Matteo Renzi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

Crisi europea dei migranti

La scheda: Crisi europea dei migranti

La crisi europea dei migranti ha avuto inizio intorno al 2013, quando un numero sempre crescente di rifugiati e di migranti ha cominciato a spostarsi verso l'Unione europea per richiedere asilo, viaggiando attraverso il Mar Mediterraneo, oppure attraverso la Turchia e l'Europa sudorientale. La maggior parte di questi migranti proviene da aree del mondo quali il Medio Oriente, l'Asia meridionale, l'Africa ed i Balcani occidentali. Secondo l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, dei circa un milione di arrivati in Grecia e Italia dal Mar Mediterraneo nell'anno 2015 il 49% erano siriani, il 21% afghani e l'8% iracheni. Il 58% erano uomini, il 17% donne e il 25% bambini. Le espressioni "crisi europea dei migranti" e "crisi europea dei rifugiati" hanno cominciato ad essere diffusamente utilizzate dal mese di aprile del 2015, quando affondarono nel Mediterraneo cinque imbarcazioni che trasportavano quasi 2 000 migranti, con un numero di morti stimato a più di 1 200 persone.
I naufragi hanno avuto luogo nel contesto di conflitti e crisi dei rifugiati in numerosi paesi dell'Asia e dell'Africa, che hanno portato nel 2014 a quasi 60 milioni il numero di rifugiati e sfollati interni, il più alto dalla Seconda guerra mondiale.
Nonostante l'aumento del numero degli arrivi via mare dalla Libia in Italia nel 2014, diversi governi dell'Unione europea si sono rifiutati di finanziare l'operazione di salvataggio a conduzione italiana Mare Nostrum, sostituita poi nel novembre del 2014 dalla Operazione Triton di Frontex. Nei primi sei mesi del 2015, la Grecia ha superato l'Italia come primo paese di sbarco nell'Unione Europea, diventando nell'estate 2015 il punto di partenza di un flusso di rifugiati e migranti che attraversavano i Balcani per raggiungere i paesi del nord Europa, tra i quali soprattutto la Germania.
Dal mese di aprile 2015 l'Unione europea ha lottato per far fronte alla crisi aumentando i finanziamenti per operazioni di pattugliamento delle frontiere nel Mediterraneo, elaborando piani per combattere il traffico di migranti come l'Operazione Sofia, e proponendo un nuovo sistema di quote per redistribuire i richiedenti asilo tra gli Stati membri dell'UE ed alleviare il peso sui paesi ai confini esterni dell'Unione. I singoli paesi hanno a volte reintrodotto i controlli alle frontiere all'interno dello spazio Schengen, e profonde spaccature sono emerse all'interno dell'UE tra i paesi disposti ad accettare i richiedenti asilo e quelli che invece cercano di scoraggiare il loro arrivo.


Il nuovo partito di Matteo Renzi: cosa si sa finora e quando potrebbe partire

Il nuovo partito di Matteo Renzi: cosa si sa finora e quando potrebbe partire

Matteo Renzi è pronto a lanciare un nuovo partito. Sarebbe questo, o anche questo, il motivo per cui Marco Minniti ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alle primarie Pd. Matteo Renzi ha sottolineato in più di un’occasione di non voler essere coinvolto nel dibattito congressuale del Partito democratico. “Io sono fuori dal dibattito del Pd”, aveva ribadito il 5 dicembre a Bruxelles l’ex presidente del Consiglio. “Da mesi non mi preoccupo della [...]

EVENTI: Crisi europea dei migranti

Tra il 2000 e il 2014 in tutto sono morti ventiduemila migranti.

Nel 2010 è stato, secondo vari sondaggi, il sindaco più amato d'Italia.

Il 6 dicembre 2010 Matteo Renzi si reca, a pranzo, in visita ad Arcore, presso la villa privata di Silvio Berlusconi, per "discutere di alcuni temi legati all'amministrazione di Firenze".

Il 29 agosto 2010 lancia l'idea della «rottamazione senza incentivi» dei dirigenti di lungo corso del PD, e dal 5 al 7 novembre seguenti organizza con Giuseppe Civati un'assemblea alla Stazione Leopolda di Firenze (Prossima Fermata: Italia).

Il 22 giugno 2009 viene eletto sindaco di Firenze riportando il 59,96% dei voti.

L'8 dicembre 2013 viene eletto segretario del Partito Democratico con il 67,5% dei voti, la sua proclamazione ufficiale è avvenuta la successiva domenica 15 dicembre dalla nuova Assemblea eletta del Partito Democratico.

Nel 2001 il PPI confluisce ne La Margherita e Matteo Renzi viene chiamato a coordinarne la sezione fiorentina e, nel 2003, a ricoprire il ruolo di segretario provinciale.

Il 13 settembre 2012 si candida ufficialmente, durante un comizio a Verona, alle primarie del centro-sinistra.

Tra il 2004 e il 2009 è presidente della Provincia di Firenze, alle elezioni del 12 e 13 giugno 2004 ottiene il 58,8% dei voti, in rappresentanza di una coalizione di centro-sinistra.

Nel 2015, gli stati dell'UE hanno ricevuto255.

Nel 2015 la Germania ha preso una decisione su 282.

Nel 2014 è stato classificato dalla rivista americana Fortune come la terza persona con meno di quarant'anni più influente al mondo e indicato come uno dei cento più importanti pensatori globali di politica estera.

Nel 2014, 283 532 migranti irregolari sono entrati nell'Unione Europea, principalmente attraverso le rotte del Mediterraneo centrale o orientale e dei Balcani.

Il 19 febbraio 2017 Renzi ha rassegnato le dimissioni anche da segretario del Partito Democratico aprendo così la fase congressuale.

Nel 1994 contribuisce nei Comitati per l'Italia che vogliamo in Toscana a sostegno di Romano Prodi.

Il 29 settembre 2008 si candida alle elezioni primarie del centro-sinistra per la candidatura a sindaco di Firenze riuscendo a vincerle con il 40,52% battendo il deputato e responsabile nazionale Esteri del PD Lapo Pistelli (26,91%), l'assessore comunale all'Istruzione e ai giovani del PD Daniela Lastri al 14,59%, il ministro ombra per l'attuazione del programma di governo e vicecapogruppo vicario PD alla Camera Michele Ventura al 12,48% e il presidente del Consiglio comunale per la Sinistra Eros Cruccolini al 5,49%, su 37 468 votanti totali.

Nel 2007 ha sostenuto il Family Day e sulle unioni civili ha dichiarato che sono "un controsenso rispetto alle vere urgenze del Paese" e che "non c’è bisogno di essere cattolici per difendere la famiglia".

Matteo Renzi: “Come al solito danno la colpa a me”

Matteo Renzi: “Come al solito danno la colpa a me”

Caos primarie Pd, Matteo Renzi: “Come al solito danno la colpa a me” “Chiedetemi tutto ma non di fare il piccolo burattinaio al congresso del PD. Chi vincerà avrà il mio rispetto. Quello stesso rispetto che non ho avuto quando – dopo aver vinto due volte col 70% – sono stato attaccato dal fuoco amico dal giorno dopo”, ha dichiarato Matteo Renzi commentando le divisioni interne al Partito Democratico. Con il ritiro di Minniti dalle primarie del Pd, i [...]

Matteo Renzi e l'anno che verrà

Matteo Renzi e l'anno che verrà

Gli indizi sono tre e quindi fanno una prova. Mettiamoli dunque in fila e poi vediamo l'effetto che fa. Primo: Matteo Renzi ha rotto il cordone ombelicale che ancora lo teneva legato al PD consumando anche l'ultima frattura necessaria, cioè quella della separazione fisica dai suoi (ormai) ex compagni di strada. Lo ha fatto evitando di partecipare a tutte le riunioni autunnali del partito e scegliendo invece la Leopolda per il suo discorso più importante, con [...]

Matteo Renzi e Maria Elena Boschi, il nuovo partito.Perché per qualcuno non è fantapolitica

Matteo Renzi e Maria Elena Boschi, il nuovo partito.Perché per qualcuno non è fantapolitica

Renzi e il nuovo partito: perché per qualcuno non è fantapolitica. Matteo Renzi lascerà il Partito democratico per fondare un suo partito? Maurizio Martina, deputato dem e candidato alla segreteria del Pd lo esclude: “Non credo voglia farlo”, ha detto a Radio Capital commentando le indiscrezioni trapelate oggi sui giornali. “Nella storia del centrosinistra le divisioni non hanno mai portato a buone cose. Il tema è quello di cambiare il Pd, [...]

L’Italia diventata un rischio. La truffa politica di Salvini e Di Maio. L’opposizione che manca. Le ragioni per essere ottimisti di fronte alla politica della paura. Una chiacchierata a tutto campo per Matteo Renzi.

L’Italia diventata un rischio. La truffa politica di Salvini e Di Maio. L’opposizione che manca. Le ragioni per essere ottimisti di fronte alla politica della paura. Una chiacchierata a tutto campo per Matteo Renzi.

C'è chi si guarda allo specchio e si dice:  "Bravo, ma come sei bello sei un grande,avanti così" Poi c'è chi pensa a cosa può regalare in cambio di un voto...Un autografo di Montalbano? C'è chi arriva dal nulla e pretende di fare il virolgo,parla come un pentastellato...e poi ...poi il vuoto..nulla,ZERO! La politica è passata in secondo piano, per loro è importante solo fare il segretario...ma il segretario di cosa? Tra un po di un partito fantasma in cui [...]

Matteo Renzi: “Salvini è un bluff, così come lo è il M5S che ha perso tutta la sua verginità”

Matteo Renzi: “Salvini è un bluff, così come lo è il M5S che ha perso tutta la sua verginità”

Matteo Renzi: “Salvini è un bluff, così come lo è il M5S che ha perso tutta la sua verginità”   Matteo Renzi, durante un’intervista con il Foglio, critica il governo Conte puntando l’attenzione su Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle, entrambi definiti un “grande bluff”. L’intervento poi si sposta anche su temi economici, e Renzi non risparmia nemmeno Tria: “Un ministro dell’Economia che ha perso credibilità non serve più a nulla”, [...]

ERA TUTTA COLPA DI RENZI !La "visione" riformista di Matteo Renzi resta l'unica realizzabile in Italia: gli elettori se ne convinceranno

ERA TUTTA COLPA DI RENZI !La "visione" riformista di Matteo Renzi resta l'unica realizzabile in Italia: gli elettori se ne convinceranno

Allarme spread, Renzi attacca: "Bruciati 300 miliardi per linea suicida Di Maio-Salvini"  "Hanno scelto una politica economica sbagliata per l'Italia e il conto lo pagano i cittadini" "Salvini e Di Maio hanno scelto una linea di politica economica suicida per l'Italia. E i mercati stanno presentando il conto, ma lo paghiamo noi cittadini. Lo spread a 320 significa che il prossimo anno avremo 6 miliardi di euro in più di interessi sul debito, farà danno alle [...]

Ma la verità è che Matteo Renzi è sempre più scomodo nel Partito Democratico. E in tanti (forse lui compreso) non digeriscono più la sua presenza. Forse è arrivata l’ora dell'addio

Ma la verità è che Matteo Renzi è sempre più scomodo nel Partito Democratico. E in tanti (forse lui compreso) non digeriscono più la sua presenza. Forse è arrivata l’ora dell'addio

Addio Matteo: il Pd non sopporta più Renzi, Renzi non sopporta più il Pd I mal di pancia di Minniti. La rivalità con Zingaretti. Il ruolo, da capire, di Martina. Ma la verità è che Matteo Renzi è sempre più scomodo nel Partito Democratico. E in tanti (forse lui compreso) non digeriscono più la sua presenza. Forse è arrivata l’ora dell'addio. MA RASSEGNATEVI RESTA IL MIGLIORE E CI DICE, ASPETTANDO IL FUTURO VI TRANQUILLIZZO DICENDO. Non ho mai voluto [...]

A Roma l'assemblea Pd per congresso, assente Matteo Renzi

A Roma l'assemblea Pd per congresso, assente Matteo Renzi

Roma (askanews) - Aperta dall'intervento del vicepresidente della commissione Europea, Frans Timmermans che ha chiesto l'appoggio del Pd nella corsa a presidente dell'Unione europea, è iniziata a Roma l'assemblea del Partito democratico, convocata per prendere atto delle dimissioni del segretario Maurizio Martina e per fissare la data del congresso. Assente Matteo Renzi, in sala tra gli altri l'ex premier Paolo Gentiloni, Nicola Zingaretti e Marco Minniti. Nel [...]

FOTO: Crisi europea dei migranti

Matteo Renzi con la moglie Agnese Landini e i coniugi Obama nel 2016.

Matteo Renzi con la moglie Agnese Landini e i coniugi Obama nel 2016.

     Paesi dell'area Schengen appartenenti all'UE      Paesi dell'area Schengen appartenenti all'EFTA

     Paesi dell'area Schengen appartenenti all'UE      Paesi dell'area Schengen appartenenti all'EFTA

Matteo Renzi sempre più meschino - Strumentalizza una bimba down per lanciare una bufala contro Casalino - E non dimenticate che LUI ha tagliato del 10% i fondi per i disabili...!

Matteo Renzi sempre più meschino - Strumentalizza una bimba down per lanciare una bufala contro Casalino - E non dimenticate che LUI ha tagliato del 10% i fondi per i disabili...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Matteo Renzi sempre più meschino - Strumentalizza una bimba down per lanciare una bufala contro Casalino - E non dimenticate che LUI ha tagliato del 10% i fondi per i disabili...! Dagospia ha pubblicato un video del canale Youtube ArcadeTv7 che mostra Casalino mentre afferma che “anziani, bambini e down gli “danno fastidio”, lo “irritano” e gli “fanno schifo, come fa schifo un [...]

MA Qualcuno chiederà scusa a Matteo Renzi ed Elena Boschi?

MA Qualcuno chiederà scusa a Matteo Renzi ed Elena Boschi?

  Un anno fa sono stati letteralmente lapidati per le vicende giudiziarie dei loro genitori. Entrambi i genitori sono stati scagionati e dichiarati esenti da ogni responsabilità o reato. Non mi aspetto scuse dagli avversari, dalla destra, dai populisti, dalla stampa di regime, dalla canaglia che ha utilizzato indagini della Magistratura per minare il governo del Pd e picconare le figure politiche prestigiose di quel governo. Gli avversari hanno utilizzato [...]

MATTEO RENZI :  "Dopo quattro anni di crescita, l’Italia si e’ bloccata. Per la prima volta dopo quattro anni il Pil torna a zero. Salvini e Di Maio stanno sfasciando l’Italia. Fermatevi! Paga il Popolo”.

MATTEO RENZI : "Dopo quattro anni di crescita, l’Italia si e’ bloccata. Per la prima volta dopo quattro anni il Pil torna a zero. Salvini e Di Maio stanno sfasciando l’Italia. Fermatevi! Paga il Popolo”.

Economia stagnante. Istat stima Pil invariato nel terzo trimestre.La crescita tendenziale è pari allo 0,8%. La variazione acquisita per il 2018 è pari a +1%. Si complica così il target del +1,2% nel 2018 fissato dal Governo. E QUESTI RIDONO! " Mi chiedo come si sentono coloro che hanno mollato il PD x votare 5S. Sono alleati con un partito razzista, hanno fatto il condono (inserendo anche 8.000 abitazioni di Ischia nel decreto Genova), firmano la libertà di [...]

UN FANTASMA MAI COSÌ VIVO.Al Forum del PD a Milano e andato in scena  l'ovvio della sinistra del sempre.Comunque saranno le donne che faranno vincere MATTEO RENZI.

UN FANTASMA MAI COSÌ VIVO.Al Forum del PD a Milano e andato in scena l'ovvio della sinistra del sempre.Comunque saranno le donne che faranno vincere MATTEO RENZI.

Primeggiano I tecnici e le competenze, deprime la politica. Tra capriole, riposizionamenti ed abiure sfilano sul palco ed in cerca di sovraesposizione volti noti del PD nazionale. Ringraziamenti ruffiani fioccano, si ringraziano tutti, proprio tutti, ma all'appello aleggia un "fantasma", lui, quasi si volesse cancellare dalla memoria collettiva il suo progetto politico riformista. Più tentano di occultarlo e di disconoscerlo, più dimostrano tutta la loro [...]

PERCHÉ molti pensano di uscire e non votare più il Pd,nel caso in cui Renzi non si ricandidasse Insomma,esiste la politica "supina" e la politica "Dritta" Io,sono per la seconda.

PERCHÉ molti pensano di uscire e non votare più il Pd,nel caso in cui Renzi non si ricandidasse Insomma,esiste la politica "supina" e la politica "Dritta" Io,sono per la seconda.

Ognuno la rabbia la canalizza come può e come sa.Ma davanti alla rabbia che ti aggredisce,non puoi essere sempre dimesso,e,prima o poi devi,per decenza,reagire. Il politically correct non funziona in questo momento e ciò che si aspetta l'elettorato è la presenza democratica,ma forte.Questo è uno dei motivi per i quali,molti pensano di uscire e non votare più il Pd,nel caso in cui Renzi non si ricandidasse Insomma,esiste la politica "supina" e la politica [...]

Renzi, Di Maio cambi la manovra

Renzi, Di Maio cambi la manovra

(ANSA) – ROMA, 26 OTT – “Di Maio c’è o ci fa? I mercati sono molto critici sull’Italia e lui, tra un condono e l’altro, che fa? Attacca Draghi. Di Maio non deve attaccare Draghi o la Leopolda: deve cambiare la manovra altrimenti l’Italia va a sbattere. E già che c’è cambi anche chi gli scrive i discorsi”. Lo scrive su facebook l’ex premier e senatore dem, Matteo Renzi.

Prosegue il linciaggio mediatico a reti unificate nei confronti di Matteo Renzi.

Prosegue il linciaggio mediatico a reti unificate nei confronti di Matteo Renzi.

Prosegue il linciaggio mediatico a reti unificate nei confronti di Matteo Renzi. Su Rai 3 c'è uno travestito da clochard ubriaco che sta deridendo Renzi, con la complicità di una Bianca Berlinguer divertita e particolarmente ridanciana. Probabilmente la frequentazione del rappresentante delle osterie montane stimola in lei allegria disinteressata.Uno che probabilmente sarà sotto contratto dal momento che è un ospite fisso; e che la Rai 3 pagherà anche bene [...]

Maurizio Crozza su Matteo Renzi: “Non riesce a stare lontano dal palcoscenico”

Maurizio Crozza su Matteo Renzi: “Non riesce a stare lontano dal palcoscenico”

Maurizio Crozza nel monologo che vede protagonista l’ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante una puntata di Fratelli di Crozza. | Episodio 17 | Stagione 2 | 19/10/2018

Renzi, Conte ci fa fare figuracce

Renzi, Conte ci fa fare figuracce

(ANSA) – ROMA, 23 OTT – Il premier Giuseppe Conte fa fare all’Italia “figuracce davanti alla stampa straniera”. Lo ha detto Matteo Renzi in un video postato su Facebook in cui dice che commentare gli atti di COnte è come “sparare sulla croce rossa”. “Il presidente del Consiglio si chiama Giuseppe Conte e ne combina una alla settimana. Ieri è andato alla Stampa estera – ha insistito Renzi – e ha detto ‘l’Italia è in recessione e con la [...]

O Renzi, o morte: ecco perché la Leopolda si prenderà il Pd o lo lascerà per sempre

O Renzi, o morte: ecco perché la Leopolda si prenderà il Pd o lo lascerà per sempre

Dalla Leopolda ci mostra un Renzi che non ha nessuna voglia di tirarsi indietro. Culto della personalità, bordate ai nemici, e un’ipoteca per il dopo (probabile) disfatta europea.  La Leopolda numero nove, archiviata domenica, può essere piaciuta o meno, può aver appassionato molti e deluso tanti altri, può essere stata percepita come una grande novità o come la solita minestra riscaldata. Ma ha sicuramente un merito, quello di aver fugato ogni dubbio [...]