Scopri tutto su Emilio Fede

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

Emilio Fede

La scheda: Emilio Fede

Emilio Fede (Barcellona Pozzo di Gotto, 24 giugno 1931) è un giornalista e scrittore italiano, già direttore del TG1 (tra il 1981 e il 1982), di Studio Aperto (dal 1991 al 1992), del TG4 (dal 1992 al 2012) e di Videonews (dal 1989 al 1991).


False foto 'hot', Emilio Fede condannato a 2 anni e 3 mesi

False foto 'hot', Emilio Fede condannato a 2 anni e 3 mesi

Emilio Fede condannato a 2 anni e 3 mesi di reclusione nell'ambito del processo per le tentate estorsioni ai danni dei vertici di Mediaset attraverso la minaccia di pubblicazioni di alcune foto 'hot' ritoccate

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

"Questa notte ho scritto delle cose. Tra queste, una lettera a Silvio Berlusconi e poi ho scritto il mio testamento. Stanotte alle ore tre ho deciso che dovevo mettere nero su bianco alcune cose importanti. Sento che la fine è vicina, anche se ovviamente non la desidero né la aspetto". Queste le dichiarazionio choc rilasciate da Emilio Fede ai microfoni ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente [...]

EVENTI: Emilio Fede

Dal 2000 cura Sipario, il rotocalco rosa del Tg4 di sua concezione, in onda tutti i giorni in coda al telegiornale di Retequattro: crea il neologismo giornalistico "meteorine" per classificare le 'weather girls', annunciatrici del meteo di bella presenza senza una competenza specifica nel campo meteorologico.

Dal 1976 è per cinque anni conduttore del TG1 e il 28 febbraio del 1977 è il conduttore della prima edizione a colori, dal 1981 lo dirige per due anni, sotto la sua direzione la testata trasmette la morte di Alfredino Rampi a Vermicino.

Il 25 febbraio 1998 ha condotto in prima serata su Canale 5 il falso televisivo Indagine sulla canzone truccata, dove ha raccontato il finto arresto di Iva Zanicchi.

Dal 16 febbraio 2009 dirige su Retequattro tre prime serate speciali con Passwor*d-Il mondo in casa, programma di attualità in diretta da studio con ospiti in collegamento e inviati sul territorio.

Nel 2009 fu condannato in primo grado in sede civile per diffamazione contro Sergio D'Elia, deputato radicale ed ex membro di Prima Linea, per averlo definito "terrorista" e aver presentato al Tg4, nel 2006, un lungo servizio che il tribunale di Roma definì nella sentenza come «diffamatorio ( ) all'evidente fine di offrire ai telespettatori un'immagine negativa ( ) La notizia per esser vera deve essere completa, in modo da favorire la libera formazione delle opinioni del pubblico».

Tra il 1993 e il 1994 prese parte a una sorta di killeraggio televisivo contro Indro Montanelli, direttore del Giornale, contrario all'ingresso in politica di Berlusconi.

Nel luglio del 2004 conduce il TG4 in diretta da Nassiriya per portare la sua solidarietà ai militari italiani colpiti dall'attentato del 12 novembre 2003.

Nel 2004, dopo la sanzione pecuniaria inflitta dall'Agcom per il mancato rispetto della par condicio nel suo telegiornale prima delle elezioni europee, Fede nell'edizione delle 18:55 del TG4 del 10 giugno 2004 andò in onda con una targhetta al collo su cui era riportato il contenuto della sentenza.

Nel 1992 lascia la direzione di Studio Aperto perché aveva già accettato la direzione del TG4, il nuovo telegiornale di Rete.

Nel 2006, dopo un'altra sanzione di 250.

Il 6 gennaio 1994 aprì l'edizione serale del TG4 con un editoriale in cui ne chiedeva le dimissioni, poiché non condivideva le strategie politiche dell'azienda, rincarando la dose in un'intervista a Il Giorno dal titolo Montanelli è un piccolo uomo.

Dal 28 novembre 1997 e poi nel 1999 conduce su Retequattro il ciclo Le grandi interviste, interviste-ritratto di mezz'ora a personaggi come Clara Agnelli Nuvoletti, Massimo D'Alema, Umberto Bossi, Simona Ventura, Rosa Bossi Berlusconi, Pippo Baudo.

Dal 2008 sperimentò l'edizione notturna Sipario notte.

Il 9 maggio 2010 questi attacchi si ripetono, per di più nell'ambito di un servizio non direttamente riconducibile a Saviano o alla camorra, suscitando immediate polemiche da parte di numerosi blog ed esponenti del Centro-sinistra.

Nel 1987 termina il rapporto con la RAI, in seguito a un processo per gioco d'azzardo finito con l'assoluzione e, come lui stesso poi dichiarò, per il cambiamento degli accordi politici sulle poltrone RAI: il passaggio della direzione del Tg1 dal Partito Socialista Italiano (PSI), ultimo riferimento politico di Fede, alla Democrazia Cristiana, nell'ambito dei riequilibri politici e di potere relativi al nascituro Governo Fanfani VI.

Nel 1989 passa alla Fininvest di Silvio Berlusconi, dapprima come direttore di Videonews delle tre reti, poi di Studio Aperto che il 16 gennaio 1991 è il primo notiziario ad annunciare in diretta l'inizio dell'Operazione Desert Storm durante la Guerra del Golfo, proprio nel giorno della sua prima messa in onda su Italia Studio Aperto è anche il primo telegiornale a informare sulla cattura dei due piloti italiani Gianmarco Bellini e Maurizio Cocciolone.

Tra il 2013 e il 2014 è direttore editoriale del quotidiano «La Discussione», in passato già organo della Democrazia Cristiana per le Autonomie, movimento politico di centro-destra di Gianfranco Rotondi, esistito dal 2005 al 2009, quando è confluito ne Il Popolo della Libertà.

Il 19 luglio 2013 assieme agli altri due imputati Fede è condannato dal Tribunale di Milano nell'ambito del processo "Ruby" bis a 7 anni di reclusione e all'interdizione a vita dai pubblici uffici, per induzione alla prostituzione, favoreggiamento della prostituzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, più all'interdizione da uffici di mezzi di informazione considerati come pubblici uffici.

Il 9 aprile 2015 il Tribunale civile di Milano respinge la sua richiesta di risarcimento e gli impone di versare a Mediaset circa 10.

Il 22 settembre 2015 la Corte suprema di cassazione accoglie il suo ricorso e annulla la sentenza del "Ruby bis" a carico di Fede e Minetti, rinviando a un nuovo processo d'appello, respingendo al contempo il ricorso della procura di Milano che voleva condanne più elevate.

Il 30 ottobre 2014 Mediaset gli comunica la rescissione unilaterale a partire dal giorno successivo del contratto, in scadenza a giugno.

Nel 2014 vennero pubblicate alcune conversazioni tra Fede e Gaetano Ferri, il suo personal trainer, segretamente registrate da quest'ultimo, in cui l'ex giornalista rivela particolari importanti sui rapporti illeciti tra Berlusconi e la mafia siciliana, veicolati attraverso Marcello Dell'Utri, che operava come tramite dell'imprenditore.

Il 13 novembre 2014 la corte d'appello ha ridotto la pena a 4 anni e 10 mesi, con le accuse riqualificate nel solo favoreggiamento della prostituzione di una maggiorenne, mentre viene assolto dalle accuse di induzione alla prostituzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, in quanto viene riconosciuto che, come Berlusconi, non era a conoscenza della minore età di Karima El Mahroug detta Ruby, Fede si dichiara innocente di tutte le accuse, afferma di non aver portato lui la ragazza marocchina ad Arcore, di non sapere chi fosse e che cosa facesse.

Il 15 giugno 2017 il Tribunale di Milano ha condannato Emilio Fede alla pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione.

Nel 1983 e 1984 conduce la trasmissione di intrattenimento Test.

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

"Questa notte ho scritto delle cose. Tra queste, una lettera a Silvio Berlusconi e poi ho scritto il mio testamento. Stanotte alle ore tre ho deciso che dovevo mettere nero su bianco alcune cose importanti. Sento che la fine è vicina, anche se ovviamente non la desidero né la aspetto". Queste le dichiarazionio choc rilasciate da Emilio Fede ai microfoni ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente [...]

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

Emilio Fede choc : "Sento che la fine è vicina, ho fatto testamento"

"Questa notte ho scritto delle cose. Tra queste, una lettera a Silvio Berlusconi e poi ho scritto il mio testamento. Stanotte alle ore tre ho deciso che dovevo mettere nero su bianco alcune cose importanti. Sento che la fine è vicina, anche se ovviamente non la desidero né la aspetto". Queste le dichiarazionio choc rilasciate da Emilio Fede ai microfoni ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente [...]

Fede condannato: "In galera non ci vado, ho solo 2.800 euro"

Fede condannato: "In galera non ci vado, ho solo 2.800 euro"

"Col c**** che vado in galera. Fra pochi giorni faccio 86 anni. Al massimo vado ai servizi sociali, ma non da Don Mazzi". Così ai microfoni de La Zanzara (Radio24) l’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, commenta la sentenza con cui è stato condannato a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta con Lele Mora (che ha patteggiato) per la vicenda della Lm Management e della presunta distrazione di un milione e 100 mila euro dal finanziamento di 2 milioni 750 mila [...]

Emilio Fede condannato a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta

Emilio Fede condannato a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta

Emilio Fede è stato condannato a tre anni e sei mesi di carcere dai giudici della terza sezione penale di Milano. L'ex direttore del Tg4 è accusato di bancarotta fraudolenta insieme a Lele Mora, il quale ha già patteggiato un anno e sei mesi per la vicenda del prestito da 2 milioni e 750mila euro versati dall'ex premier Silvio Berlusconi. La condanna è più alta rispetto alla richiesta dell'accusa: il pm Eugenio Fusco aveva chiesto una pena a tre anni. Secondo [...]

Emilio Fede condannato a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta

Emilio Fede condannato a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta

Emilio Fede è stato condannato a tre anni e sei mesi di carcere dai giudici della terza sezione penale di Milano. L'ex direttore del Tg4 è accusato di bancarotta fraudolenta insieme a Lele Mora, il quale ha già patteggiato un anno e sei mesi per la vicenda del prestito da 2 milioni e 750mila euro versati dall'ex premier Silvio Berlusconi. La condanna è più alta rispetto alla richiesta dell'accusa: il pm Eugenio Fusco aveva chiesto una pena a tre anni. [...]

Bancarotta: Emilio Fede condannato a tre anni e mezzo di carcere

Bancarotta: Emilio Fede condannato a tre anni e mezzo di carcere

I giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Emilio Fede a 3 anni e mezzo di carcere per concorso in bancarotta nell'ambito della vicenda legata al fallimento della società di Lele Mora, la Lm Management, e del presunto dirottamento a suo favore di 1,1 milioni di euro della somma stanziata da Silvio Berlusconi per salvare la società. Fede dovrà risarcire per intero la somma ai creditori coinvolti nella procedura fallimentare. La ricostruzione - Nel [...]

Chiesti 4 anni e 9 mesi per Emilio Fede. Ricattò Mediaset con falsi fotomontaggi - Ma che Vi aspettavate da uno che sulla sua pensione da 8200 euro al mese andava dicendo “trovo che sia UNA MISERIA” !!

Chiesti 4 anni e 9 mesi per Emilio Fede. Ricattò Mediaset con falsi fotomontaggi - Ma che Vi aspettavate da uno che sulla sua pensione da 8200 euro al mese andava dicendo “trovo che sia UNA MISERIA” !!

. SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Chiesti 4 anni e 9 mesi per Emilio Fede. Ricattò Mediaset con falsi fotomontaggi - Ma che Vi aspettavate da uno che sulla sua pensione da 8200 euro al mese andava dicendo “trovo che sia UNA MISERIA” !!   Chiesti 4 anni e 9 mesi per Fede. Ricattò Mediaset con falsi fotomontaggi "hot" La richiesta arriva nell'ambito del processo sui falsi fotomontaggi "hot" per ricattare i vertici di Mediaset e Silvio [...]

Lele Mora al processo contro Emilio Fede: "Non posso vivere sulle spalle di mio figlio"

Lele Mora al processo contro Emilio Fede: "Non posso vivere sulle spalle di mio figlio"

Lele Mora ora è un uomo libero e come tale è andato a testimoniare al processo contro Emilio Fede per concorso in bancarotta. Nello stesso giorno si è presentato in Aula anche Silvio Berlusconi (come illustra il video) a proposito del quale l'ex agente dei vip ha dichiarato: "Ah, Silvio verrà oggi anche lui a testimoniare? Che meraviglia! Allora sarà una bella ‘carrambata". L'esistenza di Mora è molto diversa. Già mentre [...]

Milano, Berlusconi arriva in Tribunale per processo a Fede

Milano, Berlusconi arriva in Tribunale per processo a Fede

Milano (askanews) - Silvio Berlusconi e' arrivato al Tribunale di Milano per essere ascoltato come testimone nell'aula del processo che vede imputato l'ex direttore del Tg4, Emilio Fede, per la vicenda del prestito da 2 milioni e 850 mila euro concesso nel 2010 dall'allora presidente del consiglio all'ex talent scout Lele Mora. Il leader di Forza Italia e' entrato in Aula senza fermarsi dai cronisti.

Oltre ogni apparenza, romanzo di Giuseppe Pellegrino. Recensione di Paola Farah Giorgi

La vita di alcune persone può interrompersi e frantumarsi da un momento all’altro, di solito per un evento traumatico, e spostarsi su un altro piano dove, in modo altrettanto inaspettato, riesce a riprendere forma. È una forma diversa, una nuova vita: si riparte da zero come alternativa alla morte, a quel “morire dentro” forse più penoso e faticoso di una morte fisica. Emilio, il protagonista di “Oltre ogni apparenza” ritorna così a vivere, creandosi [...]

Oltre ogni apparenza, romanzo di Giuseppe Pellegrino. Recensione di Paola Farah Giorgi

La vita di alcune persone può interrompersi e frantumarsi da un momento all’altro, di solito per un evento traumatico, e spostarsi su un altro piano dove, in modo altrettanto inaspettato, riesce a riprendere forma. È una forma diversa, una nuova vita: si riparte da zero come alternativa alla morte, a quel “morire dentro” forse più penoso e faticoso di una morte fisica. Emilio, il protagonista di “Oltre ogni apparenza” ritorna così a vivere, creandosi [...]

Oltre ogni apparenza, romanzo di Giuseppe Pellegrino. Recensione di Paola Farah Giorgi

La vita di alcune persone può interrompersi e frantumarsi da un momento all’altro, di solito per un evento traumatico, e spostarsi su un altro piano dove, in modo altrettanto inaspettato, riesce a riprendere forma. È una forma diversa, una nuova vita: si riparte da zero come alternativa alla morte, a quel “morire dentro” forse più penoso e faticoso di una morte fisica. Emilio, il protagonista di “Oltre ogni apparenza” ritorna così a vivere, creandosi [...]

Bancarotta:Fede a processo per crac Mora

Bancarotta:Fede a processo per crac Mora

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - E' stato rinviato a giudizio Emilio Fede, accusato di concorso in bancarotta fraudolenta insieme a Lele Mora (che ha già patteggiato 1 anno e 6 mesi) per la vicenda del prestito del 2010 da 2 milioni e 750 mila euro all'ex talent scout da parte dell'ex premier Silvio Berlusconi (non è indagato). Denaro che l'ex Cavaliere (tramite il suo ragioniere di fiducia Giuseppe Spinelli) versò a Lele Mora per 'salvare' dal fallimento, avvenuto [...]

Lorenzo - Nicholas - Emilio - Erik - Andreas - Quarto Step

Lorenzo - Nicholas - Emilio - Erik - Andreas - Quarto Step

Obiettivo: improvvisare raccontando una storia

Alessandro - Francesco - Nicholas - Emilio - Riccardo...

Alessandro - Francesco - Nicholas - Emilio - Riccardo...

...devono affrontare un ulteriore prova come approfondimento del terzo step.

Emilio - Riccardo -Erik - Riccardo C. - Terzo Step

Emilio - Riccardo -Erik - Riccardo C. - Terzo Step

Obiettivo: tenere il tempo

Emilio

Emilio

Emilio B. affronta il primo step di danza...

Emilio Fede non sono stato invitato al compleanno di Silvio Berlusconi

Emilio Fede non sono stato invitato al compleanno di Silvio Berlusconi

Ieri ci sono stati messaggi di auguri vip a tappeto durante il giorno su Canale 5 per il compleanno di Silvio Berlusconi. Il Cavaliere compie 80 anni e su Twitter l'hashtag è in cima alle tendenze. Alla festa di compleanno del leader di Forza Italia ci sarà un grande assente: Emilio Fede. Il giornalista ed ex direttore del Tg4, com'è ormai noto, non è più in ottimi rapporti come un tempo con Silvio Berlusconi e ai festeggiamenti non è stato invitato. A [...]