Scopri tutto su Ilva

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

Ilva

La scheda: Ilva

L'Ilva è una società per azioni, in amministrazione straordinaria, che si occupa prevalentemente della produzione e trasformazione dell'acciaio. Con il nome della originaria azienda fondata nel 1905, è nata sulle ceneri della dismessa Italsider. Prende il nome da quello latino dell'isola d'Elba, dalla quale era estratto il minerale di ferro che alimentava i primi altiforni costruiti in Italia a fine Ottocento.
Il più importante stabilimento italiano è situato a Taranto in Puglia, e costituisce il maggior complesso industriale per la lavorazione dell'acciaio in Europa. Altri stabilimenti sono a Genova in Liguria, Novi Ligure e Racconigi in Piemonte, Marghera (Venezia) in Veneto, Patrica nel Lazio.


ILVA:
Stato:  Italia
Forma societaria: Società per azioni
Fondazione: 1905
Sede principale: Milano
Filiali: Taranto (stabilimento principale), Genova, Novi Ligure (AL), Racconigi (CN), Marghera (Venezia), Patrica (FR)
Persone chiave: Piero Gnudi, Enrico Laghi, Corrado Carrubba (Commissari governativi), Massimo Rosini (Direttore generale)
Settore: siderurgia
Prodotti: laminati a caldo, laminati zincati, tondo per cemento armato, barre, tubi, semiprodotti
Dipendenti: Taranto (12.000), Genova (1.600), Novi Ligure (800), Marghera (120), Patrica (90), Racconigi (80)www.gruppoilva.com
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Lo stabilimento Ilva di Taranto è localizzato nel quartiere Tamburi e, precisamente, nell'area compresa tra la Strada statale 7 Via Appia, la Superstrada Porto-Grottaglie, la Strada Provinciale 49 Taranto-Statte e la Strada provinciale 47, per una superficie complessiva di circa 15.450.000 metri quadrati.
In alternativa alla città di Taranto, per il IV Centro Siderurgico si pensò anche alle città di Vado Ligure e di Piombino (ampliamento dello stabilimento già esistente), ma si scelse Taranto grazie alle sue aree pianeggianti e vicine al mare, la disponibilità di calcare, di manodopera qualificata nonché alla sua ubicazione nel Mezzogiorno d'Italia, con annessa possibilità di creare posti di lavoro (43.000 tra diretti e indotto nel 1981) e di usufruire di contributi statali per tale obiettivo.
Nel 2005 sono 188 le imprese pugliesi dell'indotto ILVA, che fatturano in totale 310 milioni di euro.
Il IV Centro Siderurgico di Taranto sfornava nel 1970 il 41% della produzione totale di Italsider, percentuale che nel 1980 raggiunse il 79% del totale.
L'impianto fu costruito nelle immediate vicinanze del quartiere Tamburi, che attualmente può contare circa 18.000 abitanti. Il quartiere, già esistente, si sviluppò ulteriormente negli anni a seguire grazie anche agli interventi di edilizia popolare destinati proprio agli operai dello stabilimento. Nel 2012 sono state depositate presso la Procura della Repubblica di Taranto due perizie, una chimica e l'altra epidemiologica, nell'ambito dell'incidente probatorio che vede indagati Emilio Riva, suo figlio Nicola, Luigi Capogrosso, direttore dello stabilimento siderurgico, e Angelo Cavallo, responsabile dell'area agglomerato. A loro carico sono ipotizzate le accuse di disastro colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose e inquinamento atmosferico. Sarebbero particolarmente inquinanti i 70 ettari di parchi minerali per via delle polveri, che fungono da veicolanti dei gas nocivi, le cokerie che emettono soprattutto benzo(a)pirene, ed il camino E312 dell'impianto di agglomerazione per quanto riguarda la diossina.


L'unità produttiva a ciclo integrale di Taranto dispone dei seguenti impianti:
12 batterie di forni per coke (6 in funzione)
5 altiforni (tre in funzione: Afo 1/2/4, Afo 5 in attesa di interventi di ambientalizzazione e manutenzione straordinaria, Afo 3 in dismissione completa )
2 impianti di agglomerazione minerale (1 in funzione linee D ed E)
2 acciaierie LD: 1 LD con 3 convertitori da 330 t 1 LD con 3 convertitori da 350 t.
1 LD con 3 convertitori da 330 t
1 LD con 3 convertitori da 350 t.
5 colate continue a due linee per bramme
2 treni di laminazione a caldo per nastri
2 decapaggi ad acido cloridrico
1 decatreno (decapaggio di acido cloridrico + treno di laminazione a freddo)
1 Impianto di Rigenerazione di acido cloridrico con Tre forni ad arrostimento
1 linea di elettrozincatura
2 linee di zincatura a caldo
1 impianto di ricottura statica con 54 forni e 125 basi
1 treno tandem Temper
1 treno lamiere quarto a due gabbie
1 tubificio a saldatura longitudinale ERW
2 tubifici a saldatura longitudinale SAW
1 tubificio a saldatura elicoidale SAW da nastri / lamiere (dismesso)
4 impianti per rivestimento interno ed esterno di tubi in polietilene, resine epossidiche, FBE
linee di finitura e taglio
Inoltre, una centrale termoelettrica di circa 800 MW gestita dalla società in house Taranto Energia, che utilizza i gas siderurgici ivi prodotti.
L'impianto di Taranto fu inaugurato il 10 aprile 1965 dall'allora presidente della Repubblica Italiana Giuseppe Saragat. Pietro Porcinai, uno dei maggiori paesaggisti italiani, si è occupato fra il 1972 e il 1973 delle opere di ristrutturazione del IV Centro siderurgico di Taranto. Alla formazione armata di estrema sinistra Primi fuochi di guerriglia sono stati attribuite azioni di disturbo allo stabilimento di Taranto durante gli anni settanta.

L'unità produttiva di Genova dispone dei seguenti impianti:
1 linea di decapaggio ad acido cloridrico
1 decatreno (decapaggio ad acido cloridrico + treno di laminazione a freddo in linea)
1 treno di laminazione a freddo
1 linee di ricottura continua
1 treno temper
2 linee di stagnatura / cromatura elettrolitica
3 linee di zincatura a caldo
1 linea di rifilatura coils
linee di finitura e taglio decapati e stagnati

L'unità produttiva di Novi Ligure dispone dei seguenti impianti:
1 decatreno (decapaggio ad acido cloridrico + treno di laminazione a freddo in linea)
1 linea di ricottura continua
1 linea di ricottura statica a idrogeno, 24 basi 12 forni
1 linea di zincatura a caldo
1 linea di zincatura a caldo / alluminiatura
1 linea di elettrozincatura
linee di finitura e taglio
Dal 1933 l'ILVA entrò in società con la Provincia di Alessandria costituendo la Società Ferroviaria Val d'Orba (FVO), per l'esercizio della ferrovia Frugarolo - Basaluzzo che rappresentava un'infrastruttura strategica per il trasporto delle merci a servizio dello stabilimento. L'impianto fu soppresso nel 1948.

L'unità produttiva di Racconigi dispone dei seguenti impianti:
7 Linee per tubi profilati cavi saldati longitudinalmente
3 linee di taglio

L'unità produttiva di Marghera, disponeva dei seguenti impianti:
1 Linea di elettrozincatura
1 Linea di preverniciatura
Linee di finitura e taglio
Il sito è un polo logistico per lo scarico e carico di materiale siderurgico proveniente dallo Stabilimento di Taranto via mare.

L'unità produttiva di Patrica dispone dei seguenti impianti:
1 linea di zincatura a caldo / alluminiatura
2 linee di finitura e taglio
Nel 2015 lo stabilimento di Patrica non era in esercizio.

Ilva: oggi e domani Wind day, scuole chiuse al rione Tamburi

Ilva: oggi e domani Wind day, scuole chiuse al rione Tamburi

Oggi e domani scuole chiuse per ordinanza sindacale al rione Tamburi di Taranto per i Wind day, ovvero i giorni di forte vento proveniente da nord ovest, indicati sul sito di Arpa Puglia, che spinge verso il quartiere le polveri dei parchi minerali dell’Ilva, aumentando i rischi per la salute. Sono già dieci i giorni di chiusura delle scuole del rione a ridosso del Siderurgico dall’inizio dell’anno scolastico. “Dieci giorni – attaccano in una nota [...]

Ilva, Bellanova: "Su Genova confronto positivo. Obiettivo accordo entro febbraio"

Ilva, Bellanova: "Su Genova confronto positivo. Obiettivo accordo entro febbraio"

(Teleborsa) - Continua il confronto sull'Ilva. Scongiurata chiusura il 9 gennaio, oggi 17 gennaio si è tenuto "un confronto positivo che ha ripreso le questioni già indicate nell'Accordo di Programma del 2005, compresa quella delle aree e dell’integrazione tra attività portuali e attività siderurgiche, e dove è stata ribadita sia l’importanza strategica dello stabilimento di Genova per il rilancio dell'Ilva così come l’unitarietà della [...]

Ilva:scoppio discarica Grf, un ustionato

Ilva:scoppio discarica Grf, un ustionato

(ANSA) – TARANTO, 11 GEN – Un’esplosione si è verificata questa mattina nella discarica del reparto Grf (Gestione rottami ferrosi) dello stabilimento Ilva di Taranto a causa della reazione in paiola, grosso contenitore di scorie ferrose prodotte dall’acciaieria, dovuta al contatto tra il materiale incandescente e l’acqua. Un operaio, che svolge le mansioni di capo turno ed era nella cabina da cui effettuava l’operazione di svuotamento, ha riportato – [...]

Ilva:proposta Regione-Comune,21 articoli

Ilva:proposta Regione-Comune,21 articoli

(ANSA) – BARI, 10 GEN – E’ stata inviata al Governo la bozza di Accordo di programma sull’Ilva messa a punto da Regione Puglia e Comune di Taranto che si impegnano, a fronte di un risultato positivo della trattativa, a ritirare i ricorsi sul Piano ambientale del siderurgico. La bozza, di 21 articoli, contiene modifiche e integrazioni al Protocollo di intesa proposto dall’Esecutivo e che di articoli ne ha 9. “Abbiamo fatto la nostra controproposta – ha [...]

Ilva, il 17 gennaio tavolo al MISE su accordo di programma di Genova

Ilva, il 17 gennaio tavolo al MISE su accordo di programma di Genova

(Teleborsa) - Continua il confronto sull'Ilva. Scongiurata chiusura il 9 gennaio, oggi 10 gennaio Arcelor Mittal ha illustrato, nel corso del tavolo riunito presso il MISE il contesto internazionale del settore siderurgico entro cui si colloca l'azienda esplicitando le scelte strategiche fatte e che sta attuando per mantenere un'ottimale capacità competitiva. "Il prossimo 17 gennaio torneremo al MISE sulla questione dell'accordo di programma di Genova che è un [...]

Ilva: Tar Lecce deciderà su competenza

Ilva: Tar Lecce deciderà su competenza

(ANSA) – LECCE, 9 GEN – E’ cominciato con un rinvio al 6 marzo prossimo l’esame dinanzi al Tar di Lecce della vicenda Ilva e in particolare dei ricorsi presentati dal Comune di Taranto e dalla Regione Puglia contro il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) che comprende il piano ambientale per la nuova Ilva. I giudici della terza sezione, presidente Enrico D’Arpe, preso atto della rinuncia alla richiesta di sospensiva del Dpcm che era [...]

Ilva:Consiglio Puglia rinvia voto odg

Ilva:Consiglio Puglia rinvia voto odg

(ANSA) – BARI, 09 GEN – Il Consiglio regionale della Puglia ha accolto la richiesta del governatore Michele Emiliano di rinviare la votazione degli ordini del giorno sull’Ilva. A favore hanno votato 26 consiglieri regionali e contro 19, compreso il consigliere di maggioranza, Mino Borraccino, espressione di Sinistra Italiana, che aveva presentato uno degli ordini del giorno. Questo al pari di quello presentato da Forza Italia era diretto a chiedere il ritiro [...]

Ilva: Emiliano chiede rinvio voto odg

Ilva: Emiliano chiede rinvio voto odg

(ANSA) – BARI, 09 GEN – Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha chiesto al Consiglio regionale di rinviare la votazione degli ordini del giorno sull’Ilva presentati da Sinistra Italiana, Forza Italia e Movimento 5 Stelle, che tra l’altro chiedono il ritiro del ricorso al Tar contro il decreto del Governo e nel caso dei grillini la chiusura dello stabilimento. “Eventuali voti ora potrebbero dare la scusa al Governo per chiudere trattativa [...]

Ilva, Emiliano: 'Non ritiro ricorso se salute a rischio'

Ilva, Emiliano: 'Non ritiro ricorso se salute a rischio'

Botta e risposta tra il ministro Calenda e il governatore Emiliano. Il titolare dello Sviluppo chiede che si sgombri il campo dai ricorsi. ‘Non ritiro il ricorso se è a rischio la salute’, è la replica di Emiliano. “L’Ilva – ha detto Calenda a ‘Circo Massimo ‘ su Radio Capital – entro il 2020 può diventare l’acciaieria dal punto di vista ambientale migliore d’Europa, quello che è importante è che si sgombri il campo dai ricorsi e lo si [...]

FOTO: Ilva

Targa metallica posta sul ponte ferroviario della ferrovia Padova-Bologna che attraversa il fiume Adige tra Granzette, frazione di Rovigo, e Boara Pisani.

Targa metallica posta sul ponte ferroviario della ferrovia Padova-Bologna che attraversa il fiume Adige tra Granzette, frazione di Rovigo, e Boara Pisani.

Laminatoio Italsider a Taranto nel 1964

Laminatoio Italsider a Taranto nel 1964

Altoforno in dismissione a Cornigliano (Genova)

Altoforno in dismissione a Cornigliano (Genova)

Stabilimento di Taranto nel 1964, foto di Paolo Monti

Stabilimento di Taranto nel 1964, foto di Paolo Monti

Lo stabilimento ILVA di Novi Ligure

Lo stabilimento ILVA di Novi Ligure

Ilva, Emiliano tira dritto sul ricorso

Ilva, Emiliano tira dritto sul ricorso

(ANSA) – BARI, 8 GEN – “Io non ritirerò mai un ricorso mettendo a rischio la salute dei tarantini anche se me lo dovesse chiedere il Consiglio regionale. Non è sufficiente, perché ho una delibera ben più importante, quella che approva le linee programmatiche, che è stata approvata dagli stessi consiglieri, alla quale rimarrò fedele sempre fino a che sarò presidente”. Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha parlato con i [...]

Ilva:Provincia contro ricorso Comune

Ilva:Provincia contro ricorso Comune

(ANSA) – TARANTO, 06 GEN – Il presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano (FI) ha presentato un atto “ad opponendum” contro il Comune di Taranto nel ricorso proposto dallo stesso Comune contro il Dpcm del 29 settembre scorso che contiene il piano ambientale dell’Ilva. “L’interesse che giustifica e legittima” l’atto, è scritto nel documento presentato all’attenzione del Tar di Lecce, “è legato alla conservazione degli atti [...]

Ilva, Emiliano:  Via ricorso se garanzie salute cittadini

Ilva, Emiliano: Via ricorso se garanzie salute cittadini

Il governatore pugliese Michele Emiliano apre alla trattativa col presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, sul Piano ambientale dell’Ilva impugnato da Regione e Comune di Taranto, purché si ottengano dal governo le garanzie di una apertura al processo di decarbonizzazione e della applicazione della legge regionale sulla previsione del danno sanitario. “Stiamo chiedendo al governo – ha detto – di rispettare le leggi, la Costituzione, la salute dei [...]

Ilva, inviato protocollo a enti locali

Ilva, inviato protocollo a enti locali

(ANSA) – ROMA, 3 GEN – Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ed il ministro della Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, hanno inviato al Presidente della Puglia, della Provincia di Taranto, ed ai sindaci di Taranto e del territorio “uno schema di Protocollo d’intesa” a seguito delle riunioni del Tavolo per l’Ilva del 16 novembre e 20 dicembre 2017. In particolare “è stata definita una tempistica accelerata per alcuni interventi [...]

Ilva, oltre trenta milioni per le imprese dell’indotto

Ilva, oltre trenta milioni per le imprese dell’indotto

(Teleborsa) - L'Ilva sta compiendo ogni possibile sforzo per onorare tutti gli impegni e dare serenità e fiducia alle imprese del territorio, pagando i fornitori dell'indotto pugliese. Entro la giornata di oggi, 29 dicembre, sarà saldato tutto lo scaduto accumulato fino al 10 dicembre 2017 per un ammontare di oltre 30 milioni di euro che rappresenta la quasi totalità delle cifre esigibili mentre il pagamento di una piccola parte residuale, avverrà a seguito [...]

Ilva, Calenda: "Scongiurata chiusura il 9 gennaio"

Ilva, Calenda: "Scongiurata chiusura il 9 gennaio"

(Teleborsa) - Scongiurato lo spegnimento degli impianti Ilva di Taranto il 9 gennaio. "Anche la Regione Puglia dopo il Comune di Taranto ha depositato la rinuncia alla richiesta di sospensiva al TAR sul decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che contiene il Piano Ambientale per Ilva". Lo annuncia il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, su Twitter dove aggiunge: "è un segnale positivo  che scongiura il rischio spegnimento il 9. Ora [...]

Ilva, ArcelorMittal in cerca di garanzie

Ilva, ArcelorMittal in cerca di garanzie

(Teleborsa) - Il Gruppo ArcelorMittal acquirente di Ilva vuole ulteriori garanzie per mettersi al riparo dai rischi legati al ricorso al TAR presentato dal Presidente della regione Puglia Emiliano e dal sindaco di Taranto Melucci.  Il ricorso della discordia tra Governo a istituzioni regionali ha portato a scontri verbali durissimi tra Emiliano e Calenda. ArcelorMittal ha scritto una lettera inviata poi ai Commissari Straordinari di Ilva nella quale viene chiesta [...]

Calenda: Ilva e Alitalia nei pensieri del Ministro

Calenda: Ilva e Alitalia nei pensieri del Ministro

(Teleborsa) - A metà gennaio inizieranno le negoziazioni in esclusiva per la cessione di Alitalia. Parola di Carlo Calenda. Il Ministro per lo Sviluppo Economico in un'intervista sul Corriere della Sera, spiega che sull'ex compagnia di bandiera il Governo ha "tre offerte. Le valuteremo con molta attenzione e a metà gennaio inizieremo la negoziazione in esclusiva". Tra i tanti argomenti toccati dal Ministro non poteva mancare un'accenno all'Ilva. Dopo la [...]

Accordi lontani tra governo e Ilva

Accordi lontani tra governo e Ilva

Scontro in Puglia sulle acciaierie di Taranto.

Ilva, scontro frontale riserve dei compratori

Ilva, scontro frontale riserve dei compratori

Emiliano ribadisce il ricorso e gli acquirenti indiani chiedono ora una modifica del contratto