Donne Premi Nobel

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

In questa categoria: Marie Curie

Maria Sk?odowska, meglio nota come Marie Curie ...

Rita Levi-Montalcini

Membro 7ª commissione permanente (Istruzione p...

Madre Teresa di Calcutta

Fondatrice delle Missionarie della Carità
M...

Irène Joliot-Curie

Irène Joliot-Curie (Parigi, 12 settembre 1897 ...

Rigoberta Menchú Tum

Rigoberta Menchú Tum (Uspantán, 9 gennaio 195...

Gerty Theresa Cori

Gerty Theresa Cori nata Radnitz (Praga, 15 agos...

Canada revoca cittadinanza a Suu Kyi

Canada revoca cittadinanza a Suu Kyi

(ANSA) – OTTAWA, 3 OTT – Il Parlamento del Canada ha formalmente revocato la cittadinanza onoraria alla leader birmana Aung San Suu Kyi per la sua complicità nelle violenze contro la minoranza Rohingya. Il Senato ha votato ieri la decisione all’unanimità. Ottawa aveva concesso la cittadinanza onoraria a Suu Kyi nel 2007. La settimana scorsa anche la Camera aveva preso questa decisione all’unanimità. La premio Nobel per la pace diventa così la prima [...]

Appello di Amal Clooney ad Aung San Suu Kyi per cronisti Reuters

Appello di Amal Clooney ad Aung San Suu Kyi per cronisti Reuters

New York (askanews) - L'avvocato Amal Clooney, moglie della star di Hollywood George, parlando all'Assemblea generale dell'Onu a New York, ha chiesto alla leader della Birmania e premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi di graziare i due giornalisti dell'agenzia di stampa Reuters imprigionati in Myanmar dopo aver condotto un'inchiesta sugli omicidi commessi ai danni della minoranza Rohingya. "Quando Aung San Suu Kyi ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace ha [...]

Canada, revoca cittadinanza a Suu Kyi

Canada, revoca cittadinanza a Suu Kyi

(ANSA) – ROMA, 27 SET – Il parlamento del Canada ha votato all’unanimità una mozione per revocare la cittadinanza onoraria alla leader birmana Aung San Suu Kyi. Lo riportano i media canadesi. Suu Kyi, premio Nobel per la pace, ha ricevuto la cittadinanza canadese onoraria nel 2007 per il suo ruolo nel promuovere il cambiamento democratico in Birmania. Il suo silenzio e la riluttanza a condannare la brutale repressione delle forze di sicurezza birmane e [...]

Amnesty attacca Suu Kyi per giornalisti

Amnesty attacca Suu Kyi per giornalisti

(ANSA) – BEIRUT, 13 SET – Amnesty International si è scagliata oggi contro la premio Nobel per la pace e premier de facto della Birmania, Aung San Suu Kyi, accusandola di “difendere l’indifendibile” per avere giustificato la condanna di due giornalisti della Reuters da parte di una corte di Yangon. Secondo Minar Pimple, direttore di Amnesty per le operazioni globali dire che questo caso ‘non ha nulla a che vedere con la libertà di espressione’ e [...]

Suu Kyi difende condanna giornalisti

Suu Kyi difende condanna giornalisti

(ANSA) – ROMA, 13 SET – Il governo birmano avrebbe potuto gestire meglio la questione dei Rohingya: lo ha ammesso la Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, già duramente criticata dalla comunità internazionale e dell’Alto commissario dell’Onu per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, per avere giustificato le malefatte dei militari contro la minoranza musulmana. Intervenendo oggi al World Economic Forum di Hanoi, Suu Kyi ha comunque difeso la decisione [...]

Suu Kyi condanna reporter Reuters

Suu Kyi condanna reporter Reuters

"Questione Rohingya poteva essere gestita meglio"

Premio Nobel Williams in Piemonte

Premio Nobel Williams in Piemonte

(ANSA) – TORINO, 11 SET – L’attivista statunitense Jody Williams, Premio Nobel per la Pace 1997, ha visitato ieri Locana, in Canavese, per scoprire il paese d’origine della propria famiglia. I bisnonni della donna, nota per essere la fondatrice e coordinatrice della campagna internazionale contro le mine anti-uomo, erano infatti originari della Valle Orco, più precisamente della frazione Montigli di Locana. La Williams, insieme alle due sorelle, ha [...]

Onu, Suu Kyi doveva dimettersi per genocidio Rohingya

Onu, Suu Kyi doveva dimettersi per genocidio Rohingya

Alto commissario per i diritti umani: 'Giustifico' i militari'

Onu, Suu Kyi doveva dimettersi

Onu, Suu Kyi doveva dimettersi

Parere dell'Alto Commissario per i Diritti Umani

Rohingya: Onu, Suu Kyi doveva dimettersi

Rohingya: Onu, Suu Kyi doveva dimettersi

(ANSA) – ROMA, 30 AGO – La leader birmana Aung San Suu Kyi avrebbe dovuto dimettersi dopo la violenta campagna militare contro la minoranza musulmana Rohingya l’anno scorso: lo ha detto alla Bbc l’Alto commissario Onu per i diritti umani uscente Zeid Ra’ad Al Hussein. I tentativi del premio Nobel per la pace di giustificare le azioni dei militari sono “profondamente deplorevoli”, ha aggiunto. Il giudizio dell’Alto commissario segue il rapporto di [...]

Onu, Suu Kyi non ha prevenuto crimini

Onu, Suu Kyi non ha prevenuto crimini

(ANSA) – GINEVRA, 27 AGO – La leader birmana Aung San Suu Kyi “non ha usato la sua posizione di capo del governo de facto, né la sua autorità morale, per arginare o impedire gli eventi in corso nello stato di Rakhine” contro i Rohingya, sostiene il rapporto della Missione d’inchiesta indipendente dell’Onu sulla Birmania. Le autorità civili birmane – si legge nel documento – avevano poco margine, ma “attraverso le loro azioni e omissioni, le [...]

Malala, ricostruire le scuole bruciate

Malala, ricostruire le scuole bruciate

(ANSA) – PESHAWAR (PAKISTAN), 4 AGO – Il Nobel per la Pace Malala Yousafzai ha lanciato un appello per la ricostruzione di undici scuole bruciate con ogni probabilità da estremisti islamici, ieri nel nord del Pakistan. Nessuno è stato ferito durante l’attacco perché gli edifici scolastici erano chiusi. La polizia non ha ancora arrestato nessuno, ma sta interrogando individui legati a ambienti radicali. La giovane premio Nobel, perseguitata dai talebani [...]

Rita Levi Montalcini

Rita Levi Montalcini

Nata a Torino nel 1909, entra alla scuola medica di Giuseppe Levi (padre di Natalia Ginzburg) all'età di vent'anni dove si laurea nel 1936. Nonostante la sua intenzione di proseguire come assistente e ricercatrice in neurobiologia e psichiatria è costretta a causa delle leggi razziali emanate dal regime fascista del 1938, è costretta, insieme con Giuseppe Levi, ad emigrare in Belgio; ciò non impedisce alla Montalcini di proseguire le sue ricerche, usando un [...]

Malala ha lasciato il Pakistan dopo una storica visita

Malala ha lasciato il Pakistan dopo una storica visita

Al termine di una visita di quattro giorni al natìo Pakistan, la prima dopo l’attentato dei talebani che nel 2012 quasi la uccise, la premio Nobel per la Pace Malala Yousafzai ha lasciato Islamabad in aereo, diretta in Gran Bretagna. Durante la sua permanenza la ventenne attivista per l’emancipazione delle bambine pachistane ha visitato la casa di Mingora, nella Valle dello Swat, dove abitava e dove un militante del Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP) le sparò [...]

Malala termina storica visita a Pakistan

Malala termina storica visita a Pakistan

(ANSA) – ISLAMABAD, 2 APR – Al termine di una visita di quattro giorni al natìo Pakistan, la prima dopo l’attentato dei talebani che nel 2012 quasi la uccise, la premio Nobel per la Pace Malala Yousafzai ha lasciato Islamabad in aereo, diretta in Gran Bretagna. Durante la sua permanenza la ventenne attivista per l’emancipazione delle bambine pachistane ha visitato la casa di Mingora, nella Valle dello Swat, dove abitava e dove un militante del [...]

Malala: tweet gioia per ritorno a casa

Malala: tweet gioia per ritorno a casa

(ANSA) ISLAMABAD, 31 MAR – Tornata dopo quasi sei anni nella città e nella casa che l’ha vista bambina, la premio Nobel per la Pace pachistana, Malala Yousafzai, ha manifestato la sua gioia via twitter definendo Mingora e la Valle dello Swat “il posto più bello per me sulla terra”. Nel suo profilo Twitter la ventenne leader pachistana ha anche pubblicato una foto insieme ai suoi genitori e fratelli davanti alla casa da lei abitata fino all’attentato [...]

Malala, non voglio diventare premier

Malala, non voglio diventare premier

(ANSA) – ISLAMABAD, 30 MAR – La giovane Premio Nobel per la Pace Malala Yousafzai, tornata in Pakistan dopo sei anni dall’attentato dei talebani che le ha quasi tolto la vita, ha dichiarato di “non voler diventare primo ministro” perché “la politica è un tema molto complicato”. La ventenne giovane leader dell’emancipazione femminile ha detto durante una intervista alla Bbc in lingua urdu ha spiegato di aver sognato di diventare primo ministro [...]

Malala visita città natale in Pakistan

Malala visita città natale in Pakistan

(ANSA) – ISLAMABAD, 31 MAR – la giovane premio Nobel per la Pace pachistana Malala Yousafzai è giunta oggi a Mingora, nella Valle dello Swat, insieme ai suoi famigliari per visitare la scuola che frequentava quando quasi sei anni fa i talebani la ferirono gravemente rimproverandole la sua attività di blogger in difesa dell’emancipazione educativa delle bambine pachistane. La visita, rimasta in dubbio fino all’ultimo momento, avviene in un quadro di [...]

Dopo sei anni torna a casa Malala, la nemica dei talebani...!

Dopo sei anni torna a casa Malala, la nemica dei talebani...!

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Dopo sei anni torna a casa Malala, la nemica dei talebani...! Malala Yousafzai, la giovane donna Premio Nobel per la Pace divenuta simbolo di coraggio nella lotta al fondamentalismo religioso, ha rimesso finalmente piede in Pakistan dopo sei anni dal giorno in cui rimase quasi uccisa in un attentato dei talebani. Stando ai media locali, i dettagli del suo viaggio resteranno segreti per ragioni di [...]

Malala torna in Pakistan dopo sei anni: 'Sognavo di tornare'

Malala torna in Pakistan dopo sei anni: 'Sognavo di tornare'

“Sognavo di tornare in Pakistan da cinque anni”: lo ha detto il premio Nobel per la Pace Malala Yousafzai durante un discorso pronunciato in occasione del suo incontro  con il primo ministro pachistano Shahid Khaqan Abbasi.  “Ho proseguito gli studi” nel Regno Unito, ha aggiunto, “ma ho sempre desiderato muovermi liberamente in Pakistan. Voglio investire nell’istruzione dei bambini”. E poi, con le lacrime agli occhi: “Non riesco a credere di [...]