Ineguaglianza sociale

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Tina Cipollari
In rilievo

Tina Cipollari

La scheda: Disuguaglianza sociale

La disuguaglianza sociale è una differenza (nei privilegi, nelle risorse e nei compensi) considerata da un gruppo sociale come ingiusta e pregiudizievole per le potenzialità degli individui della collettività. È una differenza oggettivamente misurabile e soggettivamente percepita.
Gli elementi che la compongono sono le differenze oggettive esistenti, ossia il possesso minore o maggiore di risorse socialmente rilevanti. Le differenze sono conseguenza dell'azione di meccanismi di selezione sociale più che del merito e sono interpretate dai soggetti e dai gruppi sfavoriti (o da coloro che li rappresentano) come ingiuste, il ritenersi vittima di ingiusta discriminazione è una compononente soggettiva.
È quindi importante distinguere tra differenza e disuguaglianza sociale. Se la prima è il contrario del concetto di assimilazione, la seconda corrisponde all'esatto contrario di uguaglianza sociale.
La sociologia affronta il tema della disuguaglianza sociale elaborando due distinte interpretazioni, entrambe valide ed ineliminabili:
L'interpretazione valutativa consiste nello studio dell'ordine, della divisione del lavoro e della stratificazione sociale. Per es. la posizione di amministratore delegato di una grande azienda è molto elevata, l'individuo sarà collocato nella fascia medio alta della gerarchia sociale.
L'interpretazione politica consiste nello studio degli interessi e del potere e spiega la disuguaglianza con la differenza di potere, quindi con un'ingiustizia di fondo.
L'urbanistica ha forti, precise responsabilità nell'aggravarsi delle disuguaglianze. Siamo di fronte a una nuova questione urbana che è causa non secondaria della crisi che oggi attraversano le principali economie del pianeta.


Il Mezzogiorno resta indietro ma ridurrà il gap di crescita nel 2017 - rapporto Svimez

Il Mezzogiorno resta indietro ma ridurrà il gap di crescita nel 2017 - rapporto Svimez

(Teleborsa) - Il PIL italiano crescerà in media dello 0,8% nel 2016, secondo le previsioni del governo, ma l'Italia resta a due velocità, con il Centro-Nord che apporterà un +0,9% ed il Sud un +0,5%. Lo rileva l'ultimo rapporto Svimez sul Mezzogiorno, secondo il quale nel 2017 vi sarà un'accelerazione, che vedrà il Sud colmare in parte il gap con le più ricche regioni settentrionali: le stime indicano un +1% per il PIl italiano, un +1,1% er il Centro-Nord [...]

Brexit: Panizza, Ue combatta le disuguaglianze sociali

Brexit: Panizza, Ue combatta le disuguaglianze sociali

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "L'Europa deve mettere da parte gli egoismi nazionali e mettere in campo politiche che aggrediscano la crisi economica. Riaprire una prospettiva di futuro, rimettendo in moto l'ascensore sociale. Combattere le diseguaglianze e le ingiustizie sociali che in questi anni sono aumentate. Questa è la sfida che ci aspetta e questo è il cambiamento che chiedono i cittadini europei". Così il senatore Franco Panizza intervenuto oggi in Aula [...]