Scopri tutto su Ilva

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Ilva

La scheda: Ilva

L'Ilva è una società per azioni, in amministrazione straordinaria, che si occupa prevalentemente della produzione e trasformazione dell'acciaio. Con il nome della originaria azienda fondata nel 1905, è nata sulle ceneri della dismessa Italsider. Prende il nome da quello latino dell'isola d'Elba, dalla quale era estratto il minerale di ferro che alimentava i primi altiforni costruiti in Italia a fine Ottocento.
Il più importante stabilimento italiano è situato a Taranto in Puglia, e costituisce il maggior complesso industriale per la lavorazione dell'acciaio in Europa. Altri stabilimenti sono a Genova in Liguria, Novi Ligure e Racconigi in Piemonte, Marghera (Venezia) in Veneto, Patrica nel Lazio.



ILVA:
Stato:  Italia
Forma societaria: Società per azioni
Fondazione: 1905
Sede principale: Milano
Filiali: Taranto (stabilimento principale), Genova, Novi Ligure (AL), Racconigi (CN), Marghera (Venezia), Patrica (FR)
Persone chiave: Piero Gnudi, Enrico Laghi, Corrado Carrubba (Commissari governativi), Massimo Rosini (Direttore generale)
Settore: siderurgia
Prodotti: laminati a caldo, laminati zincati, tondo per cemento armato, barre, tubi, semiprodotti
Dipendenti: Taranto (12.000), Genova (1.600), Novi Ligure (800), Marghera (120), Patrica (90), Racconigi (80)www.gruppoilva.com
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Lo stabilimento Ilva di Taranto è localizzato nel quartiere Tamburi e, precisamente, nell'area compresa tra la Strada statale 7 Via Appia, la Superstrada Porto-Grottaglie, la Strada Provinciale 49 Taranto-Statte e la Strada provinciale 47, per una superficie complessiva di circa 15.450.000 metri quadrati.
In alternativa alla città di Taranto, per il IV Centro Siderurgico si pensò anche alle città di Vado Ligure e di Piombino (ampliamento dello stabilimento già esistente), ma si scelse Taranto grazie alle sue aree pianeggianti e vicine al mare, la disponibilità di calcare, di manodopera qualificata nonché alla sua ubicazione nel Mezzogiorno d'Italia, con annessa possibilità di creare posti di lavoro (43.000 tra diretti e indotto nel 1981) e di usufruire di contributi statali per tale obiettivo.
Al 2005 sono 188 le imprese pugliesi dell'indotto ILVA, che fatturano in totale 310 milioni di euro.
Il IV Centro Siderurgico di Taranto sfornava nel 1970 il 41% della produzione totale di Italsider, percentuale che nel 1980 raggiunse il 79% del totale.
L'impianto fu costruito nelle immediate vicinanze del quartiere Tamburi, che attualmente può contare circa 18.000 abitanti. Il quartiere, già esistente, si sviluppò ulteriormente negli anni a seguire grazie anche agli interventi di edilizia popolare destinati proprio agli operai dello stabilimento. Nel 2012 sono state depositate presso la Procura della Repubblica di Taranto due perizie, una chimica e l'altra epidemiologica, nell'ambito dell'incidente probatorio che vede indagati Emilio Riva, suo figlio Nicola, Luigi Capogrosso, direttore dello stabilimento siderurgico, e Angelo Cavallo, responsabile dell'area agglomerato. A loro carico sono ipotizzate le accuse di disastro colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose e inquinamento atmosferico. Sarebbero particolarmente inquinanti i 70 ettari di parchi minerali per via delle polveri, che fungono da veicolanti dei gas nocivi, le cokerie che emettono soprattutto benzo(a)pirene, ed il camino E312 dell'impianto di agglomerazione per quanto riguarda la diossina.


L'unità produttiva a ciclo integrale di Taranto dispone dei seguenti impianti:
12 batterie di forni per coke (6 in funzione)
5 altiforni (tre in funzione, Afo 1/2/4, uno, Afo 5. in attesa di interventi di ambientalizzazione e manutenzione straordinaria, uno, Afo 3, in dismissione completa )
2 impianti di agglomerazione minerale (1 in funzione linee D ed E)
2 acciaierie LD: 1 LD con 3 convertitori da 330 t 1 LD con 3 convertitori da 350 t.
1 LD con 3 convertitori da 330 t
1 LD con 3 convertitori da 350 t.
5 colate continue a due linee per bramme
2 treni di laminazione a caldo per nastri
2 decapaggi ad acido cloridrico
1 decatreno (decapaggio di acido cloridrico + treno di laminazione a freddo)
1 Impianto di Rigenerazione di acido cloridrico con Tre forni ad arrostimento
1 linea di elettrozincatura
2 linee di zincatura a caldo
1 impianto di ricottura statica con 54 forni e 125 basi
1 treno tandem Temper
1 treno lamiere quarto a due gabbie
1 tubificio a saldatura longitudinale ERW
2 tubifici a saldatura longitudinale SAW
1 tubificio a saldatura elicoidale SAW da nastri / lamiere (dismesso)
4 impianti per rivestimento interno ed esterno di tubi in polietilene, resine epossidiche, FBE
linee di finitura e taglio
Inoltre, una centrale termoelettrica di circa 800 Mgw gestita dalla società in house Taranto Energia, che utilizza i gas siderurgici ivi prodotti.

L'unità produttiva di Genova dispone dei seguenti impianti:
1 linea di decapaggio ad acido cloridrico
1 decatreno (decapaggio ad acido cloridrico + treno di laminazione a freddo in linea)
1 treno di laminazione a freddo
1 linee di ricottura continua
1 treno temper
2 linee di stagnatura / cromatura elettrolitica
3 linee di zincatura a caldo
1 linea di rifilatura coils
linee di finitura e taglio decapati e stagnati

L'unità produttiva di Novi Ligure dispone dei seguenti impianti:
1 decatreno (decapaggio ad acido cloridrico + treno di laminazione a freddo in linea)
1 linea di ricottura continua
1 linea di ricottura statica a idrogeno, 24 basi 12 forni
1 linea di zincatura a caldo
1 linea di zincatura a caldo / alluminiatura
1 linea di elettrozincatura
linee di finitura e taglio
Dal 1933 l'ILVA entrò in società con la Provincia di Alessandria costituendo la Società Ferroviaria Val d'Orba (FVO), per l'esercizio della ferrovia Frugarolo - Basaluzzo che rappresentava un'infrastruttura strategica per il trasporto delle merci a servizio dello stabilimento. L'impianto fu soppresso nel 1948.

L'unità produttiva di Racconigi dispone dei seguenti impianti:
7 Linee per tubi profilati cavi saldati longitudinalmente
3 linee di taglio

L'unità produttiva di Marghera, disponeva dei seguenti impianti:
1 Linea di elettrozincatura
1 Linea di preverniciatura
Linee di finitura e taglio
Il sito è un polo logistico per lo scarico e carico di materiale siderurgico proveniente dallo Stabilimento di Taranto via mare.

L'unità produttiva di Patrica dispone dei seguenti impianti:
1 linea di zincatura a caldo / alluminiatura
2 linee di finitura e taglio
Nel 2015 lo stabilimento di Patrica non era in esercizio.

Ilva, negoziato ritorna ai nastri di partenza

Ilva, negoziato ritorna ai nastri di partenza

(Teleborsa) - "Vogliamo trovare una soluzione insieme a Governo, istituzioni locali e sindacati per un futuro sostenibile di Ilva".  E' questo il messaggio lanciato da Aditya Mittal, CFO del gruppo ArcelorMittal, durante il suo intervento al forum di Conftrasporto.  AM Investco Italy, gruppo formato dalle società ArcelorMittal e Marcegaglia, che ha rilevato la grande azienda siderurgica finita in crisi negli ultimi anni, dunque apre al dialogo. Dopo lo [...]

Schiarita sull'Ilva, Calenda: presto nuovo tavolo

Schiarita sull'Ilva, Calenda: presto nuovo tavolo

Soluzioni per i dipendenti. Confindustria: vicini al traguardo

Ilva: Calenda, avanti con AmInvestCo

Ilva: Calenda, avanti con AmInvestCo

Il Governo vuole mantenere il negoziato con la cordata che investe 4 miliardi in Ilva

Ilva, Calenda: tenere negoziato con Mittal ma non a tutti i costi

Ilva, Calenda: tenere negoziato con Mittal ma non a tutti i costi

(Teleborsa) - Governo, istituzioni locali e sindacati si sono messi a lavoro per trovare una soluzione sull'Ilva. Proprio mentre ripartono i negoziati, il ministro per lo Sviluppo economico, Carlo Calenda, al question time alla Camera ha dichiarato:"vogliamo mantenere il negoziato con una cordata che è pronta a investire 4 miliardi di euro e garantisce il maggior numero di assunzioni al miglior livello salariale, ma continuare a richiamarla al rispetto dei propri [...]

Ilva di Genova, i sindacati chiedono un tavolo con azienda e governo

Ilva di Genova, i sindacati chiedono un tavolo con azienda e governo

(Teleborsa) - "No agli esuberi e no all'applicazione del jobs act", con questo slogan i sindacati Fim, Fiom e Uilm dello stabilimento Ilva di Genova chiedono un tavolo con l'azienda, il governo e le istituzioni locali "che dovranno avere un ruolo di accompagnamento a sostegno dell'accordo di programma". Le tre sigle sindacali, riunite oggi in assemblea, hanno ricordato che "l'intervento del governo a riguardo dei livelli retributivi e di inquadramento è stato un [...]

Il caso ILVA dimostra drammaticamente i limiti del Jobs Act.

Comunque e ovunque ti giri, si presenta angoscioso il problema del lavoro.Ogni famiglia ha un figlio disoccupato o, se fortunata, un figlio precario.Si enfatizzano i dati statistici che evidenziano miglioramenti occupazionali ma la classe politica tutta, resta sotto accusa perché non riesce a frenare tale emorragia.Parliamoci chiaramente: l'ultima legge di riforma del lavoro, più nota come Jobs Act, in realtà sta creando l'incresciosa situazione di affermare una [...]

Ilva, Galletti: la qualità dell'aria a Taranto è sotto controllo

Ilva, Galletti: la qualità dell'aria a Taranto è sotto controllo

Vicenza, (askanews) - "La qualità dell'aria a Taranto è assolutamente sotto controllo". Ad affermarlo è stato il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, che ha partecipato al'assemblea dei sindaci dell'Anci a Vicenza. "Noi abbiamo già approvato, a fine settembre, il dpcm che rivede l'Aia, cioè l'autorizzazione integrata ambientale, che pone dei limiti molto seri alla nuova proprietà, impone degli investimenti forti, parliamo di più di un miliardo di euro, [...]

Ilva, azienda rilancia "Noi qui per rimanere"

Ilva, azienda rilancia "Noi qui per rimanere"

Salta tavolo su Ilva, il gruppo franco indiano: "Sfida non facile, ma siamo qui per rimanere".

I DIPENDENTI ILVA NEL LETTO DI PROCUSTE

Può succedere di associare fantasticamente personaggi o eventi dell'oggi a figure mitologiche della Grecia antica impresse nella memoria da lontani e felici studi giovanili. L'esercizio di un così inedito parallelo può in realtà servire, soprattutto in un caso che rattrista come quello dell' ILVA, per rendere gli eventi odierni più comprensibili e degni di essere valutati anche nei loro risvolti crudeli. Nella Grecia mitologica antica succedeva che un brigante [...]

Ilva, continua il braccio di ferro con AM Investco Italy

Ilva, continua il braccio di ferro con AM Investco Italy

(Teleborsa) - Continua il braccio di ferro tra gli operai dell'l'Ilva e AM Investco Italy, gruppo formato dalle società ArcelorMittal e Marcegaglia, che ha rilevato  la grande azienda siderurgica finita in crisi negli ultimi anni. Dopo lo sciopero dei lavoratori dell'acciaieria, a causa dei 4.000 esuberi previsti dal piano di risanamento, si fermano le trattative anche con il Governo. Il previsto incontro di ieri 9 ottobre al Ministero dello Sviluppo [...]

FOTO: Ilva

Targa metallica posta sul ponte ferroviario della ferrovia Padova-Bologna che attraversa il fiume Adige tra Granzette, frazione di Rovigo, e Boara Pisani.

Targa metallica posta sul ponte ferroviario della ferrovia Padova-Bologna che attraversa il fiume Adige tra Granzette, frazione di Rovigo, e Boara Pisani.

Laminatoio Italsider a Taranto nel 1964

Laminatoio Italsider a Taranto nel 1964

Altoforno in dismissione a Cornigliano (Genova)

Altoforno in dismissione a Cornigliano (Genova)

Stabilimento di Taranto nel 1964, foto di Paolo Monti

Stabilimento di Taranto nel 1964, foto di Paolo Monti

Lo stabilimento ILVA di Novi Ligure

Lo stabilimento ILVA di Novi Ligure

Veduta dal Parco Virgiliano di quanto resta dell'impianto di Bagnoli

Veduta dal Parco Virgiliano di quanto resta dell'impianto di Bagnoli

Castello Raggio (Cornigliano), ai primi del Novecento

Castello Raggio (Cornigliano), ai primi del Novecento

Ilva, salta il tavolo ma l'azienda rilancia

Ilva, salta il tavolo ma l'azienda rilancia

Salta tavolo sull'Ilva, il gruppo franco indiano: sfida non facile, ma siamo qui per restare.

Ilva, confronto sospeso

Ilva, confronto sospeso

Nell'Ora per ora anche il giorno della verità in Catalogna

Ilva: Calenda ferma il tavolo

Ilva: Calenda ferma il tavolo

Ilva: Calenda ferma il tavolo

Ilva: Calenda ferma il tavolo

Si infiamma protesta. ArcelorMittal sconcertati, no ritardi piano

Ilva, Calenda annulla l?incontro: "No garanzie, assicurare i salari"

Ilva, Calenda annulla l?incontro: "No garanzie, assicurare i salari"

Nell'Ora per ora anche gli incendi in California

Ilva, scioperi e cortei Calenda rinvia tavolo

Ilva, scioperi e cortei Calenda rinvia tavolo

L'Ilva si ferma per lo sciopero di 24 ore contro i 4000 esuberi annunciati dalla nuova proprietà.

Ilva, Poletti: "Azienda sia coerente con dichiarazioni partenza"

Ilva, Poletti: "Azienda sia coerente con dichiarazioni partenza"

(Teleborsa) - "La posizione del Governo è stata espressa all'azienda, ci aspettiamo ora che risponda coerentemente con le dichiarazioni di partenza che facevano riferimento al fatto che all'Ilva ci fosse un mantenimento in termini generali delle condizioni esistenti". A dirlo è il ministro del Welfare Giuliano Poletti parlando durante il forum di Conftrasporto, in merito alla trattativa sul futuro dell'impianto di Taranto. Secondo Poletti, non si deve considerare [...]

Genova, operai Ilva in piazza con mezzi pesanti: no agli esuberi

Genova, operai Ilva in piazza con mezzi pesanti: no agli esuberi

Genova (askanews) - Oltre mille lavoratori dello stabilimento Ilva di Genova sono scesi in piazza con i mezzi pesanti per protestare contro il piano di esuberi presentato venerdì scorso da Am Investco Italy. Nel capoluogo ligure erano stati annunciati 599 esuberi su un totale di 1.500 dipendenti. Dopo una breve assemblea davanti ai cancelli della fabbrica, i lavoratori hanno sfilato in corteo fino alla Prefettura del capoluogo ligure, incassando la solidarietà di [...]

Ilva, Poletti: azienda sia coerente con dichiarazioni partenza

Ilva, Poletti: azienda sia coerente con dichiarazioni partenza

Cernobbio (askanews) - Sulla vicenda Ilva "la posizione del Governo è stata espressa all'azienda e ci aspettiamo che l'azienda corrisponda coerentemente rispetto a quelle che erano le dichiarazioni di partenza che facevano riferimento al fatto che c'era un mantenimento in termini generali delle condizioni". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, parlando a margine del forum di Conftrasporto. "Oggi non credo che si debba considerare nessuna [...]

Ilva: "Richieste inaccettabili"

Ilva: "Richieste inaccettabili"

Il ministro Calenda annulla l'incontro con l'azienda.