Scopri tutto su Isis

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

La scheda: Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

al-Qaida
Dal 2014:
Ansar Beit al-Maqdis (Sinai)
Consiglio dei Giovani Islamici (Derna)
Dal 2015:
Boko Haram
Stato Islamico (abbreviato IS, in arabo: الدولة الإسلامية‎, al-Dawla al-Islāmiyya) è il nome che si è dato un'organizzazione jihadista salafita attiva in Siria e Iraq, dove controlla un ampio territorio militarmente. Il suo capo, Abu Bakr al-Baghdadi, nel giugno 2014 ha proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo in un'area compresa tra la Siria nord-orientale e l'Iraq occidentale. Molti leader del mondo islamico hanno evidenziato l'illegittimità della proclamazione e il contrasto dell'ideologia del gruppo con la dottrina religiosa.
Prima di tale proclamazione il gruppo si faceva chiamare "ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāq wa l-Shām" (in arabo: الدولة الإسلامية في العراق والشام‎, ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāqi wa sh-Shām, sigla in arabo داعش, ovvero Dāʿish o Daesh), tradotto in italiano come Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (Islamic State of Iraq and Syria, ISIS) o Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Islamic State of Iraq and the Levant, ISIL). La parola araba Shām indica infatti quella regione geografica che comprende il sud della Turchia, la Siria, il Libano, Israele, la Giordania e la Palestina e che viene indicata come Grande Siria o Levante.
Le origini del gruppo risalgono ad "al-Qa'ida in Iraq" (2004–2006), poi rinominata "Stato Islamico dell'Iraq" (2006–2013), fondata da Abu Mus'ab al-Zarqawi nel 2004 per combattere l'occupazione americana dell'Iraq e il governo iracheno sciita sostenuto dagli Stati Uniti d'America dopo il rovesciamento di Saddam Hussein. Nel 2013 lo Stato Islamico dell'Iraq ha proclamato unilateralmente la propria unificazione con la branca siriana di al-Qaeda, che aveva conquistato una parte del territorio siriano nell'ambito della guerra civile contro il governo di Baššār al-Asad, ma esponenti di quest'ultima smentirono la notizia. In seguito a questo contrastato annuncio il gruppo, scelta come propria capitale la città siriana di Raqqa, ha cambiato nome in Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS).
Nel 2014 l'ISIS ha espanso il proprio controllo in territorio iracheno (con la presa in giugno di Mosul), adottando il nome attuale e proclamando la nascita del "califfato" il 29 giugno 2014. Le rapide conquiste territoriali dell'ISIS hanno finito per attirare la preoccupazione della comunità internazionale, spingendo gli Stati Uniti e altri Stati occidentali e arabi a intervenire militarmente contro l'ISIS con bombardamenti aerei in Iraq da agosto 2014 e in Siria da settembre 2014. Dapprima alleato di al-Qaida, rappresentata in Siria dal Fronte al-Nusra, l'ISIS se ne è definitivamente distaccato nel febbraio 2014, diventandone il principale concorrente per il primato nel jihad globale. Così, a partire dall'ottobre 2014, altri gruppi jihadisti esterni all'Iraq e alla Siria hanno dichiarato la loro affiliazione all'ISIS, assumendo il nome di "province" (wilāyāt) dello Stato Islamico: tra queste, si sono particolarmente distinte per le loro attività la provincia del Sinai, attiva nella regione egiziana del Sinai, e le province libiche di Barqa e di Tripoli, attive nel contesto della seconda guerra civile libica.
L'ONU e alcuni singoli Stati hanno esplicitamente fatto riferimento allo Stato Islamico come a un'organizzazione terroristica, così come i mezzi d'informazione in tutto il mondo. Numerosi media e personalità politiche hanno espresso dubbi sul modo più opportuno di fare riferimento all'organizzazione, temendo che utilizzare il nome "Stato Islamico" possa in qualche modo contribuire alla sua legittimazione. Si sostiene inoltre che il nome "Stato Islamico" non sia adeguato perché il gruppo "non è né islamico, né uno Stato". Per questa ragione si usa talora il nome Daesh (acronimo arabo equivalente a ISIS, ma percepito come dispregiativo) o l'espressione "l'autoproclamato Stato Islamico".
Essendoci differenti scuole di pensiero su quali siano le caratteristiche che definiscono uno Stato, la questione se lo Stato Islamico possa o no essere considerato uno Stato non riceve una risposta unanime dagli studiosi della materia.



Stato Islamico الدولة الإسلامية ad-Dawla al-Islāmiyya:
La bandiera dello Stato Islamico
Attiva: 2013[1] – in attività
Nazione:  Iraq  Siria Gruppi affiliati in:[2]  Afghanistan  Egitto  Libia  Nigeria (Boko Haram)  Yemen  Filippine  Indonesia Russia Turchia
Contesto: Guerra d'Iraq e guerriglia irachena (2004–2013) Guerra civile siriana (2012–in corso) Guerra civile in Iraq (2014–in corso) Seconda guerra civile in Libia (2014–in corso)
Ideologia: Fondamentalismo islamico salafita Jihādismo Wahhabismo Panislamismo
Alleanze: Fino al 2014: al-Qaida Dal 2014: Ansar Beit al-Maqdis (Sinai)[2] Consiglio dei Giovani Islamici (Derna)[2] Dal 2015: Boko Haram[3]
Componenti:
Fondatori: Abu Musab al-Zarqawi (come al-Qaeda in Iraq) † Abu Bakr al-Baghdadi (come Stato Islamico)
Componenti principali: Abu Muhammad al-'Adnani † Abu Omar al-Shishani †
Attività:
Azioni principali: vedi qui
[4][5]
Voci su organizzazioni terroristiche in Wikipedia
Stato Islamico:
Territorio a status conteso:
Motivo del contenzioso: Proclamatosi indipendente il 29 giugno 2014
Situazione de facto: territorio conquistato militarmente nel corso della guerra civile siriana e della guerra civile in Iraq (conflitti in corso)
Governo: califfato
Capo di Stato: Abu Bakr al-Baghdadi
Inno: Ummatī, qad lāha fajrun (Nazione mia, l'alba è tua)
Motto: Bāqiya wa Tatamaddad "Consolidamento ed espansione"
posizione dell'ONU:
Sintesi della posizione: non riconoscimento dell'indipendenza
Informazioni generali:
Lingua: arabo
Capitale/Capoluogo: Al-Raqqa (de facto) (196.529 ab. / 2009)
Area: ~32.133[6] km²
 % delle acque: non calcolabile%
Continente: Asia
Confini: Siria, Iraq, Turchia, Giordania
Fuso orario: UTC+2 (parte siriana) UTC+3 (parte irachena)
Valuta: Lira siriana (parte siriana) Dinaro iracheno (parte irachena)
Prefisso tel.: +963 (parte siriana) +964 (parte irachena)

La fede nell'ISIS come conseguenza della fede nel PIL

  LA FEDE NELL’ISIS COME CONSEGUENZA DELLA FEDE NEL PIL   Rielaborazione di appunti del 2004 pubblicati nel web col titolo “In parole povere”.       La scientificità del calcolo del PIL non esiste se non come IDIOZIA. Prima del 1971 gli economisti lo sapevano. Oggi l’hanno scordato o fanno finta di scordarlo, dato che in definitiva tale calcolo è ancora fatto “ad occhio”. Ma è una vera e propria calamità che permane come terrorismo di Stato e [...]

Il problema ISIS risolvibile dalla Triarticolazione sociale

  Il problema ISDS risolvibile dalla Triarticolazione Sociale     Il problema ISDS risolvibile dalla... di Nereovilla   Non si può pretendere che il cuore batta in testa... L'avvento di patologie "sociali" come l'ISDS è dato dal fatto che lo Stato di diritto NON esiste... Cause dell'ISDS: le scuole (cioè la cultura), il diritto e l'economia sono tre cose che lo Stato amministra in modo plenipotenziario, cioè accentrandole tutte in sé (statalismo) mentre [...]

Silenzio senza precedenti dell'Isis in Rete (e non si capisce perché)

Silenzio senza precedenti dell'Isis in Rete (e non si capisce perché)

Roma, 23 nov. (askanews) – Le pubblicazioni del gruppo dello Stato Islamico (Isis) su canali di propaganda online sono state misteriosamente interrotte per più di 24 ore, tra mercoledì e giovedì; un silenzio “senza precedenti” secondo un esperto. L’organizzazione terroristica, che notoriamente utilizza la messaggistica cifrata della piattaforma social Telegram per diffondere quotidianamente notizie sulle sue operazioni militari e per rivendicare [...]

Las Vegas, spari sulla folla a un concerto country: 58 morti e 515 feriti  Las Vegas, gli spari sulla folla Isis rivendica. L’Fbi: non è terrorismo

Las Vegas, spari sulla folla a un concerto country: 58 morti e 515 feriti  Las Vegas, gli spari sulla folla Isis rivendica. L’Fbi: non è terrorismo

Per diverse ore la polizia di Las Vegas ha negato che la sparatoria potesse essere stato un atto di terrorismo. Poi, nelle ore successive, fonti investigative avevano lasciato trapelare che Stephen Paddock si era convertito all'Islam mesi fa e si sarebbe chiamato Samir Al-Hajib. L’Isis, attraverso la sua agenzia Amaq, si è attribuito la responsabilità della sparatoria, ma in conferenza stampa a Las Vegas un dirigente dell’Fbi ha negato che vi siano [...]

Afghanistan: scontro fra militanti Isis

Afghanistan: scontro fra militanti Isis

(ANSA) – KABUL, 23 NOV – Quindici persone decapitate: è il risultato di un durissimo scontro fra militanti dell’Isis in Afghanistan, nella provincia orientale di Nangarhar. L’ufficio stampa del governo provinciale ha confermato la strage, precisando che si è verificata nell’area di Surkhab Bazar Mamandara del distretto di Achin. L’uccisione per decapitazione degli avversari era frequente in Nangarhar negli anni scorsi, e nel 2016 una milizia che [...]

Isis prende di mira il papa sul web

Isis prende di mira il papa sul web

Germania, arrestati 6 membri Isis: obiettivo era mercato di Natale

Germania, arrestati 6 membri Isis: obiettivo era mercato di Natale

Roma, 21 nov. (askanews) – Sei presunti membri del gruppo dello Stato islamico sono stati arrestati questa mattina in alcune operazioni antiterrorismo compiute ad Hessen, Leipzig, Kassel e Hannover, in Germania. Il procuratore generale di Francoforte ha spiegato che gli arrestati hanno un’età compresa fra i 20 e i 28 anni. Durante i blitz delle forze dell’ordine sono stati perquisiti otto appartamenti, riferisce il Berliner Morgen Post. Secondo le prime [...]

Rohani, annientate fondamenta Isis

Rohani, annientate fondamenta Isis

(ANSA) – TEHERAN, 21 NOV – Le fondamenta dell’Isis “sono state annientate”: così il presidente iraniano Hassan Rohani in diretta tv. “Gli atti diabolici del gruppo terroristico sono finiti, le conseguenze rimarranno, ma le fondamenta e le basi sono state annientate”, ha detto. In precedenza, il comandante delle forze al Quds, l’elite della Guardia iraniana, si era congratulato con l’ayatollah Ali Khamenei per la fine del ‘governo’ dell’Isis [...]

Afghanistan: uccisi 18 miliziani Isis

Afghanistan: uccisi 18 miliziani Isis

(ANSA) – NEW DELHI, 20 NOV – Almeno 20 militanti dell’Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di [...]

Iraq, sfida ai curdi: forze militari avanzano su Kirkuk. Usa: "Non spezzare fronte anti Isis"

Braccio di ferro dopo il referendum per l’indipendenza del Kurdistan. Bagdad: “Dobbiamo imporre la sicurezza” %image%

FOTO: Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

Situazione attuale sul terreno in Siria, Iraq e Libano (aggiornata regolarmente): il territorio controllato dallo Stato islamico è in grigio [1]

Situazione attuale sul terreno in Siria, Iraq e Libano (aggiornata regolarmente): il territorio controllato dallo Stato islamico è in grigio [1]

Territori controllati dallo Stato Islamico al 21 ottobre 2015

Territori controllati dallo Stato Islamico al 21 ottobre 2015

Foto segnaletica di Abu Bakr al-Baghdadi mentre si trovava nel centro di detenzione di Camp Bucca

Foto segnaletica di Abu Bakr al-Baghdadi mentre si trovava nel centro di detenzione di Camp Bucca

Centro finanziario dell'ISIS ad Al-Raqqa

Centro finanziario dell'ISIS ad Al-Raqqa

Isis prende di mira il papa sul web

Isis prende di mira il papa sul web

Volantino diffuso su internet minaccia 'adoratori della croce'

Contatti con foreign fighter Isis, espulsi tre presunti terroristi

Contatti con foreign fighter Isis, espulsi tre presunti terroristi

   Due giovani marocchini di 25 e 26 anni e un tunisino di 31 sono stati espulsi dall’Italia: erano in contatto con i foreign fighters dell’Isis che stanno ancora combattendo in Siria. Il tunisino, con diversi precedenti penali per droga, era finito nella rete degli investigatori poiché sospettato di aver combattuto in Siria nel 2013 per lo Stato islamico. Con il provvedimento di oggi, firmato dal ministro dell’Interno Marco Minniti, salgono a 96 le [...]

Isis: propaganda web attacca il Papa

Isis: propaganda web attacca il Papa

(ANSA) – ROMA, 18 NOV – La propaganda via web dell’Isis prende ancora di mira Papa Bergoglio: in un ‘volantino’ diffuso su Twitter e sulla rete, intercettato dai servizi di intelligence e dall’antiterrorismo, vengono ammoniti gli “adoratori della croce” mentre un uomo vestito con una tunica, con il volto coperto ed armato con un coltello sorregge con una mano la testa decapitata del Pontefice appoggiata sul corpo. Sullo sfondo una città distrutta [...]

Terroristi filo-Isis pubblicano una foto del Papa decapitato

Terroristi filo-Isis pubblicano una foto del Papa decapitato

Roma, 17 nov. (askanews) – Un gruppo media che sostiene i terroristi dello Stato islamico (Isis), Wafa Media Foundation, ha minacciato oggi “gli adoratori della Croce”, pubblicando una fotografia che mostra papa Francesco decapitato. E’ quanto riporta oggi Site, il sito americano che monitora le attività dei terroristi sul web, ricordando che il 14 novembre scorso lo stesso gruppo aveva esortato a colpire il Vaticano in occasione del prossimo Natale, [...]

Baghdad, conquistata ultima roccaforte Isis

Baghdad, conquistata ultima roccaforte Isis

Preso il controllo dei quartieri centrali di Rawa

Conquistata ultima roccaforte dell'Isis in Iraq

Conquistata ultima roccaforte dell'Isis in Iraq

Le forze governative irachene hanno preso il controllo dei quartieri centrali di Rawa

Usa, in Europa rischio attacchi Isis

Usa, in Europa rischio attacchi Isis

(ANSA) – ROMA, 17 NOV – Il dipartimento di Stato Usa ha diramato una allerta per i cittadini americani in Europa per “l’alto rischio di attacchi terroristici, in particolare durante le festività”. Di recente, “gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere attentati in Europa”, recita la nota Usa, ricordando in particolare gli attacchi [...]

Iraq: conquistata ultima roccaforte Isis

Iraq: conquistata ultima roccaforte Isis

(ANSA) – BEIRUT, 17 NOV – Le forze governative irachene e le milizie filo-iraniane alleate hanno conquistato l’ultima cittadina in mano all’Isis nell’Iraq occidentale. Lo ha annunciato poco fa il comando delle forze armate irachene, citato dalla tv al Mayadin vicina all’Iran. Le fonti precisano che le forze di Baghdad hanno conquistato stamani i quartieri centrali di Rawa nella regione occidentale di Anbar e che hanno issato le bandiere nazionali sui [...]

Conquistata ultima roccaforte Isis in Iraq. 'Califfato alla fine'

Conquistata ultima roccaforte Isis in Iraq. 'Califfato alla fine'

Le forze governative irachene e le milizie filo-iraniane alleate hanno conquistato l’ultima cittadina in mano all’Isis nell’Iraq occidentale. Lo ha annunciato poco fa il comando delle forze armate irachene, citato dalla tv al Mayadin vicina all’Iran. Le fonti precisano che le forze di Baghdad hanno conquistato stamani i quartieri centrali di Rawa nella regione occidentale di Anbar e che hanno issato le bandiere nazionali sui suoi edifici. “I giorni del [...]

I bombardamenti Usa sull'Isis hanno ucciso più civili di quanto detto

I bombardamenti Usa sull'Isis hanno ucciso più civili di quanto detto

New York, 17 nov. (askanews) – L’esercito degli Stati Uniti ha definito i bombardamenti della coalizione contro lo Stato Islamico come i più precisi della storia. Ma un’inchiesta del New York Times, durata 18 mesi, rivela invece come in Iraq le cose siano andate diversamente rispetto ai dati ufficiali: risulterebbero infatti molti più morti di quelli dichiarati dal governo americano. “I bombardamenti sono stati molto meno precisi di quanto affermato dalla [...]