Elie Wiesel

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Christina (given name)
In rilievo

Christina (given name)

Elie Wiesel

La scheda: Elie Wiesel

Eliezer Wiesel, detto Elie (Sighetu Marmației, 30 settembre 1928 – New York, 2 luglio 2016), è stato uno scrittore, giornalista, saggista, filosofo, attivista per i diritti umani e professore rumeno naturalizzato statunitense, di origine ebraica e poliglotta, nato in Romania e sopravvissuto all'Olocausto.
È stato autore di 57 libri, tra i quali La notte, resoconto autobiografico in cui racconta la sua personale esperienza di prigioniero e superstite nei campi di concentramento di Auschwitz, Buna e Buchenwald. Wiesel è stato anche membro dell'Advisory Board del giornale Algemeiner Journal.
Quando Wiesel fu insignito del premio Nobel per la pace nel 1986, il Comitato Norvegese dei Premi Nobel lo chiamò il “messaggero per l'umanità”, affermando che attraverso la sua lotta per venire a patti con "la sua personale esperienza della totale umiliazione e del disprezzo per l'umanità a cui aveva assistito nei campi di concentramento di Hitler", così come il suo “lavoro pratico per la causa della pace", Wiesel aveva consegnato un potente messaggio di “pace, di espiazione e di dignità umana” alla stessa umanità.



EVENTI: Elie Wiesel

Il 18 aprile 2010 sul New York Times e il 16 aprile su altri giornali, Wiesel scrisse una pagina nella quale illustrava il legame del popolo ebraico con la città di Gerusalemme, rigettando la pretesa di Obama verso il governo israeliano di bloccare la costruzione di nuovi appartamenti nei quartieri orientali della città.

Nel 2009, ha criticato il Vaticano per la revoca della scomunica del vescovo Richard Williamson, un membro della società di San Pio.

Nel 1940 la Romania perse la città di lingua yiddish a seguito del secondo arbitrato di Vienna.

Nel 1960, Arthur Wang di Hill & Wang accettò di pagargli un anticipo di $100 per pubblicare il libro in America, nel settembre dello stesso anno.

Nel 1944 Wiesel, la sua famiglia ed il resto dei suoi concittadini furono rinchiusi nei due ghetti di Sighet.

Il 27 marzo 2001 si è presentato all'università della Florida per l'evento chiamato “Jewish Awareness Month”.

Nel 1955, Wiesel si trasferì a New York, dopo aver ricevuto la cittadinanza statunitense.

Nel 1997 se ne vendevano 300.

Nel 1948 Wiesel collaborò con il gruppo paramilitare Irgun, traducendo articoli dall'ebraico allo yiddish per le sue riviste e nel 1949 si trasferì in Israele come corrispondente per il giornale francese L'arche.

Il 13 febbraio 2012 il giornale Salt Lake City Tribune annunciò che la Chiesa mormone aveva eseguito un battesimo postumo ai genitori di Simon Wiesenthal.

Il 16 gennaio 2006 Opra Winfrey lo selezionò per il suo club del libro.

Il 13 febbraio 2006 Night fu il numero uno nella classifica del New York Times dei libri non fiction più venduti.

Addio a Elie Wiesel, una vita per raccontare l'orrore dell'Olocausto

Addio a Elie Wiesel, una vita per raccontare l'orrore dell'Olocausto

Il giornalista e scrittore, Premio Nobel per la pace, aveva 87 anni. Sopravvissuto all'Olocausto, fin dagli anni Cinquanta decise di essere un testimone, un combattente contro l'oblio

Addio a Elie Wiesel, testimone della Shoah

Addio a Elie Wiesel, testimone della Shoah

Lo scrittore e premio Nobel per la pace è morto a 87 anni.

ELIE WIESEL

ti trovi qui: ANSAmed Italia Esce in Italia 'Il mendicante di Gerusalemme' di E.Wiesel Esce in Italia 'Il mendicante di Gerusalemme' di E.WieselRomanzo scritto da premio Nobel nel 1967 su Shoah e ritorno 27 gennaio, 09:56

FOTO: Elie Wiesel

La casa dove è nato Wiesel

La casa dove è nato Wiesel

Buchenwald, 1945. Wiesel è nella seconda riga a partire dal basso, il settimo da sinistra.

Buchenwald, 1945. Wiesel è nella seconda riga a partire dal basso, il settimo da sinistra.

Wiesel nel 1987

Wiesel nel 1987

George W. Bush assieme al Dalai Lama e Wiesel il 17 ottobre 2007, durante una cerimonia alla Casa Bianca

George W. Bush assieme al Dalai Lama e Wiesel il 17 ottobre 2007, durante una cerimonia alla Casa Bianca

Wiesel al World Economic Forum del 2008

Wiesel al World Economic Forum del 2008

ELIE WIESEL

IL MENDICANTE DI GERUSALEMME "Una Gerusalemme che - scrive Wiesel - "miracolosamente trasforma qualunque uomo in pellegrino; nessuno può visitarla e ripartire immutato» Elie Wiesel, nato in Romania nel 1928, è sopravvissuto ad Auschwitz e Buchenwald. Filosofo e scrittore, strenuo difensore dei diritti dell'uomo, ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1986. Autore di romanzi tradotti in tutto il mondo, nel 1968 con Il mendicante di Gerusalemme ha vinto in [...]

LE DUE FACCE DELL’INNOCENTE di Elie Wiesel

LE DUE FACCE DELL’INNOCENTE di Elie Wiesel

Un processo sconvolgente. Un imputato vittima e carnefice. L’abisso dell’animo umano. Yedidyah è un giovane giornalista che lavora a New York nella redazione di un quotidiano. La sua specialità è la critica teatrale, è sposato con un’attrice ed è molto ben … Continua a leggere→

Le antiche paure di Elie Wiesel

Le antiche paure di Elie Wiesel

di Deborah FaitElie Wiesel                               Deborah Fait" Dal 1945, non sono mai stato tanto spaventato come oggi a causa dell'antisemitismo che dovrebbe appartenere al passato...

Le antiche paure di Elie Wiesel

Le antiche paure di Elie Wiesel

di Deborah FaitElie Wiesel                               Deborah Fait" Dal 1945, non sono mai stato tanto spaventato come oggi a causa dell'antisemitismo che dovrebbe appartenere al passato...