Scopri tutto su Futurismo italiano

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

In questa categoria: Filippo Tommaso Marinetti

Filippo Tommaso Marinetti (Alessandria d'Egitto...

Forme uniche della continuità nello spazio

Forme uniche della continuità nello spazio è ...

Ardengo Soffici

Ardengo Soffici (Rignano sull'Arno, 7 aprile 18...

Cinema futurista

Il cinema futurista fu il più antico movimento...

Antonio Sant'Elia

Antonio Sant'Elia (Como, 30 aprile 1888 – Mon...

Giovanni Papini

Giovanni Papini (Firenze, 9 gennaio 1881 – Fi...

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Vengono qui elencati alcuni siti internet ove è possibile trovare infornmazioni sui principali mosaici romani della città.

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Renato Signorini  (1908 -   ) - Nato a Ravenna nel 1908, ha frequentato la locale Accademia di Belle Arti e si è diplomato all'Istituto d'Arte di Firenze in decorazione pittorica nel 1935. Delle sue numerose attività ricordiamo la partecipazione ai restauri del mosaico pavimentale di S. Vitale (1930) e l'anno successivo l'esecuzione della decorazione musiva dell'abside di S. GIusto a Trieste su cartone del pittore G.. Cadorin. Nel 1935 viene chiamato [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

ATTIVITÀ DELL'ISTITUTO DAL 1959 AD OGGI 1965 1967 1968 1972 1976 1979 1980 1982 1983 1984 1985 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1997 1998 2000 2002 PROSSIMI APPUNTAMENTI

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

DOCENTI E LEZIONI

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

DIRETTORI DELL'ISTITUTO D'ARTE PER IL MOSAICO DAL 1959 AD OGGI

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Lidea di creare a Ravenna una scuola per lo studio dell'arte musiva nacque dall'entusiasmo di un gruppo di docenti della locale Accademia di Belle Arti, i quali iniziarono l'insegnamento di tale disciplina entro le mura dell'Accademia stessa chiamando a far parte del corpo docente, già nel 1926, il maestro Giuseppe Zampiga noto mosaicista dell'epoca . L'idea cominciò a diffondersi nell'ambiente ravennate e ad essere recepita dalle istituzioni della [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Antonio Rocchi  (1916 -   ) - Nato a Ravenna nel 1916, ha frequentato la locale Accademia di Belle Arti conseguendo il diploma di Maturità nel 1939 presso il Liceo Artistico di Bologna. Dal 1940 inizia l'attività musiva, mantenendo l'impegno pittorico. Lavora quindi in Svizzera dove incontra il maestro Gino Severini con cui collabora per la realizzazione di diversi mosaici sia in Svizzera che, successivamente, in Francia. Nel 1945 è, insieme a Reanto [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Uno dei maggiori valori dell'Istituto è la sua collezione di cartoni, meglio sarebbe dire reticoli, che sono la riproduzione dei più celebri mosaici romani. Il reticolo consiste in un disegno colorato in scala reale del modello, in cui tutte le tessere sono riprodotte. Il reticolo si pu ottenere o ricalcando direttamente sul modello o ingrandendolo con l'episcopio una fotografia del modello stesso. I reticoli risultano il tramite indispensabile per la [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

GALLERIA RAVENNATE Passiamo ora a descrivere altri mosaici presenti nell'area ravennate e zone limitrofe, non riportati su guide o altri mezzi di informazione. Come molti monumenti moderni tendono ad essere subito svalutati e dimenticati. Spesso sono opere di singoli mosaicisti o scuole, che hanno aderito a iniziative promosse dal comune. Altre volte mosaici privati presenti in banche, bar o altri istituti.

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

PRESENTAZIONE L'Istituto d'Arte "Gino Severini" di Ravenna è nato nel 1959 per rispondere alle esigenze di carattere artistico e culturale proprie del settore musivo di quel periodo; la scuola si impose, allora, di rispondere concretamente alle attese culturali dei giovani iscritti, e promuovere, in loro, capacità critiche, creative e costruttive in prospettiva di un giusto inserimento nel mondo del lavoro. L'Istituto d'Arte ha sempre posto a disposizione degli [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

GALLERIA 2 Ecco una veloce galleria che si andrà via via arricchendo nel tempo con le opere prodotte dall'Istituto d'Arte del Mosaico "G. Severini" e altre scuole di Ravenna. Molte delle opere riportate sono nell'Istituto, altre sono disseminate per la città altre ancora disperse per il mondo. Si cercherà di seguire uno schema cronologico così da evidenziare lo sviluppo subito dall'arte del mosaico nell'ambiente ravennate negli ultimi lustri. L'Istituto d'Arte [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Monumento ai caduti a Punta Marina Terme LA SFERA DEL RICORDO di Felice Nittolo

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

GALLERIA 3 Ecco una veloce galleria che si andrà via via arricchendo nel tempo con le opere prodotte da questa scuola. Molte delle opere sono in sede, altre sono disperse per la città altre ancora disperse per il mondo. Si cercherà di seguire uno schema cronologico così da evidenziare lo sviluppo subito dall'arte del mosaico nell'ambiente ravennate nell'ultimo decennio. La scuola possiede anche un'ampia collezione di reticoli a cui si dedica un'altra pagina in [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

S. MICHELE IN AFRICISCO Dopo la fine della dominazione degli Ostrogoti in Italia e il ristabilirsi della sovranità bizantina (540 d.C.), un mecenate bizantino di stanza a Ravenna, il banchiere Giuliano, fece costruire a Ravenna per conto dell'Imperatore diversi edifici di cui ci rimangono tre basiliche importanti riccamente decorate in mosaico: S. Vitale, S. Apollinare in Classe e la S. Michele in Africisco. Quest'ultima era una relativamente piccola chiesa, [...]

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

BIENNALE GIOVANILE INTERNAZIONALE DEL MOSAICO "CITTA' DI RAVENNA" 6-28 aprile 2002

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

Istituto d'Arte per il Mosaico "G. Severini"

BIENNALE GIOVANILE INTERNAZIONALE DEL MOSAICO "CITTA' DI RAVENNA" premiazione 28 aprile 2002

Giacomo Balla :

Giacomo Balla :

Dalle origini torinesi all?adesione al Futurismo, passando per l?indagine sulle classi più umili della società e senza mai allontanarsi dalla ricerca sulla luce e sui colori: il protagonista è Giacomo Balla, che non fu ?solo? futurista.Fondazione Ferrero, Alba ? fino al 27 febbraio 2017Di uno dei firmatari del Manifesto dei pittori futuristi (1910) sono stati prestati ad Alba anche il celebre Dinamismo di un cane al guinzaglio proveniente da Buffalo, Espansione [...]

La mostra di  Giacomo in corso ad  Alba

La mostra di Giacomo in corso ad Alba

Dalle origini torinesi ? perché il legame con il territorio è sempre centrale nelle iniziative organizzate dalla Fondazione Ferrero ? all?adesione al Futurismo, passando per l?indagine sulle classi più umili della società e senza mai allontanarsi dalla ricerca sulla luce e sui colori: il protagonista è Giacomo Balla, che non fu ?solo? futurista. Fondazione Ferrero, Alba ? fino al 27 febbraio 2017 ....Di uno dei firmatari del Manifesto dei pittori futuristi [...]

PROTOBALLA  La Torino del giovane Balla alla GAM di TO

PROTOBALLA La Torino del giovane Balla alla GAM di TO

PROTOBALLA La Torino del giovane Balla   PROTOBALLA, La Torino del giovane Balla vuole raccontare il legame del pittore con Torino, dove Giacomo Balla visse fino al 1895. A partire dalla documentazione del poverissimo Borgo del Rubatto, dove nacque nel 1871, si seguono le amicizie e la complessa formazione dell’artista che, terminati gli studi, lavora in uno studio di litografia, mentre segue un corso serale di disegno e frequenta per alcuni mesi l’Accademia [...]

Giacomo Balla, Futurismo e non solo

Giacomo Balla, Futurismo e non solo

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - Dagli esordi torinesi all'adesione alla poetica del Futurismo, l'opera di Giacomo Balla (Torino 1871 - Roma 1958) è al centro di una grande mostra allestita dal 29 ottobre al 27 febbraio ad Alba, negli spazi della Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero. Esposti circa cento capolavori, provenienti dalle maggiori raccolte internazionali, pubbliche e private, attraverso i quali sarà possibile ricostruire il percorso creativo di questo [...]