Dichiarazione anticipata di trattamento

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Music
In rilievo

Music

La scheda: Testamento biologico

Una dichiarazione anticipata di trattamento (detta anche testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l'espressione della volontà da parte di una persona (testatore), fornita in condizioni di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell'eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte (consenso informato) per malattie o lesioni traumatiche cerebrali irreversibili o invalidanti, malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una sia pur minima vita di relazione.
La parola testamento viene presa in prestito dal linguaggio giuridico riferendosi ai testamenti tradizionali dove di solito si lasciano scritti (di pugno) le volontà di divisione dei beni materiali per gli eredi o beneficiari. Nel mondo anglosassone lo stesso documento viene anche chiamato living will (a volte impropriamente tradotto come "volontà del vivente").
La volontà sulla sorte della persona passa ai congiunti di primo grado o ai rappresentanti legali qualora la persona stessa non sia più in grado di intendere e di volere per motivi biologici.



Non esistendo ancora in Italia una legge specifica sul testamento biologico, la formalizzazione per un cittadino italiano della propria espressione di volontà riguardo ai trattamenti sanitari che desidera accettare o rifiutare può variare da caso a caso, anche perché il testatore scrive cosa pensa in quel momento senza un preciso formato, spesso riferendosi ad argomenti eterogenei come donazione degli organi, cremazione, terapia del dolore, nutrizione artificiale e accanimento terapeutico, e non tutte le sue volontà potrebbero essere considerate bioeticamente e legalmente accettabili.
L'articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana stabilisce che «nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge» e l'Italia ha firmato (ma non ancora ratificato) nel 2001 la Convenzione sui diritti umani e la biomedicina (L. 28 marzo 2001, n.145) di Oviedo del 1997 che stabilisce che «i desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione». Il Codice di Deontologia Medica, in aderenza alla Convenzione di Oviedo, afferma che il medico dovrà tenere conto delle precedenti manifestazioni di volontà dallo stesso.
È importante sottolineare che nonostante la legge n. 145 del 2001 abbia autorizzato il Presidente della Repubblica a ratificare la Convenzione, tuttavia lo strumento di ratifica non è ancora depositato presso il Segretariato Generale del Consiglio d'Europa, non essendo stati emanati i decreti legislativi previsti dalla legge per l'adattamento dell'ordinamento italiano ai principi e alle norme della Costituzione. Per questo motivo l'Italia non fa parte della Convenzione di Oviedo.

L'argomento, "eticamente sensibile", è oggetto di posizioni differenti fra correnti di pensiero di tipo laico, radicale comprese discussioni di ispirazione cristiana sull'eutanasia e di forte difesa della vita.
Per quanto riguarda l'eutanasia il Comitato Nazionale di Bioetica si è espresso nel dicembre 2003 con un documento, di 19 pagine, contenente un'analisi delle problematiche connesse e terminante con una serie di raccomandazioni, il cui rispetto garantisce la legittimità delle dichiarazioni anticipate. Nel documento si afferma che le dichiarazioni anticipate non possono contenere indicazioni «in contraddizione col diritto positivo, le regole di pratica medica, la deontologia il medico non può essere costretto a fare nulla che vada contro la sua scienza e la sua coscienza» e che «il diritto che si vuol riconoscere al paziente di orientare i trattamenti a cui potrebbe essere sottoposto, ove divenuto incapace di intendere e di volere, non è un diritto all'eutanasia, né un diritto soggettivo a morire che il paziente possa far valere nel rapporto col medico ma esclusivamente il diritto di richiedere ai medici la sospensione o la non attivazione di pratiche terapeutiche anche nei casi più estremi e tragici di sostegno vitale, pratiche che il paziente avrebbe il pieno diritto morale e giuridico di rifiutare, ove capace».
Il documento del Comitato Nazionale di Bioetica afferma inoltre che i medici dovranno non solo tenere in considerazione le direttive anticipate scritte su un foglio firmato dall'interessato, ma anche documentare per iscritto nella cartella clinica le sue azioni rispetto alle dichiarazioni anticipate, sia che vengano attuate o disattese..
Di tanto in tanto alcuni casi di morte per termine o rifiuto del trattamento medico (come quelli di Luca Coscioni e Eluana Englaro) pongono all'attenzione della politica e dell'opinione pubblica la necessità di legiferare in maniera chiara sull'argomento.
In attesa di una legge che regoli la materia è in atto, in molti comuni italiani, la raccolta della dichiarazione anticipata di trattamento dei cittadini residenti nel territorio interessato. Per i promotori di queste iniziative questi atti non eludono e non anticipano le iniziative legislative, ma sono l'azione necessaria perché, in caso di bisogno, non sia necessario ricostruire, a posteriori, le volontà dell'interessato, come è successo nel caso di Eluana Englaro.

Per la prima volta in Italia, il 5 novembre 2008, il Tribunale di Modena emette un decreto di nomina di amministratore di sostegno in favore di un soggetto qualora questo, in un futuro, sia incapace di intendere e di volere. L'amministratore di sostegno avrà il compito di esprimere i consensi necessari ai trattamenti medici. Così facendo si è data la possibilità di avere gli stessi effetti giuridici di un testamento biologico seppur in assenza di una normativa specifica Il giudice scrisse che non era necessaria una normativa sul testamento biologico, anche se i successivi sviluppi del caso di Eluana Englaro dimostrarono il contrario.

La Chiesa cattolica, nella persona del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della CEI, ha sollecitato a varare una legge sul fine vita che, riconoscendo valore legale a dichiarazioni inequivocabili e rese in forma certa ed esplicita, dia nello stesso tempo tutte le garanzie sulla presa in carico dell'ammalato e sul rapporto fiduciario tra lo stesso e il medico, cui è riconosciuto il compito di vagliare i singoli atti concreti e decidere in scienza e coscienza, fuori dalle gabbie burocratiche.
Riguardo al rifiuto dell'alimentazione e dell'idratazione, l'argomento principale su cui sono divise le posizioni e conseguentemente i vari disegni di legge presentati in parlamento, il cardinale ha precisato che non vi sarebbe la necessità di specificare alcunché, in quanto queste somministrazioni sarebbero ormai universalmente riconosciute come trattamenti di sostegno vitale, qualitativamente diversi dalle terapie sanitarie. L'opinione del prelato è che non si possa chiedere la sospensione di tali procedure, e che questa sia una salvaguardia indispensabile, «se non si vuole aprire il varco a esiti agghiaccianti anche per altri gruppi di malati non in grado di esprimere deliberatamente ciò che vogliono per se stessi».
Bagnasco così sintetizza l'auspicio della Chiesa cattolica italiana: «che in questo delicato passaggio − mentre si evitano inutili forme di accanimento terapeutico − non vengano in alcun modo legittimate o favorite forme mascherate di eutanasia, in particolare di abbandono terapeutico, e sia invece esaltato ancora una volta quel favor vitae che a partire dalla Costituzione contraddistingue l'ordinamento italiano.»

Living for Love

Living for Love

Un pezzo provocatorio che racconta lo scontro erotico di odio e amore, sesso e guerra tra donne e tori uomini.

CON 326 VOTI LA DAT ARRIVA AL SENATO...

Cari Amici, la scorsa settimana la Camera ha approvato, con 326 "Sì",37 "No" e 4 "Astenuti" le disposizioni del Dat (Dichiarazioneanticipata di trattamento o biotestamento),  le norme in materia del  testo unico dei 5 articoli del7 dicembre 2016.Le norme licenziate dalla Camera non sono numeri earticoli,ma il trattamento di cure di fine vita.  Art.1 Consenso informato-1. Nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione, nessun [...]

Ad Arco la prima casa a impatto zero

Ad Arco la prima casa a impatto zero

(ANSA) - TRENTO, 1 GIU - Si chiama 'Casa SN', sarà realizzata ad Arco, ed è il primo progetto italiano registrato per ottenere la certificazione Living Building Challenge, che in tutto il mondo è stata assegnata a 300 strutture come scuole, uffici, comunità, centri di ricerca e abitazioni. Si tratta di edifici ad impatto ambientale pressoché nullo, costruiti seguendo rigidi criteri. "Innanzitutto un living building è completamente autonomo nell'uso di [...]

Living in a dream

I sogni, sappiamo, sono davvero strani: qualcosa magari ci appare straordinariamente chiara, minuziosa come la cesellatura di un orafo, su altre cose invece si passa sopra senza notarle neppure come ad esempio lo spazio ed il tempo. Credo che i sogni nascano non dalla ragione, ma dal desiderio, non dalla testa, ma dal cuore, anche se la mia ragione in sogno si è esibita qualche volta in ingegnosi voli non da poco. Certo è che in sogno accadono cose del tutto [...]

Biotestamento: Fvg approva Dat, prima regione in Italia

Biotestamento: Fvg approva Dat, prima regione in Italia

(ANSA) - TRIESTE, 3 MAR - La Regione Fvg ha approvato una legge che istituisce il Registro regionale per le dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario (Dat), che regola disposizioni per favorire la raccolta delle volontà di donazione di organi e tessuti. La legge è passata con 30 voti favorevoli, 2 astensioni, 3 contrari. Il Fvg è la prima regione in Italia a dotarsi di questo strumento: il cittadino decide se essere sottoposto a trattamenti sanitari in [...]

Marino: registro testamenti biologici

Marino: registro testamenti biologici

(ANSA) - ROMA, 6 APR - Istituire a Roma un registro dei testamenti biologici. E' l'intenzione del sindaco Ignazio Marino, esplicitata in una lettera agli organizzatori di un'assemblea cittadina sul tema. "In attesa che il Parlamento riempia questo vuoto - scrive Marino - Roma vuole fare la sua parte. Mi impegno a sottoporre la vostra proposta all'Assemblea capitolina". I cittadini potranno "depositare presso tutti gli uffici decentrati le proprie volontà" sul fine [...]

La Seeger Sessions Band Italiana? Forse. Sicuramente Buona American Music Made In Italy! The Mama Bluegrass Band - Living In A B Movie

La Seeger Sessions Band Italiana? Forse. Sicuramente Buona American Music Made In Italy! The Mama Bluegrass Band - Living In A B Movie

Mama Bluegrass Band - Living A In B Movie - Rocket Man/Volo Libero/Ird Ebbene sì, sono italiani anche loro, anzi lombardi, ma vengono dal nord, Cantù e dintorni, sono in metà di mille (come da foto, qui sotto) e sono molto bravi! Per la verità quelli accreditati nel libretto del CD (un bel digipack), sono "solo" sette, come formazione originale, più sei ospiti a rotazione nei quattordici brani del dischetto, 11 canzoni a firma di Marco Andrea "Francis" [...]

FUSIGNANO: Istituito il registro dei testamenti biologici

FUSIGNANO: Istituito il registro dei testamenti biologici

La decisione è stata votata all’unanimità dal Consiglio comunale mercoledì 19 febbraio 2014 Nella serata di mercoledì 19 febbraio il Consiglio comunale di Fusignano ha approvato all’unanimità la decisione di istituire il Registro dei testamenti biologici. In questo Registro, depositato presso l’Ufficio Servizi demografici, sono elencate le persone che rilasciano presso il Comune di Fusignano una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in cui [...]

Fiat 500L Living a Francoforte: le immagini

Fiat 500L Living a Francoforte: le foto

Fiat 500L Living

Fiat 500L Living

Dalla prova su strada di TGcom24: Fiat 500L Living è l’esempio perfetto di quando si dice “pensare” un prodotto. Fiat ha sempre fatto tante automobili per la famiglia e la città, ma qui ha voluto “pensare” a qualcosa di nuovo. Partendo da un prodotto funzionale e compatto, sul quale lavorare per ottimizzare gli spazi, infondergli una personalità propria e renderlo appetibile. Il risultato è in un concetto: “spazi enormi e molto ben pensati”. In [...]

Fiat 500L Living

Fiat 500L Living

Dalla prova su strada di TGcom24: Fiat 500L Living è l’esempio perfetto di quando si dice “pensare” un prodotto. Fiat ha sempre fatto tante automobili per la famiglia e la città, ma qui ha voluto “pensare” a qualcosa di nuovo. Partendo da un prodotto funzionale e compatto, sul quale lavorare per ottimizzare gli spazi, infondergli una personalità propria e renderlo appetibile. Il risultato è in un concetto: “spazi enormi e molto ben pensati”. In [...]

Fiat 500L Living, il Cinquino diventa a 7 posti

Fiat 500L Living, il Cinquino diventa a 7 posti

Fiat rende nota 500L Living, la sua nuova auto a 7 posti dotata di un comfort tipico del monovolume e di una personalizzazione senza pari!  

Fiat 500L Living: foto-pagella

Fiat 500L Living: le immagini

American High 4x09 Living Causes a Scar

American High 4x09 Living Causes a Scar

PER LEGGERE IL NUOVISSIMO EPISODIO DI AMERICAN HIGH "LIVING CAUSES A SCAR" CLICKATE QUI Vi ricordo di commentare nel nuovo blog, grazie!  

Testamento biologico con tatuaggio

Testamento biologico con tatuaggio

Se il tatuaggio è spesso un vezzo estetico, una forma per trasmettere un messaggio subliminare, la scelta di Bern Reinhold è di altro spessore. "Non rianimatemi, non intubatemi”. Un messaggio chiaro, forte e sottoscritto con tanto di firma. Un testamento olografo anomalo ma le spiegazioni sono "forti e chiare": " Con questo tatuaggio libero mia moglie e la mia famiglia da una decisione importante. Io non voglio finire in coma. Questo tatuaggio è frutto di [...]

Living with the amish, il nuovo reality-shock

Living with the amish, il nuovo reality-shock

Biotestamento, il premier si mobilita

«Sul fine vita non si dovrebbe legiferare, se non ci fossero certi tribunali». Lettera ai suoi deputati: «La legge serve, i giudici scavalcano le Camere»

Il Movimento per la Vita chiede di approvare la legge sulle DAT

A conclusione dell’Assemblea nazionale svoltasi a Firenze di Antonio Gaspari FIRENZE, domenica, 20 marzo 2011 (ZENIT.org).- A conclusione dell’Assemblea nazionale che si è svolta a Firenze, il Movimento per la Vita (MpV) ha approvato questa domenica un documento riguardante la legge sul fine vita attualmente in discussione alla Camera. Secondo l’Assemblea del MpV una legge è indispensabile per arginare “la falla creata nell’ordinamento giuridico dagli [...]