri latini.

Nel 1927, quando fu realizzato il primo censimento nella Repubblica di Turchia, la popolazione era 13,6 milioni.

Nel 1927, quando fu realizzato il primo censimento nella Repubblica di Turchia, la popolazione era 13,6 milioni.

Nel 1927, quando fu realizzato il primo censimento nella Repubblica di Turchia, la popolazione era 13,6 milioni.

Nel 1927, quando fu realizzato il primo censimento nella Repubblica di Turchia, la popolazione era 13,6 milioni.

Nel 1883, un imprenditore belga, Georges Nagelmackers, cominciò un servizio ferroviario tra Parigi e Istanbul, con una nave a vapore che trasportava i passeggeri da Varna a Costantinopoli.

Nel 1883, un imprenditore belga, Georges Nagelmackers, cominciò un servizio ferroviario tra Parigi e Istanbul, con una nave a vapore che trasportava i passeggeri da Varna a Costantinopoli.

Nel 1883, un imprenditore belga, Georges Nagelmackers, cominciò un servizio ferroviario tra Parigi e Istanbul, con una nave a vapore che trasportava i passeggeri da Varna a Costantinopoli.

Nel 1883, un imprenditore belga, Georges Nagelmackers, cominciò un servizio ferroviario tra Parigi e Istanbul, con una nave a vapore che trasportava i passeggeri da Varna a Costantinopoli.

Nel 2015 si sono tenute due volte le elezioni parlamentari, a giugno e a novembre.

Nel 2015 si sono tenute due volte le elezioni parlamentari, a giugno e a novembre.

Nel 2015 si sono tenute due volte le elezioni parlamentari, a giugno e a novembre.

Nel 2015 si sono tenute due volte le elezioni parlamentari, a giugno e a novembre.

Dal 1981 al 2003, il reddito nazionale è aumentato in media del 4%.

Dal 1981 al 2003, il reddito nazionale è aumentato in media del 4%.

Dal 1981 al 2003, il reddito nazionale è aumentato in media del 4%.

Dal 1981 al 2003, il reddito nazionale è aumentato in media del 4%.

Nel 1964, a causa di un'altra recrudescenza della crisi cipriota, tutti i greci privi di cittadinanza turca (circa 12.

Nel 1964, a causa di un'altra recrudescenza della crisi cipriota, tutti i greci privi di cittadinanza turca (circa 12.

Nel 1964, a causa di un'altra recrudescenza della crisi cipriota, tutti i greci privi di cittadinanza turca (circa 12.

Nel 1964, a causa di un'altra recrudescenza della crisi cipriota, tutti i greci privi di cittadinanza turca (circa 12.

Borsa: Milano riduce perdite con Europa

Borsa: Milano riduce perdite con Europa

(ANSA) – MILANO, 13 AGO – Piazza Affari e tutti i listini europei avvicinandosi alla chiusura migliorano il loro andamento: Parigi è leggermente in positivo, Londra si muove sulla parità, mentre Milano segna con l’indice Ftse Mib un calo dello 0,3%. Sempre pesante ma con una riduzione delle perdite Istanbul, che cede circa il 2%. In Piazza Affari, in un clima comunque sempre nervoso, si sta allentando la tensione sulle banche: Mps, Unicredit e Ubi cedono [...]

Borsa: Europa debole, pesa crisi Turchia

Borsa: Europa debole, pesa crisi Turchia

(ANSA) – MILANO, 10 AGO – La crisi della Turchia avvolge le principali borse europee ad eccezione della piazza di Istanbul (+0,63%), che si muove in controtendenza nonostante il calo della lira turca, segnando un calo del 45,48% da inizio anno in dollari e del 15,47% in valuta locale. Milano (-1%) è la peggiore, preceduta da Madrid (-0,93%), Francoforte (-0,79%), Parigi (-0,77%) e Londra (-0,53%), mentre i futures Usa sono negativi di quasi mezzo punto [...]

Giornata internazionale del gatto, è lui il principe di Istanbul

Giornata internazionale del gatto, è lui il principe di Istanbul

Istanbul, (askanews) - Per la giornata internazionale del gatto, l'8 agosto, le immagini dei veri principi di Istanbul. I felini si trovano dappertutto nell'ex capitale ottomana, nei caffè, sulle terrazze vista Bosforo, davanti ai pesci al mercato, tra le rovine del teatro antico.

Erdogan, summit a quattro a Istanbul

Erdogan, summit a quattro a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 30 LUG – La Turchia vuole organizzare un summit a 4 con Francia, Germania e Russia il prossimo 7 settembre a Istanbul per discutere di “quello che possiamo fare insieme nella regione”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai giornalisti sul volo di ritorno dal viaggio in Africa. Al di là di “questo quartetto”, la Turchia continuerà il suo dialogo diretto con la Russia, ha precisato Erdogan, che la scorsa [...]

Crolla un palazzo a Istanbul, le immagini spettacolari

Crolla un palazzo a Istanbul, le immagini spettacolari

Roma, (askanews) - Sono le immagini spettacolari di un palazzo sprofondato il 24 luglio a Istanbul, in Turchia. Nessun ferito: l'immobile era già stato evecuato e la zona posta in sicurezza quando l'intera strittura è scivolata sul fianco franato di una collina.

Blitz anti-Isis, 43 arresti a Istanbul

Blitz anti-Isis, 43 arresti a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 23 LUG – Le autorità turche hanno formalmente arrestato oggi 43 sospetti militanti dell’Isis, che erano stati fermati venerdì in massicci raid antiterrorismo condotti in 15 diversi indirizzi di Istanbul. I presunti jihadisti, precisa la polizia locale, sono tutti foreign fighter. Gli investigatori li accusano di aver fatto parte attivamente di gruppi sui social network di propaganda riconducibile al sedicente Stato islamico.

Gay Pride a Istanbul nonostante il divieto del governo

Gay Pride a Istanbul nonostante il divieto del governo

Milano (askanews) - Il divieto imposto dal governo non ha fermato un migliaio di persone che sono scese in piazza per il Gay Pride di Istanbul. I manifestanti hanno ballato, sventolato bandiere arcobaleno e letto una dichiarazione alla stampa, circondati da numerosi poliziotti che ad un certo punto hanno cercato di disperdere il corteo. 11 persone sono state arrestate.

Polizia carica Gay Pride a Istanbul

Polizia carica Gay Pride a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 1 LUG – La polizia turca ha sparato proiettili di plastica contro un gruppo di una trentina di manifestanti lgbti che stava cercando di sfidare il divieto imposto dalle autorità al corteo del Gay Pride a Istanbul nella zona di piazza Taksim. Lo denunciano gli organizzatori dell’evento, che avevano annunciato l’intenzione di radunarsi malgrado il bando.

FOTO: Repubblica di Turchia

Costantinopoli

Costantinopoli

Nuova_Roma

Nuova_Roma

Zarigrado

Zarigrado

Turchia

Turchia

Repubblica_Turca

Repubblica_Turca

Turchia_orientale

Turchia_orientale

Repubblica_di_Turchia

Repubblica_di_Turchia

Gay pride sfida divieto a Istanbul

Gay pride sfida divieto a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 1 LUG – La comunità Lgbt di Istanbul sfida il divieto e annuncia in un tweet che oggi pomeriggio sfilerà a piazza Taksim per il Gay Pride. Gli organizzatori riferiscono che il governatore ha vietato il corteo ‘illegalmente’ per il quarto anno consecutivo e che il bando viola la loro libertà di riunirsi. Dal 2015, il governatore cita motivi di sicurezza per spiegare il divieto, ma in precedenza le autorità turche hanno permesso che [...]

Turchia:46mila agenti sicurezza Istanbul

Turchia:46mila agenti sicurezza Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 24 GIU – Sono 40mila i poliziotti e 6mila i gendarmi incaricati di garantire la sicurezza dei seggi a Istanbul per le elezioni presidenziali e parlamentari anticipate di oggi. Lo ha reso noto stamani il prefetto della metropoli sul Bosforo, Vasip Sahin. “Finora non c’è stato alcun problema. Speriamo che fino a stasera tutti i cittadini possano votare in serenità e con la assoluta fiducia che verrà riflessa la loro libera [...]

Turchia: votano gli sfidanti di Erdogan

Turchia: votano gli sfidanti di Erdogan

(ANSA) – ISTANBUL, 24 GIU – Il principale candidato di opposizione alla presidenza della Turchia, Muharrem Ince, ha votato nella sua città natale di Yalova, nel nord-ovest del Paese, per le elezioni presidenziali e parlamentari anticipate. “Buon lavoro a tutti. Molte grazie a tutti”, ha detto ai giornalisti che gli chiedevano un commento. In lizza per il socialdemocratico e kemalista Chp, Ince è stimato dai sondaggi intorno al 30% e spera di andare al [...]

Istanbul, Erdogan atterra in nuovo scalo

Istanbul, Erdogan atterra in nuovo scalo

(ANSA) – ISTANBUL, 22 GIU – L’aereo presidenziale di Recep Tayyip Erdogan è stato il primo ad atterrare ieri sera nel nuovo maxi-aeroporto di Istanbul, ancora in costruzione. Il capo dello stato turco è arrivato da Gaziantep, dove aveva tenuto un comizio nel pomeriggio, per gli ultimi giorni di campagna elettorale in vista del voto anticipato di domenica. Lo scalo, che in una prima fase avrà una capacità di 90 milioni di passeggeri all’anno e 3.500 [...]

Concilio di Costantinopoli I (381)

IL SIMBOLO DEI CENTOCINQUANTA PADRI Crediamo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e di quelle invisibili: e in un solo signore Gesù Cristo, figlio unigenito di Dio, generato dal Padre prima di tutti i secoli, luce da luce, Dio vero da Dio vero; generato, non creato, della stessa sostanza del Padre, per mezzo del quale sono state fatte tutte le cose. Per noi uomini e per la nostra salvezza egli discese dal [...]

553 - Concilio di Costantinopoli II

SENTENZA CONTRO I "TRE CAPITOLI" Il grande Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo, secondo la parabola riferita dai Vangeli (1), distribuisce i talenti secondo le capacità di ciascuno, ed esige a suo tempo da essi il frutto proporzionato. Se, quindi, chi ha ricevuto un talento e l'ha conservato senza alcuna perdita, per non averlo trafficato e per non aver aumentato quanto aveva ricevuto viene condannato, come non sarà soggetto a più grave e terribile giudizio chi [...]

678 - Concilio di Costantinopoli III

Terzo Concilio di Costantinopoli ESPOSIZIONE DELLA FEDE L'Unigenito figlio e verbo di Dio Padre, fattosi uomo, in tutto simile a noi fuorché nel peccato, Cristo, il vero nostro Dio, predicò apertamente nel Vangelo: Io sono la luce del mondo. Chi mi segue, non camminerà nelle tenebre, ma avrà il lume della vita (1); e di nuovo: Vi lascio la mia pace, vi do la mia pace (2). Guidato dunque divinamente da questa celeste dottrina della pace, il nostro mitissimo [...]

869 - Concilio di Costantinopoli IV

Quarto Concilio di Costantinopoli Sessione X, 28 febbr. 870: Canoni (Originali greci smarriti. Versione del bibliotecario Anastasio) La tradizione come criterio della fede Can. 1. Per camminare senza intoppi sulla via dritta e regale della divina giustizia, noi dobbiamo custodire le prescrizioni e il pensiero dei nostri santi padri come lampade splendenti che illuminano i nostri passi conformi a Dio. Perciò noi, stimandoli, secondo del grande e sapiente Dionigi, [...]

Blitz anti-Isis a Istanbul, 51 arresti

Blitz anti-Isis a Istanbul, 51 arresti

(ANSA) – ISTANBUL, 25 MAG – Massiccio blitz anti-Isis oggi Istanbul. Le unità antiterrorismo della polizia turca hanno reso noto di aver arrestato 51 sospetti foreign fighter affiliati al sedicente Stato islamico. Le operazioni sono state compiute in 16 diversi indirizzi sulle sponde europea e asiatica della metropoli sul Bosforo. I fermati, di cui non sono state diffuse le nazionalità, sarebbero stati pronti a recarsi in “zone di conflitto” in Siria e [...]

Turchia invita il console israeliano a Istanbul a lasciare paese

Turchia invita il console israeliano a Istanbul a lasciare paese

Ankara, (askanews) - L'escalation di violenze a Gaza continua anche a suon di mosse diplomatiche. La Turchia dopo aver richiamato il suo ambasciatore a Tel Aviv, ha invitato anche il console generale israeliano a Istanbul a lasciare temporaneamente il Paese. E Israele a sua volta ha ordinato al console turco a Gerusalemme di partire per un periodo di tempo non specificato. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, dopo gli ultimi scontri nella Striscia, ha [...]