Scopri tutto su Democratic Party (Italy) leadership election, 2009

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Elezioni primarie del Partito Democratico del 2009 (Italia)

La scheda: Elezioni primarie del Partito Democratico del 2009 (Italia)

Voce principale: Partito Democratico (Italia).
Le elezioni primarie del Partito Democratico del 2009 si sono svolte domenica 25 ottobre 2009, per individuare il segretario nazionale, i segretari regionali e i membri dell'assemblea nazionale e delle assemblee regionali del Partito Democratico.
La consultazione ha seguito di circa due anni le elezioni primarie del 2007, che avevano eletto Walter Veltroni alla segreteria del partito. Come in quel caso, hanno votato anche i sedicenni e gli extracomunitari con permesso di soggiorno: inoltre, era previsto solamente un turno elettorale.


Elezioni primarie del Partito Democratico del 2009:
Stato:  Italia
Partito: Partito Democratico
Data: 25 ottobre 2009
Candidati: Pier Luigi BersaniDario FranceschiniIgnazio Marino
Voti: 1 623 239 53,23 %1 045 123 34,27 %380 904 12,5 %
Seggi: 530 / 1000339 / 1000131 / 1000
Segretario nazionale del Partito Democratico uscente:
Dario Franceschini
2007 2013:

Elezioni primarie del Partito Democratico del 2009:
Stato:  Italia
Partito: Partito Democratico
Data: 25 ottobre 2009
Candidati: Pier Luigi BersaniDario FranceschiniIgnazio Marino
Voti: 1 623 239 53,23 %1 045 123 34,27 %380 904 12,5 %
Seggi: 530 / 1000339 / 1000131 / 1000
Segretario nazionale del Partito Democratico uscente:
Dario Franceschini
2007 2013:
1 Storia
2 Candidati
2.1 Pier Luigi Bersani
2.2 Dario Franceschini
2.3 Ignazio Marino
2.4 Candidati a segretario regionale
3 Risultati
3.1 Voto tra gli iscritti
3.2 Elezioni primarie
4 Note
5 Bibliografia
6 Voci correlate
7 Collegamenti esterni

Voce principale: Partito Democratico (Italia).
Le elezioni primarie del Partito Democratico del 2009 si sono svolte domenica 25 ottobre 2009, per individuare il segretario nazionale, i segretari regionali e i membri dell'assemblea nazionale e delle assemblee regionali del Partito Democratico.
La consultazione ha seguito di circa due anni le elezioni primarie del 2007, che avevano eletto Walter Veltroni alla segreteria del partito. Come in quel caso, hanno votato anche i sedicenni e gli extracomunitari con permesso di soggiorno: inoltre, era previsto solamente un turno elettorale.

La Direzione Nazionale del partito ha fissato il congresso ("convenzione" secondo lo statuto del partito) all'11 ottobre 2009 e le nuove elezioni primarie per il 25 ottobre. Inizialmente il segretario uscente Dario Franceschini non si era espresso sulla possibilità di ricandidarsi alla guida del partito ma il 24 giugno annuncia ufficialmente la sua candidatura per il Congresso e per le primarie polemizzando con una parte del partito riferendosi in modo indiretto all'ex Presidente del Consiglio Massimo D'Alema.
L'ex ministro dello Sviluppo Economico Pier Luigi Bersani annuncia la sua candidatura, ricevendo l'appoggio di D'Alema.
L'europarlamentare Debora Serracchiani, che nel collegio del Friuli Venezia Giulia ha ottenuto più voti del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, annuncia il suo appoggio al candidato uscente, nonostante alcuni esponenti avessero auspicato una sua candidatura.
Il sindaco di Torino Sergio Chiamparino, dopo un'apertura relativa alla possibilità di presentarsi come candidato, ribadisce la sua non partecipazione al processo elettorale del partito.
Ignazio Marino, noto chirurgo di fede cattolica (anche se non sempre in sintonia con il Magistero), ribadisce la volontà di presentarsi alle primarie del PD divenendo il terzo candidato in corsa. Ciò ha creato diverse polemiche specialmente nell'area teodem del partito, all'epoca guidata da Paola Binetti, a causa delle proposte del professore in tema di testamento biologico.
Il 30 giugno anche Amerigo Rutigliano esprime, direttamente sul suo blog, il desiderio di candidarsi.
Mario Adinolfi, dopo l'insuccesso delle precedenti primarie, aveva inizialmente deciso di presentarsi come candidato, ma all'ultimo momento si è schierato con Franceschini.
Il 4 luglio il chirurgo Ignazio Marino conferma a sua volta di voler correre per la segreteria, sostenuto in prima linea da Giuseppe Civati.
Controversa è la candidatura di Beppe Grillo: il comico genovese, dopo le critiche da lui rivolte al partito, decide di presentarsi, polemizzando con gli altri candidati alla segreteria. Grillo decide perciò d'iscriversi al PD della Sardegna e di raccogliere le firme necessarie per la candidatura alla segreteria. Tuttavia il partito respinge la candidatura, ritenendola inopportuna e provocatoria, e non accetta la sua iscrizione ritenendola non valida, dato che il comico è residente a Nervi (Genova).
Il 23 luglio il Comitato per il Congresso ufficializza dunque 4 candidature: quelle di Pier Luigi Bersani, Dario Franceschini, Ignazio Marino e Amerigo Rutigliano. Il 28 luglio, però, proprio quest'ultima candidatura viene respinta dallo stesso Comitato, poiché delle 1542 firme presentate dal candidato, 500 sono risultate appartenenti a persone non iscritte al PD. Il giorno successivo la Commissione Nazionale per il Congresso annuncia anche che la quota degli iscritti che prendono parte alla prima fase congressuale è di 820 607.
I risultati definitivi dei 7221 congressi di circolo vengono divulgati l'8 ottobre dalla stessa Commissione Nazionale: Pier Luigi Bersani ottiene 255189 voti pari al 55,13%, seguito da Dario Franceschini con 171041 voti pari al 36,95% e da Ignazio Marino con 36674 voti pari al 7,92%. Tutti e tre i candidati sono quindi ammessi a partecipare alle elezioni primarie del 25 ottobre 2009.

Il 5 febbraio 2009, in un'intervista al quotidiano la Repubblica, Bersani rese pubblica l'intenzione di candidarsi a segretario del Partito Democratico in vista del congresso autunnale del 2009. Tra i sostenitori della candidatura di Bersani ci sono stati Massimo D'Alema, Rosy Bindi, Enrico Letta, Livia Turco e Rosa Russo Iervolino. Bersani ha incentrato la sua candidatura sull'esigenza di unire i valori cattolico-popolari con quelli del socialismo democratico e della socialdemocrazia. Ha inoltre dichiarato il suo impegno per far sì che ogni cittadino possa votare non solo il segretario di partito, bensì anche ciascun parlamentare.

Con l'elezione di Walter Veltroni a segretario nazionale del Partito Democratico, in occasione delle primarie del 14 ottobre 2007, Dario Franceschini aveva assunto la carica di vicesegretario.
In seguito alle dimissioni di Veltroni, rassegnate martedì 17 febbraio 2009 all'indomani della sconfitta elettorale del candidato democratico Renato Soru alle elezioni regionali in Sardegna del 2009, fu convocata per sabato 21 febbraio una riunione straordinaria dell'assemblea nazionale, che ratificò con 1047 preferenze l'attribuzione della segreteria a Franceschini.
Tra i sostenitori della candidatura di Franceschini vi sono stati Piero Fassino, Debora Serracchiani, Franco Marini, Marco Minniti, Giovanna Melandri, Tiziano Treu, Enrico Morando, Marina Sereni, Antonello Soro, Cesare Damiano, Pierluigi Castagnetti, Paolo Gentiloni, Sergio Cofferati, Rita Borsellino, Rita Borsellino, Mario Adinolfi, David Sassoli. L'ex segretario del PD Walter Veltroni, pur dichiarando di voler rimanere fuori dalle vicende congressuali, ha avuto parole di apprezzamento per la candidatura di Franceschini.

Ignazio Marino, senatore dall'aprile 2006, ufficializzò la propria candidatura il 23 luglio 2009, alla Camera del Lavoro di Milano. Il suo slogan è stato: «Vivi il PD, cambia l'Italia», il suo programma puntava sul rilancio del merito e dei diritti civili, sulla salute, la laicità e l'ambiente.

I candidati alle segreterie regionali sono stati i seguenti.

(Dati ufficiali)

I seggi sono rimasti aperti dalle ore 8 alle 20 di domenica 25 ottobre 2009. I dati sull'affluenza sono stati resi pubblici alle 11.30 e alle 17.30 da Maurizio Migliavacca, a nome della commissione congresso del PD: alle 11.30 avevano votato 876 570 elettori, alle 17.30 erano 1 962 397 , e alle 20.00, alla chiusura dei seggi, il totale è stato di 3 102 709 ..
(Dati ufficiali)

Il sindaco Pd giustifica le violenze: "I migranti non sono abituati a bere"

Il sindaco Pd giustifica le violenze: "I migranti non sono abituati a bere"

Fabrizio Tenerelli A Ventimiglia è boom di aggressioni. Il Comune vieta la somministrazione di alcol dalle 2 alle 6. Ma il sindaco difende i migranti: “Non sono abituati a bere” Ventimiglia – Non è vero che i migranti sono persone ubriache e violente, è solo che non sono persone abituate a bere e, per questo motivo, basta anche un minimo consumo di “tali bevande”, per fargli perdere la ragione.

Lo schiaffo di Renzi a Prodi: niente invito alla festa per i 10 anni del Pd

Lo schiaffo di Renzi a Prodi: niente invito alla festa per i 10 anni del Pd

Ivan Francese L’umiliazione per il Professore: dal Nazareno non lo avrebbero nemmeno invitato alle celebrazioni per i dieci anni dalla fondazione del Partito Democratico Romano Prodi potrebbe non essere invitato alla grande festa per le celebrazioni del decimo anniversario della fondazione del Partito Democratico .

COMUNQUE CARA SETTA ROSICONA E STATO:Un incontro in agenda da tempo, richiesto dal segretario Pd Matteo Renzi.

COMUNQUE CARA SETTA ROSICONA E STATO:Un incontro in agenda da tempo, richiesto dal segretario Pd Matteo Renzi.

Matteo Renzi un'ora a colloquio con Emmanuel Macron all'Eliseo: "Insieme contro i populismi, da Le Pen a Salvini. Preoccupati per Angela.Visita in forma privata a Parigi, presenti anche Sandro Gozi e Giuliano Da Empoli: "È andato molto bene" Un'ora di colloquio fra il segretario del Pd Matteo Renzi e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. All'Eliseo erano presenti anche il sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi e il consigliere [...]

Renzi: "Se perde il Pd salta il sistema. Coalizione ma senza primarie. Il candidato premier sono io"

Renzi: "Se perde il Pd salta il sistema. Coalizione ma senza primarie. Il candidato premier sono io"

I 10 anni del partito festeggiati senza Prodi. “Tenda o no, questa è casa sua. Mdp non vuole ricucire”.

Ius soli, il Pd torna alla carica

Ius soli, il Pd torna alla carica

Luca Romano Al decennale del Pd, Veltroni sprona Renzi e Gentiloni: “Approvatelo entro questa legislatura”. E il premier: “Ci stiamo lavorando” “Vorrei che la legislatura si concludesse con l’approvazione dello ius soli . Paolo e Matteo, fate ciò che è necessario per approvarlo”.

In corsa l’«ideatore» del Pd e lo storico autista di Bossi

Chiara Campo Sono 134 (in aumento) i candidati alle benemerenze Scola nome super partes, in lizza Abatantuono e Linus (…) di consegnare l’Ambrogino d’Oro a don Virginio Colmegna, fondatore della Casa della Carità , per la campagna «Ero straniero» al fianco di Emma Bonino per chiedere il superamento della legge Bossi-Fini. Tradotto: permessi di soggiorno più facili. Viene presentato dal presidente del Consiglio Lamberto Bertolè, perchè nasca [...]

Ma perchè contro il PD che sono fuori dal ballottaggio.....forse perchè sono i soli veri avversari da colpire ?

Ma perchè contro il PD che sono fuori dal ballottaggio.....forse perchè sono i soli veri avversari da colpire ?

A Ostia la campagna elettorale si chiude con l'incendio al circolo Pd. Domenica è in programma il ballottaggio per l'elezione del nuovo presidente del Municipio Di fronte alle intimidazioni fascio-mafiose nessun distinguo tra i democratici di ogni colore.Solidarietà al PD di OSTIA, quando si incendiano sedi di partito, stiamo scivolando verso una nuova dittatura.1 settembre 1939 ? E' interessante notare quanta gente cerchi di trovare una giustificazione per i [...]

Pd, per noi L’Aquila è il capoluogo di Regione

Pd, per noi L’Aquila è il capoluogo di Regione

  A distanza di 47 anni riesplode in Abruzzo una questione delicata e ormai sancita nello Statuto regionale dopo una fase travagliata che procurò tensioni, polemiche e rivolte popolari sia a Pescara che a L’Aquila. Furono giorni difficili superati solamente dal grande lavoro di uomini straordinari che in quella stagione difficile componevano l’Assemblea regionale. Un passo indietro che crediamo non faccia altro che distogliere le energia dalle cose [...]

Siamo alla follia - Al Parlamento Europeo Forza Italia e Pd votano a favore dell'invasione dei prodotti cinesi! È il colpo di grazia per le imprese italiane!

Siamo alla follia - Al Parlamento Europeo Forza Italia e Pd votano a favore dell'invasione dei prodotti cinesi! È il colpo di grazia per le imprese italiane!

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Siamo alla follia - Al Parlamento Europeo Forza Italia e Pd votano a favore dell'invasione dei prodotti cinesi! È il colpo di grazia per le imprese italiane!   Forza Italia e Pd votano l'invasione cinese: è un suicidio per le imprese italiane L'Europa ha scelto il suicidio. Il nuovo regolamento antidumping (speculazioni commerciali con vendita di prodotti a prezzi stracciati) approvato dal [...]

FOTO: Elezioni primarie del Partito Democratico del 2009 (Italia)

Pier Luigi Bersani, vincitore delle primarie 2009

Pier Luigi Bersani, vincitore delle primarie 2009

Dario Franceschini, segretario uscente

Dario Franceschini, segretario uscente

Direzione Pd, nessuno ha votato contro il documento unitario

Direzione Pd, nessuno ha votato contro il documento unitario

Roma, 13 nov. (askanews) – La direzione del Pd ha approvato il documento unitario presentato dalla segreteria. I voti a favore sono stati 164, nessun contrario, 14 astenuti.

Alleanze si ma a patto che le decisioni siano prese a maggioranza e si rispettino le decisioni. Basta con situazioni in cui il PD promuove un referendum e qualcuno del partito fa i comitati contro.

Matteo Renzi in Direzione Pd: "Campagna elettorale alle porte, sforzo unitario a partire da me" DIREZIONE PD - Renzi apre la riunione, all'ordine del giorno il tema delle alleanze: "Ma no ad abiure, su Jobs act e migranti si può migliorare ma non rinnegare". Gentiloni in prima fila.Il segretario ha i numeri per far approvare la sua linea. Ma punta all'unanimità per rinsaldare l'unità del partito. E incontra i Radicali italiani BRAVO RENZI, COME TI ABBIAMO [...]

TOPOLINO Ultimo SWG https://www.termometropolitico.it/1274028_sondaggi... Pd al 26.3 in risalita dopo la Sicilia, per la mia goduria e per la sua bava. I 5S in calo dell'1.1% dopo la sconfitta. Si controlli... e vada, vada a Sx.

Matteo Renzi prepara l'apertura sulle alleanze in Direzione Pd. Mossa volta soprattutto a fare chiarezza dentro il Pd. Renzi prepara il rilancio delle alleanze, un passaggio che serve più a chiarire le divergenze interne che a consolidare un nuovo progetto a sinistra. Alessandro De AngelisVicedirettore, L'Huffpost. Chiamato anche topolino. Topolino OGGI si e' fumato qualcosa più forte del solito. Renzi ha la maggioranza grande in direzione ma sopratutto la [...]

Forse il PD perderà le elezioni, in compenso la sinistra radicale sparirà o quasi dal Parlamento. E non otterranno il loro unico obiettivo, cioè eliminare Renzi, perché continueremo a sostenerlo e votarlo

Pisapia pensa a un accordo con Grasso e Mdp ma domenica lancerà un ultimo appello al Pd. La minoranza del sarà presente all’iniziativa di Campo progressista: “DivPisapia pensa a un accordo con Grasso e Mdp ma domenica lancerà un ultimo appello al Pd. La minoranza del sarà presente all’iniziativa di Campo progressista: “Divisi si La carovana è pronta a partire. Al posto di guida dopo tanti tormenti e indecisioni vogliono tutti Pietro Grasso, "il [...]

Tutto intile,i falliti rancorosi vogliono solo abbattere Renzi e il PD e far vincere giggino o ripetente.

DOCUMENTO PER RECUPERARE MDP - Esclusiva HuffPost: bonus, jobs act, pensioni, superticket. Le proposte che la minoranza Pd porterà a Renzi in Direzione (di A. Mauro) Leggo un documento a firma “minoranza Pd”che verrà portato in Direzione. Con tutto il rispetto, finanziare dei provvedimenti, qualunque essi siano, aumentando le aliquote sulla tassazione per il lavoro è l’opposto di quanto andrebbe fatto e poi ragionare in termini di “redditi bassi” [...]

PD, Il Segretario Provinciale de L'Aquila invit a Renzi a coinvolgere i territori nelle scelte per la prossima legislatura

La fase congressuale che si è appena conclusa, in provincia dell’Aquila con un congresso unitario di un partito che, nonostante alcune difficoltà, è ancora forte e vivo sul territorio. A fronte di tale iniziativa il neo segretario provinciale scrive a Renzi  che non va esclusa  la base dalle prossime scelte sulla prossima competizione elettorale di grande rilievo per il Paese  e per il PD che resta ancora la più grande forza democratica e riformista che [...]

Veramente la maggioranza degli elettori PD lo ha scelto come segretario, ma si sa per voi minoranza PD la democrazia vale solo se vi conviene, volete riprovare a fare le primarie? prendereste un 'altra serie di schiaffi come le ultime 2 volte.

Renzi: "Cercano di mettermi da parte ma non mollo. Alleanze e arriviamo al 40%" Dopo la disfatta in Sicilia che non é, nel centrosinistra si discute di premiership. Bersani lancia Grasso: "Ha il profilo giusto". Rosato: "Gentiloni nome spendibile". Emiliano a Radio Capital: "Il segretario ci stupisca e ricompatti la coalizione"  Dopo la disfatta in Sicilia, il Partito democratico si prepara alla resa dei conti  interna e discute sul candidato premier. Una gran [...]

Un governo coerente come quello del Pd a chi può dare la "delega per le politiche giovanili"? Al Ministro Poletti, ovviamente, quello che insultò i giovani italiani all’estero!

Un governo coerente come quello del Pd a chi può dare la "delega per le politiche giovanili"? Al Ministro Poletti, ovviamente, quello che insultò i giovani italiani all’estero!

    . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Un governo coerente come quello del Pd a chi può dare la "delega per le politiche giovanili"? Al Ministro Poletti, ovviamente, quello che insultò i giovani italiani all’estero! ROMA – PARLAMENTO – “Per la serie la persona sbagliata nel posto sbagliato… ecco che da oggi la delega alle Politiche Giovanili spetta al ministro Poletti, ministro del Lavoro, e ministro della teorica [...]

Il PD in Sicilia ha già vinto! Governare una regione come quella non è mai una buona idea!

Il PD in Sicilia ha già vinto! Governare una regione come quella non è mai una buona idea!

Sicilia, le reazioni: il Pd dà la colpa a Bersani. Rosato: "Il flop in Sicilia? Volevano farci perdere" Per Guerini sconfitta "netta e annunciata" Anche se a me piace seguire la politica,tutte queste discussioni delle elezioni,mi son venute a noia,anzi non le digerisco più.La domanda che mi faccio è : se vanno a votare il 39/40% ( Sicilia) o il 36% ( Ostia)degli aventi diritto, che significa? Che gli italiani non hanno più fiducia nei politici e nella [...]

Prime cinque pagine di Repubblica di oggi. In tre c'è il nome di Renzi bello grande nei titoli...Ma chi non vota PD perchè si interessano a RENZI ,forse si ricordano ancora del 40% delle elezioni EUROPE e da solo al REFERENDUM..

Banche, incontro a porte chiuse tra Renzi e Casini a Firenze Il segretario del Pd e il presidente della Commissione d'inchiesta sul sistema bancario a colloquio, blindato, nel palazzo della RegioneGrande Renzi? E perchè? Perchè si è andato ad assicurare che cosa ha intenzione di fare Casini? Si sa benissimo cosa farà Casini....insabbierà tutto! Del resto le interviste precedenti non lasciano adito a dubbi. Ma tranquillo, l'epoca di questa gentaglia sta [...]