Impero ottomano

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

Impero ottomano

La scheda: Impero ottomano

"Devlet-i Ebed müddet" (Lo Stato Eterno)
Sangiaccato di Gerusalemme (Mutasarrifato di Gerusalemme)
Kuru?
Cattolicesimo Ebraismo
L'Impero ottomano o Sublime Stato ottomano, noto anche come Sublime porta (Lingua araba e turca ottomana: ???????? ???????? ???????????, Devlet-i ?Aliyye-yi ?Osmâniyye, turco moderno: Osmanl? Devleti o Osmanl? ?mparatorlu?u), fu un impero turco che durò 623 anni, dal 1299 al 1922.
Fu detto "ottomano" poiché costituito originariamente dai successori di Osman Gazi, guerriero turco capostipite della dinastia ottomana, che assunse il titolo di sultano con il nome di Osman I. Il sultanato, e poi impero con Maometto II, nacque in continuità col Sultanato selgiuchide di Rum e durò sino all'istituzione dell'odierna Repubblica di Turchia.
L'Impero ottomano fu uno dei più estesi e duraturi della storia: infatti durante il XVI e il XVII secolo, al suo apogeo sotto il regno di Solimano il Magnifico, era uno dei più potenti Stati del mondo, un impero multietnico, multiculturale e multilinguistico che si estendeva dai confini meridionali del Sacro Romano Impero, alle periferie di Vienna e della Polonia a nord fino allo Yemen e all'Eritrea a sud, dall'Algeria a ovest fino all'Azerbaigian a est, controllando gran parte dei Balcani, del Vicino Oriente e del Nordafrica.
Avendo Costantinopoli come capitale e un vasto controllo sulle coste del Mediterraneo, l'Impero fu al centro dei rapporti tra Oriente e Occidente per circa cinque secoli. Durante la prima guerra mondiale si alleò con gli Imperi centrali e con essi fu pesantemente sconfitto, tanto da essere smembrato per volontà dei vincitori.



Impero ottomano:
Motto: ???? ??? ??? "Devlet-i Ebed müddet" (Lo Stato Eterno)
Dati amministrativi:
Nome completo: Sublime Stato ottomano
Nome ufficiale: Osmanl? ?mparatorlu?u ???? ????? ??????? Devlet-i Aliye-i Osmaniye
Lingue ufficiali: Turco ottomano
Lingue parlate: albanese, arabo, armeno, serbo, ebraico, greco, bulgaro, curdo.
Inno: Inno imperiale ottomano
Capitale: Costantinopoli (dopo il 1453), detta Istanbul dal 1930
Altre capitali: Sö?üt (1299–1326) Bursa (1326–1365) Edirne (1365–1453)
Dipendenze: Principato di Valacchia(dal 1415) Principato di Transilvania(fino a 1699) Regno dell'Ungheria orientale Principato di Moldavia(dal 1456) Principato di Romania (fino a 1877) Principato di Serbia(fino a 1878) Principato di Bulgaria Khanato di Crimea(dal 1478) Chedivato d'Egitto Libia ottomana Eyalet di Tunisi Algeria ottomana Sangiaccato di Gerusalemme (Mutasarrifato di Gerusalemme)
Politica:
Forma di governo: Monarchia assoluta di carattere islamico, senza Costituzione (fino al 1909, con la deposizione del sovrano Abdul-Hamid II), con Costituzione (fino al 1922, anno dell'abolizione del Sultanato il 1º novembre, subito dopo la conclusione dell'Armistizio di Mudanya dell'11 ottobre 1922).[1])
Sultano: Dinastia ottomana
Nascita: 1299 con Osman I
Causa: assorbimento del Sultanato selgiuchide di R?m e di altri beilicati turchi d'Anatolia
Fine: 29 ottobre 1923 con Mehmet VI
Causa: Abolizione dell'Impero e nascita della Repubblica di Turchia
Territorio e popolazione:
Bacino geografico: Vicino Oriente, Medio Oriente, Balcani, Egitto, parte del Nordafrica
Territorio originale: Anatolia
Massima estensione: 5.000.000 km² ca. nel 1590 ca.
Popolazione: 35 350 000 nel 1856, 20 884 000 nel 1906, 18 520 000 nel 1914, 14 629 000 nel 1919
Economia:
Valuta: Akçe Kuru?
Religione e società:
Religione di Stato: Islam sunnita
Religioni minoritarie: Chiesa ortodossa Cattolicesimo Ebraismo
Evoluzione storica:
Preceduto da: Impero bizantino Sultanato selgiuchide di R?m Sultanato danishmendide Beilicato di Karaman Beilicato di Osman
Succeduto da:  Turchia Governo provvisorio albanese Regno Arabo di Siria Mandato britannico della Mesopotamia Regno di Grecia Regno hascemita dell'Hegiaz Regno dello Yemen Principato di Serbia Principato di Bulgaria Principato vescovile di Montenegro Mandato britannico della Palestina

La mia Damasco: la memoria culturale

La mia Damasco: la memoria culturale

7 anni di guerra hanno depredato questa città di molte delle sue meraviglie, ma non della sua inconfondibile atmosfera.

Nadia Toffa per la prima volta in tv porta il turbante

Nadia Toffa per la prima volta in tv porta il turbante

Alla fine Nadia Toffa  ha rinunciato alla parrucca usata dopo essersi sottoposta alla chemioterapia e  per la prima volta, in un servizio per” Le Iene”, si è presentata con un turbante in testa. La Toffa ha scelto questo outfit per un servizio in cui ha intervistato Terence Hill, l'uomo che lei stessa ha definito "il mio primo, grande amore cinematografico.” Nadia Toffa era già apparsa col foulard intorno alla testa, in una foto scattata insieme alla [...]

Damasco: il centro di ricerca siriano colpito

Damasco: il centro di ricerca siriano colpito

Le immagini della tv di Stato dopo l'attacco di Usa-Gb-Francia

Damasco: la contraerea siriana in azione

Damasco: la contraerea siriana in azione

Damasco: la contraerea siriana in azione

Damasco: la contraerea siriana in azione

Nelle immagini diffuse dal governo anche i resti di un missile abbattuto

Centinaia a Damasco con bandiere russe

Centinaia a Damasco con bandiere russe

(ANSA) – DAMASCO, 14 APR – Centinaia di siriani sono scesi in strada a Damasco dopo l’attacco militare congiunto di Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria sventolando bandiere siriane, russe e iraniane in segno di vittoria e suonando i clacson delle auto in un atto di sfida. “Siamo i tuoi uomini, Bashar”, hanno urlato molti di loro. La tv di Stato ha trasmesso in diretta le immagini di una folla di civili mescolata agli uomini un uniforme.

Missili su Damasco, le immagini dei militari siriani

Missili su Damasco, le immagini dei militari siriani

Il video e' stato rilasciato dal Syrian Central Military Media

Damasco si risveglia dopo gli attacchi

Damasco si risveglia dopo gli attacchi

Gas chimico, 100 morti Damasco sotto accusa

Gas chimico, 100 morti Damasco sotto accusa

Siria, almeno cento morti in attacco chimico. Damasco nega, Trump condanna Assad e Putin.

Siria: miliziani Ghuta si arrendono

Siria: miliziani Ghuta si arrendono

(ANSAmed) – BEIRUT, 8 APR – I miliziani siriani asserragliati a est di Damasco si sono arresi e saranno deportati nel nord della Siria assieme ai loro familiari mentre altri civili della zona della Ghuta si consegneranno alle autorità governative. Lo riferisce l’agenzia governativa siriana Sana secondo cui i “terroristi” permetteranno ai civili di uscire da Duma, ultima roccaforte di miliziani della Ghuta.

FOTO: Impero ottomano

L'espansione e il declino dell'Impero ottomano.

L'espansione e il declino dell'Impero ottomano.

La Turchia secondo il Trattato di Sèvres del 1922.

La Turchia secondo il Trattato di Sèvres del 1922.

Questione d'istinto

Questione d'istinto

Christoph stenta a credere all'aggressione subita da Vikor.

Mosca, 10mila miliziani lasciano Ghuta

Mosca, 10mila miliziani lasciano Ghuta

(ANSA) – MOSCA, 28 MAR – Quasi 10.000 miliziani e oltre 15.000 membri delle loro famiglie hanno lasciato finora Ghuta Est: lo sostiene il ministro della Difesa russo, Serghiei Shoigu. “Finora – ha detto Shoigu – 128.161 persone sono andate via” da Ghuta Est, “tra cui 103.117 civili, 9.670 miliziani e 15.374 loro familiari”.

Ghuta, via 1.800 miliziani e familiari

Ghuta, via 1.800 miliziani e familiari

(ANSA) – MOSCA, 23 MAR – Oltre 1.800 miliziani del gruppo Ahrar al-Sham e membri delle loro famiglie hanno lasciato Ghuta Est da ieri: lo sostiene il ministero della Difesa russo, secondo cui un accordo sull’evacuazione dei miliziani dal sobborgo di Damasco Harasta era stato raggiunto precedentemente dal Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti, un organo del ministero della Difesa russo, e i leader del gruppo Ahrar al-Sham.

Al via evacuazione 1.500 miliziani Ghuta

Al via evacuazione 1.500 miliziani Ghuta

(ANSAmed) – BEIRUT, 22 MAR – E’ cominciata stamani l’evacuazione di miliziani e civili da uno dei sobborghi della Ghuta orientale vicino Damasco, secondo quanto riferito dalla tv panaraba al Mayadin vicina all’Iran. Le fonti sul terreno affermano che circa 1.500 miliziani di Ahrar ash Sham, milizia sostenuta dalla Turchia, si sono arresi nelle ultime 48 ore alle forze russe e governative siriane e che stamani hanno cominciato a lasciare Harasta, nella [...]

La mia Damasco: arte e cultura

La mia Damasco: arte e cultura

In Siria la situazione è molto difficile, ma le persone per fortuna non hanno perso la voglia di vivere e l'entusiasmo per l'arte e la cultura.

Damasco,29 morti in bombardamento mortai

Damasco,29 morti in bombardamento mortai

(ANSAmed) – BEIRUT, 20 MAR – E’ di 29 uccisi e 23 feriti il bilancio di bombardamenti di artiglieria da parte di miliziani siriani anti-governativi in un quartiere alla periferia di Damasco, secondo quanto riferito dall’agenzia governativa siriana Sana. La Sana afferma che colpi di mortaio sono caduti nel mercato Kashkul a Jaramana, quartiere tra la Ghuta orientale e la capitale siriana. I miliziani che hanno sparato i mortai, secondo la Sana, si trovano [...]

Siria: miliziani arabi saccheggiano case ad Afrin

Siria: miliziani arabi saccheggiano case ad Afrin

Lo dice l'Osservatorio nazionale per i diritti umani

Erdogan, 'si studi ottomano a scuola'

Erdogan, 'si studi ottomano a scuola'

(ANSA) – ISTANBUL, 15 MAR – Recep Tayyip Erdogan torna a chiedere il ritorno dello studio della lingua ottomana nelle scuole turche. “È uno dei maggiori problemi della nostra storia recente il fatto che la nostra lingua è diventata oggetto di discussioni politiche”, ha detto Erdogan durante un incontro con alcuni giovani ad Ankara, puntando il dito contro la “rivoluzione della lingua”, che dopo la creazione della Repubblica negli anni Venti ha [...]

Merkel contro la visita di Afd a Damasco

Merkel contro la visita di Afd a Damasco

(ANSA) – BERLINO, 7 MAR – Il governo tedesco ha aspramente criticato la visita in Siria di una delegazione di politici del partito Afd, Alternative fuer Deutschland. “Il regime siriano mostra ogni giorno il suo disprezzo per gli esseri umani”, ha detto oggi il portavoce del governo, Steffen Seibert, a Berlino. Il dolore dei civili a Idlib, Aleppo o Ghuta est è “un dolore che il presidente Assad comanda o mette in conto”, ha continuato il portavoce. [...]

Poste e Anima firmano accordi attuativi per la partnership

Poste e Anima firmano accordi attuativi per la partnership

(Teleborsa) - Si rafforza la partnership tra Poste Italiane e ANIMA Holding nel risparmio gestito. Le due società, nonché Poste Vita, BancoPosta Fondi e Anima SGR, per quanto di rispettiva competenza, hanno sottoscritto gli accordi attuativi per il rafforzamento della partnership nel risparmio gestito, secondo i termini e le condizioni annunciati il 21 dicembre 2017. Si prevede che l’operazione - avente ad oggetto, tra l’altro, la scissione parziale in [...]