Mario Draghi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

Mario Draghi

La scheda: Mario Draghi

Mario Draghi (Roma, 3 settembre 1947) è un economista, accademico, banchiere e dirigente pubblico italiano.
Formatosi in Italia, si è specializzato al MIT di Boston. Draghi, già professore universitario, negli anni novanta diventa alto funzionario del Ministero del Tesoro. Dopo un breve passaggio in Goldman Sachs, nel 2005 viene nominato Governatore della Banca d'Italia, prendendo il posto di Antonio Fazio. In qualità di Governatore della Banca d'Italia è stato membro del Consiglio Direttivo e del Consiglio Generale della Banca centrale europea e membro del Consiglio di Amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali, ha ricoperto inoltre l'incarico di Presidente del Financial Stability Board. È stato Direttore esecutivo per l'Italia della Banca Mondiale e nella Banca Asiatica di Sviluppo. È membro del Gruppo dei Trenta.
Si definisce un liberal-socialista, una visione politica tipica di molte formazioni di centrosinistra moderato europeo, lontano quindi dagli estremismi sia di destra che di sinistra.
Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet nella carica di Presidente della Banca centrale europea.


Mario Draghi:
Mario Draghi al Forum economico mondiale nel 2013
3º Presidente della Banca centrale europea:
In carica:
Inizio mandato: 1º novembre 2011
Vice presidente: Vítor Constâncio
Predecessore: Jean-Claude Trichet
Governatore della Banca d'Italia:
Durata mandato: 29 dicembre 2005 – 31 ottobre 2011
Predecessore: Antonio Fazio
Successore: Ignazio Visco
Direttore generale del Tesoro:
Durata mandato: 12 aprile 1991 – 23 novembre 2001
Predecessore: Mario Sarcinelli
Successore: Domenico Siniscalco
Presidente del Financial Stability Board:
Durata mandato: 2 aprile 2009 – 4 novembre 2011
Successore: Mark Carney
Dati generali:
Università: Università Sapienza di Roma, Massachusetts Institute of Technology
Firma:
Il 29 dicembre 2005 diventa il nono governatore della Banca d'Italia. Draghi viene chiamato a sostituire Antonio Fazio, costretto alle dimissioni in seguito allo scandalo di Bancopoli. A causa di questa vicenda la durata dell'incarico conferito a Draghi ha un mandato a termine di sei anni, rinnovabile una sola volta. Dopo la nomina a governatore della Banca d'Italia vendette le sue azioni Goldman Sachs e affidò il ricavato a un blind trust, un fondo di cui non controlla la gestione. Ha fatto confluire gli immobili di proprietà della famiglia nella società senza fini di lucro Serena: atto costitutivo del 17 novembre 2007, ne è socio amministratore con la moglie, le quote sono equamente suddivise, ma in nuda proprietà, tra i due figli.
Rinunciò all'assenso preventivo e vincolante della Banca d'Italia per le acquisizioni bancarie, e rese possibili fusioni bancarie di rilievo storico. Draghi rende subito chiaro la discontinuità con il predecessore Fazio. In un discorso del 2006 dichiara che non sarebbe mai intervenuto per influenzare operazioni di mercato, neanche laddove la legge gliene conferisse facoltà. Contestualmente invita il sistema bancario italiano a fusioni e aggregazioni per evitare, date le piccole dimensioni, di venire acquisite da istituti di credito stranieri. Contemporaneamente si batte per la revisione delle regole sui rapporti tra banche e imprese in due direzioni: l'innalzamento dei limiti alle partecipazioni che le banche possono detenere in gruppi industriali e alle partecipazioni nelle banche da parte di soggetti non finanziari. Nei diciassette mesi successivi hanno luogo fusioni eccellenti: Unicredit con Capitalia, Intesa con Sanpaolo IMI, Banca Popolare di Verona e Novara con il gruppo Banca Popolare di Lodi, Banche Popolari Unite con Banca Lombarda.
Sul fronte interno fu alle prese con un difficile piano di riassetto della Banca d'Italia.
Le sue annuali Considerazioni finali esortavano a: riduzione delle tasse, riduzione del debito pubblico, taglio delle spese correnti, aumento degli investimenti, riforma della previdenza (2007), freno all'inflazione, riforma del mercato del lavoro, riforma del risparmio gestito, abolizione del massimo scoperto (2008), sostegno ai redditi e agli ammortizzatori sociali, innalzamento dell'età pensionabile, sostegno alle imprese da parte delle banche (2009). Forte richiamo al dovere di modernizzare la scuola, contenuto specialmente nelle 23 considerazioni del 2007. Nel discorso del 2008 ha messo in evidenza lo scarto di produttività tra il Mezzogiorno e il Nord Italia. Non risparmiò critiche alla manovra finanziaria presentata dal governo Berlusconi nel 2008, entrando così in polemica con il ministro Tremonti.

Draghi: sì alla riforma dell'Unione monetaria, no al protezionismo

Draghi: sì alla riforma dell'Unione monetaria, no al protezionismo

(Teleborsa) - La Banca Centrale Europea non vede recessioni dietro l'angolo.  Lo ha dichiarato il numero uno dell'Istituzione, Mario Draghi, durante il forum della BCE a Sintra, in Portogallo. "Persino sul medio termine non vediamo una recessione. Ci aspettiamo una crescita più bassa ma nulla che si avvicini a una recessione" ha spiegato. Il Presidente dell'Eurotower ha poi lodato la bozza di riforma dell'Unione monetaria presentata da Francia e Germania - [...]

Forex, escalation dazi e parole Draghi: euro ai minimi da luglio

Forex, escalation dazi e parole Draghi: euro ai minimi da luglio

(Teleborsa) - L'acuirsi della crisi commerciale tra Washington e Pechino e le rassicurazioni del presidente BCE, Mario Draghi "saremo pazienti nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi e successivamente seguiremo un approccio graduale nell'aggiustare la linea" hanno fatto scivolare la moneta unica fino ai minimi da luglio scorso.  Donald Trump ha minacciato di introdurre nuovi dazi del 10%, inizialmente su un controvalore di importazioni cinesi [...]

EVENTI: Mario Draghi

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet nella carica di Presidente della Banca centrale europea.

Nel 1977 consegue il PhD con la tesi intitolata Essays on Economic Theory and Applications sotto la supervisione dello stesso Modigliani e di Robert Solow.

Dal 1991 al 2001 è Direttore Generale del Ministero del Tesoro.

Nel 1991 presiede il comitato di gestione della SACE, avviandone la riforma dell'ente e gestendone la transizione da un passato che nella stagione di mani pulite ha visto indagini e arresti relativi a 'finanziamenti facili'.

Nel 1991 il 70 per cento del debito statale era a tasso variabile e a breve termine, nel 2001, quando Draghi lasciò il ministero, il 70 per cento del debito era a tasso fisso e a medio-lungo termine.

Il 28 gennaio 2002 è stato nominato Vice Chairman e Managing Director di Goldman Sachs International per guidare le strategie europee dell'istituto dalla sede di Londra e, dal 2004 al 2005, membro del Comitato esecutivo del gruppo Goldman Sachs.

Il 31 dicembre 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times, per aver ben gestito la crisi del debito sovrano europeo in un momento molto delicato come l'estate di quell'anno quando la crisi finanziaria stava per contagiare grandi economie, come la spagnola e l'italiana.

Nel 1971 entra al Massachusetts Institute of Technology su segnalazione di Franco Modigliani e ha come professore, fra gli altri, Stanley Fischer, futuro governatore della Bank of Israel.

Il 22 gennaio 2015 il presidente Mario Draghi lancia l'atteso Quantitative easing, con cui la Banca Centrale Europea acquista titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per 60 miliardi di euro fino al settembre 2016.

Nel 1992, prima che in Italia avesse inizio la stagione delle privatizzazioni, incontra alti rappresentanti della comunità finanziaria internazionale sul panfilo HMY Britannia della regina d'Inghilterra Elisabetta II.

Nel 1983 diviene consigliere di Giovanni Goria, ministro del Tesoro nel Governo Craxi Tra il 1984 e il 1990 è Direttore Esecutivo della Banca Mondiale.

Il 29 dicembre 2005 diventa il nono governatore della Banca d'Italia.

Dal 1975 al 1978 è professore incaricato prima di Politica economica e finanziaria all'Università di Trento, poi di macroeconomia all'Università di Padova e di economia matematica all'Università di Venezia, quindi di economia e politica monetaria all'Università di Firenze ove, dal 1981 al 1991, è professore ordinario della stessa disciplina.

Nel 2008, il Presidente emerito della Repubblica italiana, Francesco Cossiga, ricordando quest'episodio, respinse l'ipotesi di vederlo sostituire Romano Prodi a Palazzo Chigi.

Cambi: euro scivola dopo parole Draghi

Cambi: euro scivola dopo parole Draghi

(ANSA) – ROMA, 19 GIU – L’euro scivola fino a 1,1530 dollari da 1,1623 dollari di ieri, segnando i minimi da fine magio, dopo che il presidente della Bce Mario Draghi ha promesso che la Bce sarà paziente nel decidere il primo rialzo dei tassi dopo l’estate 2019. FOrte calo per la sterlina, ai minimi di sette mesi contro il dollaro fino a 1,3159, dopo la sconfitta della premier Theresa May alla Camera Alta sulla legge quadro per la Brexit.

Draghi assicura: "BCE paziente sul primo rialzo dei tassi"

Draghi assicura: "BCE paziente sul primo rialzo dei tassi"

(Teleborsa) - La Banca Centrale Europea "rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria". Parola di Mario Draghi, presidente della BCE che dal Forum delle banche centrali a Sintra, in Portogallo fa sapere che per accompagnare la ripresa dell'inflazione in uno scenario economico caratterizzato da incertezze, "occorre che la politica monetaria nell'Eurozona rimanga [...]

Draghi, Bce sarà paziente nel decidere rialzo tassi

La Banca centrale europea “rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria”.  Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, al forum delle banche centrali a Sintra, in Portogallo. Per accompagnare la ripresa dell’inflazione in uno scenario economico caratterizzato da incertezze, secondo Draghi, “occorre che la politica monetaria nell’Eurozona rimanga [...]

Borsa:freno dazi Europa,Draghi non calma

Borsa:freno dazi Europa,Draghi non calma

(ANSA) – MILANO, 19 GIU – Borse europee in affanno in scia alle Piazze asiatiche sui timori dettati dalla guerra commerciale in atto tra Usa e Cina con lo spettro di altri dazi per 200 miliardi di dollari ventilati da Donald Trump. L’indice d’area Stoxx 600 lascia sul terreno oltre un punto con Francoforte che cede l’1,81% nonostante nuove indicazioni dal presidente della Bce Mario Daghi sulla politica monetaria. Male anche Parigi (-1,17%) e Madrid [...]

Draghi,Bce sarà paziente su rialzo tassi

Draghi,Bce sarà paziente su rialzo tassi

(ANSA) – ROMA, 19 GIU – La Banca centrale europea “rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria”. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, al forum delle banche centrali a Sintra, in Portogallo. Draghi ha inoltre sottolineato che “la nostra recente decisione unanime assicura che il necessario sostegno da parte della politica monetaria resti al [...]

Giù le mani dall'euro! Draghi avverte l'Italia

Giù le mani dall'euro! Draghi avverte l'Italia

Il monito del presidente della BCE: "Euro è irreversibile".

Draghi difende l'euro: è irreversibile

Draghi difende l'euro: è irreversibile

(Teleborsa) - Per il governatore della BCE, Mario Draghi, l'euro è irreversibile. "Non porta nessun beneficio mettere l'euro in discussione, perché è irreversibile", ha dichiarato il banchiere in occasione della conferenza stampa successiva alla riunione di politica monetaria del Consiglio direttivo. Il Board ha lasciato invariati i tassi d'interesse almeno fino a settembre 2019 e ha dettato i tempi del tapering, con un dimezzamento degli acquisti a partire [...]

BCE, Draghi: tassi invariati almeno fino all'estate 2019

BCE, Draghi: tassi invariati almeno fino all'estate 2019

(Teleborsa) - Con molta precisione il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha spiegato le decisioni di politica monetaria prese all'unanimità oggi 14 giugno 2018 dal Consiglio. Il Board della BCE "ha fatto un'attenta analisi dei progressi che sono stati fatti sui prezzi", evidenziando che c'è stato "un sostanzioso progresso dell'inflazione" verso il target del 2%. "L'accomodamento monetario ci fa pensare che ci stiamo avvicinando verso il [...]

FOTO: Mario Draghi

Il cortile interno del Palazzo delle Finanze, sede storica del Ministero del Tesoro italiano

Il cortile interno del Palazzo delle Finanze, sede storica del Ministero del Tesoro italiano

Antonio Fazio, predecessore di Draghi, è stato costretto alle dimissioni per il coinvolgimento nello scandalo di Bancopoli

Antonio Fazio, predecessore di Draghi, è stato costretto alle dimissioni per il coinvolgimento nello scandalo di Bancopoli

La sede della Banca d'Italia a Palazzo Koch in via Nazionale a Roma

La sede della Banca d'Italia a Palazzo Koch in via Nazionale a Roma

Mario Draghi al Forum Economico Mondiale nel 2012

Mario Draghi al Forum Economico Mondiale nel 2012

Borsa, Europa gira al rialzo con Draghi

Borsa, Europa gira al rialzo con Draghi

(ANSA) – MILANO, 14 GIU – Girano al rialzo le Borse europee, dopo aver recuperato parte delle perdite a ridosso delle decisioni della Bce sui tassi e sul progressivo azzeramento degli acquisti sui titoli di Stato, confortate dalle rassicurazioni di Mario Draghi sulla disponibilità della Bce ad aggiustare il tiro in caso di necessità. Positivi i futures Usa, all’indomani del rialzo dei tassi della Fed e dopo l’aumento oltre le stime delle vendite al [...]

Draghi difende l'euro e prepara l'addio al 'Qe'

Draghi difende l'euro e prepara l'addio al 'Qe'

Spread rialza la testa in giorno fiducia a Conte, soffre la Borsa

Draghi: L'euro è la seconda valuta al mondo

Draghi: L'euro è la seconda valuta al mondo

(Teleborsa) - Mario Draghi difende l'euro, ricordando che è la seconda valuta al mondo. Il governatore della Banca Centrale Europea (BCE), nella prefazione al rapporto sulla divisa unica, ha speso parole positive sulla moneta europea che proprio la settimana scorsa è scivolata sui minimi degli ultimi 10 mesi per via della crisi politica italiana. "Il ruolo dell'euro come seconda valuta internazionale si è stabilizzato nel 2017 e nel complesso resta senza [...]

Berlino, Merkel incontra Draghi lunedì

Berlino, Merkel incontra Draghi lunedì

(ANSA) – BERLINO, 1 GIU – Il presidente della Bce, Mario Draghi, incontrerà martedì prossimo Angela Merkel. Lo ha detto il portavoce Steffen Seibert, chiarendo che si tratta di uno dei consueti scambi con la cancelliera, che avvengono in via riservata. “Si incontrano di tanto in tanto per uno scambio opinioni e ovviamente questo riguarda la situazione dell’eurozona”, ha affermato.

Spiegel: 'Italia scroccona, colpa di Draghi'

Spiegel: 'Italia scroccona, colpa di Draghi'

Il settimanale tedesco Der Spiegel si occupa dell’Italia e nella sua edizione on line accusa il paese di voler “scroccare” dal resto dei partner Ue, in un durissimo articolo firmato da Jan Fleischauer. Non si tratta di un paese povero, scrive il giornalista nel suo commento al piano del futuro governo, e poi attacca: “Come si dovrebbe definire il comportamento di una nazione che prima chiede qualcosa per lasciarsi finanziare il suo proverbiale ‘dolce far [...]

Il conto finale del programma Salvini-Di Maio sarà sopra i 100 miliardi. Stamperemo moneta, dicono. Ma l'Italia non stampa moneta da anni. I soldi li stampa solo Draghi.

Il conto finale del programma Salvini-Di Maio sarà sopra i 100 miliardi. Stamperemo moneta, dicono. Ma l'Italia non stampa moneta da anni. I soldi li stampa solo Draghi.

STA PER NASCERE IL GOVERNO COLABRODO. Si sente dire che Bibi e Bibò abbiano già raggiunto l’accordo su 7-8 argomenti, ma che intendano arrivare almeno a dieci. Secondo i primi calcoli, la parte ci accordo già raggiunta costerebbe sui 60-70 miliardi. Il gran finale dovrebbe superare i 90. Poi ci sono i 20 miliardi di euro per evitare lo scatto dell’Iva e qualche arretrato. E siamo sui 110 miliardi. A domanda “ma chi paga”, uno di quelli addetti alla [...]

Draghi, le riforme strutturali restano una priorità a livello nazionale

Draghi, le riforme strutturali restano una priorità a livello nazionale

(Teleborsa) - Mario Draghi riparte dalle riforme strutturali, che restano una priorità a livello nazionale. Lo ha affermato il presidente della BCE intervenendo al congresso sullo stato dell'Unione europea a Firenze. "Sappiamo che le riforme strutturali spingono la crescita: guardando agli ultimi 15-20 anni, i paesi dell'area euro con strutture solide hanno mostrato tassi di crescita reali sul lungo termine molto più elevati. E sappiamo che questi Paesi si [...]

Draghi: serve strumento Ue anticrisi

Draghi: serve strumento Ue anticrisi

(ANSA) – FIRENZE, 11 MAG – “Abbiamo bisogno di un ulteriore strumento di bilancio per mantenere la convergenza (fra i Paesi, ndr) durante grandi shock, senza dover aggravare i compiti della politica monetaria”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, prendendo posizione nel negoziato per riformare l’architettura istituzionale dell’Eurozona. Draghi ha evidenziato il ruolo centrale della Bce nel gestire la crisi, di fatto [...]

Draghi,ricambiare fiducia con prosperità

Draghi,ricambiare fiducia con prosperità

(ANSA) – FIRENZE, 11 MAG – “Tre quarti dei cittadini dell’Eurozona ora sono a favore della moneta unica”. Lo ha sottolineato il presidente della Bce, Mario Draghi, durante lo State of the Union a Palazzo Vecchio. I cittadini europei – ha detto Draghi – “si aspettano che l’euro dia la stabilità e la prosperità promesse” ed “è nostro dovere, come autorità, ricambiare la loro fiducia”. In Italia Le riforme strutturali a livello [...]

Forex, euro in risalita dopo parole Draghi

Forex, euro in risalita dopo parole Draghi

(Teleborsa) - Nuova fiammata dell'euro nei confronti del biglietto verde nel giorno in cuila BCE ha lasciato fermi i tassi di interesse così come il piano di Quantitative Easing (acquisti di titoli) fino a settembre, con la porta aperta a nuove proroghe. Gli acquisti di asset, infatti, potrebbero ridursi partire da settembre 2018, ma potrebbero andare avanti anche oltre se necessario, "e in ogni caso finché il Consiglio direttivo non riscontrerà un [...]