Scopri tutto su I sistemi biologici

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Gianni Boncompagni
In rilievo

Gianni Boncompagni

In questa categoria: Bosco

Il bosco o selva è un'ampia superficie di terreno coperto...

Poaceae

Gramineae Juss.
Graminacee
Arundinoideae
Bambusoi...

Figlio

Figlio (dal latino filius) è la creatura umana rispetto a...

Apparato circolatorio

L'apparato circolatorio o cardiovascolare è l'insieme deg...

Foresta pluviale tropicale

Le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta pluv...

Valle

In geomorfologia, la valle è una formazione del paesaggio...

onda e mare, sabbia e tempesta

onda e mare, sabbia e tempesta

Sono così, io. Certe volte, spiaggia sperduta e solitaria. Altre volte, mare in tempesta e strillante. Certe volte, isola deserta e silenziosa. Altre volte, oceano che abbraccia il mondo. E. Paes donadam68 http://blog.libero.it/LEMIEEMOZIONI201/view.php?nocache=1452621884 Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.0 Generico.

IL MIO MARE

IL MIO MARE

E noi viviamo sull’orlo del cielo mentre incontro ci viene il mare. Vieni vicino e abbandonati supina ai raggi dell’amore. Non arrenderti sole, mentre sfiori piangendo le sue dolci nuvole. Lascia il tuo sguardo, qui nei miei occhi mentre i tuoi deboli argini si frantumano in un fragore di onde. Sono queste le mie parole quelle che ora soffio dal cuore e sussurro ai margini delle tue labbra. Fu così che con dita sottili, frugammo nella sabbia e lasciammo orme [...]

Siamo terra e mare

Siamo terra e mare

Ieri parlavo con una mia carissima amica che ha perso da poco sua mamma. Sta vivendo elevato alla potenza le cose che ho vissuto io quando all'improvviso mi sono trovato solo per la fine della mia relazione.I suoi sensi si sono acuiti.  La sensibilità esplosa. E anche per lei i rapporti umani sono diventati ambivalenti.Mi raccontava che  i suoi rapporti più profondi sono diventati ancora più stretti.  Ma allo stesso tempo mi ha raccontato che proprio per [...]

Siamo terra e mare

Ieri parlavo con una mia carissima amica che ha perso da poco sua mamma. Sta vivendo elevato alla potenza le cose che ho vissuto io quando all'improvviso mi sono trovato solo per la fine della mia relazione.I suoi sensi si sono acuiti.  La sensibilità esplosa. E anche per lei i rapporti umani sono diventati ambivalenti.Mi raccontava che  i suoi rapporti più profondi sono diventati ancora più stretti.  Ma allo stesso tempo mi ha raccontato che proprio per [...]

Ed è subito mattino - Il segreto del mare

 Ed è subito mattino Il segreto del mare   Ed è subito Mattino "luci lontane urlano la loro pena nei silenzi delle maree" barche cullano insonnie tra lenzuoli d'acqua lontani gabbiani agitano ali all'ultimo veliero. le lacrime  rifrangono la luce in mille arcobaleni. sirene ripiegano sogni come fazzoletti in cassetti di salino. Ed è subito Mattino.     Nel mio jonico mare, crescono lussureggianti gorgonie, alghe policrome di poesia, prati d'invertebrati, [...]

Pesca miracolosa - Ti bastera guardare il mare

Gioca con me,  vieni a sederti a riva.. affonda le tue dita in quella culla liquida lascia cadere briciole di poesia di pianto di follia.   Vedi già si accalcano gli azzurrini pesci fanno a gara per entrare nella miracolosa rete dei tuoi occhi.   Siediti accanto a me, per qualche ora appena, prima che giungano le ombre della sera   e mi oscurino la luce dei tuoi occhi, misteriosi e dolci, che fanno a gara col luccichio delle sirene e onde   Se un sudario di [...]

Mare di parole perdute

         Mare di parole perdute Quel giorno, oppressa da indicibile tedio, chiamerò a raccolta le mie muse, le pregherò di porgermi un aiuto. Quel giorno innalzerò covoni di parole, saranno immensi e altissimi, li immolerò all'amore, dal rogo, si leveranno scintille di policromi desideri abortiti, di ali e vele strappate. Di parole tagliate con lame di fuoco, sul nascere, Prima ancora di riuscire, per un istante, a vivere. Pensieri e aneliti perduti, [...]

E il mare era per me  - di Valeria Serra

 E il mare era per me  - di Valeria Serra da "Le parole del mare"   pubblicata dalla  Rivista " Marinai d'Italia" del  Marzo 2011  pagina 61     E il mare era per me, e lo è ancora, la più promettete e seduttiva pagina bianca. La pagina non ancora scritta, il sogno non ancora realizzato, il desiderio non ancora estinto, la fuga non ancora portata a compimento, l'assenza che suggerisce la presenza, l'inizio che non ha fine. Nella sua distesa luminosa e [...]

Poema del mare

        Poema del Mare (Concerto a 4 mani di Alvaro Mutis & Anna Marinelli) dal sito di Annysea 01-01-11 Venni a richiamarti  alle scogliere Lanciai il tuo nome  e solo il mare mi rispose nell'istantaneo latteo e vorace delle sue schiume.   Venni scalza sulla rena notturna, fredda carezza la sua, mi ghermì le caviglie..   Mi fu testimone la Luna di novembre   Luna piena e gravida di stelle (Era così leggero il mio passo era così lontana la voce del [...]

Pensieri dopo la pioggia - Richiamo del mare

"Assorta/estraniata guardo il mare: onde di panna violente come frustate tormentano la riva. Ognuna di esse mi raggiunge, mi sfiducia, mi smemora. mi disillude.... ma starò qui, immobile, come una statua di sale, per cogliere anche il più flebile richiamo del mare...." Anna Marinelli  16-09-2007 Non è acqua di mare ciò che mi scorre addosso è quel rivolo di pioggia che mi è caduto dalle finestre azzurre aperte a dispetto delle Nuvole Come dici? No, non è [...]

La stanza di Annysea - Di Mare e di Terra

La stanza di Annysea Di mare di terra   E poi, forse, ti dirò ancora qualcosa di me, si ché tu possa affacciarti sulla soglia della mia stanza segreta, e percepirne i suoni ed i profumi e, sottratto al silenzio, qualche volta un grido. Forse, tra il vaneggiare dei gerani sul balcone, potrai udire qualche volta sospirare il tuo nome. L’immaginato sembiante riconoscere, tra un verso pensato, ed un altro rubato ad una tua dolcissima poesia.      è impastata [...]

Guardando il mare

Guardando il mare di Maria Atorino dal giornale "Marinai d'Italia" del  SETTEMBRE-OTTOBRE 1987  Guardo stanca in te il sole che riposa, soavemente posato sulle tue auree acque e i monti verdi che a te discendono su bianche ali per porre fine a quell'arsura della prima stagione. Flaccide le onde incontrano gli scogli e si riversano stanche sulla sabbia battuta.   Tremulo il tuo alito si leva nell'aere spento e lieve sussurra agli uomini il dolore dei figli [...]

La Guerra dei Singoli - Osservatorio sugli Umani - F.S.R. "Fondazione Severino Rigodanzo"

  ... qui giace...     … LIBERE CONSIDERAZIONI E SPUNTI…   ... PER FOTOGRAFARE E RICONOSCERE LE VARIE TEMATICHE...   … COME TROVARE NEL TUO TEMPO TUTTE LE RISPOSTE E LE SOLUZIONI...   … I COMPORTAMENTI E LE AZIONI VANNO INDIVIDUATE AL MEGLIO...   ... CAMBIARE LA PROPRIA MENTALITÀ SI PUò e si deve...   "My Personal Case"   ... NELLA RICERCA… … NELL’OGGETTIVITÀ… … NELLA SOGGETTIVITÀ… ... NEI PRINCIPI... ... NEI CONCETTI... ... NEI [...]

Lettera dal mare

         Lettera dal mare   E poi, se puoi, scrivimi una lettera dal mare,  scrivila al tramonto, quando il sole si disseta nel calice scarlatto dell’orizzonte; sarà cosi rosso il mio desiderio di te, sarà così accesa la nostalgia.   Scrivimi una lettera dal mare, scrivila a notte piena, scrivila su pagine d’insonnia; sarà la stessa che mi ammala di te, sarà così sofferta l’attesa   Scrivimi una lettera dal mare, scrivila mentre [...]

Ancòra a mare

Àncora a mare !!! di Maruska Aicardi dal giornale " Marinai d'Italia" di  Agosto-Settembre 2010   Il tuo splendore è abbagliante, travolgente. La luna ti incornicia piccole luci a renderti la bella tra le belle. E' un sogno, una magia la Favola delle Favole, Amici ritrovati, Sorrisi compiaciuti. Tu ! mia musa, mi abbagli di bellezza e mi avvolgi d'Amore. Incredibili sogni di una realtà speciale, semplice vita di chi sa sognare. Maruska Aicardi   Cime [...]

Teatro vita

Teatro vita   Un  grido di donna e un forte tremore ci apre la porta di questo grande teatro. Profumati e puliti, e in verità molto attesi siamo per tutti gli attori pretesi, ma ciò dura poco ad alcune ore, ad altri solo giorni e poi cresciamo aspettando che la celebrità torni. Ognuno ha un ruolo, e senza regista si gestisce da solo. Qualcuno ne muore per una parte non voluta, ma non si sa perché l'avrà mai avuta. Dicono che forse è andato lontano ma in un [...]

Mare

         Piccola farfalla che vieni dal mare   Piccola farfalla tu sbocci dall'alveo della notte. tu germogli inattesa come fleur du mal, fleur de solitude ancienne, fleur de mélancolie. Tu spargi polvere d'oro su maschere d'amaritudine, tu canti seducenti melodie in abissi di silenzio, tu voli sul cuore che ti attende da sempre. Petit papillon, étoile avec ailes de pourpre e d'or, borotalco d'argentati profumi evanescenze policrome. Tremori d'ansiosi [...]

Sonata  per pianoforte e mare

Sonata per pianoforte e mare Acquietati, cuore mio, non tremare, esilia il pianto che ti fu compagno. Ombre marine si cangiano in eroi, il vento ostile ha nuove direzioni. Per te, il prato sempre verde dell'amore ha germinato un fiore sconosciuto, la luna un nuovo volto ha rivelato un musico ha composto una canzone, una Sonata, per pianoforte e mare. Acquietati, cuore mio e non  tremare     Il motto dell'A.N.M.I.:Una volta marinaio....marinaio per sempre 

i CADUTI DEL MARE

Monumenti al Marinaio marinai caduti per fatti di guerra e non Le fonti di origine delle foto dei Monumenti ai Caduti del Mare sono citate nelle relative pagine. Ove non citata la fonte si tratta di  fotografie scattate dall'autore del sito o cartolina illustrata ricevuta Taranto Brindisi Augusta Palermo Parghelia Venezia Marciana Marina Taormina Rovereto Trentino Pizzo Calabro Pegli Udine Rho (MI) Lugo di Ravenna   Il motto dell'A.N.M.I.  :  Una volta [...]

Con il mare nelle vene

Con il mare nelle vene   Mi bagnava, era acqua placentare di nascita novella, o fluita da costato a suggello di morte. Era mare o sangue il liquido che m'inzuppava il petto le mani, l'orlo della veste... Fiori vermigli sbocciavano sul mio corpo di terra, di sabbia, di cielo e tu, quel velo che a sindone m'avvolgeva e, quale sortilegio inspiegabile, divenivi me stessa. Qualcosa di strano accadeva, forse un germe di pazzia, o la soglia di una geenna sconosciuta si [...]