Mia Martini

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Mia Martini

La scheda: Mia Martini

Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè, detta Mimì (Bagnara Calabra, 20 settembre 1947 – Cardano al Campo, 12 maggio 1995), è stata una cantante italiana e in alcune occasioni anche cantautrice.
Sorella maggiore di Loredana Bertè, è considerata insieme a Mina una delle voci femminili più belle ed espressive della musica leggera italiana di sempre, caratterizzata dal suo essere sofisticata ma non stucchevole e impreziosita da una forte intensità interpretativa.
Il suo album di debutto, Oltre la collina, è giudicato tra i migliori lavori italiani mai realizzati di sempre. Successi come Padre davvero (1971), Piccolo uomo, Donna sola (1972), Minuetto, Il guerriero (1973), Inno (1974), Donna con te (1975), Che vuoi che sia... (1976) e Libera, Per amarti (1977) la consacrarono tra le protagoniste assolute della musica italiana negli anni settanta.
Nel corso della sua carriera ha interpretato brani in italiano, veneto, calabrese, napoletano, romanesco, inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco e greco. Con la sua voce dal timbro ben riconoscibile per potenza e impatto emotivo, cantò il meglio della canzone d'autore italiana e internazionale, collaborando con alcuni tra i più grandi nomi del panorama musicale, non solo italiano. Per lei hanno scritto, tra gli altri, Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Dodi Battaglia, Lucio Battisti, Gianni Bella, Dario Baldan Bembo, Giancarlo Bigazzi, Franco Califano, Mimmo Cavallo, Riccardo Cocciante, Giorgio Conte, Paolo Conte, Fabrizio De André, Francesco De Gregori, Ivano Fossati, Enzo Gragnaniello, Bruno Lauzi, Mango, Amedeo Minghi, Mariella Nava, Mauro Pagani, Maurizio Piccoli, Mogol, Stefano Rosso, Enrico Ruggeri, Shel Shapiro, Umberto Tozzi, Antonello Venditti e Carla Vistarini.


Pd: Martina suona la carica al partito

Pd: Martina suona la carica al partito

(ANSA) – ROMA, 1 OTT – Grazie per la grande giornata di ieri a Roma. Grazie alle migliaia di persone presenti, e ad altre migliaia che si sono collegati alla piazza, anche essendo altrove”. Così il Segretario del Partito democratico, Maurizio Martina, in una lettera di ringraziamento rivolta agli iscritti del Partito Democratico, dopo la manifestazione di Piazza del Popolo. “Anche a Milano – ricorda Martina – si è svolta un’altra manifestazione [...]

Crollo ponte: Martina, Casalino a casa

Crollo ponte: Martina, Casalino a casa

(ANSA) – ROMA, 1 OTT – “Ogni minuto che passa senza le dimissioni di Casalino è un’offesa per Genova e i genovesi. A casa, adesso!”. E’ il tweet del segretario del Pd Maurizio Martina riguardo al portavoce di Palazzo Chigi Rocco Casalino il cui audio, in cui si lamenta con i giornalisti che lo chiamavano subito dopo il crollo del ponte di Genova (“Basta, non mi stressate la vita. Io ho pure diritto a farmi magari un paio di giorni, che già mi è [...]

EVENTI: Mia Martini

Nel 2000, la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini, con le testimonianze della sorella Olivia Bertè, dell'amica e corista Aida Cooper, degli autori Bruno Lauzi e Dario Baldan Bembo, e con Pippo Baudo e Menico Caroli, biografo della cantante.

Nel 2000 esce, sempre per la Sony Music, la raccolta Mimì sarà, a cinque anni esatti dalla scomparsa della cantante.

Nel 2000, la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini, con le testimonianze della sorella Olivia Bertè, dell'amica e corista Aida Cooper, degli autori Bruno Lauzi e Dario Baldan Bembo, e con Pippo Baudo e Menico Caroli, biografo della cantante.

Nel 2000 esce, sempre per la Sony Music, la raccolta Mimì sarà, a cinque anni esatti dalla scomparsa della cantante.

Nel 2000, la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini, con le testimonianze della sorella Olivia Bertè, dell'amica e corista Aida Cooper, degli autori Bruno Lauzi e Dario Baldan Bembo, e con Pippo Baudo e Menico Caroli, biografo della cantante.

Nel 2000 esce, sempre per la Sony Music, la raccolta Mimì sarà, a cinque anni esatti dalla scomparsa della cantante.

Nel 2000, la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini, con le testimonianze della sorella Olivia Bertè, dell'amica e corista Aida Cooper, degli autori Bruno Lauzi e Dario Baldan Bembo, e con Pippo Baudo e Menico Caroli, biografo della cantante.

Nel 2000 esce, sempre per la Sony Music, la raccolta Mimì sarà, a cinque anni esatti dalla scomparsa della cantante.

Nel 2000, la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini, con le testimonianze della sorella Olivia Bertè, dell'amica e corista Aida Cooper, degli autori Bruno Lauzi e Dario Baldan Bembo, e con Pippo Baudo e Menico Caroli, biografo della cantante.

Nel 2000 esce, sempre per la Sony Music, la raccolta Mimì sarà, a cinque anni esatti dalla scomparsa della cantante.

Nel 1977 viene scelta per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest con Libera, singolo che viene inciso in varie lingue e pubblicato in paesi come Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, e parecchi altri, dove riscuote un discreto successo malgrado il piazzamento non esaltante conseguito alla rassegna europea (13º posto).

Nel 1977 viene scelta per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest con Libera, singolo che viene inciso in varie lingue e pubblicato in paesi come Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, e parecchi altri, dove riscuote un discreto successo malgrado il piazzamento non esaltante conseguito alla rassegna europea (13º posto).

Nel 1977 viene scelta per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest con Libera, singolo che viene inciso in varie lingue e pubblicato in paesi come Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, e parecchi altri, dove riscuote un discreto successo malgrado il piazzamento non esaltante conseguito alla rassegna europea (13º posto).

Nel 1977 viene scelta per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest con Libera, singolo che viene inciso in varie lingue e pubblicato in paesi come Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, e parecchi altri, dove riscuote un discreto successo malgrado il piazzamento non esaltante conseguito alla rassegna europea (13º posto).

Nel 1977 viene scelta per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest con Libera, singolo che viene inciso in varie lingue e pubblicato in paesi come Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, e parecchi altri, dove riscuote un discreto successo malgrado il piazzamento non esaltante conseguito alla rassegna europea (13º posto).

Nel 1976, la cantante sembra nuovamente convinta a partecipare al Festival di Sanremo col brano L'amore è il mio orizzonte, salvo poi - ancora una volta - ripensarci in extremis.

Nel 1976, la cantante sembra nuovamente convinta a partecipare al Festival di Sanremo col brano L'amore è il mio orizzonte, salvo poi - ancora una volta - ripensarci in extremis.

Nel 1976, la cantante sembra nuovamente convinta a partecipare al Festival di Sanremo col brano L'amore è il mio orizzonte, salvo poi - ancora una volta - ripensarci in extremis.

Nel 1976, la cantante sembra nuovamente convinta a partecipare al Festival di Sanremo col brano L'amore è il mio orizzonte, salvo poi - ancora una volta - ripensarci in extremis.

Nel 1976, la cantante sembra nuovamente convinta a partecipare al Festival di Sanremo col brano L'amore è il mio orizzonte, salvo poi - ancora una volta - ripensarci in extremis.

Nel 1998, anche Renato Zero le ha dedicato una canzone dal titolo La grande assente, incluso nel fortunato album Amore dopo amore.

Nel 1998 la Sony Music propone il progetto Fortemente Bertè, che comprende la pubblicazione di due album dal vivo delle due sorelle Loredana Bertè (Decisamente Loredana) e Mia Martini (Semplicemente Mimì): Semplicemente Mimì è un disco dal vivo ricavato dalla registrazione di un concerto che la Martini aveva tenuto nell'isola di Procida nell'estate del 1993.

Nel 1998, anche Renato Zero le ha dedicato una canzone dal titolo La grande assente, incluso nel fortunato album Amore dopo amore.

Nel 1998 la Sony Music propone il progetto Fortemente Bertè, che comprende la pubblicazione di due album dal vivo delle due sorelle Loredana Bertè (Decisamente Loredana) e Mia Martini (Semplicemente Mimì): Semplicemente Mimì è un disco dal vivo ricavato dalla registrazione di un concerto che la Martini aveva tenuto nell'isola di Procida nell'estate del 1993.

Nel 1998, anche Renato Zero le ha dedicato una canzone dal titolo La grande assente, incluso nel fortunato album Amore dopo amore.

Nel 1998 la Sony Music propone il progetto Fortemente Bertè, che comprende la pubblicazione di due album dal vivo delle due sorelle Loredana Bertè (Decisamente Loredana) e Mia Martini (Semplicemente Mimì): Semplicemente Mimì è un disco dal vivo ricavato dalla registrazione di un concerto che la Martini aveva tenuto nell'isola di Procida nell'estate del 1993.

Nel 1998, anche Renato Zero le ha dedicato una canzone dal titolo La grande assente, incluso nel fortunato album Amore dopo amore.

Nel 1998 la Sony Music propone il progetto Fortemente Bertè, che comprende la pubblicazione di due album dal vivo delle due sorelle Loredana Bertè (Decisamente Loredana) e Mia Martini (Semplicemente Mimì): Semplicemente Mimì è un disco dal vivo ricavato dalla registrazione di un concerto che la Martini aveva tenuto nell'isola di Procida nell'estate del 1993.

Nel 1998, anche Renato Zero le ha dedicato una canzone dal titolo La grande assente, incluso nel fortunato album Amore dopo amore.

Nel 1998 la Sony Music propone il progetto Fortemente Bertè, che comprende la pubblicazione di due album dal vivo delle due sorelle Loredana Bertè (Decisamente Loredana) e Mia Martini (Semplicemente Mimì): Semplicemente Mimì è un disco dal vivo ricavato dalla registrazione di un concerto che la Martini aveva tenuto nell'isola di Procida nell'estate del 1993.

Nel 1991 pubblica Mi basta solo che sia un amore, una raccolta delle sue canzoni d'amore più belle in versione originale, unitamente all'inedito Scrupoli, sigla dell'omonimo programma televisivo.

Nel 1991 pubblica Mi basta solo che sia un amore, una raccolta delle sue canzoni d'amore più belle in versione originale, unitamente all'inedito Scrupoli, sigla dell'omonimo programma televisivo.

Nel 1991 pubblica Mi basta solo che sia un amore, una raccolta delle sue canzoni d'amore più belle in versione originale, unitamente all'inedito Scrupoli, sigla dell'omonimo programma televisivo.

Nel 1991 pubblica Mi basta solo che sia un amore, una raccolta delle sue canzoni d'amore più belle in versione originale, unitamente all'inedito Scrupoli, sigla dell'omonimo programma televisivo.

Nel 1991 pubblica Mi basta solo che sia un amore, una raccolta delle sue canzoni d'amore più belle in versione originale, unitamente all'inedito Scrupoli, sigla dell'omonimo programma televisivo.

Nel 1990 bissa al Festival di Sanremo, il successo dell'anno precedente interpretando con la consueta classe La nevicata del '56 (C.

Nel 1990 bissa al Festival di Sanremo, il successo dell'anno precedente interpretando con la consueta classe La nevicata del '56 (C.

Nel 1990 bissa al Festival di Sanremo, il successo dell'anno precedente interpretando con la consueta classe La nevicata del '56 (C.

Nel 1990 bissa al Festival di Sanremo, il successo dell'anno precedente interpretando con la consueta classe La nevicata del '56 (C.

Nel 1990 bissa al Festival di Sanremo, il successo dell'anno precedente interpretando con la consueta classe La nevicata del '56 (C.

Nel 1971 esce per la RCA Italiana Padre davvero, il primo brano pubblicato col nome di Mia Martini e registrato con il complesso La Macchina.

Nel 1971 esce per la RCA Italiana Padre davvero, il primo brano pubblicato col nome di Mia Martini e registrato con il complesso La Macchina.

Nel 1971 esce per la RCA Italiana Padre davvero, il primo brano pubblicato col nome di Mia Martini e registrato con il complesso La Macchina.

Nel 1971 esce per la RCA Italiana Padre davvero, il primo brano pubblicato col nome di Mia Martini e registrato con il complesso La Macchina.

Nel 1971 esce per la RCA Italiana Padre davvero, il primo brano pubblicato col nome di Mia Martini e registrato con il complesso La Macchina.

Nel 2004 anche la Warner pubblica una raccolta con inediti, intitolata E parlo ancora di te: gli inediti sono L'ultimo ballo e Bene, entrambi registrati nel 1978, anno in cui la cantante incideva alla Warner Bros.

Nel 2004 anche la Warner pubblica una raccolta con inediti, intitolata E parlo ancora di te: gli inediti sono L'ultimo ballo e Bene, entrambi registrati nel 1978, anno in cui la cantante incideva alla Warner Bros.

Nel 2004 anche la Warner pubblica una raccolta con inediti, intitolata E parlo ancora di te: gli inediti sono L'ultimo ballo e Bene, entrambi registrati nel 1978, anno in cui la cantante incideva alla Warner Bros.

Nel 2004 anche la Warner pubblica una raccolta con inediti, intitolata E parlo ancora di te: gli inediti sono L'ultimo ballo e Bene, entrambi registrati nel 1978, anno in cui la cantante incideva alla Warner Bros.

Nel 2004 anche la Warner pubblica una raccolta con inediti, intitolata E parlo ancora di te: gli inediti sono L'ultimo ballo e Bene, entrambi registrati nel 1978, anno in cui la cantante incideva alla Warner Bros.

Nel 1970 partecipa come corista, insieme alla sorella Loredana e ai Cantori Moderni di Alessandroni, al disco Per un pugno di samba, inciso durante il suo soggiorno a Roma da Chico Buarque de Hollanda, di cui la cantante sarà sempre grande estimatrice.

Nel 1970 partecipa come corista, insieme alla sorella Loredana e ai Cantori Moderni di Alessandroni, al disco Per un pugno di samba, inciso durante il suo soggiorno a Roma da Chico Buarque de Hollanda, di cui la cantante sarà sempre grande estimatrice.

Nel 1970 partecipa come corista, insieme alla sorella Loredana e ai Cantori Moderni di Alessandroni, al disco Per un pugno di samba, inciso durante il suo soggiorno a Roma da Chico Buarque de Hollanda, di cui la cantante sarà sempre grande estimatrice.

Nel 1970 partecipa come corista, insieme alla sorella Loredana e ai Cantori Moderni di Alessandroni, al disco Per un pugno di samba, inciso durante il suo soggiorno a Roma da Chico Buarque de Hollanda, di cui la cantante sarà sempre grande estimatrice.

Nel 1970 partecipa come corista, insieme alla sorella Loredana e ai Cantori Moderni di Alessandroni, al disco Per un pugno di samba, inciso durante il suo soggiorno a Roma da Chico Buarque de Hollanda, di cui la cantante sarà sempre grande estimatrice.

Nel 1992 è di nuovo in gara al Festival di Sanremo con un altro dei suoi maggiori successi, Gli uomini non cambiano, su testo di Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati, due fra gli autori più prolifici della musica italiana.

Nel 1992 è di nuovo in gara al Festival di Sanremo con un altro dei suoi maggiori successi, Gli uomini non cambiano, su testo di Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati, due fra gli autori più prolifici della musica italiana.

Nel 1992 è di nuovo in gara al Festival di Sanremo con un altro dei suoi maggiori successi, Gli uomini non cambiano, su testo di Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati, due fra gli autori più prolifici della musica italiana.

Nel 1992 è di nuovo in gara al Festival di Sanremo con un altro dei suoi maggiori successi, Gli uomini non cambiano, su testo di Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati, due fra gli autori più prolifici della musica italiana.

Nel 1992 è di nuovo in gara al Festival di Sanremo con un altro dei suoi maggiori successi, Gli uomini non cambiano, su testo di Giancarlo Bigazzi e Beppe Dati, due fra gli autori più prolifici della musica italiana.

Nel 2006 Gilda Giuliani realizza Canto Mimì, un recital di circa due ore, che ripercorre cronologicamente la carriera musicale di Mia Martini.

Nel 2006, sempre per la Sony BMG, esce una seconda antologia (doppia) di registrazioni inedite: venti brani equamente suddivisi in inediti assoluti e rarità quali provini, versioni alternative di canzoni già edite ed esecuzioni dal vivo.

Nel 2006 Gilda Giuliani realizza Canto Mimì, un recital di circa due ore, che ripercorre cronologicamente la carriera musicale di Mia Martini.

Nel 2006, sempre per la Sony BMG, esce una seconda antologia (doppia) di registrazioni inedite: venti brani equamente suddivisi in inediti assoluti e rarità quali provini, versioni alternative di canzoni già edite ed esecuzioni dal vivo.

Nel 2006 Gilda Giuliani realizza Canto Mimì, un recital di circa due ore, che ripercorre cronologicamente la carriera musicale di Mia Martini.

Nel 2006, sempre per la Sony BMG, esce una seconda antologia (doppia) di registrazioni inedite: venti brani equamente suddivisi in inediti assoluti e rarità quali provini, versioni alternative di canzoni già edite ed esecuzioni dal vivo.

Nel 2006 Gilda Giuliani realizza Canto Mimì, un recital di circa due ore, che ripercorre cronologicamente la carriera musicale di Mia Martini.

Nel 2006, sempre per la Sony BMG, esce una seconda antologia (doppia) di registrazioni inedite: venti brani equamente suddivisi in inediti assoluti e rarità quali provini, versioni alternative di canzoni già edite ed esecuzioni dal vivo.

Nel 2006 Gilda Giuliani realizza Canto Mimì, un recital di circa due ore, che ripercorre cronologicamente la carriera musicale di Mia Martini.

Nel 2006, sempre per la Sony BMG, esce una seconda antologia (doppia) di registrazioni inedite: venti brani equamente suddivisi in inediti assoluti e rarità quali provini, versioni alternative di canzoni già edite ed esecuzioni dal vivo.

Nel 1972, la RCA tenta di mandare Mia Martini al Festival di Sanremo con il brano Credo, altra perla appartenente al suo filone spirituale, che però non viene ammessa alla kermesse: il disco uscirà ugualmente, ma in pochissime copie.

Nel 1972, la RCA tenta di mandare Mia Martini al Festival di Sanremo con il brano Credo, altra perla appartenente al suo filone spirituale, che però non viene ammessa alla kermesse: il disco uscirà ugualmente, ma in pochissime copie.

Nel 1972, la RCA tenta di mandare Mia Martini al Festival di Sanremo con il brano Credo, altra perla appartenente al suo filone spirituale, che però non viene ammessa alla kermesse: il disco uscirà ugualmente, ma in pochissime copie.

Nel 1972, la RCA tenta di mandare Mia Martini al Festival di Sanremo con il brano Credo, altra perla appartenente al suo filone spirituale, che però non viene ammessa alla kermesse: il disco uscirà ugualmente, ma in pochissime copie.

Nel 1972, la RCA tenta di mandare Mia Martini al Festival di Sanremo con il brano Credo, altra perla appartenente al suo filone spirituale, che però non viene ammessa alla kermesse: il disco uscirà ugualmente, ma in pochissime copie.

Nel 1994 passa ad una nuova casa discografica, la RTI Music, con cui termina di incidere il nuovo album iniziato attraverso la precedente etichetta, con la quale però sorgono nuove divergenze.

Nel 1994 passa ad una nuova casa discografica, la RTI Music, con cui termina di incidere il nuovo album iniziato attraverso la precedente etichetta, con la quale però sorgono nuove divergenze.

Nel 1994 passa ad una nuova casa discografica, la RTI Music, con cui termina di incidere il nuovo album iniziato attraverso la precedente etichetta, con la quale però sorgono nuove divergenze.

Nel 1994 passa ad una nuova casa discografica, la RTI Music, con cui termina di incidere il nuovo album iniziato attraverso la precedente etichetta, con la quale però sorgono nuove divergenze.

Nel 1994 passa ad una nuova casa discografica, la RTI Music, con cui termina di incidere il nuovo album iniziato attraverso la precedente etichetta, con la quale però sorgono nuove divergenze.

Nel 1997, la BMG Ricordi raccoglie, per la prima volta su cd, tutte le incisioni anni settanta realizzate in spagnolo dall'artista per il mercato latino (Mi canto español).

Nel 1997, la BMG Ricordi raccoglie, per la prima volta su cd, tutte le incisioni anni settanta realizzate in spagnolo dall'artista per il mercato latino (Mi canto español).

Nel 1997, la BMG Ricordi raccoglie, per la prima volta su cd, tutte le incisioni anni settanta realizzate in spagnolo dall'artista per il mercato latino (Mi canto español).

Nel 1997, la BMG Ricordi raccoglie, per la prima volta su cd, tutte le incisioni anni settanta realizzate in spagnolo dall'artista per il mercato latino (Mi canto español).

Nel 1997, la BMG Ricordi raccoglie, per la prima volta su cd, tutte le incisioni anni settanta realizzate in spagnolo dall'artista per il mercato latino (Mi canto español).

Nel 1974 Mia Martini è considerata dalla critica europea la cantante dell'anno.

Nel 1974 Mia Martini è considerata dalla critica europea la cantante dell'anno.

Nel 1974 Mia Martini è considerata dalla critica europea la cantante dell'anno.

Nel 1974 Mia Martini è considerata dalla critica europea la cantante dell'anno.

Nel 1974 Mia Martini è considerata dalla critica europea la cantante dell'anno.

Dal 1996 il "Premio della critica" del Festival di Sanremo è intitolato alla sua memoria, diventando così Premio della Critica Mia Martini, mentre si sono sprecate negli anni successivi le pubblicazioni postume di raccolte con brani inediti e no, che hanno sempre suscitato l'interesse dei numerosi estimatori e del grande pubblico che ancora oggi la ricorda e l'ama.

Nel 1996, Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio, unitamente alle testimonianze in studio di Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, e in collegamento Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Nel 1996, un anno dopo la scomparsa di Mia Martini, la RTI Music, sua ultima casa discografica, pubblica la raccolta intitolata proprio 1996, che è la compilation dell'artista che ha riscosso maggior successo di classifica (64º album più venduto dell'anno).

Dal 1996 il "Premio della critica" del Festival di Sanremo è intitolato alla sua memoria, diventando così Premio della Critica Mia Martini, mentre si sono sprecate negli anni successivi le pubblicazioni postume di raccolte con brani inediti e no, che hanno sempre suscitato l'interesse dei numerosi estimatori e del grande pubblico che ancora oggi la ricorda e l'ama.

Nel 1996, Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio, unitamente alle testimonianze in studio di Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, e in collegamento Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Nel 1996, un anno dopo la scomparsa di Mia Martini, la RTI Music, sua ultima casa discografica, pubblica la raccolta intitolata proprio 1996, che è la compilation dell'artista che ha riscosso maggior successo di classifica (64º album più venduto dell'anno).

Dal 1996 il "Premio della critica" del Festival di Sanremo è intitolato alla sua memoria, diventando così Premio della Critica Mia Martini, mentre si sono sprecate negli anni successivi le pubblicazioni postume di raccolte con brani inediti e no, che hanno sempre suscitato l'interesse dei numerosi estimatori e del grande pubblico che ancora oggi la ricorda e l'ama.

Nel 1996, Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio, unitamente alle testimonianze in studio di Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, e in collegamento Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Nel 1996, un anno dopo la scomparsa di Mia Martini, la RTI Music, sua ultima casa discografica, pubblica la raccolta intitolata proprio 1996, che è la compilation dell'artista che ha riscosso maggior successo di classifica (64º album più venduto dell'anno).

Dal 1996 il "Premio della critica" del Festival di Sanremo è intitolato alla sua memoria, diventando così Premio della Critica Mia Martini, mentre si sono sprecate negli anni successivi le pubblicazioni postume di raccolte con brani inediti e no, che hanno sempre suscitato l'interesse dei numerosi estimatori e del grande pubblico che ancora oggi la ricorda e l'ama.

Nel 1996, Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio, unitamente alle testimonianze in studio di Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, e in collegamento Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Nel 1996, un anno dopo la scomparsa di Mia Martini, la RTI Music, sua ultima casa discografica, pubblica la raccolta intitolata proprio 1996, che è la compilation dell'artista che ha riscosso maggior successo di classifica (64º album più venduto dell'anno).

Dal 1996 il "Premio della critica" del Festival di Sanremo è intitolato alla sua memoria, diventando così Premio della Critica Mia Martini, mentre si sono sprecate negli anni successivi le pubblicazioni postume di raccolte con brani inediti e no, che hanno sempre suscitato l'interesse dei numerosi estimatori e del grande pubblico che ancora oggi la ricorda e l'ama.

Nel 1996, Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio, unitamente alle testimonianze in studio di Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, e in collegamento Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Nel 1996, un anno dopo la scomparsa di Mia Martini, la RTI Music, sua ultima casa discografica, pubblica la raccolta intitolata proprio 1996, che è la compilation dell'artista che ha riscosso maggior successo di classifica (64º album più venduto dell'anno).

Nel 2007 esce per la Sony BMG anche Liberamente Mia, confezione di un cd + DVD, che ripercorrono l'intera carriera di Mia Martini, in collaborazione con Rai Trade.

Nel 2007 esce per la Sony BMG anche Liberamente Mia, confezione di un cd + DVD, che ripercorrono l'intera carriera di Mia Martini, in collaborazione con Rai Trade.

Nel 2007 esce per la Sony BMG anche Liberamente Mia, confezione di un cd + DVD, che ripercorrono l'intera carriera di Mia Martini, in collaborazione con Rai Trade.

Nel 2007 esce per la Sony BMG anche Liberamente Mia, confezione di un cd + DVD, che ripercorrono l'intera carriera di Mia Martini, in collaborazione con Rai Trade.

Nel 2007 esce per la Sony BMG anche Liberamente Mia, confezione di un cd + DVD, che ripercorrono l'intera carriera di Mia Martini, in collaborazione con Rai Trade.

Nel 1989, è il musicista e discografico Giovanni Sanjust, che molti anni prima aveva seguito il suo percorso artistico alla Ricordi, a riportarla sulle scene dopo averla convinta a rimettersi finalmente in gioco.

Nel 1989, è il musicista e discografico Giovanni Sanjust, che molti anni prima aveva seguito il suo percorso artistico alla Ricordi, a riportarla sulle scene dopo averla convinta a rimettersi finalmente in gioco.

Nel 1989, è il musicista e discografico Giovanni Sanjust, che molti anni prima aveva seguito il suo percorso artistico alla Ricordi, a riportarla sulle scene dopo averla convinta a rimettersi finalmente in gioco.

Nel 1989, è il musicista e discografico Giovanni Sanjust, che molti anni prima aveva seguito il suo percorso artistico alla Ricordi, a riportarla sulle scene dopo averla convinta a rimettersi finalmente in gioco.

Nel 1989, è il musicista e discografico Giovanni Sanjust, che molti anni prima aveva seguito il suo percorso artistico alla Ricordi, a riportarla sulle scene dopo averla convinta a rimettersi finalmente in gioco.

Nel 1969 sconta quattro mesi di carcere a Tempio Pausania per essere stata scoperta in possesso di una sigaretta di marijuana durante una serata in una nota discoteca in Sardegna, reato che all'epoca non prevede ancora alcuna distinzione dal possesso di altre forme di stupefacenti, e pertanto severamente perseguibile.

Nel 1969 sconta quattro mesi di carcere a Tempio Pausania per essere stata scoperta in possesso di una sigaretta di marijuana durante una serata in una nota discoteca in Sardegna, reato che all'epoca non prevede ancora alcuna distinzione dal possesso di altre forme di stupefacenti, e pertanto severamente perseguibile.

Nel 1969 sconta quattro mesi di carcere a Tempio Pausania per essere stata scoperta in possesso di una sigaretta di marijuana durante una serata in una nota discoteca in Sardegna, reato che all'epoca non prevede ancora alcuna distinzione dal possesso di altre forme di stupefacenti, e pertanto severamente perseguibile.

Nel 1969 sconta quattro mesi di carcere a Tempio Pausania per essere stata scoperta in possesso di una sigaretta di marijuana durante una serata in una nota discoteca in Sardegna, reato che all'epoca non prevede ancora alcuna distinzione dal possesso di altre forme di stupefacenti, e pertanto severamente perseguibile.

Nel 1969 sconta quattro mesi di carcere a Tempio Pausania per essere stata scoperta in possesso di una sigaretta di marijuana durante una serata in una nota discoteca in Sardegna, reato che all'epoca non prevede ancora alcuna distinzione dal possesso di altre forme di stupefacenti, e pertanto severamente perseguibile.

Il 22 dicembre 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata per il ciclo I grandi della musica: il tributo registra ottimi ascolti e viene replicato per altre due volte nel corso degli anni successivi, il 31 luglio 2015 la trasmissione viene riproposta nuovamente in prima serata.

Nel 2012 la sua discografia è riassunta in un'opera intitolata Tutto il mio universo, composta da nove volumi che ripropongono il suo percorso musicale: ciascun disco è distribuito settimanalmente nelle edicole, in allegato con Tv Sorrisi e Canzoni e Donna Moderna.

Il 22 dicembre 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata per il ciclo I grandi della musica: il tributo registra ottimi ascolti e viene replicato per altre due volte nel corso degli anni successivi, il 31 luglio 2015 la trasmissione viene riproposta nuovamente in prima serata.

Nel 2012 la sua discografia è riassunta in un'opera intitolata Tutto il mio universo, composta da nove volumi che ripropongono il suo percorso musicale: ciascun disco è distribuito settimanalmente nelle edicole, in allegato con Tv Sorrisi e Canzoni e Donna Moderna.

Il 22 dicembre 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata per il ciclo I grandi della musica: il tributo registra ottimi ascolti e viene replicato per altre due volte nel corso degli anni successivi, il 31 luglio 2015 la trasmissione viene riproposta nuovamente in prima serata.

Nel 2012 la sua discografia è riassunta in un'opera intitolata Tutto il mio universo, composta da nove volumi che ripropongono il suo percorso musicale: ciascun disco è distribuito settimanalmente nelle edicole, in allegato con Tv Sorrisi e Canzoni e Donna Moderna.

Il 22 dicembre 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata per il ciclo I grandi della musica: il tributo registra ottimi ascolti e viene replicato per altre due volte nel corso degli anni successivi, il 31 luglio 2015 la trasmissione viene riproposta nuovamente in prima serata.

Nel 2012 la sua discografia è riassunta in un'opera intitolata Tutto il mio universo, composta da nove volumi che ripropongono il suo percorso musicale: ciascun disco è distribuito settimanalmente nelle edicole, in allegato con Tv Sorrisi e Canzoni e Donna Moderna.

Il 22 dicembre 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata per il ciclo I grandi della musica: il tributo registra ottimi ascolti e viene replicato per altre due volte nel corso degli anni successivi, il 31 luglio 2015 la trasmissione viene riproposta nuovamente in prima serata.

Nel 2012 la sua discografia è riassunta in un'opera intitolata Tutto il mio universo, composta da nove volumi che ripropongono il suo percorso musicale: ciascun disco è distribuito settimanalmente nelle edicole, in allegato con Tv Sorrisi e Canzoni e Donna Moderna.

Nel 2015 esce il libro-omaggio Mia Martini.

Nel 2015 esce il libro-omaggio Mia Martini.

Nel 2015 esce il libro-omaggio Mia Martini.

Nel 2015 esce il libro-omaggio Mia Martini.

Nel 2015 esce il libro-omaggio Mia Martini.

Nel 1981, dopo un anno di silenzio seguito ai due difficili interventi alle corde vocali (che ne modificarono il suono in favore di una timbrica più roca), l'artista è decisa a proporsi anche come cantautrice, presentandosi con un look più discreto e maschile, lontano da quello eccentrico degli anni settanta.

Nel 1981, dopo un anno di silenzio seguito ai due difficili interventi alle corde vocali (che ne modificarono il suono in favore di una timbrica più roca), l'artista è decisa a proporsi anche come cantautrice, presentandosi con un look più discreto e maschile, lontano da quello eccentrico degli anni settanta.

Nel 1981, dopo un anno di silenzio seguito ai due difficili interventi alle corde vocali (che ne modificarono il suono in favore di una timbrica più roca), l'artista è decisa a proporsi anche come cantautrice, presentandosi con un look più discreto e maschile, lontano da quello eccentrico degli anni settanta.

Nel 1981, dopo un anno di silenzio seguito ai due difficili interventi alle corde vocali (che ne modificarono il suono in favore di una timbrica più roca), l'artista è decisa a proporsi anche come cantautrice, presentandosi con un look più discreto e maschile, lontano da quello eccentrico degli anni settanta.

Nel 1981, dopo un anno di silenzio seguito ai due difficili interventi alle corde vocali (che ne modificarono il suono in favore di una timbrica più roca), l'artista è decisa a proporsi anche come cantautrice, presentandosi con un look più discreto e maschile, lontano da quello eccentrico degli anni settanta.

Il 7 ottobre 2014 viene pubblicato un'altra raccolta intitolata Straniera, contenente quasi tutte le incisioni estere della cantante dal 1971 al 1983.

Il 7 ottobre 2014 viene pubblicato un'altra raccolta intitolata Straniera, contenente quasi tutte le incisioni estere della cantante dal 1971 al 1983.

Il 7 ottobre 2014 viene pubblicato un'altra raccolta intitolata Straniera, contenente quasi tutte le incisioni estere della cantante dal 1971 al 1983.

Il 7 ottobre 2014 viene pubblicato un'altra raccolta intitolata Straniera, contenente quasi tutte le incisioni estere della cantante dal 1971 al 1983.

Il 7 ottobre 2014 viene pubblicato un'altra raccolta intitolata Straniera, contenente quasi tutte le incisioni estere della cantante dal 1971 al 1983.

Nel 1963, la giovane Mimì Bertè, incide con il suo vero nome i primi 45 giri su etichetta CAR Juke Box.

Nel 1963, la giovane Mimì Bertè, incide con il suo vero nome i primi 45 giri su etichetta CAR Juke Box.

Nel 1963, la giovane Mimì Bertè, incide con il suo vero nome i primi 45 giri su etichetta CAR Juke Box.

Nel 1963, la giovane Mimì Bertè, incide con il suo vero nome i primi 45 giri su etichetta CAR Juke Box.

Nel 1963, la giovane Mimì Bertè, incide con il suo vero nome i primi 45 giri su etichetta CAR Juke Box.

Pd in piazza ritrova suo popolo, Martina: 'Capita la lezione'

Pd in piazza ritrova suo popolo, Martina: 'Capita la lezione'

Il Pd ritrova il suo popolo: non solo perché piazza del Popolo alla fine è strapiena (70.000 i presenti secondo gli organizzatori), ma anche perché alla manifestazione contro il governo e contro la manovra si ricrea quella connessione sentimentale tra dirigenti e militanti persa dopo il 4 marzo. “Abbiamo capito la lezione” sintetizza efficace il segretario Maurizio Martina nel comizio finale, rispondendo ai manifestanti che più volte invocano [...]

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Porta il bimbo in braccio accoccolato sulle sue spalle ed entra a casa di Belen. Stefano De Martino papà dolcissimo con Santiago, trascorre il pomeriggio con il figlio dopo l’asilo e poi lo riporta dalla mamma. Scene di ordinaria vita quotidiana per il ballerino, ex della showgirl, che nelle Stories di Instagram poco prima mangiava biscotti per strada per un pranzo frettoloso, poi si è concesso una seduta in palestra e infine è andato dal suo pupo. Lui e la [...]

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Porta il bimbo in braccio accoccolato sulle sue spalle ed entra a casa di Belen. Stefano De Martino papà dolcissimo con Santiago, trascorre il pomeriggio con il figlio dopo l’asilo e poi lo riporta dalla mamma. Scene di ordinaria vita quotidiana per il ballerino, ex della showgirl, che nelle Stories di Instagram poco prima mangiava biscotti per strada per un pranzo frettoloso, poi si è concesso una seduta in palestra e infine è andato dal suo pupo. Lui e la [...]

Pd: Martina accoglie treno manifestanti

Pd: Martina accoglie treno manifestanti

(ANSA) – ROMA, 30 SET – Clima festoso alla stazione Termini a Roma, dove è giunto il primo treno speciale dei militanti del Pd che parteciperanno alla manifestazione in piazza del Popolo. Ad accogliere treno proveniente da Milano il segretario Maurizio Martina, che è stato festeggiato dai militanti Dem. “Un segretario, c’è solo un segretario” hanno intonato i militanti lombardi. Oltre a bandiere del Pd, molti do loro hanno bandiere dell’Unione [...]

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Stefano De Martino a casa di Belen, che papà dolcissimo con Santiago

Il ballerino si professa single, mentre la Rodriguez si è da poco lasciata con Andrea Iannone Dieta 17 giorni, come dimagrire velocemente: perdere 9 kg in poco tempo Porta il bimbo in braccio accoccolato sulle sue spalle ed entra a casa di Belen. Stefano De Martino papà dolcissimo con Santiago, trascorre il pomeriggio con il figlio dopo l'asilo e poi lo riporta dalla mamma. Scene di ordinaria vita quotidiana per il ballerino, ex della showgirl, che nelle [...]

Martina, primarie Pd fine gennaio 2019

Martina, primarie Pd fine gennaio 2019

(ANSA) – ROMA, 27 SET – “Faremo il congresso prima delle europee. Se vuole una data, per me le primarie si terranno l’ultima domenica di gennaio”. Lo ha detto il segretario del Pd Maurizio Martina, durante la registrazione del programma tv ‘Porta a Porta’. “Non credo all’esaurimento o alla fine del Pd – ha aggiunto – ma in una sua rinascita”. Con nuovi nomi?, ha chiesto il conduttore Bruno Vespa: “Certo – ha risposto Martina – Faremo [...]

Martina, in piazza contro governo

Martina, in piazza contro governo

(ANSA) – ROMA, 27 SET – “Ci vedremo domenica prossima con tante persone e tante voci del Paese che vogliono costruire un’alternativa credibile a un governo che sta facendo danni all’Italia. Saremo in piazza perché Italia merita di più, proporremo le nostre idee alternative a chi invece di risolvere i problemi soffia sulla propaganda. La piazza di Roma può costruire una nuova prospettiva, spero che in tanti possano unirsi a noi”. Così il [...]

Governo: Martina, Di Maio diffonde odio

Governo: Martina, Di Maio diffonde odio

(ANSA) – ROMA, 25 SET – “‘Assassini politici’. Così ci chiama Di Maio. Non c’è limite al peggio nello loro arroganza al potere. Governano con odio e rancore. Non cercano soluzioni ma il nemico. Così si distrugge il Paese. Anche per questo domenica saremo in piazza a Roma”. Lo scrive su twitter il segretario del Pd Maurizio Martina.

FOTO: Mia Martini

Domenica_Bertè

Domenica_Bertè

Mimì_Bertè

Mimì_Bertè

Domenica_Berté

Domenica_Berté

Mia_Martini

Mia_Martini

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Mimì Bertè al Festival di Bellaria del 1964

Martina, contatti con M5s? Fantapolitica

Martina, contatti con M5s? Fantapolitica

(ANSA) – ROMA, 24 SET – “I contatti con i vertici dei cinque stelle sono fantapolitica. Noi ora dobbiamo costruire un centrosinistra nuovo, recuperare elettori che hanno votato il 4 marzo per altri e che si sentono traditi dalle forze che hanno votato. Il Pd non deve cambiare con le cene ma con una iniziativa nel paese. Stando vicini alle persone che soffrono di più, partendo dai territori che soffrono come i lavoratori dell’Ilva, come i terremotati. [...]

Martina, con l.difesa è far west

Martina, con l.difesa è far west

(ANSA) – ROMA, 24 SET – “Solidarietà e vicinanza a Carlo Martelli e alla signora Niva per la brutale violenza che hanno subito. Tocca allo Stato assicurare subito gli aguzzini alla giustizia. Su questo devono far riflettere le parole del signor Martelli: ‘io una pistola non me la compro, se ne avessi avuta una mi avrebbero ucciso con quella’. Lo diciamo agli amici della lobby delle armi che vorrebbero trasformare il paese in un Far West”. Lo scrive su [...]

Martina ha ragione. Se ci rendiamo conto della gravità della situazione non ci sono alternative.

Martina ha ragione. Se ci rendiamo conto della gravità della situazione non ci sono alternative.

Europee, Martina: contro i populisti serve alleanza Macron-Pse-Tsipras Il segretario del Pd al vertice dei leader socialisti: preoccupa l'asse Salvini-Orban. Calenda: Pinotti segretario. Criticano la proposta di Martina che invece è piena di saggezza.Le tre grandi famiglie politiche quella liberale moderata quella centrista democratica e quella progressista sono le forze che hanno costruito l'Europa e quello che siamo.Molti ce l'hanno con Macron ma allo stato [...]

Pd: Martina, basta, più generosità

Pd: Martina, basta, più generosità

(ANSA) – ROMA, 18 SET – “Io chiedo a tutti più generosità e meno arroganza. Se si parla del PD bisogna avere rispetto prima di tutto dei suoi militanti, iscritti, amministratori, elettori che lavorano con passione e non si meritano certi titoli. Adesso basta. Chi pensa che il PD si debba estinguere non capisce che oggi questa comunità è l’unico argine al pericolo di questa destra”. Così in una nota il segretario del Partito democratico, Maurizio [...]

Martina attacca Di Maio e Salvini: "taglia del 10 per cento il fondo per i disabili" ...Ma il taglio risale al governo Gentiloni. Tecnicamente si chiama "figura di merda storica"...!

Martina attacca Di Maio e Salvini: "taglia del 10 per cento il fondo per i disabili" ...Ma il taglio risale al governo Gentiloni. Tecnicamente si chiama "figura di merda storica"...!

      . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Martina attacca Di Maio e Salvini: "taglia del 10 per cento il fondo per i disabili" ...Ma il taglio risale al governo Gentiloni. Tecnicamente si chiama "figura di merda storica"...! “Il segretario Pd Martina attacca Matteo Salvini dicendo che il nostro governo ha tagliato un fondo per i disabili. In realtà a tagliare quei fondi è stato il governo Gentiloni, di cui Martina era [...]

Pd, Martina: 'Congresso ci sarà, faremo le primarie a gennaio'

Pd, Martina: 'Congresso ci sarà, faremo le primarie a gennaio'

“Hai ragione Giuliano, questo è un invito formale. Vediamoci Paolo Gentiloni, Matteo Renzi e Minniti per essere operativi e per limiti miei di movimento: martedì da me a cena. Invito pubblico per renderlo più incisivo ma risposta privata va benissimo”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda lanciando un invito ufficiale cena a Gentiloni, Minniti e Renzi. L’invito è contenuto in un tweet con cui l’ex ministro risponde a Giuliano Da Empoli che sempre via [...]

Pd: Martina, primarie a gennaio 2019

Pd: Martina, primarie a gennaio 2019

(ANSA) – GENOVA, 16 SET – “Il congresso ci sarà, faremo le primarie a gennaio, basta con questa idea che tutti possono dire di tutto, basta con la parole in libertà”. Lo dichiara il segretario nazionale del Pd Maurizio Martina stasera a Genova confermando che il congresso del partito ci sarà a gennaio 2019.

Divorzio: Martina, ritirare ddl Pillon

Divorzio: Martina, ritirare ddl Pillon

(ANSA) – ROMA, 13 SET – “La proposta Pillon non va discussa, va ritirata. Perché é punitiva e retrograda nei confronti delle donne e tratta i minori come pacchi postali. Le sue parole su aborto e unioni civili sono raccapriccianti. Il 30 settembre saremo in piazza a Roma anche per questo. Non si torna indietro”. Lo scrive su facebook Maurizio Martina, segretario del Pd.

Pd: Martina, battaglia anche nel Paese

Pd: Martina, battaglia anche nel Paese

(ANSA) – ROMA, 13 SET – “Dare battaglia nelle aule parlamentari, al Senato come ieri alla Camera, e costruire dall’opposizione l’alternativa” è la strada che traccia il segretario Pd Maurizio Martina conversando con i cronisti prima di entrare all’assemblea dei senatori dem a Palazzo Madama. Martina ha parlato di “approssimazione pericolosa” del governo che “rischia di far fare al Paese giganteschi passi indietro”

Pd: Martina festeggia 40 anni a festa

Pd: Martina festeggia 40 anni a festa

(ANSA) – RAVENNA, 9 SET – Una festa di compleanno un po’ particolare per Maurizio Martina: alla festa nazionale dell’Unità di Ravenna dove, come segretario, terrà il tradizionale comizio di chiusura, ovvero uno degli interventi più significativi a cui è chiamato il leader del partito. Nell’attesa dell’intervento, alla Festa dell’Unità di Ravenna, militanti e volontari hanno voluto festeggiare i 40 anni di Martina preparandogli una torta, in [...]