Scopri tutto su Dichiarazione anticipata di trattamento

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

La scheda: Dichiarazione anticipata di trattamento

Una dichiarazione anticipata di trattamento (detta anche testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l'espressione della volontà da parte di una persona (testatore), fornita in condizioni di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell'eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte (consenso informato) per malattie o lesioni traumatiche cerebrali irreversibili o invalidanti, malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una normale vita di relazione.
La parola testamento viene presa in prestito dal linguaggio giuridico riferendosi ai testamenti tradizionali dove di solito si lasciano scritti (di pugno) le volontà di divisione dei beni materiali per gli eredi o beneficiari. Nel mondo anglosassone lo stesso documento viene anche chiamato living will (a volte impropriamente tradotto come "volontà del vivente").
La volontà sulla sorte della persona passa ai congiunti di primo grado o ai rappresentanti legali qualora la persona stessa non sia più in grado di intendere e di volere per motivi biologici.



Non esistendo ancora in Italia una legge specifica sul testamento biologico, la formalizzazione per un cittadino italiano della propria espressione di volontà riguardo ai trattamenti sanitari che desidera accettare o rifiutare può variare da caso a caso, anche perché il testatore scrive cosa pensa in quel momento senza un preciso formato, spesso riferendosi ad argomenti eterogenei come donazione degli organi, cremazione, terapia del dolore, nutrizione artificiale e accanimento terapeutico, e non tutte le sue volontà potrebbero essere considerate bioeticamente e legalmente accettabili.
L'articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana stabilisce che «nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge» e l'Italia ha firmato (ma non ancora ratificato) nel 2001 la Convenzione sui diritti umani e la biomedicina (L. 28 marzo 2001, n.145) di Oviedo del 1997 che stabilisce che «i desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione». Il Codice di Deontologia Medica, in aderenza alla Convenzione di Oviedo, afferma che il medico dovrà tenere conto delle precedenti manifestazioni di volontà dallo stesso.
È importante sottolineare che nonostante la legge n. 145 del 2001 abbia autorizzato il Presidente della Repubblica a ratificare la Convenzione, tuttavia lo strumento di ratifica non è ancora depositato presso il Segretariato Generale del Consiglio d'Europa, non essendo stati emanati i decreti legislativi previsti dalla legge per l'adattamento dell'ordinamento italiano ai principi e alle norme della Costituzione. Per questo motivo l'Italia non fa parte della Convenzione di Oviedo.

L'argomento, "eticamente sensibile", è oggetto di posizioni differenti fra correnti di pensiero di tipo laico, radicale comprese discussioni di ispirazione cristiana sull'eutanasia e di forte difesa della vita.
Per quanto riguarda l'eutanasia il Comitato Nazionale di Bioetica si è espresso nel dicembre 2003 con un documento, di 19 pagine, contenente un'analisi delle problematiche connesse e terminante con una serie di raccomandazioni, il cui rispetto garantisce la legittimità delle dichiarazioni anticipate. Nel documento si afferma che le dichiarazioni anticipate non possono contenere indicazioni «in contraddizione col diritto positivo, le regole di pratica medica, la deontologia il medico non può essere costretto a fare nulla che vada contro la sua scienza e la sua coscienza» e che «il diritto che si vuol riconoscere al paziente di orientare i trattamenti a cui potrebbe essere sottoposto, ove divenuto incapace di intendere e di volere, non è un diritto all'eutanasia, né un diritto soggettivo a morire che il paziente possa far valere nel rapporto col medico ma esclusivamente il diritto di richiedere ai medici la sospensione o la non attivazione di pratiche terapeutiche anche nei casi più estremi e tragici di sostegno vitale, pratiche che il paziente avrebbe il pieno diritto morale e giuridico di rifiutare, ove capace».
Il documento del Comitato Nazionale di Bioetica afferma inoltre che i medici dovranno non solo tenere in considerazione le direttive anticipate scritte su un foglio firmato dall'interessato, ma anche documentare per iscritto nella cartella clinica le sue azioni rispetto alle dichiarazioni anticipate, sia che vengano attuate o disattese..
Di tanto in tanto alcuni casi di morte per termine o rifiuto del trattamento medico (come quelli di Luca Coscioni e Eluana Englaro) pongono all'attenzione della politica e dell'opinione pubblica la necessità di legiferare in maniera chiara sull'argomento.
In attesa di una legge che regoli la materia è in atto, in molti comuni italiani, la raccolta della dichiarazione anticipata di trattamento dei cittadini residenti nel territorio interessato. Per i promotori di queste iniziative questi atti non eludono e non anticipano le iniziative legislative, ma sono l'azione necessaria perché, in caso di bisogno, non sia necessario ricostruire, a posteriori, le volontà dell'interessato, come è successo nel caso di Eluana Englaro.

Per la prima volta in Italia, il 5 novembre 2008, il Tribunale di Modena emette un decreto di nomina di amministratore di sostegno in favore di un soggetto qualora questo, in un futuro, sia incapace di intendere e di volere. L'amministratore di sostegno avrà il compito di esprimere i consensi necessari ai trattamenti medici. Così facendo si è data la possibilità di avere gli stessi effetti giuridici di un testamento biologico seppur in assenza di una normativa specifica Il giudice scrisse che non era necessaria una normativa sul testamento biologico, anche se i successivi sviluppi del caso di Eluana Englaro dimostrarono il contrario.

La Chiesa cattolica, nella persona del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della CEI, ha sollecitato a varare una legge sul fine vita che, riconoscendo valore legale a dichiarazioni inequivocabili e rese in forma certa ed esplicita, dia nello stesso tempo tutte le garanzie sulla presa in carico dell'ammalato e sul rapporto fiduciario tra lo stesso e il medico, cui è riconosciuto il compito di vagliare i singoli atti concreti e decidere in scienza e coscienza, fuori dalle gabbie burocratiche.
Riguardo al rifiuto dell'alimentazione e dell'idratazione, l'argomento principale su cui sono divise le posizioni e conseguentemente i vari disegni di legge presentati in parlamento, il cardinale ha precisato che non vi sarebbe la necessità di specificare alcunché, in quanto queste somministrazioni sarebbero ormai universalmente riconosciute come trattamenti di sostegno vitale, qualitativamente diversi dalle terapie sanitarie. L'opinione del prelato è che non si possa chiedere la sospensione di tali procedure, e che questa sia una salvaguardia indispensabile, «se non si vuole aprire il varco a esiti agghiaccianti anche per altri gruppi di malati non in grado di esprimere deliberatamente ciò che vogliono per se stessi».
Bagnasco così sintetizza l'auspicio della Chiesa cattolica italiana: «che in questo delicato passaggio ? mentre si evitano inutili forme di accanimento terapeutico ? non vengano in alcun modo legittimate o favorite forme mascherate di eutanasia, in particolare di abbandono terapeutico, e sia invece esaltato ancora una volta quel favor vitae che a partire dalla Costituzione contraddistingue l'ordinamento italiano.»

BIOTESTAMENTO: PARLANO I GESUITI DI AGGIORNAMENTI SOCIALI

 Il 29 maggio il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano ha bocciato la proposta di istituire un Registro comunale del testamento biologico. Per pochissimo, cioè per un solo voto. E' finita, infatti, 11 a 10 (vedi filmati).Ritengo che la città abbia perso un'occasione, ma sono le regole della democrazia che non intendo mettere in discussione. Mi spiace soprattutto perché alcuni (i consiglieri della Lega Nord Riboldi e Viviani) nel corso degli ultimi due anni [...]

VIDEO DEL CONSIGLIO COMUNALE: NO AL TESTAMENTO BIOLOGICO

Sono disponibili le videoregistrazioni della seduta del Consiglio Comunale del 29 maggio, durante la quale è stata bocciata di misura (11 voti a 10) la proposta di istituire il Registro del testamento biologico.  Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4

SUL TESTAMENTO BIOLOGICO IL CITTADINO NON DICE LA VERITA'

La lista civica Insieme per cambiare ha espresso "vivo disappunto" al Direttore de Il Cittadino per la grave disinformazione contenuta nell'articolo sull'ultimo Consiglio Comunale: Testamento Biologico: Il Cittadino e la verità dei fatti

TESTAMENTO BIOLOGICO: CHE COSA E' SUCCESSO IN CONSIGLIO?

TESTAMENTO BIOLOGICO: CHE COSA E' SUCCESSO IN CONSIGLIO?

 Sono disponibili i primi resoconti della bocciatura (voluta dai fedelissimi del Sindaco) del Registro del testamento biologico.Oltre alla breve nota da me pubblicata, invito a dare una lettura alle cronache della lista civica Insieme per cambiare e dei blog Paderno 7.0 e Rifonda anche tu!Restano da capire alcuni particolari: il voltafaccia della Lega Nord padernese che in passato aveva manifestato aperture significative sul tema del biotestamento, il ricorso a [...]

TESTAMENTO BIOLOGICO: PADERNO NON AVRA' IL REGISTRO

TESTAMENTO BIOLOGICO: PADERNO NON AVRA' IL REGISTRO

 Per poco, proprio poco... la città di Paderno Dugnano non avrà il Registro comunale del testamento biologico. E' finita 11 a 10 ieri sera in Consiglio Comunale. Dopo ampia discussione, le forze politiche di minoranza (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Insieme per Cambiare) e la lista Progetto Paderno Dugnano hanno approvato il Regolamento, mentre il Sindaco e gran parte della maggioranza (Paderno Dugnano Cresce, Lega Nord, Forza Italia) hanno votato no. [...]

CON 326 VOTI LA DAT ARRIVA AL SENATO...

CON 326 VOTI LA DAT ARRIVA AL SENATO...

Cari Amici, la scorsa settimana la Camera ha approvato, con 326 "Sì",37 "No" e 4 "Astenuti" le disposizioni del Dat (Dichiarazioneanticipata di trattamento o biotestamento),  le norme in materia del  testo unico dei 5 articoli del7 dicembre 2016.Le norme licenziate dalla Camera non sono numeri earticoli,ma il trattamento di cure di fine vita.  Art.1 Consenso informato-1. Nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione, nessun [...]

CON 326 VOTI LA DAT ARRIVA AL SENATO...

Cari Amici, la scorsa settimana la Camera ha approvato, con 326 "Sì",37 "No" e 4 "Astenuti" le disposizioni del Dat (Dichiarazioneanticipata di trattamento o biotestamento),  le norme in materia del  testo unico dei 5 articoli del7 dicembre 2016.Le norme licenziate dalla Camera non sono numeri earticoli,ma il trattamento di cure di fine vita.  Art.1 Consenso informato-1. Nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione, nessun [...]

TESTAMENTO BIOLOGICO RINVIATO AL PROSSIMO CONSIGLIO

 Il Consiglio Comunale si è concluso alle ore 23,40, dopo ampia discussione sul Rendiconto 2016 e, soprattutto, sulla pasticciata variazione che stanzia 450mila euro per un obiettivo piuttosto generico e poco definito (progettazione di un Palazzetto non solo dello Sport ma anche della Cultura, che dovrebbe sorgere al Parco Toti nell'area del magazzino retrostante la pista di pattinaggio, e probabilmente anche progettazione del nuovo Palazzo Sanità). Una [...]

TESTAMENTO BIOLOGICO RINVIATO AL PROSSIMO CONSIGLIO

 Il Consiglio Comunale si è concluso alle ore 23,40, dopo ampia discussione sul Rendiconto 2016 e, soprattutto, sulla pasticciata variazione che stanzia 450mila euro per un obiettivo piuttosto generico e poco definito (progettazione di un Palazzetto non solo dello Sport ma anche della Cultura, che dovrebbe sorgere al Parco Toti nell'area del magazzino retrostante la pista di pattinaggio, e probabilmente anche progettazione del nuovo Palazzo Sanità). Una [...]

Biotestamento

Legge sul biotestamento: le "campane a morto" rappresenta la protesta dei parroci contro la legge sul biotestamento. Quella contro i preti pedofili sarà allora la campanella della scuola... 

Cosa penso della legge sul biotestamento

Cosa penso della legge sul biotestamento

La legge sul biotestamento continuerà ad essere contestata, sia da quanti non accettano l’obiezione di coscienza del medico (ad esempio, Michela Marzano su la Repubblica), sia da quanti la considerano il frutto avvelenato di una crisi antropologica (Benedetto Ippolito). Opinioni ambedue rispettabili, sia chiaro. Sono però convinto che le polemiche della domenica, quando i sacerdoti di tutte le fedi predicano in modo concitato, prima o poi si cheteranno nei [...]

Biotestamento, sì alla Camera

Biotestamento, sì alla Camera

Passato con 326 voti favorevoli il disegno di legge per il diritto al rifiuto delle terapie.

TESTAMENTO BIOLOGICO: REGISTRO ANCHE A PADERNO?

La Camera ha approvato oggi in prima lettura la legge sul testamento biologico. Un traguardo importante, ma il cammino per giungere all'approvazione definitiva è ancora lungo.Intanto, mercoledì 26 aprile il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano dovrà esprimersi sulla proposta formulata dalla lista civica Insieme per cambiare, che sul tema ha lavorato con impegno dal 2014.

TESTAMENTO BIOLOGICO: REGISTRO ANCHE A PADERNO?

TESTAMENTO BIOLOGICO: REGISTRO ANCHE A PADERNO?

La Camera ha approvato oggi in prima lettura la legge sul testamento biologico. Un traguardo importante, ma il cammino per giungere all'approvazione definitiva è ancora lungo.Intanto, mercoledì 26 aprile il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano dovrà esprimersi sulla proposta formulata dalla lista civica Insieme per cambiare, che sul tema ha lavorato con impegno dal 2014.

Ok al biotestamento, polemiche e divisioni

Ok al biotestamento, polemiche e divisioni

Atteso il via libera della Cemera al ddl che darà al paziente la possibilità di rifiutare le cure.

CAPIGRUPPO: SI PARLA ANCHE DI TESTAMENTO BIOLOGICO

Si è svolta ieri sera la Commissione Capigruppo. Su iniziativa della lista Insieme per cambiare si è discusso anche di Testamento Biologico. Rispetto al passato devo annotare un contributo del Capogruppo Francesco Rienzo (Progetto Paderno Dugnano) che merita approfondimento. Vi riferirò gli sviluppi. Il Consiglio Comunale sarà convocato per mercoledì 26 aprile.

BIOTESTAMENTO: VALORE DI UN INCONTRO, TESI DI LAUREA E MOZIONE

E' opportuno rendersi conto del privilegio che abbiamo avuto mercoledì sera a Paderno Dugnano, ospitando in anteprima nazionale la presentazione del film La natura delle cose di Laura Viezzoli presente in sala insieme a Sara Santagostino (figlia del protagonista), Sergio Borrelli e Maura degli Innocenti (psicologo e medico dell'équipe di cure palliative).Di seguito il lancio del film a livello nazionale mercoledì 29 marzo al Senato.  Sul sito Giurisprudenza [...]

PER CHI NON C'ERA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO DI ANGELO SANTAGOSTINO

 Sul sito della lista civica Insieme per cambiare è stato pubblicato (in tempi rapidissimi) il video della terza serata sul testamento biologico.Il filmato evidentemente non può restituire l'intensità della concentrazione in sala. Un clima di attenzione e soprattutto di ascolto profondo, che costituisce il contesto migliore per l'approfondimento di tematiche sensibili come quella del fine vita.  Personalmente ho fatto due interventi: uno all'inizio per [...]

TESTAMENTO BIOLOGICO: DOCUFILM IN ANTEPRIMA

Continua il volantinaggio di Insieme per cambiare per l'iniziativa sul testamento biologico di mercoledì 22 marzo in Tilane. Stamattina davanti alle chiese di Paderno e Palazzolo.Se guardate sul sito de L'Espresso... il film La natura delle cose è un'anteprima che merita grande attenzione. Mercoledì sera a Paderno saranno presenti in sala la regista Laura Viezzoli, la figlia del protagonista, Sara Santagostino, e lo psicologo palliativista Sergio Borrelli, che [...]

TESTAMENTO BIOLOGICO: L'INTERVENTO DI CASATI ALLA CAMERA

Alla Camera è iniziata ieri la discussione in aula del testo unificato (in Commissione XII) delle Norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari.Di seguito l'intervento dell'on. Ezio Casati.