Giovanni di Pietro Bernardone

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Francesco d'Assisi

La scheda: Francesco d'Assisi

Religioso, Patrono d'Italia
Francesco d'Assisi, nato Giovanni di Pietro di Bernardone (Assisi, 1181 o 1182 – Assisi, 3 ottobre 1226), è stato un religioso e poeta italiano.
Diacono e fondatore dell'ordine che da lui poi prese il nome, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Il 4 ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica in tutta la Chiesa cattolica (festa in Italia, solennità per la Famiglia francescana). È stato proclamato, assieme a santa Caterina da Siena, patrono principale d'Italia il 18 giugno 1939 da papa Pio XII.
Conosciuto anche come "il poverello d'Assisi", la sua tomba è meta di pellegrinaggio per centinaia di migliaia di devoti, pellegrini e ammiratori ogni anno. La città di Assisi, a motivo del suo illustre cittadino, è assurta a simbolo di pace, soprattutto dopo aver ospitato i quattro grandi incontri tra gli esponenti delle maggiori religioni del mondo, promossi da papa Giovanni Paolo II nel 1986 e nel 2002, da papa Benedetto XVI nel 2011 e da Papa Francesco nel 2016. San Francesco d'Assisi è uno dei santi più popolari e venerati del mondo.
Oltre all'opera spirituale, Francesco, grazie al Cantico delle creature, è riconosciuto come uno degli iniziatori della tradizione letteraria italiana.
Il cardinale Jorge Mario Bergoglio, eletto papa nel conclave del 2013, ha assunto il nome pontificale di Francesco in onore del santo di Assisi, primo nella storia della chiesa.


San Francesco d'Assisi

San Francesco d'Assisi

  San Francesco d'Assisi       Nome: San Francesco d'Assisi Titolo: Patrono d'Italia Ricorrenza: 04 ottobre Protettore di:animali, coccinelle, commercianti, ecologisti, italia, lupetti S. Francesco nacque ad Assisi l'anno 1182 da Pietro Bernardone e da madonna Pica, ricchi commercianti. La sua nascita fu circondata da avvenimenti misteriosi: un mendicante, presentatosi a madonna Giovanna Pica, pochi giorni prima della nascita di Francesco, le disse: [...]

Marini,messaggio San Francesco è attuale

Marini,messaggio San Francesco è attuale

(ANSA) – ASSISI (PERUGIA), 4 OTT – Ha sottolineato “l’importanza e l’attualità del messaggio di San Francesco nei valori della pace, dell’ambiente e nell’attenzione agli ultimi” la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, ad Assisi per le celebrazioni del patrono d’Italia. “Auspico e spero che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per la prima volta in Umbria, metta tutta l’attenzione necessaria anche su questa regione in [...]

EVENTI: Francesco d'Assisi

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1217 Francesco presiedette il primo dei capitoli generali dell'Ordine, che si tenne alla Porziuncola: questi sorsero con l'esigenza di impostare la vita comunitaria, di organizzare l'attività di preghiera, di rinsaldare l'unità interna ed esterna, di decidere nuove missioni, e si tenevano ogni due anni.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1209, quando Francesco ebbe raccolto intorno a sé dodici compagni, si recò a Roma per ottenere l'autorizzazione della regola di vita, per sé e per i suoi frati, da parte di papa Innocenzo III.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1219, si recò ad Ancona per imbarcarsi per l'Egitto e Palestina, dove da due anni era in corso la quinta crociata.

Nel 1221 venne convocato il Capitolo delle stuoie, a seguito della rinuncia di Francesco al governo dell'ordine francescano, di ritorno da una missione in terrasanta.

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Nel 1223, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III approvò definitivamente la «Regola seconda» (che rispetto alla prima è più corta e contiene meno citazioni evangeliche), che fu redatta con l'aiuto del cardinale Ugolino d'Ostia (il futuro papa Gregorio IX).

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Tra il 1224 e il 1226, ormai malato gravemente agli occhi, compose il Cantico delle creature.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino, presso Nocera Umbra, egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola.

Conte ad Assisi per festa S. Francesco

Conte ad Assisi per festa S. Francesco

(ANSA) – ASSISI (PERUGIA), 4 OTT – Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è arrivato ad Assisi dove partecipa alle celebrazioni per San Francesco patrono d’Italia. Il premier e’ stato accolto dal custode del Sacro Convento, padre Mauro Gambetti, dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e dal prefetto del capoluogo umbro, Claudio Sgaraglia. Conte parlerà alla nazione dalla loggia della Basilica di Assisi. Ad offrire l’olio per la [...]

A Bologna la mostra 'Lodi per ogni ora'

A Bologna la mostra 'Lodi per ogni ora'

(ANSA) – BOLOGNA, 8 SET – Il Museo Civico Medievale di Bologna propone, in occasione della 10/a edizione del Festival francescano, l’esposizione ‘Lodi per ogni ora. I corali francescani provenienti dalla Basilica di San Francesco’. La mostra, in programma dal 16 settembre (inaugurazione il 15, ore 17.30) al 17 marzo, presenta una nutrita selezione dei vari cicli liturgici, realizzati tra il XIII e il XV secolo per la basilica bolognese di San Francesco, [...]

San Francesco d'Assisi

La vita di San Francesco sconfina nella leggenda. Francesco di Assisi era un giovane come tanti scagliato nei piaceri della vita, ma un giorno dovette fare i conti con il richiamo dell'Amore divino e per lui non fu facile spogliarsi di tutto. Sì, Francesco ebbe l'ardire di fidarsi ciecamente di Dio e mise la vita e il suo destino nelle Sue mani. Divenuto povero fra i poveri, fu libero da cantare con il cuore giulivo, all'unisono con tutta la creazione. Fu [...]

Placido ad Assisi opera su San Francesco

Placido ad Assisi opera su San Francesco

(ANSA) – ASSISI (PERUGIA), 27 LUG – Michele Placido si esibirà sul sagrato della Porziuncola di Assisi, davanti alla Basilica papale di Santa Maria degli Angeli. Lo farà con un’opera unica, “Gloriosus Franciscus” realizzata con l’Anonima Frottolisti. Lo spettacolo (a ingresso libero con prenotazione obbligatoria) è in programma domenica 29 luglio alle 21.45 in occasione della giornata conclusiva del festival “Universo Assisi” dedicato alle [...]

L'Area degli antichi Orti di San Francesco

L'Area degli antichi Orti di San Francesco

Terminato il repulisti dell'Area sottostante il contrafforte di San Francesco e l'antico convento dedicato al Santo di Assisi; ovviamente la viva speranza è tutta la zona venga da ora mantenuta pulita e resa fruibile. Alcuni momenti dell'impegnativo lavoro svolto dai Volontari di Orobicambiente si possono trovare nella pagina degli album fotografici Giugno 2018 - lavori terminati

Sulle stimmate di San Francesco d'Assisi

Percorsi di Fede HOMEPAGE Dal libro dei Fioretti di San Francesco d'Assisi "Delle sacre sante istimate di Santo Francesco e delle loro considerazioni" La prima considerazione sarà del modo come santo Francesco pervenne al monte santo della Vernia.   La seconda considerazione sì sarà della vita e conversazione, ch'egli ebbe e tenne con li suoi compagni in sul detto santo monte.   La terza considerazione sarà della apparizione serafica e impressione delle [...]

Angela Merkel ad Assisi riceve 'la Lampada di San Francesco'

Angela Merkel ad Assisi riceve 'la Lampada di San Francesco'

Sorrento vieta le nozze gay  nel chiostro di San Francesco

Sorrento vieta le nozze gay nel chiostro di San Francesco

   Sorrento vieta i matrimoni gay nel Chiostro di San Francesco di proprietà comunale. Il sindaco Giuseppe Cuomo commenta la notizia, riportata dall’Huffington Post, spiegando che “benché il chiostro sia proprietà del Comune, è un luogo attiguo al monastero francescano e non mi è sembra opportuno celebrare lì questo tipo di unione. Piena disponibilità per altri luoghi”. A chiedere la disponibilità del chiostro per il matrimonio Vincenzo [...]

FOTO: Francesco d'Assisi

Francesco_d’Assisi

Francesco_d’Assisi

San_Francesco_d’Assisi

San_Francesco_d’Assisi

San_Francesco_da_Assisi

San_Francesco_da_Assisi

S._Francesco_d'Assisi

S._Francesco_d'Assisi

San_Francesco_d'Assisi

San_Francesco_d'Assisi

Giovanni_di_Pietro_Bernardone

Giovanni_di_Pietro_Bernardone

San_Francesco_D'Assisi

San_Francesco_D'Assisi

Cantico delle Creature di San Francesco di Assisi

Cantico delle Creature di San Francesco di Assisi

Dalla Leggenda antiqua di San Francesco: "Ritornando dalla Verna (con impresse nel suo corpo le stimmate del Signore) stremato di forze, Francesco si fermò al monastero di S. Damiano, dove vivevano Chiara e le sue sorelle. Per cinquanta giorni e più non fu in grado di sopportare la luce del sole durante il giorno, né il chiarore del fuoco durante la notte. I suoi occhi lo tormentavano al punto da non lasciarlo quasi neppure riposare e dormire". Francesco con gli [...]

Santa Chiara e San Francesco d'Assisi

Santa Chiara e San Francesco d'Assisi

Chiara d'Assisi è stata una religiosa collaboratrice di Francesco d'Assisi e fondatrice dell'ordine delle monache clarisse. Nel 1255 fu canonizzata Santa da Alessandro IV. Nel 1958 fu dichiarata Santa da Pio XII, patrona della televisione e delle telecomunicazioni. La domenica delle Palme, la notte del 18 marzo del 1212, la giovane Chiara di Offreduccio accompagnata da Pacifica di Guelfuccio, fuggì da una porta secondaria della casa paterna, situata nei pressi [...]

Fratello Fuoco e San Francesco d'Assisi

Fratello Fuoco e San Francesco d'Assisi

Lodato sii mio Signore, per fratello fuoco, attraverso il quale illumini la notte. È bello, giocondo, robusto e forte. Laudato sie, mi signore, per frate focu, per lo quale ennalumini la nocte: et ello è bello e iocundo et robustoso et forte Francesco, narra la Legenda antica, soleva dire: "Al mattino, quando sorge il sole, ogni uomo dovrebbe lodare Dio, che lo ha creato; per lui i nostri occhi sono illuminati durante il giorno. A sera, quando scende la notte, [...]

Frate Sole e San Francesco di Assisi

Frate Sole e San Francesco di Assisi

Cantico di Frate Sole, è un cantico di Francesco d'Assisi composto intorno al 1226. È il testo poetico più antico della letteratura italiana. Un inno alla vita che si snoda attraverso le opere di Dio. Una preghiera compenetrata da una visione positiva della natura e del creato nel quale è riflessa l'immagine del Creatore. Laudato sie, mi signore, com tucte le tue creature, spetialmente messor lo frate sole, lo qual (è) iorno et allumini noi per loi. Et ellu è [...]

Fioretti di San Francesco d'Assisi

Fioretti di San Francesco d'Assisi

I Fioretti di San Francesco costituiscono una inimitabile raccolta di miracoli dalla vita del Poverello di Assisi. Questa opera si impone soprattutto per la schiettezza della lingua parlata, per il candore del sentimento religioso, per le parole altissime del magistero morale di Francesco. Dei primi compagni di Santo Francesco In prima è da considerare, che il glorioso messere santo Francesco in tutti gli atti della vita sua fu conformato a Cristo benedetto: [...]

La San Francesco di Gio Ponti ritrova la sua luce

La San Francesco di Gio Ponti ritrova la sua luce

Restaurati i lampadari originali. Visite per la Design Week

San Francesco di Ponti ritrova sua luce

San Francesco di Ponti ritrova sua luce

(ANSA) – MILANO, 4 APR – Dopo oltre 30 anni i lampadari originali di Gio Ponti della chiesa di San Francesco al Fopponino, a Milano, tornano ad illuminare la navata centrale. Invecchiati e ossidati, negli anni ’80 vennero sostituiti da fari più luminosi che consentirono un’illuminazione forse più potente, ma certamente non in linea con l’idea del celebre architetto. In occasione della Design Week, l’azienda Olivari – a cui Ponti già nel ’63 [...]

Fai: in 700.000 per giornate primavera

Fai: in 700.000 per giornate primavera

(ANSA) – ROMA, 26 MAR – Grande successo per la 26/a edizione delle Giornate Fai di Primavera: quasi 700.000 persone in coda per visitare gli oltre 1000 beni aperti in 400 località in tutta Italia grazie al fondamentale supporto di oltre 7.500 volontari e 40.000 Apprendisti Ciceroni. E questo nonostante il clima non proprio favorevole con freddo, pioggia e vento nel Sud Italia. Record di visitatori in Lombardia dove 175.000 persone hanno visitato i 185 beni [...]

Un giallo sulle tracce di San Francesco

Un giallo sulle tracce di San Francesco

(ANSA) – ROMA, 19 MAR – Un giallo che ha come protagonista Francesco d’Assisi. Un romanzo in cui si intrecciano storia, avventura e azione dentro l’affascinante Medioevo, un secolo in cui esplode il conflitto tra ragione e fede e tra due ordini monastici nascenti: francescani e domenicani. La fortezza del castigo segna l’esordio nella narrativa della coppia di sceneggiatori Pierpaolo Brunoldi e Antonio Santoro, con un romanzo ispirato a I pilastri della [...]

Il Papa nei luoghi di Padre Pio:  'Esempio di amore per i deboli'

Il Papa nei luoghi di Padre Pio: 'Esempio di amore per i deboli'

Papa Francesco a Pietrelcina e poi a San Giovanni Rotondo per la visita pastorale nei luoghi di Padre Pio: un pellegrinaggio che avviene nel centenario della comparsa delle stimmate permanenti e nel 50/mo anniversario della morte del santo.     L’elicottero del Pontefice, proveniente dal Vaticano, è atterrato nel piazzale adiacente l’Aula Liturgica di Piana Romana. Al suo arrivo il Papa è stato accolto dall’arcivescovo di Benevento, mons. Felice [...]