Francesco Fortugno

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

La scheda: Francesco Fortugno

Francesco Fortugno (Brancaleone, 15 settembre 1951 – Locri, 16 ottobre 2005) è stato un politico italiano, assassinato mentre svolgeva l'incarico di vicepresidente del Consiglio Regionale della Calabria.


Francesco Fortugno:
Vice Presidente del Consiglio regionale della Calabria:
Durata mandato: 15 maggio 2005 – 16 ottobre 2005
Presidente: Giuseppe Bova
Predecessore: Alessandro Nicolo
Dati generali:
Partito politico: DC (1986-1994) PPI (1994-2002) La Margherita (2002-2005)

Fortugno,progetto Cammino della legalità

Fortugno,progetto Cammino della legalità

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 15 OTT - "Voi potete combattere la criminalità organizzata studiando. La questione culturale che oggi si pone come elemento integrante della lotta alle mafie unitamente all'azione giudiziaria, in realtà è successiva ad un'altra grande questione che è quella dell'istruzione, dello studio e dell'apprendimento della lingua italiana, della storia, delle geografia e della filosofia". Lo ha detto il procuratore di Catanzaro Nicola [...]

Boss, cupola nata dopo delitto Fortugno

Boss, cupola nata dopo delitto Fortugno

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 LUG - La cupola degli "invisibili" che governa la 'ndrangheta sarebbe stata creata dopo l'omicidio del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno, ucciso in un agguato a Locri il 16 ottobre 2005. E' quanto emerge da una intercettazione riportata nell'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti dell'ex deputato del Psdi Paolo Romeo, dell'ex consigliere regionale e sottosegretario della Giunta [...]

EVENTI: Francesco Fortugno

Il 24 marzo 2011 la Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria conferma la sentenza di primo grado,condanna all'ergastolo per Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, ritenuti i mandanti del delitto, Salvatore Ritorto, indicato come il killer, e Domenico Audino.

Il 2 febbraio 2009 la sentenza di primo grado nel processo per la morte di Fortugno condanna all'ergastolo gli imputati ritenuti esecutori materiali: Alessandro e Giuseppe Marcianò, Salvatore Ritorto e Domenico Audino.

Il 17 luglio 2013 la Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria conferma la condanna all'ergastolo per Alessandro Marcianò.

Il 3 ottobre 2012 la Corte di cassazione conferma definitivamente le condanne all'ergastolo di Giuseppe Marcianò come mandante dell'omicidio, Salvatore Ritorto il Killer del politico e Domenico Audino, Annulla con rinvio, per un nuovo processo di secondo grado, la condanna di Alessandro Marcianò padre di Giuseppe.

Il 19 maggio 2015 la Corte di Appello di Reggio Calabria assolve l'ex Deputata Laganà da tutte le accuse per cui era stata condannata in primo grado.

Nel 1992 diventa vicesegretario comunale della Democrazia Cristiana e successivamente aderisce alla corrente di Mino Martinazzoli che lo induce a schierarsi con il Partito Popolare Italiano di Gerardo Bianco e ad aderire al centrosinistra.

L'8 luglio 2014 la Cassazione rende definitivo il carcere a vita.

Il 21 giugno 2006 sono stati arrestati Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, rispettivamente caposala e infermiere in un ospedale di Locri.

Il 16 ottobre 2005 a Locri, nel giorno delle primarie dell'Unione, è stato ucciso all'interno del seggio da un killer a volto coperto, con 5 colpi di pistola.

Dal 1996 al 1999 fu assessore a Reggio Calabria, mentre dal 1999 al 2001 fu vicesindaco di Locri nella giunta di Giuseppe Lombardo.

Il 30 maggio 2007 il movimento antimafia "Ammazzateci tutti" presenta formale richiesta per costituirsi parte civile al processo.

Il 15 ottobre 2007 si suicida il collaboratore di giustizia Bruno Piccolo, uno dei due "pentiti" che hanno permesso di arrestare i presunti mandanti dell'assassinio.

Delrio e Bindi a commemorazione Fortugno

Delrio e Bindi a commemorazione Fortugno

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 19 OTT - Si è aperta con la deposizione di corone di alloro davanti la stele che ricorda l'omicidio la giornata dedicata a Locri al ricordo di Francesco Fortugno, nel decennale dell'assassinio. Partecipano, tra gli altri, il ministro Delrio e la presidente della Commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi. Francesca Bruzzaniti, moglie e madre di Alessandro e Giuseppe Marcianò, condannati all'ergastolo per l'omicidio, ha [...]

Prodi depone corona su tomba Fortugno

Prodi depone corona su tomba Fortugno

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 1 OTT - Romano Prodi è giunto a Locri dove ha deposto una corona di fiori sulla tomba di Francesco Fortugno, il vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria ucciso dalla 'ndrangheta il 16 ottobre del 2005 nel seggio delle Primarie dell'Unione. Alla deposizione della corona, svoltasi nell'ambito del decimo anniversario dell'omicidio, erano presenti la vedova ed i figli di Franco Fortugno.

'Ndrangheta: bomba nel milanese,condanne

'Ndrangheta: bomba nel milanese,condanne

(ANSA) – MILANO, 6 DIC – Sono stati condannati rispettivamente a 9 anni e mezzo di carcere e a 5 anni e 2 mesi, Roberto Manno e Maurizio Schiraldi, nel processo abbreviato a Milano con al centro lo scoppio di una bomba davanti a casa di un operaio ecuadoriano nell’ottobre 2017 a Pioltello, nel milanese, per un prestito a tassi d’usura non restituito. Il gup Guido Salvini ha inflitto a Roberto Manno (figlio del presunto boss della ‘ndrangheta Francesco [...]

'Ndrangheta, blitz tra Europa e Sudamerica: 90 arresti

'Ndrangheta, blitz tra Europa e Sudamerica: 90 arresti

Milano, (askanews) - Scacco alla 'ndrangheta da parte della polizia italiana che, con l'operazione internazionale "Pollino" che ha interessato, in contemporanea, diversi Stati europei e il Sud America, ha portato all'esecuzione di 90 misure restrittive della libertà personale nei confronti di altrettanti soggetti legati alle 'ndrine calabresi. Alcuni di loro sono considerati esponenti di affermate cosche operanti principalmente nella Locride, e accusati, a vario [...]

'Ndrangheta, 90 arresti tra Ue  e Sudamerica

'Ndrangheta, 90 arresti tra Ue e Sudamerica

Un blitz contro la ‘ndrangheta e le sue ramificazioni all’estero è in corso in queste ore da parte di Polizia e Guardia di Finanza. Sono 90 le misure cautelari che le forze di polizia stanno eseguendo in Italia e – in collaborazione con le autorità di quei paesi – in Germania, Olanda, Belgio e in alcuni paesi del Sud America. L’indagine è stata coordinata dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e riguarda diversi importanti esponenti di [...]

'Ndrangheta, 90 arresti in Ue-Sudamerica

'Ndrangheta, 90 arresti in Ue-Sudamerica

(ANSA) – ROMA, 5 DIC – Un blitz contro la ‘ndrangheta e le sue ramificazioni all’estero è in corso in queste ore da parte di Polizia e Guardia di Finanza. Sono 90 le misure cautelari che le forze di polizia stanno eseguendo in Italia e – in collaborazione con le autorità di quei paesi – in Germania, Olanda, Belgio e in alcuni paesi del Sud America. L’indagine è stata coordinata dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e riguarda [...]

La Lega e Matteo Salvini tutti 'ndrangheta e distintivo?

La Lega e Matteo Salvini tutti 'ndrangheta e distintivo?

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. di Andrea Montella Leggendo l'articolo de il Fatto Quotidiano, qui riportato, ci si accende un pensiero: ma come è possibile che un politico come Matteo Salvini sia diventato Ministro dell'Interno, sapendo che in Calabria è così vicino a Domenico Furgiuele - come si vede nella foto - genero di un noto 'ndranghetista come Salvatore Mazzei? Furgiuele, inoltre, compare nelle carte del [...]

Crozza Moscovici: “Rispetto per chi governa l’Italia, la camorra, la 'ndràngheta...”

Crozza Moscovici: “Rispetto per chi governa l’Italia, la camorra, la 'ndràngheta...”

Maurizio Crozza veste i panni di Pierre Moscovici, commissario europeo per gli affari economici e monetari, durante una puntata di Fratelli di Crozza | Episodio 20 | Stagione 2 | 09/11/2018

"Mafia, camorra, 'ndrangheta..."

"Mafia, camorra, 'ndrangheta..."

Il Ministro Matteo Salvini è risoluto!

Le mani di mafia e 'ndrangheta sulle scommesse online, 68 arresti

Le mani di mafia e 'ndrangheta sulle scommesse online, 68 arresti

Roma (askanews) - "Follow the money". Seguendo il vecchio detto spesso usato da Giovanni Falcone gli investigatori sono riusciti a ricostruire finanziamenti e investimenti di una rete criminale ramificata in tutta Italia che gestiva un enorme giro miliardario di scommesse on-line. Da qui il mega blitz che dalle prime luci del giorno ha portato all'arresto di 68 persone. Tra questi compaiono diversi importanti esponenti della criminalità organizzata pugliese, [...]

Ambulanze, trasporto sangue e funerali nelle mani della 'ndrangheta

Ambulanze, trasporto sangue e funerali nelle mani della 'ndrangheta

'Ndrangheta: 24 arrestati, c'è anche l'ex deputato Galati

'Ndrangheta: 24 arrestati, c'è anche l'ex deputato Galati

L’ex deputato Giuseppe Galati, del centrodestra, è stato arrestato e posto ai domiciliari nell’ambito di un’operazione contro la ‘ndrangheta condotta dalla Guardia di finanza. Insieme a Galati, nell’operazione denominata “Quinta bolgia”, sono state arrestate altre 23 persone. Dodici sono state condotte in carcere, mentre per le altre 12, tra cui Galati, sono stati disposti i domiciliari. E’ stato eseguito anche un sequestro di beni per dieci [...]

'Ndrangheta, 24 arresti in Calabria: nei guai ex deputato Galati

'Ndrangheta, 24 arresti in Calabria: nei guai ex deputato Galati

Catanzaro (askanews) - C'è anche l'ex deputato di centrodestra, Pino Galati, in passato già coinvolto in cronache giudiziarie, tra le 24 persone sottoposte ad ordinanza cautelare dalla Guardia di Finanza di Catanzaro nell'ambito della maxi operazione denominata "Quinta bolgia" contro la 'ndrangheta calabrese. L'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo calabrese e con il supporto dello Servizio centrale di investigazione sulla [...]

'Ndrangheta, tre arresti nel Reggino

'Ndrangheta, tre arresti nel Reggino

(ANSA) – REGGIO CALABRIA, 9 NOV – I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, con la collaborazione dello Squadrone Eliportato Cacciatori, hanno arrestato Alberto Chindamo, di 30 anni, Giovanni Sibio (29) e Francesco Lamanna (32), ritenuti responsabili a vario titolo di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni con l’aggravante di aver agito con la finalità di agevolare la cosca Ferentino – Chindamo e Lanari di Laureana di Borrello con [...]

'Ndrangheta: sequestro, imprese colluse

'Ndrangheta: sequestro, imprese colluse

(ANSA) – REGGIO CALABRIA, 8 NOV – Sarebbero “collusi con alcune cosche di ‘ndrangheta”, secondo la Dda di Reggio Calabria, i due imprenditori ai quali stamattina la Guardia di finanza, in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale reggino, ha sequestrato beni per un totale di 212 milioni di euro. I due imprenditori destinatari del provvedimento di sequestro, la cui attività riguarda il settore della [...]

GOLIA: 'Ndrangheta, Vincenzo Iaquinta: "Lotterò per l'innocenza mia e di mio padre"

GOLIA: 'Ndrangheta, Vincenzo Iaquinta: "Lotterò per l'innocenza mia e di mio padre"

"Siamo innocenti, non c'è niente contro di noi", proclama con rabbia l'ex calciatore di Juventus, Udinese e Nazionale campione del mondo nell'intervista esclusiva di Giulio Golia, dopo la sua condanna a 2 anni e a 19 del padre

PECORARO: 'Ndrangheta, quando i boss, tuoi vicini, ti uccidono un figlio con un'autobomba

PECORARO: 'Ndrangheta, quando i boss, tuoi vicini, ti uccidono un figlio con un'autobomba

I vicini sono i Mancuso, uno dei clan mafiosi più potenti della Calabria. Pretendono con la forza un piccolo pezzo di terra di 50 metri quadri, in provincia di Vibo Valentia. Così, come ci racconta Gaetano Pecoraro, una famiglia semplice, i Vinci, è stata distrutta

"Uno di famiglia", 'ndrangheta da ridere

"Uno di famiglia", 'ndrangheta da ridere

Frassica, Sermonti e Ocone in sala per la commedia di Federici

GOLIA: 'Ndrangheta, Vincenzo Iaquinta: "Lotterò per l'innocenza mia e di mio padre"

GOLIA: 'Ndrangheta, Vincenzo Iaquinta: "Lotterò per l'innocenza mia e di mio padre"

"Siamo innocenti, non c'è niente contro di noi", proclama con rabbia l'ex calciatore di Juventus, Udinese e Nazionale campione del mondo nell'intervista esclusiva di Giulio Golia, dopo la sua condanna a 2 anni e a 19 del padre

'Ndrangheta, l'intervista esclusiva a Vincenzo Iaquinta

'Ndrangheta, l'intervista esclusiva a Vincenzo Iaquinta

"Siamo innocenti", proclama con rabbia l'ex calciatore di Juventus, Udinese e Nazionale campione del mondo parlando con Giulio Golia, dopo la sua condanna a 2 anni e a 19 del padre. Non perdetevi l'intervista esclusiva stasera a Le Iene, dalle 21.10 sul Italia1

Processo di ndrangheta "Aemilia", due anni all'ex giocatore Vincenzo Iaquinta

Processo di ndrangheta "Aemilia", due anni all'ex giocatore Vincenzo Iaquinta

Il padre dell'ex attaccante, accusato di associazione mafiosa, è stato condannato a 19 anni

'Ndrangheta Aemilia, 2 anni a Vincenzo Iaquinta e 19 al padre

'Ndrangheta Aemilia, 2 anni a Vincenzo Iaquinta e 19 al padre

L’ex attaccante della Juventus e della Nazionale campione del Mondo Vincenzo Iaquinta è stato condannato a due anni nel processo di ‘Ndrangheta Aemilia. Per lui la Dda aveva chiesto sei anni, per reati di armi. E’ caduta in sentenza l’aggravante mafiosa. Il padre dell’ex calciatore, Giuseppe Iaquinta, accusato di associazione mafiosa, è stato condannato invece a 19 anni. Padre e figlio se ne sono andati dall’aula del tribunale di Reggio Emilia [...]