Scopri tutto su Isis

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Isis. Cerca invece Isis.

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

La scheda: Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

al-Qaida
Dal 2014:
Ansar Beit al-Maqdis (Sinai)
Consiglio dei Giovani Islamici (Derna)
Dal 2015:
Boko Haram
Stato Islamico (abbreviato IS, in arabo: الدولة الإسلامية‎, al-Dawla al-Islāmiyya) è il nome che si è dato un'organizzazione jihadista salafita attiva in Siria e Iraq, dove controlla un ampio territorio militarmente. Il suo capo, Abu Bakr al-Baghdadi, nel giugno 2014 ha proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo in un'area compresa tra la Siria nord-orientale e l'Iraq occidentale. Molti leader del mondo islamico hanno evidenziato l'illegittimità della proclamazione e il contrasto dell'ideologia del gruppo con la dottrina religiosa.
Prima di tale proclamazione il gruppo si faceva chiamare "ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāq wa l-Shām" (in arabo: الدولة الإسلامية في العراق والشام‎, ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāqi wa sh-Shām, sigla in arabo داعش, ovvero Dāʿish o Daesh), tradotto in italiano come Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (Islamic State of Iraq and Syria, ISIS) o Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Islamic State of Iraq and the Levant, ISIL). La parola araba Shām indica infatti quella regione geografica che comprende il sud della Turchia, la Siria, il Libano, Israele, la Giordania e la Palestina e che viene indicata come Grande Siria o Levante.
Le origini del gruppo risalgono ad "al-Qa'ida in Iraq" (2004–2006), poi rinominata "Stato Islamico dell'Iraq" (2006–2013), fondata da Abu Mus'ab al-Zarqawi nel 2004 per combattere l'occupazione americana dell'Iraq e il governo iracheno sciita sostenuto dagli Stati Uniti d'America dopo il rovesciamento di Saddam Hussein. Nel 2013 lo Stato Islamico dell'Iraq ha proclamato unilateralmente la propria unificazione con la branca siriana di al-Qaeda, che aveva conquistato una parte del territorio siriano nell'ambito della guerra civile contro il governo di Baššār al-Asad, ma esponenti di quest'ultima smentirono la notizia. In seguito a questo contrastato annuncio il gruppo, scelta come propria capitale la città siriana di Raqqa, ha cambiato nome in Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS).
Nel 2014 l'ISIS ha espanso il proprio controllo in territorio iracheno (con la presa in giugno di Mosul), adottando il nome attuale e proclamando la nascita del "califfato" il 29 giugno 2014. Le rapide conquiste territoriali dell'ISIS hanno finito per attirare la preoccupazione della comunità internazionale, spingendo gli Stati Uniti e altri Stati occidentali e arabi a intervenire militarmente contro l'ISIS con bombardamenti aerei in Iraq da agosto 2014 e in Siria da settembre 2014. Dapprima alleato di al-Qaida, rappresentata in Siria dal Fronte al-Nusra, l'ISIS se ne è definitivamente distaccato nel febbraio 2014, diventandone il principale concorrente per il primato nel jihad globale. Così, a partire dall'ottobre 2014, altri gruppi jihadisti esterni all'Iraq e alla Siria hanno dichiarato la loro affiliazione all'ISIS, assumendo il nome di "province" (wilāyāt) dello Stato Islamico: tra queste, si sono particolarmente distinte per le loro attività la provincia del Sinai, attiva nella regione egiziana del Sinai, e le province libiche di Barqa e di Tripoli, attive nel contesto della seconda guerra civile libica.
L'ONU e alcuni singoli Stati hanno esplicitamente fatto riferimento allo Stato Islamico come a un'organizzazione terroristica, così come i mezzi d'informazione in tutto il mondo. Numerosi media e personalità politiche hanno espresso dubbi sul modo più opportuno di fare riferimento all'organizzazione, temendo che utilizzare il nome "Stato Islamico" possa in qualche modo contribuire alla sua legittimazione. Si sostiene inoltre che il nome "Stato Islamico" non sia adeguato perché il gruppo "non è né islamico, né uno Stato". Per questa ragione si usa talora il nome Daesh (acronimo arabo equivalente a ISIS, ma percepito come dispregiativo) o l'espressione "l'autoproclamato Stato Islamico".
Essendoci differenti scuole di pensiero su quali siano le caratteristiche che definiscono uno Stato, la questione se lo Stato Islamico possa o no essere considerato uno Stato non riceve una risposta unanime dagli studiosi della materia.



Stato Islamico الدولة الإسلامية ad-Dawla al-Islāmiyya:
La bandiera dello Stato Islamico
Attiva: 2013[1] – in attività
Nazione:  Iraq  Siria Gruppi affiliati in:[2]  Afghanistan  Egitto  Libia  Nigeria (Boko Haram)  Yemen  Filippine  Indonesia Russia Turchia
Contesto: Guerra d'Iraq e guerriglia irachena (2004–2013) Guerra civile siriana (2012–in corso) Guerra civile in Iraq (2014–in corso) Seconda guerra civile in Libia (2014–in corso)
Ideologia: Fondamentalismo islamico salafita Jihādismo Wahhabismo Panislamismo
Alleanze: Fino al 2014: al-Qaida Dal 2014: Ansar Beit al-Maqdis (Sinai)[2] Consiglio dei Giovani Islamici (Derna)[2] Dal 2015: Boko Haram[3]
Componenti:
Fondatori: Abu Musab al-Zarqawi (come al-Qaeda in Iraq) † Abu Bakr al-Baghdadi (come Stato Islamico)
Componenti principali: Abu Muhammad al-'Adnani † Abu Omar al-Shishani †
Attività:
Azioni principali: vedi qui
[4][5]
Voci su organizzazioni terroristiche in Wikipedia
Stato Islamico:
Territorio a status conteso:
Motivo del contenzioso: Proclamatosi indipendente il 29 giugno 2014
Situazione de facto: territorio conquistato militarmente nel corso della guerra civile siriana e della guerra civile in Iraq (conflitti in corso)
Governo: califfato
Capo di Stato: Abu Bakr al-Baghdadi
Inno: Ummatī, qad lāha fajrun (Nazione mia, l'alba è tua)
Motto: Bāqiya wa Tatamaddad "Consolidamento ed espansione"
posizione dell'ONU:
Sintesi della posizione: non riconoscimento dell'indipendenza
Informazioni generali:
Lingua: arabo
Capitale/Capoluogo: Al-Raqqa (de facto) (196.529 ab. / 2009)
Area: ~32.133[6] km²
 % delle acque: non calcolabile%
Continente: Asia
Confini: Siria, Iraq, Turchia, Giordania
Fuso orario: UTC+2 (parte siriana) UTC+3 (parte irachena)
Valuta: Lira siriana (parte siriana) Dinaro iracheno (parte irachena)
Prefisso tel.: +963 (parte siriana) +964 (parte irachena)

L'Isis rivendica attacco Londra, caccia a sospetto

L'Isis rivendica attacco Londra, caccia a sospetto

May alza l'allerta terroristica e annuncia militari nelle strade

L'Isis rivendica l'attentato di Londra

L'Isis rivendica l'attentato di Londra

Il governo innalza l'allerta contro nuovi possibili attacchi.

Attentato in metrò Londra, caccia a un sospetto. L'Isis rivendica la bomba

Attentato in metrò Londra, caccia a un sospetto. L'Isis rivendica la bomba

Nell'Ora per ora anche le polemiche Consip

Strage in Iraq: 74 vittime in due attentati Isis a Nassiriya

Strage in Iraq: 74 vittime in due attentati Isis a Nassiriya

Nassiriya (askanews) - Sale a 74 il numero dei morti del doppio attentato in Iraq rivendicato dall'Isis avvenuti vicino a Nassiriya. È l'attacco più sanguinoso avvenuto nel Paese dopo il duro colpo inflitto allo Stato Islamcio con la riconquista di Mosul, nel luglio scorso. Secondo quanto raccontato da fonti della sicurezza irachena, prima i terroristi hanno fatto fuoco all'interno di un ristorante poi sono saliti in macchina e si sono fatti esplodere ad un posto [...]

Reportage da Raqqa: gli ultimi giorni dell'Isis

Reportage da Raqqa: gli ultimi giorni dell'Isis

Roma, (askanews) - Rovine, rovine e ancora rovine. Cumuli di macerie e sotto ci sono i morti: Gli assassini dell'Isis e le vittime civili: nessuno sa quanti sono. Non si vedono ma il tanfo che emanano i cadaveri dice chiaramente che sono tanti, tantissimi. Lo si capisce dall'inconfondibile odore di morte. E' questa la scena che ci si trova davanti arrivando nel centro di Raqqa, una volta capitale, nel Nord della Siria, dello Stato Islamico proclamato dal "Califfo" [...]

Sopravvivere all'Isis: episodio 2

Sopravvivere all'Isis: episodio 2

La perdita di un marito porta con sé la libertà per questa coraggiosa donna.La perdita di un marito porta con sé la libertà per questa coraggiosa donna.

Il problema ISIS risolvibile dalla Triarticolazione sociale

  Il problema ISDS risolvibile dalla Triarticolazione Sociale     Il problema ISDS risolvibile dalla... di Nereovilla   Non si può pretendere che il cuore batta in testa... L'avvento di patologie "sociali" come l'ISDS è dato dal fatto che lo Stato di diritto NON esiste... Cause dell'ISDS: le scuole (cioè la cultura), il diritto e l'economia sono tre cose che lo Stato amministra in modo plenipotenziario, cioè accentrandole tutte in sé (statalismo) mentre [...]

La fede nell'ISIS come conseguenza della fede nel PIL

  LA FEDE NELL’ISIS COME CONSEGUENZA DELLA FEDE NEL PIL   Rielaborazione di appunti del 2004 pubblicati nel web col titolo “In parole povere”.       La scientificità del calcolo del PIL non esiste se non come IDIOZIA. Prima del 1971 gli economisti lo sapevano. Oggi l’hanno scordato o fanno finta di scordarlo, dato che in definitiva tale calcolo è ancora fatto “ad occhio”. Ma è una vera e propria calamità che permane come terrorismo di Stato e [...]

Siria, l'esercito rompe l'assedio dell'Isis a Deir Ezzor

Siria, l'esercito rompe l'assedio dell'Isis a Deir Ezzor

Roma, (askanews) - L'esercito siriano ha rotto l'assedio delle milizie jihadiste dello Stato islamico a Deir Ezzor, nell'Est del Paese, che era in corso da circa tre anni: lo ha reso noto il portavoce dell'esercito siriano alla televisione di Stato siriana. "Le unità delle forze armate, in collaborazione con le forze alleate, sostenute dall'aviazione militare siriana e russa, hanno vinto la seconda fase dell'operazione nel deserto siriano e sono stati in grado, [...]

Isis, nuove minacce: "Avvelenate il cibo nei supermercati!"

Isis, nuove minacce: "Avvelenate il cibo nei supermercati!"

Nuove minacce dall'Issis sui social, è comparso un nuovo messaggio sulla pagina SITE Intel Group di twitter: Questo il messaggio pubblicato in lingua inglese: «Avvelenate il cibo nei supermercati iniettandoci il cianuro», un nuovo strumento ihad in Occidente, scritto nel manuale di addestramento per lupi solitari. secondo il Site altri attacchi potrebbero avvenire in maniera del tutto diversa, da quelli già avvenuti.   Segui SITE Intel Group [...]

FOTO: Stato Islamico dell'Iraq e del Levante

Situazione attuale sul terreno in Siria, Iraq e Libano (aggiornata regolarmente): il territorio controllato dallo Stato islamico è in grigio [1]

Situazione attuale sul terreno in Siria, Iraq e Libano (aggiornata regolarmente): il territorio controllato dallo Stato islamico è in grigio [1]

Territori controllati dallo Stato Islamico al 21 ottobre 2015

Territori controllati dallo Stato Islamico al 21 ottobre 2015

Foto segnaletica di Abu Bakr al-Baghdadi mentre si trovava nel centro di detenzione di Camp Bucca

Foto segnaletica di Abu Bakr al-Baghdadi mentre si trovava nel centro di detenzione di Camp Bucca

Centro finanziario dell'ISIS ad Al-Raqqa

Centro finanziario dell'ISIS ad Al-Raqqa

Siria, nella città vecchia di Raqqa: i curdi resistono all'Isis

Siria, nella città vecchia di Raqqa: i curdi resistono all'Isis

Roma, (askanews) - Le immagini della città vecchia di Raqqa, in Siria, dove i combattenti delle Forze democratiche siriane, l'alleanza curdo-araba sostenuta dagli Usa in funzione anti-Isis, pattugliano giorno e notte, fucili in spalla. Il quartiere è stato riconquistato ai jihadisti dello stato islamico, portando i militari a un passo dall'ultima linea difensiva dell'Isis nella città, la cosiddetta capitale del Califfato in Siria. "Da due giorni c'è una [...]

IL NESSO RAQQA-STUPRI DI RIMINI. RAQQA, DA USA-ISIS A USA-CURDI: IL TURNOVER DEI TERRORISTI. SCAZZO TRA BAGHDAD E BEIRUT

IL NESSO RAQQA-STUPRI DI RIMINI. RAQQA, DA USA-ISIS A USA-CURDI: IL TURNOVER DEI TERRORISTI. SCAZZO TRA BAGHDAD E BEIRUT

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/09/il-nesso-raqqa-stupri-di-rimini-raqqa.html LUNEDÌ 4 SETTEMBRE 2017    Raqqa prima e dopo Avete udito qualche borbottìo, qualche empito umanitario, qualche invocazione a smetterla di uccidere innocenti,  rispetto all’urbicidio in atto a Raqqa? Vi è capitato di vedere, o leggere a proposito dell’olocausto di Raqqa, nei grandi media e nel loro codazzo “di sinistra”, “progressista”, insomma tra gli amici [...]

La falsa terra promessa: dentro e fuori dall'ISIS

La falsa terra promessa: dentro e fuori dall'ISIS

Il triste racconto di una donna che insieme alla sua famiglia ha aderito alla cruenta organizzazione jihadista.Il triste racconto di una donna che insieme alla sua famiglia ha aderito alla cruenta organizzazione jihadista.

Isis: Libano dichiara cessate-il-fuoco unilaterale

Isis: Libano dichiara cessate-il-fuoco unilaterale

Media, iniziativa seguita da Hezbollah ed esercito siriano

L'Isis rivendica l'attacco a Bruxelles

L'Isis rivendica l'attacco a Bruxelles

Assalitore era di origine somala ma aveva la nazionalita' belga

L'Isis minaccia: "Colpiremo Roma"

L'Isis minaccia: "Colpiremo Roma"

Nuove minacce dall'Isis all'Italia.

L'Isis minaccia l'Italia

L'Isis minaccia l'Italia

L'Isis minaccia il Papa e l'Italia e incita i lupi solitari a colpire il nostro paese

Isis lancia nuove minacce contro Papa Francesco e Italia

Isis lancia nuove minacce contro Papa Francesco e Italia

Filmato su network Isis, 'arriveremo a Roma' dice jihadista

Barcellona: in video nuove minacce Isis a Spagna

Barcellona: in video nuove minacce Isis a Spagna

'Al Andalus tornera' terra di califfato'

Russia: l'Isis rivendica l'attacco a Surgut, Siberia occidentale

Russia: l'Isis rivendica l'attacco a Surgut, Siberia occidentale

Mosca (askanews) - L'Isis ha rivendicato l'attacco avvenuto nella remota città russa di Surgut, nella Siberia occidentale, dove un uomo ha accoltellato sette persone, prima di essere abbattuto dalle forze di sicurezza. La rivendicazione è apparsa sull'agenzia di stampa Amaq, principale fonte di propaganda dei terroristi islamisti. Le autorità russe avevano fatto sapere di non credere alla pista terroristica e subito dopo i fatti avevano aperto un'indagine solo [...]